Approfondimenti

Curare i coralli con un cerotto smart. Come funziona?

Un cerotto smart per curare i coralli. È quanto è stato messo a punto dall’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) in collaborazione con il MaRHE Center (Marine Research and High Education Center alle Maldive) dell’Università di Milano-Bicocca con l’obiettivo di curare i coralli colpiti da infezioni batteriche, virali o fungine come conseguenza dei danni provocati da inquinamento, cambiamenti climatici e attività umane.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista internazionale Scientific Reports e per parlarci di come funziona questo cerotto smart per curare i coralli abbiamo ospitato negli studi di Radio Popolare Simone Montano, ricercatore del Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e della Terra (DISAT) e del MaRHE Center dell’Università di Milano-Bicocca.

Vi proponiamo alcuni estratti dall’intervista di Cecilia Di Lieto a Considera l’Armadillo.

Come è fatto un corallo

“Di solito viene percepito come un individuo, ma nella maggior parte dei casi si tratta di colonie di piccoli animaletti. Per quanto apparentemente semplice, un corallo mostra una complessità importante: all’interno delle proprio cellule ospita delle microalghe unicellulari simbionti con cui sviluppano una profonda relazione, uno dipende dall’altro. L’alga vive all’interno della cellula e sfrutta la posizione del corallo per fare la fotosintesi: cattura la luce e produce delle sostanze organiche che diventano il nutrimento del corallo”.

L’importanza dei coralli

“È una bella domanda. Sono degli ecosistemi marini importantissimi che ospitano una delle biodiversità più elevate del nostro pianeta. Di questa biodiversità conosciamo solo il 10%, quasi nulla. Ma se andiamo a contare le persone che dipendono dalle risorse che possono essere ottenute da questo ecosistema raggiungiamo le centinaia di milioni. Questi ecosistemi sono indispensabili anche per la sopravvivenza anche della nostra stessa specie”.

Lo sbancamento dei coralli. Cosa significa?

sbiancamento dei coralli

“I coralli vivono tendenzialmente in acque tropicali calde, ma sono sensibili al surriscaldamento di queste acque. Il cambiamento climatico sta aumentando la frequenza di alcuni episodi di sbiancamento dei coralli che si verificano quando l’acqua supera di qualche grado quelle che sono le medie stagionali. Quando questo succede la relazione tra l’alga e l’animale si va a rompere. L’alga torna nel mezzo acquoso e il corallo perde così la sua colorazione tipica e diventa bianco. A questo punto, proprio perché viene a mancare la fonte di cibo primaria, se questa relazione non si ristabilisce in tempi relativamente stretti i coralli muoiono di fame”.

Salute dei coralli. Cosa si sta facendo?

“La tecnologia sarà l’arma del futuro per poter salvaguardare questi ecosistemi. Io sono tra i pochi fortunati che, grazie al centro di ricerca che l’Università di Milano-Bicocca ha aperto su un’isola delle Maldive, riesce a toccare con mano questi problemi.
Lì alle Maldive ci occupiamo di coral restoration, le tecniche che hanno come concetto di base quello di allevare delle colonie di corallo per poi trapiantarle nelle zone di scogliera in cui il corallo è scomparso. Si aiuta attivamente la crescita e il recupero di questo ecosistema corallino.
E, così come accaduto col cerotto per il corallo, stanno sempre più spesso emergendo delle tecnologie d’avanguardia che aumentano la scala spaziale con cui si possono fare queste attività”.

Un cerotto smart per curare i coralli

curare i coralli

“Possiamo immaginarlo come un cerotto che può essere applicato su quelle che possono figurarsi come delle ferite così che i coralli possono avere a seguito di una serie di stress legati all’uomo, ma non solo. Se l’uomo non è sempre la causa principale di quei danni, sicuramente amplifica alcuni effetti anche naturali che possono essere deleteri per gli organismi marini”.

Cerotto per curare i coralli. Come è fatto e a cosa serve

“I coralli, come tutti gli animali, sono soggetti a patologie di carattere biologico. E ad oggi queste patologie sono una delle principali minacce per l’integrità di questo ecosistema. Ne continuiamo più di quaranta e per la maggior parte dei casi sono in grado di uccidere la colonia di corallo.
Grazie alla collaborazione che abbiamo con l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) è nata un’idea all’inizio un po’ assurda: perché non provare a sviluppare del materiale da usare come un cerotto per sigillare le ferite dei coralli?
Il nostro obiettivo non era tanto quello di curare la ferita, ma isolare quella zona più esposta a possibili infezioni. Possiamo immaginare una ferita su un corallo come una frattura della ramificazione del corallo che fa venir meno il tessuto che lo ricopre ed espone lo scheletro sottostante a possibili attacchi di altri batteri.
L’idea era quella di realizzare una pasta eco-compatibile per sigillare queste fratture e limitare o ridurre le possibilità di infezione.
L’Istituto Italiano di Tecnologia aveva già sviluppato dei nuovi materiali per la cura delle ferite umane, dei materiali cosiddetti smart che possono essere personalizzati con l’aggiunta di sostanze come gli antibiotici, per una cura selettiva. E così abbiamo messo insieme le due cose.
È venuto fuori questo cerotto composto da due materiali diversi: uno che può essere personalizzato con sostanze antimicrobiche e anti-fungine per eliminare selettivamente il patogeno di una malattia specifica; il secondo materiale non è altro che il sigillante, quello che mantiene il primo componente all’interno della ferita e limita la dispersione degli antibiotici azzerando il possibile danno all’ecosistema marino e previene l’attacco di tutti i patogeni esterni.
Il test ha previsto una prima sessione in acquario, ma successivamente tutta una serie di analisi e monitoraggi direttamente in mare. Abbiamo delle strutture galleggianti posizionate a circa 8-10 metri di profondità, una sorta di stendini giganti a cui possiamo appendere i nostri coralli e monitorarli di settimana in settimana in merito agli studi che stiamo facendo”.

curare i coralli

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 08/08/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 08/08/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Popsera di lunedì 08/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 08/08/2022

  • PlayStop

    La Portiera di lunedì 08/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 08/08/2022

  • PlayStop

    Il clima come questione di genere

    Elena Mordiglia e Gianluca Ruggieri ne parlano con Serena Giacomin, fisica dell’atmosfera, meteorologa, presidente di Italiana Climate Network, Caterina Sarfatti,…

    All you need is pop 2022 - 08/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di lunedì 08/08/2022 delle 15:35

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 08/08/2022

  • PlayStop

    Episodio 6 - To Pimp A Butterfly (Parte 2)

    Nel 2015 esce uno degli album più importanti della storia della musica. Se good kid, mad city raccontava cosa vuol…

    The Good Kid from Compton - 08/08/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 08/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 08/08/2022

  • PlayStop

    This must be the place - Episodio 6

    Chapter 6: The Fillmore West A San Francisco si respira un'aria diversa. La beat generation, le librerie indipendenti, i primi…

    This must be the place - 08/08/2022

  • PlayStop

    La Scatola Magica di lunedì 08/08/2022

    La scatola magica? una radio? una testa? un cuore? un baule? questo e altro, un'ora di raccolta di pensieri, parole,…

    La Scatola Magica - 08/08/2022

  • PlayStop

    Radiosveglia di lunedì 08/08/2022

    Radiosveglia è il nostro “contenitore” per l’informazione dei mattini d’estate. Dalle 7.45 alle 10, i fatti del giorno, (interviste, commenti,…

    Radiosveglia - 08/08/2022

  • PlayStop

    Caffè Shakerato di lunedì 08/08/2022

    In agosto il caffè del mattino si raffredda con un risveglio musicale e con il primissimo sfoglio dei quotidiani ancora…

    Caffè Shakerato - 08/08/2022

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 07/08/2022

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 08/07/2022

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 07/08/2022

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 08/07/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 07/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 08/07/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 07/08/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 08/07/2022

  • PlayStop

    Cosmic di domenica 07/08/2022

    Un titolo che richiama i primi lanci spaziali, vecchi film di fantascienza in bianco e nero, e ingenui giocattoli di…

    Cosmic - 08/07/2022

Adesso in diretta