Approfondimenti

Coronavirus e bambini: ha senso chiudere le scuole?

coronavirus e bambini - scuole chiuse

Tra i nuovi casi di positività al coronavirus COVID-19 in Italia ci sono anche dei bambini e dei minorenni, almeno otto secondo gli ultimi dati ufficiali diffusi in queste ore, tutti in buone condizioni di salute o addirittura asintomatici.

Come si inserisce questa notizia nel quadro che abbiamo già di questo coronavirus COVID-19 in Italia? Lo abbiamo chiesto a Rocco Russo della Società Italiana di Pediatria e responsabile del tavolo tecnico sulle vaccinazioni.

L’intervista di Diana Santini ad Ora di Punta.

Noi abbiamo a che fare con un virus nuovo che ha fatto un salto di specie dall’animale all’uomo e che ci trova impreparati perché il nostro sistema immunitario è impreparato a rispondere all’infezione provocata dal nuovo virus.
I dati epidemiologici che noi abbiamo a disposizione ci danno delle informazioni che ci tranquillizzano sull’eventuale contagio da parte dei bambini. E, soprattutto all’interno di questi contagi, non ci sono casi che hanno portato al decesso di questi bambini.
Non sappiamo quali sono i motivi che stanno alla base di questa “scelta” del virus di non interessare i bambini, ma è anche vero che nell’ambito della diversificazione tra i vari virus ci sono dei virus che hanno una predilezione per quanto riguarda i bambini più piccoli. Ora abbiamo la fortuna di trovarci in un momento storico in cui un virus non sembra prediligere la popolazione infantile. Questo per noi è un aspetto di fondamentale importanza, ma non significa che non si infettino. C’è una maggiore diffusione del virus nella fascia adulta. Di fronte ad un bambino che contrae l’infezione bisogna comunque mettere in atto tutte le norme di profilassi come per gli adulti. Il bambino che ha il raffreddore o manifestazioni simil-influenzali non deve frequentare la scuola, ma questa è una buona regola che vale per tutte le condizioni di infezioni in cui si può trovare un bambino.

In questo momento le scuole nel Nord Italia e non solo sono chiuse. Secondo lei ha senso lasciare chiuse le scuole?

Non stiamo parlando della peste, ma di un virus nuovo che, anche nei soggetti adulti, ha un indice di letalità molto basso. L’unica arma a suo vantaggio è la capacità di diffondersi in maniera più rapida. Tutti gli interventi che devono essere messi in atto sono finalizzati solo ed esclusivamente a contenere la diffusione del virus, non a creare panico all’interno della popolazione. Il discorso della chiusura delle scuole è una scelta non supportata da evidenze scientifiche.
La chiusura della scuola in quanto tale crea ulteriori problemi e ulteriore carico di emotività all’interno dei contesti sociali. Se si rispetta una giusta quarantena e se si applicano le norme igieniche comuni noi riusciamo a contenere la diffusione del virus. Il bambino che ha un’infezione resta a casa per proteggere sé stesso e la comunità con la quale può venire in contatto. È un sistema di protezione, ma non è una una quarantena che viene vissuta come se fosse una quarantena da peste bubbonica.
Sono solo delle norme precauzionali finalizzate solo ed esclusivamente a bloccare la diffusione del virus.

È una misura che serve a tutti, non destinata soltanto ai bambini.

Il bambino che sta a scuola deve mettere in atto una serie di norme igieniche come l’igiene delle mani alla pulizia col disinfettante. La scuola deve provvedere a pulire i banchi e le superfici e areare i locali. Se noi mettiamo in atto una serie di norme precauzionali non c’è bisogno di chiudere la scuola. Ecco perché le evidenze scientifiche non sono a supporto della raccomandazione di chiudere le scuole.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 01/07/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

Adesso in diretta