Approfondimenti

Come funziona la sanità in Cina?

sanità in Cina

Come funziona la sanità in Cina? In questi giorni di piena emergenza causata dall’epidemia di coronavirus COVID-19 in tanti si stanno chiedendo se la Cina sta gestendo il tutto in modo efficiente e qual è la situazione del sistema sanitario cinese alla luce del fatto che la maggior parte dei virus circolati in questi ultimi anni arrivano proprio dal territorio cinese.

Ne abbiamo parlato con la professoressa Francesca Spigarelli, economista dell’Università di Macerata e direttrice del China Center, un centro di ricerca multidisciplinare, presso lo stesso ateneo. L’intervista di Raffaele Liguori a Memos.

Come funziona la sanità in Cina?

La gestione della sanità in Cina è attraversata in questo momento da una riforma molto profonda. Il coronavirus COVID-19 è emerso in un periodo di grande cambiamento avviato ormai da alcuni anni. Si sta andando verso un modello molto simile a quello dell’Italia con una gestione nazionale – è il governo centrale che delinea le strategie e le grandi riforme – e con l’operatività applicata e gestita in modo abbastanza autonomo dalle singole province. C’è un bilanciamento tra l’operatività nazionale e quella locale ed è proprio per questo che abbiamo, così come sul fronte economico con province con un diverso livello di sviluppo economico, province con una diversa copertura e efficienza del sistema sanitario.

Esistono una sanità pubblica e una sanità privata in Cina?

La sanità in Cina è finanziata da tre grossi macro pilastri: il governo, che con la sua spesa pubblica contribuisce prevalentemente alla gestione dei piani di prevenzione e che finanzia le assicurazioni sulla salute; i contributi sociali che vanno a coprire tutte le forme di assicurazione; i pagamenti diretti che i cittadini vanno privatamente a sostenere.
Il governo mette circa il 30% delle risorse destinate alla sanità. Un altro 30% viene dal pagamento diretto dei cittadini e il restante 40% circa dai contributi sociali.
La sanità privata è abbastanza diffusa soprattutto nella forma degli ospedali: nel 2018 la percentuale degli ospedali privati era circa il 60%. La parte privata è ancora prevalente nella gestione degli ospedali, ma questo perché sono in periodo di grandi riforme.
Nel 2029 è stato varato un grosso piano di riforme, Healthy China 2020, finalizzato a garantire una copertura universale alla popolazione e ad estendere le forme di assicurazione sulla salute a più del 90% della popolazione. Healthy China 2020 ha portato delle profondissime trasformazioni della copertura sanitaria. Si è passati dalla fine degli anni 70 con la sanità assolutamente a pezzi e lacunosa, ma tutta gestita dal pubblico, ad un’apertura dal mercato che ha portato in alcuni anni ad avere percentuali pagate direttamente dai cittadini per la copertura sanitaria di circa il 50-60%. C’è stata una vera esplosione delle coperture private e delle soluzioni private proprio perché il pubblico non riusciva a garantire i servizi. Poi però la situazione è divenuta insostenibile, anche perché un Paese che cresce, si sviluppa e diventa economicamente avanzato ha la necessità di garantire ai suoi cittadini un servizio sanitario efficiente ed esteso.

Ospedali pubblici in Cina. Chi paga?

Generalmente il 30% delle spese è pagato dai cittadini privati. C’è una sorta di ticket, ma dipende molto dalla copertura assicurativa che supporta i cittadini. Non è però un sistema come quello americano. La prevalenza della popolazione, circa il 95%, è coperta da uno schema assicurativo finanziato dal governo. Si tratta quindi di coperture assicurative che vengono supportate dal governo con una forma di co-finanziamento.
Bisogna distinguere la situazione ordinaria dalla situazione di emergenza. In questo momento l’emergenza viene gestita in modo completamente gratuito. Tutti i casi di ospedalizzazione e le cure legate a questa emergenza sono coperte gratuitamente dal governo, sia con fondi centrali che con fondi locali. Sia nelle zone rurali che nelle zone urbane, la copertura è completamente gratuita.
In una situazione ordinaria, invece, dipende dal tipo di assicurazione co-finanziata dal governo che il cittadino ha. Dipende se si è residenti in una zona urbana o se si è occupati in una zona urbana (e nella prima categoria rientrano i disoccupati, gli anziani e i bambini), poi ci sono coperture assicurative per chi ha un lavoro nelle zone urbane e quelle per i residenti nelle aree rurali. Ed è lì che la sanità cinese funziona meno: le zone rurali non sono ancora ampiamente servite e coperte.
Quello che sta facendo la Cina in quelle zone in questi ultimi anni è un uso massiccio della tecnologia. Attraverso il supporto di internet e della tecnologia si riesce ad arrivare in zone precedentemente scoperte con la telemedicina in forme evolute. Ci sono delle piattaforme, tutte cinesi e gestite da cinesi, che riescono a garantire una assistenza in remoto, con dottori che sono in alcuni centri e che assistono le persone che vivono nelle zone più lontane con consigli e supporto tramite l’uso del cellulare.

Cina, la sanità e la diffusione dei virus

La Cina sta attraversando un enorme processo di riforma del sistema sanitario che dovrà portare, secondo le previsioni del nuovo piano Healthy China 2030, all’innalzamento degli standard di qualità del sistema sanitario.
Ci sono quindi ancora dei pezzi di Cina in cui l’assistenza sanitaria e le norme igienico- sanitarie non sono assolutamente adeguate. Molto spesso le influenze partono dagli animali e dai mercati, da situazioni igienico-sanitarie non particolarmente elevate.
Vorrei però sottolineare come la Cina, in questi giorni, ci stia dando una prova di grande efficienza nella gestione dell’emergenza e di mobilitazione.

Foto dalla pagina Facebook di People’s Daily China

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 29/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 29/06/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    The Weekly Report di giovedì 30/06/2022

    Ogni settimana un viaggio musica tra presente e passato all’insegna dei suoni di chitarra e la ricerca di grandi melodie.…

    The Weekly Report - 30/06/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 29/06/2022

    Ultima puntata della stagione: facciamo bilanci con Giulia Giordano di ECCO, presentiamoun bel progetto di cooperazione internazionale in Camerun, parliamo…

    Il giusto clima - 30/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 29/06/2022

    1-Attentati di Parigi. Un processo per la Storia e una lezione di umanità. Oggi la lettura della sentenza. Lo speciale…

    Esteri - 30/06/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 29/06/2022

    1) Stati Uniti con una piede nella recessione. Nel primo trimestre 2022 il pil americano è calato dell’1,6%, dopo il…

    The Game - 30/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 29/06/2022

    Dove si affronta ancora il problema dell'emergenza climatica con il Dott. Andrea Merlone, Metrologo e Climatologo dell’INRiM, l’Istituto Nazionale di…

    Muoviti muoviti - 30/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 29/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 30/06/2022

  • PlayStop

    L'acqua per l'agricoltura è finita in pianura

    Ancora dieci giorni d'acqua per l'agricoltura poi nel bacino del Po si dovrà dare la poca acqua rimasta agli usi…

    Clip - 30/06/2022

  • PlayStop

    L'acqua per l'agricoltura è finita in pianura

    Ancora dieci giorni d'acqua per l'agricoltura poi nel bacino del Po si dovrà dare la poca acqua rimasta agli usi…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 29/06/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 30/06/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 29/06/2022

    Marta Blumi Tripodi ci racconta il live di Alicia Keys al Forum di Assago

    Jack - 30/06/2022

  • PlayStop

    La carovana per la pace Stop The War Now ad Odessa

    Questa mattina a Prisma, Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni hanno intervistato Gianpiero Cofano, segretario dell'associazione Papa Giovanni XXIII, che con…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Giorgio Macellari, La vita si sconta morendo. L'arte del vivere e del morire bene

    GIORGIO MACELLARI – LA VITA SI SCONTA MORENDO. L’ARTE DEL VIVERE E DEL MORIRE BENE – presentato da MARCO DI…

    Note dell’autore - 30/06/2022

  • PlayStop

    La volta che sono arrivato uno

    quando Dismacchione è fuori gioco ed è sostituito da Giulia che lavora da subito per il suo fanclub, mantre elogiamo…

    Poveri ma belli - 30/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 30/06/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 29/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30, “Vapore d'estate” con oltre 100 appuntamenti culturali…

    Cult - 30/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 29/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 30/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 29/06/2022

    LA SICCITA' E L'INERZIA DEL GOVERNO Stefano Iannacone giornalista de Il Domani Angelo Bonelli portavoce dei Verdi Serena Giacomin Fisica…

    Prisma - 30/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 29/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 30/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 30/06/2022

Adesso in diretta