Approfondimenti

Come funziona la sanità in Cina?

sanità in Cina

Come funziona la sanità in Cina? In questi giorni di piena emergenza causata dall’epidemia di coronavirus COVID-19 in tanti si stanno chiedendo se la Cina sta gestendo il tutto in modo efficiente e qual è la situazione del sistema sanitario cinese alla luce del fatto che la maggior parte dei virus circolati in questi ultimi anni arrivano proprio dal territorio cinese.

Ne abbiamo parlato con la professoressa Francesca Spigarelli, economista dell’Università di Macerata e direttrice del China Center, un centro di ricerca multidisciplinare, presso lo stesso ateneo. L’intervista di Raffaele Liguori a Memos.

Come funziona la sanità in Cina?

La gestione della sanità in Cina è attraversata in questo momento da una riforma molto profonda. Il coronavirus COVID-19 è emerso in un periodo di grande cambiamento avviato ormai da alcuni anni. Si sta andando verso un modello molto simile a quello dell’Italia con una gestione nazionale – è il governo centrale che delinea le strategie e le grandi riforme – e con l’operatività applicata e gestita in modo abbastanza autonomo dalle singole province. C’è un bilanciamento tra l’operatività nazionale e quella locale ed è proprio per questo che abbiamo, così come sul fronte economico con province con un diverso livello di sviluppo economico, province con una diversa copertura e efficienza del sistema sanitario.

Esistono una sanità pubblica e una sanità privata in Cina?

La sanità in Cina è finanziata da tre grossi macro pilastri: il governo, che con la sua spesa pubblica contribuisce prevalentemente alla gestione dei piani di prevenzione e che finanzia le assicurazioni sulla salute; i contributi sociali che vanno a coprire tutte le forme di assicurazione; i pagamenti diretti che i cittadini vanno privatamente a sostenere.
Il governo mette circa il 30% delle risorse destinate alla sanità. Un altro 30% viene dal pagamento diretto dei cittadini e il restante 40% circa dai contributi sociali.
La sanità privata è abbastanza diffusa soprattutto nella forma degli ospedali: nel 2018 la percentuale degli ospedali privati era circa il 60%. La parte privata è ancora prevalente nella gestione degli ospedali, ma questo perché sono in periodo di grandi riforme.
Nel 2029 è stato varato un grosso piano di riforme, Healthy China 2020, finalizzato a garantire una copertura universale alla popolazione e ad estendere le forme di assicurazione sulla salute a più del 90% della popolazione. Healthy China 2020 ha portato delle profondissime trasformazioni della copertura sanitaria. Si è passati dalla fine degli anni 70 con la sanità assolutamente a pezzi e lacunosa, ma tutta gestita dal pubblico, ad un’apertura dal mercato che ha portato in alcuni anni ad avere percentuali pagate direttamente dai cittadini per la copertura sanitaria di circa il 50-60%. C’è stata una vera esplosione delle coperture private e delle soluzioni private proprio perché il pubblico non riusciva a garantire i servizi. Poi però la situazione è divenuta insostenibile, anche perché un Paese che cresce, si sviluppa e diventa economicamente avanzato ha la necessità di garantire ai suoi cittadini un servizio sanitario efficiente ed esteso.

Ospedali pubblici in Cina. Chi paga?

Generalmente il 30% delle spese è pagato dai cittadini privati. C’è una sorta di ticket, ma dipende molto dalla copertura assicurativa che supporta i cittadini. Non è però un sistema come quello americano. La prevalenza della popolazione, circa il 95%, è coperta da uno schema assicurativo finanziato dal governo. Si tratta quindi di coperture assicurative che vengono supportate dal governo con una forma di co-finanziamento.
Bisogna distinguere la situazione ordinaria dalla situazione di emergenza. In questo momento l’emergenza viene gestita in modo completamente gratuito. Tutti i casi di ospedalizzazione e le cure legate a questa emergenza sono coperte gratuitamente dal governo, sia con fondi centrali che con fondi locali. Sia nelle zone rurali che nelle zone urbane, la copertura è completamente gratuita.
In una situazione ordinaria, invece, dipende dal tipo di assicurazione co-finanziata dal governo che il cittadino ha. Dipende se si è residenti in una zona urbana o se si è occupati in una zona urbana (e nella prima categoria rientrano i disoccupati, gli anziani e i bambini), poi ci sono coperture assicurative per chi ha un lavoro nelle zone urbane e quelle per i residenti nelle aree rurali. Ed è lì che la sanità cinese funziona meno: le zone rurali non sono ancora ampiamente servite e coperte.
Quello che sta facendo la Cina in quelle zone in questi ultimi anni è un uso massiccio della tecnologia. Attraverso il supporto di internet e della tecnologia si riesce ad arrivare in zone precedentemente scoperte con la telemedicina in forme evolute. Ci sono delle piattaforme, tutte cinesi e gestite da cinesi, che riescono a garantire una assistenza in remoto, con dottori che sono in alcuni centri e che assistono le persone che vivono nelle zone più lontane con consigli e supporto tramite l’uso del cellulare.

Cina, la sanità e la diffusione dei virus

La Cina sta attraversando un enorme processo di riforma del sistema sanitario che dovrà portare, secondo le previsioni del nuovo piano Healthy China 2030, all’innalzamento degli standard di qualità del sistema sanitario.
Ci sono quindi ancora dei pezzi di Cina in cui l’assistenza sanitaria e le norme igienico- sanitarie non sono assolutamente adeguate. Molto spesso le influenze partono dagli animali e dai mercati, da situazioni igienico-sanitarie non particolarmente elevate.
Vorrei però sottolineare come la Cina, in questi giorni, ci stia dando una prova di grande efficienza nella gestione dell’emergenza e di mobilitazione.

Foto dalla pagina Facebook di People’s Daily China

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 23/02 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Playground di venerdì 23/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 23/02/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 23/02/2024

    Ospite della puntata Lepre che presenta il suo disco Eremo con un'intervista e tre brani live

    Jack - 23-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 23/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle che oggi ha ospitato Sara D'Angelo di @porcikomodi, @Vitadacani, @rete dei Santuari degli Animali liberi per parlare della nuova iniziativa per sollecitare il @ministero della salute, ma anche di aste di asini

    Considera l’armadillo - 23-02-2024

  • PlayStop

    Open to meraviglia nata vota

    quando facciamo un corso di inglese basato sulle peripezie poliglottologiche di Rutelli e Renzi, poi voliamo a Tenerife per scoprire che non è tutto oro quel che luccica, infine gestiamo un grosso carico di lenzuola nella puntata settimanale del Capibaratto

    Poveri ma belli - 23-02-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 23/02/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 23-02-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 23/02/2024

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi della sanità, dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle storie di vita reale ai suggerimenti su come sopravvivere nei meandri della burocrazia. Conducono Vittorio Agnoletto e Elena Mordiglia.

    37 e 2 - 23-02-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 23/02/2024

    Dopo la strage di Firenze il governo batterà delle norme noi proponiamo un sondaggio ad ascoltatori e ascoltatrici: soluzione economica o penale? Ovvero ci vuole il ripristino delle medesime condizioni di salario e direttori c tutti i lavoratori sullo stesso sito o cantiere o ci vuole l’omicidio sul lavoro?

    Uscita di Sicurezza - 23-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 23/02/2024

    DUE ANNI DI GUERRA IN UCRAINA commenti di Sergio Romano ambasciatore, editorialista del Corriere della Sera, Mara Morini docente di politiche dell’Europa Orientale all’Università di Genova e Irma Gjinaj capomissione dell'ong Cesvi in Ucraina INCENDIO PALAZZO A VALENCIA aggiornamenti con Giulio Maria Piantadosi LA RESISTENZA AL LAVORO. UNA SERATA A MILANO IN RICORDO DEGLI SCIOPERI DEL MARZO 1944 ce ne parla Carlo Ghezzi vicepresidente Nazionale Anpi CLIMITOLOGIE, TUTTE LE BUFALE CHE CI RACCONTANO SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO la rubrica di Sara Milanese DOMANI A MILANO LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER LA PALESTINA a Prisma parla Khader Tamimi presidente della comunità palestinese di Milano In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 23-02-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 23/02/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 23-02-2024

Adesso in diretta