Approfondimenti

Qual è la differenza tra influenza comune e coronavirus?

epidemia coronavirus

L’epidemia di coronavirus non accenna a rallentare. I casi confermati in Cina aumentano di giorno in giorno con una particolare incidenza nelle aree dei focolai tra la provincia dell’Hubei, da dove il nuovo coronavirus avrebbe iniziato a diffondersi, alle provincie confinanti. Al 6 febbraio 2020 sono 565 i decessi legati al coronavirus e oltre 28mila i casi confermati, la gran parte dei quali in territorio cinese.

In Europa la situazione è molto contenuta: 8 i Paesi in cui sono stati registrati dei casi di coronavirus e, si esclude la Germania, non sono stati accertati casi di contagio diretto tra persone infette e persone sane. Ci troviamo ancora nel periodo dell’influenza stagionale e, nonostante le continue rassicurazioni delle autorità sanitarie italiane sul coronavirus in Italia, il rischio psicosi dopo il manifestarsi di sintomi influenzali è sempre dietro l’angolo.

Qual è la differenza tra influenza comune e coronavirus? Lo abbiamo chiesto all’epidemiologo Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità che, durante la trasmissione 37 e 2 condotta da Vittorio Agnoletto e Francesca Abruzzese, ha fatto un po’ di chiarezza sulle principali differenze tra i due virus e lo stato attuale dell’infezione a livello mondiale.

Qual è la differenza tra influenza comune e coronavirus?

Si stima che ogni anno l’influenza stagionale in Italia arrivi a provocare in modo diretto ed indiretto circa 7-8mila decessi:

Con l’influenza in Italia abbiamo circa 200-300 morti all’anno accertati, cioè quelli deceduti direttamente a causa dell’influenza. Poi c’è la cosiddetta mortalità indiretta durante il periodo dell’influenza stagionale: si tratta di decessi dovuti a cause cardiovascolari, respiratorie e via dicendo. A fine stagione riusciamo a stimare 7-8mila morti solo in Italia per influenza.

Premettendo che in questo momento in Italia non abbiamo circolazione di coronavirus, il professor Rezza ha sottolineato le differenze principali tra l’influenza comune e il coronavirus:

L’influenza crea più problemi in alcune categorie di persone – persone anziane, malati cronici, donne in gravidanza, neurolesi – che hanno la possibilità di essere protette attraverso la vaccinazione, che non protegge al 100% ma fornisce una buona copertura. Nel caso del coronavirus non abbiamo questo strumento.
L’altro punto è la popolazione suscettibile. Con l’influenza, sebbene il virus muti di anno in anno, troviamo sempre persone che sono immuni o poco suscettibili. Questo non succede col coronavirus, completamente nuovo per la popolazione umana: abbiamo una popolazione del 100% di suscettibili e questo fa sì che il virus corra di più.
In Cina il virus è arrivato all’improvviso e ha creato un’ondata di persone malate. Queste persone si sono recate in ospedale e al pronto soccorso e si è creata una situazione di crisi difficile da affrontare. I provvedimenti presi dai cinesi, che in questo momento tendono a circoscrivere i focolai per non creare altri problemi delle città non ancora colpite e nel resto del Mondo, sono finalizzati ad abbattere la contagiosità della malattia. Riducendo il più possibile il contatto diretto tra uomo e uomo si potranno tenere sotto controllo i focolai.

Qual è oggi lo stato dell’infezione da coronavirus a livello mondiale?

coronavirus 6 febbraio 2020

A livello mondiale quello che preoccupa molto sono questi focolai cinesi, alcuni dei quali molto estesi. Tutto è cominciato nella città di Wuhan, che conta oltre 11 milioni di abitanti e si subito esteso alla provincia dell’Hubei, che ha al suo interno diverse città di 7 milioni di abitanti.
I numeri sono impressionanti, quasi 30mila persone ospedalizzate e diagnosticate, ma ce ne sono molte altre che hanno una malattia in forma più lieve e che non sono ancora state diagnosticate. Secondo i modelli matematici si parla di decine di migliaia di infetti. Questa è la situazione che preoccupa di più.
Le autorità cinesi stanno reagendo in maniera impressionante facendo cose che nessuno in un Paese occidentale sarebbe in grado di fare, dai cordoni sanitari alla quarantena.

Coronavirus. A che punto siamo in Italia

In Italia e in Europa siamo in fase di attesa vigilante. Fino ad ora in Italia abbiamo avuto solo due casi accertati. L’unico Paese in cui c’è stata una certa trasmissione locale è stata in Germania, dove una persona proveniente da Shanghai con parenti a Wuhan è arrivata in un ufficio in Baviera. Lì ha infettato alcuni colleghi e uno di questi ha infettato anche il figlio: c’è stato un cluster di dieci casi.

Coronavirus. Cosa sappiamo sulla sua origine

È un virus molto simile a quello del pipistrello. Al 90% è uguale ad altri coronavirus. Anche la SARS aveva origine dal pipistrello e c’era stata una mutazione nel passaggio diretto dal pipistrello all’uomo: l’RNA aveva perso un pezzettino e questo lo aveva reso adattabile all’uomo. Anche col nuovo coronavirus sembra che si sia verificata una mutazione che gli ha permesso di fare il salto di specie.
Tutto sarebbe partito dai mercati cinesi in cui si vendono animali vivi. Li avevano chiusi dopo la SARS, ma li hanno riaperti perché fanno parte della tradizione: i cinesi vogliono comprare gli animali quando sono ancora vivi, perché così si rassicurano sul fatto che sia carne fresca. Questa è una delle ipotesi più accreditate. Non sappiamo se tutto sia nato nel famoso mercato ittico di Wuhan o la circolazione fosse iniziata prima.

Coronavirus. Quarantena per gli studenti cinesi in Italia?

La questione della scuola è piuttosto intricata. Secondo una circolare ministeriale non verrebbero esclusi, ma soltanto controllati, i ragazzi e i bambini che provengono dalle zone colpite della Cina. Il punto è che effettivamente il virus non dovrebbe più arrivare da quelle zone, c’è un cordone sanitario e non si entra né si esce. Quindi in teoria stiamo parlando o di persone uscite da Wuhan prima che bloccassero l’ultimo volo – ma ora siamo ai limiti del tempo di incubazione – oppure di persone che sarebbero sfuggite al cordone sanitario e arrivare in Italia con voli indiretti. E in quest’ultimo caso staremmo parlando di numeri non troppo elevati.
Non è detto che quel provvedimento verrà in parte rimeditato. Molti si sottopongono alla quarantena volontaria, si isolano per un periodo così da evitare rischi. È un argomento che si sta discutendo, ma non so se il provvedimento sarà rivisto o meno.

Potete riascoltare l’intervista a Gianni Rezza a partire dal minuto 35:00 del podcast che trovate in apertura.

Foto dalla pagina Facebook di People’s Daily China

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 21/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 21/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 21/05/2024 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Avenida Brasil di martedì 21/05/2024

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest e anche quella prodotta in giro per il mondo: il Brasile musicale di ieri, di oggi e qualche volta di domani... Ogni martedì dalle 23.00 alle 24.00, a cura di Monica Paes Potrete anche, come sempre, scaricare i podcast e sentirla quando e quante volte volete... https://www.facebook.com/groups/avenidabrasil.radio/ https://www.facebook.com/avenidabrasil.radio/

    Avenida Brasil - 21-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 21/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21-05-2024

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 21/05/2024

    Dal 19 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantatreesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare torna in onda con le voci dei protagonisti della movimento omotransgender. Conduzione e regia di Eleonora Dall’Ovo Musiche scelte da Lucy Van Pelt Si partirà con la rassegna stampa nostrana ed estera, per poi intervistare i\le protagonisti\e del movimento lgbt+ e concludere con gli eventi culturali che ruotano intorno alla realtà arcobaleno da non perdere.

    L’Altro Martedì - 21-05-2024

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 21/05/2024

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle nuove tecnologie. Ogni settimana approfondiamo le notizie più importanti, le curiosità e i retroscena di tutto ciò che succede sul Web e non solo. A cura di Marco Schiaffino.

    Doppio Click - 21-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 21/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 21-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di martedì 21/05/2024

    1- Spagna – Argentina ai ferri corti. Il premier Pedro Sanchez ritira definitivamente l’ambasciatore da Buenos Aires dopo i nuovi insulti di Milei. 2-Taipei, il giorno dopo l’insediamento dl Lai Ching-te. Pechino lo accusa esplicitamente il presidente taiwanese di separatismo. 3- Diario americano. Tra una settimana il verdetto del processo Trump. 4-Francia. Macron in missione Nuova Caledonia ma senza un piano politico per uscire dalla gravissima crisi. 5- Fondi Ue destinati alla deportazioni di migranti nel deserto nord africano. La denuncia pubblicata da Lighthouse Reports in collaborazione con le principali testate europee 7-Rubrica sportiva. La lezione di Jurgen Klopp al mondo del calcio.

    Esteri - 21-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 21/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 21-05-2024

  • PlayStop

    Playground di martedì 21/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 21-05-2024

  • PlayStop

    Express - Ep. 30 - 21/05/2024

    Partenza dal Mediterraneo con i Nu Genea, poi in Svizzera con Ele A, a Milano con Mace e Venerus, in Basilicata con Chiello, in Sicilia con Colapesce, Dimartino e Joan Thiele, in Sardegna con Daniela Pes, da Abbiategrasso al Nepal con Marta Del Grandi e infine a Manchester con gli Smiths.

    Express - 21-05-2024

  • PlayStop

    Jack di martedì 21/05/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 21-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 21/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi per la serie #ancheglianimalivotano ha ospitato Francesca Flati di @Animal Equality Italia e Simone Montuschi di @Essere Animali per parlare dei 3 punti sul Benessere Animale della piattaforma, ma anche del Film Festival La Ninna del @centro Recupero Ricci La Ninna

    Considera l’armadillo - 21-05-2024

  • PlayStop

    Cercasi McGyver

    quando testiamo l'abilità degli ascoltatori nel fai da te, eseguiamo una regalia di biglietti dell'Operazione Primavera attraverso un nuovo fiammante rebus sonoro e infine arriva la prima parte di una nuova puntata di Voeia de Laurà, dedicata all'oreficeria

    Poveri ma belli - 21-05-2024

  • PlayStop

    Intervista a ZeroCalcare: "Quando muori resta a me"

    L'intervista di Giulia Binazzi a ZeroCalcare in occasione dell'uscita del suo ultimo libro "Quando muori resta a me", pubblicato da Bao Publishing

    Clip - 21-05-2024

Adesso in diretta