Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Venerdì 6 novembre 2020

Alberto Cirio

Il racconto della giornata di venerdì 6 novembre 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia al Ministro Speranza che rinnova l’invito a mettere da parte le “polemiche inutili e faziose”, mentre il governatore del Piemonte Cirio protesta per l’inserimento in zona rossa nelle stesse ore in cui le immagini dei pazienti appoggiati per terra nei corridoi sulle barelle all’ospedale di Rivoli fotografano l’emergenza in corso. Negli Stati Uniti, intanto, la strategia del caos portata avanti da Trump provoca i primi malumori all’interno del Partito Repubblicano. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

(di Lorenza Ghidini)

È il terzo record in meno di una settimana: mai così alti i contagi in Italia come nelle ultime 24 ore. I nuovi positivi sono 37.809, a fronte di 234.245 tamponi. Il rapporto tra positivi e i tamponi è poco sopra il 16%, da questo punto di vista la situazione è stabile, perché oggi sono aumentati i contagi ma sono stati fatti quasi 15mila tamponi in più.
I morti sono 446, quasi pari a ieri, è nelle ultime 48 ore che i numeri delle vittime sono saliti sensibilmente rispetto ai giorni precedenti. Balzo in avanti anche dei ricoveri in terapia intensiva, +124. Il giorno prima erano saliti di 99. L’unico dato in miglioramento è quello dei ricoveri ordinari, sensibilmente più bassi di ieri.
I dati più preoccupanti sono sempre quelli della Lombardia che sfiora i 10 mila casi, precisamente 9.934 nelle ultime 24 ore, di cui oltre 4.000 nell’area di Milano.
Le altre regioni con numeri alti sono il Piemonte (4.878), la Campania (4.508) e il Veneto (3.387). Più che mai atteso il monitoraggio settimanale in arrivo stasera: potrebbe rinfocolare le polemiche sulla collocazione delle regioni nelle tre fasce con diverse restrizioni.

Speranza ribadisce: “Basta polemiche inutili e faziose”

(di Anna Bredice)

Di fronte alle proteste che sono arrivate dalla Lombardia, dal Piemonte e anche dalla Sicilia, Speranza si era lasciato sfuggire una frase: “La mia pazienza comincia ad avere un limite”. Il che vuol dire che per un Ministro che è sempre stato in questi mesi calmo il limite ieri l’aveva proprio superato. Si è capito dal tono con cui ha tenuto l’informativa questa mattina alla Camera, nel silenzio di tutti. Poche proteste da parte della Lega, anche perché le parole erano chiarissime: “Basta polemiche inutili e faziose”, ha detto, anche perché Speranza ha spiegato come a partire da aprile tutte le regioni abbiano condiviso i sistemi di monitoraggio e li abbiano messi in pratica per 24 settimane consecutive, con valutazioni settimanali mandate alla cabina di regia a cui appartengono anche tre membri delle regioni. Nessun mistero quindi, nessun dolo, nessuna volontà di punire, ha messo in chiaro il ministro della salute. Ha elencato poi i 21 parametri, un sistema complesso di calcolo per il quale è necessaria almeno una settimana di valutazione. Per questo i dati di fronte al correre della pandemia non potevano essere quelli di ieri, per poter fare delle ordinanze urgenti. La valutazione viene fatta in base a due indici: quello di rischio prodotto dai 21 parametri incrociati e quello di scenario dato dall’rt. Quando l’indice di rischio è alto e l’rt supera 1,5 la regione viene collocata nello scenario 4 e automaticamente nella fascia rossa. Per passare a quella arancione i dati devono diminuire, ma devono anche stabilizzarsi per almeno una settimana. Non ci sono zone verdi, nessuno sta in un porto sicuro, perché la pandemia è ovunque ed è questo il nemico, ha concluso Speranza.

Piemonte zona rossa, Cirio protesta come Fontana

Tra le regioni della fascia rossa c’è il Piemonte. Anche lì il presidente Cirio ha contestato la decisione del ministero. “Le zone non rispettano i parametri reali”, ha attaccato ancora oggi. Nelle ultime ore hanno molto colpito le immagini dei pazienti appoggiati per terra nei corridoi sulle barelle all’ospedale di Rivoli.
Sono la fotografia esatta di quello che sta succedendo”, denuncia ai nostri microfoni il capogruppo di Liberi Uguali e Verdi al consiglio regionale del Piemonte Marco Grimaldi. Anzi.


 

L’Italia divisa in zone. Ecco i divieti e i permessi per ogni area

(di Bianca Senatore)

Il nuovo Dpcm del 3 novembre 2020 individua tre aree – gialla, arancione e rossa – che corrispondono a tre differenti livelli di criticità nelle Regioni del Paese. L’inserimento delle Regioni nelle diverse aree, con la conseguente e automatica applicazione delle misure previste per quella fascia, avviene con ordinanza del Ministro della Salute e dipende solo ed esclusivamente dal coefficiente di rischio raggiunto dalla Regione. Ecco quali sono le misure previste per ciascuna area. [CONTINUA A LEGGERE]

Zona rossa. Cosa si può fare e cosa no

(di Claudio Jampaglia)

Nella zona rossa è vietato ogni spostamento, anche all’interno del proprio comune, in qualsiasi orario, salvo che per motivi di lavoro, necessità e salute. Sono di conseguenza vietati gli spostamenti da una regione all’altra e da un comune all’altro. Tra le necessità sono ricomprese, oltre alle spese alimentari e farmaceutiche, le visite sanitarie, l’assistenza a persone sole o disabili, gli spostamenti dei figli di coppie separate per raggiungere il domicilio del genitore.
Chi si trova in una zona rossa può svolgere attività motorie nella vicinanza della propria abitazione, fare jogging, andare in bicicletta, non in gruppo e solo all’interno del proprio comune. È consentita l’attività sportiva individuale all’aperto. Chiusi i centri sportivi. [CONTINUA A LEGGERE]

COVID-19, la Danimarca abbatterà 17 milioni di visoni

(di Serena Tarabini)

La Danimarca, con le sue 1.139 strutture e milioni di animali allevati, e sacrificati, ogni anno, dopo la Cina, è il più grande produttore di pellicce di visone al Mondo. Ma nel giro di pochi giorni non rimarrà traccia del piccolo mustelide sul territorio danese, in quanto tutta la popolazione, almeno 17 milioni di visoni, verrà abbattuta.
Motivo di una misura tanto drastica la veloce diffusione del coronavirus negli allevamenti di visoni: il 5 ottobre i focolai erano 41, ora, un mese dopo, quelli ufficialmente intercettati sono 207. La possibilità di una trasmissione da animale ad uomo è già stata documentata. [CONTINUA A LEGGERE]

USA, la strategia del caos di Trump non convince il Partito Repubblicano

(di Michele Migone)

Più si avvicina la vittoria di Joe Biden e più le voci di rappresentanti del Partito Repubblicano che non sembrano voler seguire la deriva di Donald Trump si iniziano a sentire. La più significativa è quella del senatore Lindsey Graham, uno degli alleati di Trump al Congresso, il quale ha detto che se Biden dovesse vincere le elezioni dovrebbe formare un governo. Sostanza e toni molto diversi da quelli sentiti dalla Casa Bianca nelle ultime ore. Accanto a quella di Graham, da sempre battitore libero, ci sono le voci di altri rappresentanti e senatori, questa volta di seconda fila, che con cautela, ma chiarezza, dicono che se la Casa Bianca possiede delle prove dei brogli deve tirarle fuori. Queste voci segnano un cambio di umore e di prospettiva dentro il Grand Old Party. Finora i leader del partito aveva fatto sapere che avrebbero appoggiato la battaglia legale di Trump per controllare e ricontare i voti, ma le ultime dichiarazioni fanno pensare che il tempo sia ormai scaduto. La lenta azione di sganciamento dallo sconfitto sembra iniziata, ma i repubblicani dell’establishment che in questi 4 anni sono stati fedeli a Trump devono farlo con prudenza perché ormai buona parte del partito e la base sembrano rimanere ancora accanto a lui. Una sconfitta alle presidenziali, ma una discreta prestazione al Congresso, i milioni di voti avuti non devono essere buttati via. Certo è che la strategia del caos di Trump sembra convincere pochi. Chris Christie, amico di Trump, ex governatore del New Jersey, l’ha detto con chiarezza in una intervista: è la scelta sbagliata.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 02/10/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 10/02/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di domenica 02/10/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 10/02/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 02/10/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 10/02/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 02/10/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 10/02/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 02/10/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 10/02/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 02/10/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 10/02/2022

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 02/10/2022

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei…

    Archivio Ricordi - 10/02/2022

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 02/10/2022

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 10/02/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 02/10/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 10/02/2022

  • PlayStop

    Canta che ti passa di domenica 02/10/2022

    I concerti della settimana e una breve monografia su degli artisti in tour

    Canta che ti passa - 10/02/2022

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 02/10/2022

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 10/02/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 02/10/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 10/02/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 02/10/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 10/02/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 02/10/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 10/02/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 02/10/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 10/02/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 01/10/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 10/01/2022

  • PlayStop

    Guida nella Jungla di sabato 01/10/2022

    GnJ Guida nella Jungla è nata da un’idea di Paolo Minella e Luca Boselli nella seconda metà dei ’90. Da…

    Guida nella Jungla - 10/01/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 01/10/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 10/01/2022

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 01/10/2022

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro

    AfroRaffa - 10/01/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 01/10/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 10/01/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 01/10/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 10/01/2022

Adesso in diretta