Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Domenica 26 luglio 2020

Il racconto della giornata di domenica 26 luglio 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia alle inchieste giudiziarie sulla Lega di Salvini. Il Nicaragua appare come uno degli stati che peggio ha affrontato la pandemia. Negli Usa la tensione sociale sale ancora e Trump pare sempre più in difficoltà. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

(di Alessandro Braga)

In Italia i numeri diffusi dal ministero della Salute parlano di 255 nuovi casi e 5 morti. Tra le Regioni, è ancora la Lombardia quella con più casi (74), seguita dall’Emilia Romagna, con 61. In Lombardia la provincia più colpita è stata Bergamo, con 25 casi. Seguono Milano, 13 di cui 10 in città, e Brescia, 9. Sono 5 le regioni che segnalano zero nuovi casi: Basilicata, Valle d’Aosta, Calabria, Sardegna e Umbria. La Lombardia per il terzo giorno consecutivo non registra morti. Nelle ultime 24 ore i deceduti sono stati due nel Lazio, e uno a testa in Emilia Romagna, Puglia e Piemonte. I ricoverati in Italia sono 735, 4 più di ieri, 44 in terapia intensiva, con un aumento di tre unità. Quasi 12mila le persone in isolamento domiciliare, che aumentano di oltre 100. Nella settimana che si va a chiudere oggi c’è stato il dato più alto di nuovi positivi dalla metà di giugno: 1689. La scorsa settimana erano stati 1376.

La lega di Salvini e la nuova “Questione Morale”

(di Michele Migone)

In Lombardia, la gestione della Lega della pandemia sembrava all’insegna dell’incapacità o dell’indifferenza, ma era anche qualche cosa di diverso. Lo dicono le notizie che emergono dalle inchieste aperte dalla magistratura e che stanno rivelando un opaco intreccio di rapporti politici ed economici, un sistema di potere, controllo e spartizione delle risorse pubbliche, in particolare della sanità, i cui perni sono uomini della Lega, o vicini ad essa; un sistema che appare, la parola definitiva però la dirà la giustizia, sfociare nel malaffare. CONTINUA A LEGGERE.

La disastrosa gestione dell’epidemia in Nicaragua

(di Gianni Beretta)

Il coronavirus è in allarmante crescita in diversi paesi dell’America Latina. Ma, come documenta la prestigiosa rivista scientifica britannica Lancet, la “peggior gestione del Covid 19 nel mondo” si è registrata nel Nicaragua della dispotica coppia presidenziale del “fu” comandante guerrigliero Daniel Ortega e della sua esoterica consorte Rosario Murillo.

Quest’ultima, factotum assoluta del governo, illudendosi di limitare i danni a un’economia già di per sé assai provata, ha cercato fin da marzo di nascondere il virus non solo evitando qualsiasi tipo di prevenzione (distanza sociale, mascherine, lockdown, chiusura delle frontiere) ma al contrario promuovendo manifestazioni, cortei e attività in sostegno del regime che due anni orsono aveva soffocato nel sangue una rivolta popolare guidata dagli studenti universitari; convertendo il paese in uno stato di polizia.

Le vittime per coronavirus per mesi sono state così archiviate come “polmoniti anomale” e la gran parte di esse sepolte clandestinamente la notte. A tal punto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità è stata costretta a dichiarare “indeterminata” la situazione del coronavirus in Nicaragua per “mancanza di informazioni”.

Fino a che il virus ha cominciato a colpire anche ministri, deputati, sindaci del regime stesso. A cominciare dalla beffarda scomparsa di Eden Pastora, il mitico Comandante Zero, unico esponente conosciuto in Europa all’epoca del trionfo sandinista nel 1979 per il suo assalto al parlamento durante la dittatura somozista. Che successivamente aveva abbandonato il governo rivoluzionario per passare con i contras. E da ultimo tornato al fianco di Ortega nuovamente presidente dal 2007. Pastora, un tempo capo delle milizie popolari sandiniste, si è distinto per aver diretto i gruppi paramilitari che hanno massacrato i giovani ribelli nel 2018.

Sta di fatto che il contagio è andato fuori controllo e la popolazione ha dovuto arrangiarsi da sola nell’adottare misure di protezione.

Con i dati ufficiali che indicano a tutt’oggi appena 108 morti, mentre quelli ufficiosi della società civile organizzata contano 2.349 morti sospette per Covid 19; su una popolazione di poco più di sei milioni di abitanti.

Il governo federale Usa risponde con la violenza alle proteste diffuse

(di Davide Mamone)

Dall’Oregon al resto degli Stati Uniti. Una nuova ondata di proteste in queste ore sta riempendo le piazze di tutto il Paese contro la violenza della polizia, in solidarietà con i manifestanti di Portland, dove gli agenti federali inviati dall’amministrazione Trump hanno risposto negli scorsi giorni ai cortei con gas lacrimogeni, spray al peperoncino, utilizzando strategie paramilitari contro le persone in strada. Le nuove proteste si sono consumate da Los Angeles a New York passando per Chicago e Austin in Texas, dove un uomo è stato ucciso a colpi di pistola durante una protesta nel centro della città. 

Ma è a Seattle dove si sono registrati gli episodi più tesi nel corso delle ultime ventiquattr’ore. Almeno quarantacinque manifestanti sono stati arrestati. In circa cinquemila sono stati protagonisti di un sit-in di fronte all’edificio di quello che sarà un centro di detenzione per giovani, dove i manifestanti hanno appiccato diversi incendi, distrutto le vetrine delle attività commerciali circostanti e attaccato un distretto del dipartimento di polizia della città. Un video su Twitter mostra gli agenti federali in tenuta antisommossa sparare spray al peperoncino contro un’infermiera.

E intanto, mentre la sindaca di Chicago Lori Lightfoot ha detto stamattina su CNN che non permetterà a questi agenti federali di operare nella sua città come è successo a Portland e Seattle, le elezioni si avvicinano. E a cento giorni dalla notte del tre novembre, nuovi sondaggi mostrano il Presidente Trump in difficoltà in diversi stati-chiave come Arizona e Michigan, contro il candidato democratico Joe Biden.

 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

 

Foto | Wikipedia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 18/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 18/01/21 delle 19:48

    Metroregione di lun 18/01/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 19/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 19/01/21

    From Genesis to Revelation di mar 19/01/21

    From Genesis To Revelation - 19/01/2021

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 18/01/21

    Jazz Anthology di lun 18/01/21

    Jazz Anthology - 19/01/2021

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 18/01/21

    Jailhouse Rock di lun 18/01/21

    Jailhouse Rock - 19/01/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 18/01/21

    A casa con voi di lun 18/01/21

    A casa con voi - 19/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 18/01/21

    Ora di punta di lun 18/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di lun 18/01/21

    ..1- Conto alla rovescia per l’uscita di scena di Donald Trump...Intanto oggi Gli stati Uniti celebrano il Martin Luther king…

    Esteri - 19/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 18/01/21

    Considera l'armadillo lun 18/01/21

    Considera l’armadillo - 19/01/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 18/01/21

    Puntata 22 - Un meraviglioso mondo a colori inondato di luce. Peter Behrens, Taj Mahal, The Beatles. E Albert Hofmann...1.…

    Gimme Shelter - 19/01/2021

  • PlayStop

    Record Store di lun 18/01/21

    Il 17 gennaio, il pugile Muhammad Ali avrebbe compiuto 79 anni. Questa puntata racconta lo stretto rapporto fra la musica…

    Record Store - 19/01/2021

  • PlayStop

    Jack di lun 18/01/21

    Jack di lun 18/01/21

    Jack - 19/01/2021

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 18/01/21

    Senti un po' di lun 18/01/21

    Senti un po’ - 19/01/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 18/01/21

    ira rubini, cult, alec ross, advisor innovation, barack obama, il nostro futuro

    Cult - 19/01/2021

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 18/01/21

    Con Lea Melandri, femminista, giornalista, saggista e insegnante, parliamo di laboratori di idee e prassi, di linguaggi, di femminismi; Tina…

    Sui Generis - 19/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/01/21

    Prisma di lun 18/01/21

    Prisma - 19/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 18/01/21

    Rassegna stampa internazionale di lun 18/01/21

    Rassegna stampa internazionale - 19/01/2021

  • PlayStop

    Di Lunedi di lun 18/01/21

    Oggi a DiLunedì con Claudio Jampaglia e Giuseppe Mazza, la campagna della Presidenza del Consiglio sui vaccini anti-Covid (firmata da…

    DiLunedì - 19/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/01/21

    Fino alle otto di lun 18/01/21

    Fino alle otto - 19/01/2021

Adesso in diretta