Approfondimenti

Avvocata e architetta: perché la lingua è politica

marta rebora

Tra pochi giorni sarà l’8 Marzo, la Giornata Internazionale delle Donne, occasione di discussione e confronto su un tema importantissimo, quello di genere, dalle molteplici declinazioni e risvolti che toccano il nostro quotidiano e hanno a che vedere con tutte e tutti noi: dalla politica, alla cultura, fino al linguaggio. Sì, perché la lingua è consapevolezza, è messaggio, è determinazione dell’esistenza di concetti e persone: perciò non deve stupirci se una delle battaglie di genere più sentite in questo periodo è quella della legittimazione della declinazione delle professioni al femminile.

Avvocato, medico, ingegnere, architetto: sono solo alcune delle professioni che fino a qualche anno fa erano esclusivamente appannaggio maschile, e che quindi ci suonano stridenti nella propria (legittima, nonché grammaticalmente ineccepibile) declinazione al femminile. Avvocata, medica, ingegnera, architetta: il fatto che “non si sia mai detto così” non è una buona ragione per impedire alla lingua di evolvere e introdurre nella consuetudine scritta e parlata termini professionali al femminile, che si aggiungono ai già assodati maestra, infermiera, attrice, madre, casalinga, impiegata, che però non ci stupiscono, in quanto mestieri femminili radicati nell’uso e nella consuetudine.

Citando l’architetta genovese Marta Rebora, che recentemente ha chiesto e ottenuto all’Ordine di Architettura di Genova di validare la scelta del timbro professionale anche nella dicitura al femminile, “A molti potrà sembrare una cosa piccola, ma non lo è. La lingua è uno strumento della nostra cultura, e le parole identificano e collocano le cose, ne sanciscono la propria esistenza. Per me è importante la libertà di scelta, le mie colleghe genovesi adesso potranno scegliere se usare il femminile o il maschile”. La lingua perciò è autodeterminazione, la lingua è politica, l’uso che se ne fa è politico: anche per questo, perché la declinazione al femminile in un nome di professione non toglie né aggiunge valore a ciò che si è, ma invece lo determina e carica di significato, l’8 Marzo rivendichiamo il diritto di definirci e determinarci per ciò che siamo.

Foto | Marta Rebora, l’architetta genovese che recentemente ha chiesto e ottenuto all’Ordine di Architettura di Genova di validare la scelta del timbro professionale anche nella dicitura al femminile

  • Autore articolo
    Florencia Di Stefano-Abichain
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 14/04/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 14/04/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 14/04/21 delle 19:49

    Metroregione di mer 14/04/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 14/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 14/04/21

    Ora di punta di mer 14/04/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 14/04/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 14/04/21

    1-Afghanistan. Con l’annuncio del ritiro dei soldati americani, Joe Biden vuole concludere la guerra infinita. ..( Roberto Festa) ..2- Stati…

    Esteri - 14/04/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 14/04/21

    Sunday Blues di mer 14/04/21

    Sunday Blues - 14/04/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 14/04/21

    Uno di Due di mer 14/04/21

    1D2 - 14/04/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 14/04/21

    Considera l'armadillo mer 14/04/21

    Considera l’armadillo - 14/04/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 14/04/21

    Intervista ad Alex Favaretto di Shervood Festival per l'iniziativa a sostegno del mondo dello spettacolo "Cambiamo Musica, a cura di…

    Jack - 14/04/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 14/04/21

    Stay Human di mer 14/04/21

    Stay human - 14/04/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 14/04/21

    La giustizia della sorveglianza. Appare così la giustizia esercitata “in nome del popolo italiano” dalle parti delle procure di Trapani…

    Memos - 14/04/2021

  • PlayStop

    Giulia Guazzaloca, Uomini e animali

    GIULIA GUAZZALOCA - UOMINI E ANIMALI - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 14/04/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 14/04/21

    ira rubini, cult, piccolo teatro occupato, coordinamento spettacolo lombardia, globe theatre roma occupato, celeste, giada, marco cacciola, tiziana ricci, nerina…

    Cult - 14/04/2021

  • PlayStop

    psicoradio di mar 13/04/21

    Aggrapparsi alle canzoni - Durante la settimana di Pasqua, la redazione di Psicoradio fa una pausa, una boccata di disconnessione…

    Psicoradio - 14/04/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 14/04/21

    Il futuro della rete in Italia; l’attacco alla centrale di Natanz in Iran; i piani USA per contrastare la Cina;…

    Doppio Click - 14/04/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 14/04/21

    L'allarme dei medici: non riaprite troppo in fretta. Ma il rigorista Speranza rischia il posto, ormai è controcorrente (con microfono…

    Prisma - 14/04/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 14/04/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 14/04/21

    Rassegna stampa internazionale - 14/04/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 14/04/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 14/04/21

    Il demone del tardi - 14/04/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 14/04/21

    il risveglio di Popolare Network, l'edicola, la rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: .. 14 aprile 1991 –…

    Fino alle otto - 14/04/2021

Adesso in diretta