Approfondimenti

Al Raseef, l’esodo musicale del gruppo italo-palestinese nel Mediterraneo

Al Raseef

Tamer Nassar, sassofonista della band italo-palestinese Al Raseef, racconta a Radio Popolare l’esodo musicale del gruppo per tutto il Mediterraneo. L’intervista di Claudio Agostoni a Jack.

Da Ramallah a Demonte la strada è lunga: raccontaci le tappe che ci sono state.

La band è nata principalmente in Palestina nel 2011. A Ramallah eravamo uno dei primi gruppi di strada e da quello è arrivato il nome del gruppo, che in arabo significa “sul marciapiede“. Al Raseef era nata per caso, avevamo deciso tutti insieme di andare a suonare due o tre pezzi e poi di tornare a casa, solo per nostro divertimento personale; tuttavia era stato un gran successo, a Ramallah tutti si erano divertiti un sacco. Allora ci siamo detti “questo gruppo funziona, questa tipologia di musica, questo mix di strumenti che per noi alla fine sono occidentali, non fanno parte della cultura funziona“. Lì abbiamo deciso di cominciare a fare un sacco di concerti, siamo diventati pian piano conosciuti in tutta la Palestina e abbiamo suonato in vari festival. Da noi la libertà di spostarci da una città all’altra non è scontata, ci dobbiamo pensare mille volte, ci sono mille checkpoint e l’occupazione israeliana non ci permette quasi mai di muoverci liberamente anche nelle zone palestinesi, ed è ancora più difficile suonare nei territori occupati. Ci abbiamo suonato con grande successo, però è sempre difficile perché non abbiamo la libertà di spostarci da una città all’altra, neanche nei nostri territori.

Dopo la Palestina siete venuti in Italia, a Genova.

Un giorno io e il clarinettista, Ayham, abbiamo deciso che fosse il momento giusto per andare a studiare musica, perché da noi non c’era alcun conservatorio che ci desse un diploma; abbiamo deciso di andare quindi a Genova e di studiare al conservatorio Niccolò Paganini. Un anno dopo ci hanno raggiunto anche gli altri e abbiamo cominciato iniziare a suonare per le strade, vicoli, carruggi di Genova. Pian piano hanno iniziato a chiamarci anche i locali e i festival. Poco dopo abbiamo suonato un paio di volte col nostro trombettista Mario Martini e da lì è diventato un progetto fisso che sta andando avanti. Abbiamo suonato in Liguria e non solo, abbiamo fatto concerti a Milano, Torino, Firenze e abbiamo deciso di fare anche il disco.

Le vostre scelte musicali sono particolari: c’è un repertorio da brass band e quindi ci viene da pensare ai Balcani, però voi ci innervate dentro qualche cosa che fa parte della cultura vostra.

In Palestina abbiamo cominciato come una band di musica balcanica. Quando siamo arrivati qui però ci siamo detti che non avesse tanto senso suonare musica balcanica, che al confine con l’Italia ci sono tanti gruppi migliori, bravi e che ce l’hanno proprio nel sangue. Abbiamo deciso di mantenere più o meno lo stile, però mettendo non solo la nostra anima, ma anche la nostra cultura, la nostra musica. E’ diventato un viaggio musicale, dai Balcani, alla Turchia, alla Siria, al Libano, alla Palestina, all’Egitto fino a tutto il Nord Africa: è diventato proprio un viaggio sul Mediterraneo per noi.

La situazione che stiamo vivendo in questi mesi col COVID-19 è un problema sia artistico sia personale: siete ritornati in Palestina negli ultimi mesi?

Purtroppo no, è molto difficile viaggiare anche se vuoi tornare a casa. Metterei a rischio la mia famiglia, quindi preferisco non farlo, come loro. A livello personale siamo tutti in difficoltà, tutti quelli che lavorano nell’ambito dello spettacolo non sono stati nemmeno considerati dallo Stato italiano. La cultura è l’identità di un paese, secondo me e tanti artisti. Con questa pandemia è anche giusto chiudere tutto, però bisogna dare un po’ di diritti a quelli che lavorano nell’ambito dello spettacolo; teatri chiusi e autobus pieni mi sembra un po’ assurdo.

Mi parlavi prima di un disco: state lavorando a un nuovo progetto?

Stiamo lavorando a vari progetti. Il primo disco è la conclusione della prima fase degli Al Raseef, che era il nostro viaggio per scoprire chi siamo e chi vogliamo essere. Adesso siamo in una fase un po’ diversa, stiamo sperimentando il nostro sound personale, cercando di creare un genere che ancora non esiste. Noi lo chiamiamo “arabrass”, la nostra anima araba, tutta la cultura che abbiamo dentro veicolata attraverso l’orecchio e gli occhi occidentali. Ognuno di noi ha il suo approccio, metodo e pensiero musicale personalizzato. Il prossimo progetto è proprio questo: mettere tutto il nostro, dare quasi la libertà completa alle proprie individualità, mettendo tutto in un contesto unico.

Foto dalla pagina Facebook del gruppo Al Raseef

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 25/11/20 delle 07:15

    Metroregione di mer 25/11/20 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 25/11/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 25/11/20

    Rassegna stampa internazionale di mer 25/11/20

    Rassegna stampa internazionale - 25/11/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 25/11/20

    Il demone del tardi - copertina di mer 25/11/20

    Il demone del tardi - 25/11/2020

  • PlayStop

    Stile Libero di mer 25/11/20

    Stile Libero di mer 25/11/20

    Stile Libero - 25/11/2020

  • PlayStop

    Rockonti di mar 24/11/20

    Rockonti di mar 24/11/20

    Rockonti - 25/11/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 24/11/20

    A casa con voi di mar 24/11/20

    A casa con voi - 25/11/2020

  • PlayStop

    Esteri di mar 24/11/20

    Esteri di mar 24/11/20

    Esteri - 25/11/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 24/11/20

    Ora di punta di mar 24/11/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 25/11/2020

  • PlayStop

    Sunday Blues di mar 24/11/20

    Sunday Blues di mar 24/11/20

    Sunday Blues - 25/11/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di mar 24/11/20

    Uno di Due di mar 24/11/20

    1D2 - 25/11/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 24/11/20

    Considera l'armadillo mar 24/11/20

    Considera l’armadillo - 25/11/2020

  • PlayStop

    Omaggio a Basilio Sulis

    Dalla metà degli anni ottanta anima di "Ai confini tra Sardegna e Jazz", l'11 novembre scorso è mancato improvvisamente a…

    Jazz Anthology - 24/11/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 24/11/20

    Jack di mar 24/11/20

    Jack - 25/11/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mar 24/11/20

    Stay Human di mar 24/11/20

    Stay human - 25/11/2020

  • PlayStop

    Memos di mar 24/11/20

    Memos di mar 24/11/20

    Memos - 25/11/2020

  • PlayStop

    Claudio Jampaglia e Giuseppe Mazza, La pandemia siamo noi

    CLAUDIO JAMPAGLIA E GIUSEPPE MAZZA - LA PANDEMIA SIAMO NOI - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 25/11/2020

Adesso in diretta