Approfondimenti

Addio Conte due, ma ora gli scenari non sono migliori

conte

Non era certamente il migliore dei governi possibili e nasceva da un peccato originale: il premier, cioè Conte, era lo stesso che fino al giorno prima governava non solo con Salvini, ma proprio sotto Salvini, Salvini con le sue politiche razziste e i suoi ammiccamenti alle peggiori destre mondiali.

Poi si sa però come è andata: dopo il Papeete Salvini si è suicidato e Renzi – lo stesso Renzi che oggi fa crollare tutto – si è inventato la mossa del governo giallorosso.

Da quel momento Conte, il Conte Zelig, il trasformista Conte, si è davvero trasformato:

Non solo nelle alleanze politiche ma anche nella sicurezza in se stesso: non più pulcino bagnato nelle mani dei vicepremier ma capo di governo vero, decisionista, protagonista in Europa e presenzialista sui media, perfino un po’ troppo, tanto da irritare i comprimari, compreso il Pd, compreso Di Maio, figuriamoci Renzi che vuole i riflettori tutti per sé.

Non era il migliore dei governi possibili ma è stato il governo che ha invertito, dopo 40 anni di tagli, la rotta sul welfare, sulla sanità, sugli aiuti alla base della piramide sociale,

Complice il Covid, certo, e niente di rivoluzionario, ma comunque cose che andavano nella direzione opposta rispetto ai decenni di egemonia economica liberista, privatista, individualista.

Non era il migliore dei governi possibili ma ha affrontato con coraggio e tutto sommato pochi errori la prima fase della pandemia, quella di 10 mesi fa, per scivolare invece sulla gestione della seconda ondata, quella iniziata a ottobre.

Il Conte due non era il migliore dei governi possibili ma onestamente è difficile dire che almeno negli ultimi dieci anni in Italia si sia visto qualcosa di meglio – Berlusconi, Monti, Letta, Renzi, il Conte uno – e allora ci si chiede se davvero a questo punto qualcosa di meglio potremo vedere.

Perché a occhio gli scenari sono uno più brutto dell’altro.

Un instabile e debole Conte ter tenuto in piedi da una banda di cosiddetti responsabili, insomma diciamocelo, gli Scilipoti di sinistra.

Oppure un altro governo con la stessa maggioranza di adesso ma un altro premier e con un potere di ricatto di Renzi, il liberista Renzi, molto maggiore nelle scelte economiche.

O ancora un governo tecnico centrista a maggioranza nuova e tutta da costruire, con Berlusconi e Renzi come epicentri e poi chi ci sta ci sta, probabilmente il Pd, magari pezzi di Lega vicini a Giorgetti e Zaia, e poi le solite truppe sparse in Parlamento.

Fino all’ipotesi più spaventevole, la situazione che sfugge di mano a tutti e quindi le elezioni a maggio.

Vale a dire l’Italia senza un governo per mesi nel mezzo della pandemia, poi gli elettori chiamati a votare nelle scuole con il virus ancora in circolazione, e infine una probabile maggioranza Salvini Meloni, con il successore di Mattarella scelto dalla destra, anzi dalla destra estrema quale ancora è quella italiana.

Ecco, il Conte due non era il migliore dei governi possibili ma ora ci si chiede se questa crisi non rischia di portarci verso il peggiore degli scenari possibili .

  • Autore articolo
    Alessandro Gilioli
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 01/07/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 01/07/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 07/01/2022

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 01/07/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 07/01/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 30/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 01/07/2022

  • PlayStop

    Chassis di giovedì 30/06/2022

    con Giancarlo Giannini, Antonio Capuano, Tommaso Ragno, Mario Martone e Ippolita Di Majo, dal Pesaro Film Festival. Walter Leonardi presenta…

    Chassis - 01/07/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 30/06/2022

    1 – Una Cina, un sistema. In occasione del 25esimo anniversario dell’indipendenza di Hong Kong, la visita di Xi Jinping…

    Esteri - 01/07/2022

  • PlayStop

    The Game di giovedì 30/06/2022

    1) Governo Draghi e caro-bollette: oggi il consiglio dei ministri ha prorogato bonus sociale e taglio dell’Iva. Il commento di…

    The Game - 01/07/2022

Adesso in diretta