Approfondimenti

120 anni fa Gaetano Bresci uccideva il re d’Italia Umberto I

Gaetano Bresci

Sono passati 120 anni dall’omicidio del re d’Italia Umberto I per mano dell’anarchico Gaetano Bresci. Ci siamo fatti raccontare questa vicenda dal giornalista e scrittore Paolo Pasi, autore del libro “Ho ucciso un principio. Vita e morte di Gaetano Bresci, l’anarchico che sparò al re“, edito da Eleuthera.

L’intervista di Alessandro Braga a Prisma.

Gaetano Bresci era un personaggio chiave dei suoi tempi, un operaio tessile specializzato che aveva consolidato la sua formazione politica a Prato. Specchio delle forti disuguaglianze sociali dell’Italia di fine ‘800 e costretto, dopo aver lavorato nei fabbriconi di Prato ed aver lasciato anche tracce del suo passaggio nei registri sopravvissuti a un incendio, a conoscere tutto il lato disumano del lavoro nelle fabbriche tessili, che impiega molto il lavoro femminile e dei minori. Donne e ragazzi che vivono nel costante frastuono della fabbrica, di questa voce che in qualche modo strappa le persone alla loro vita. Gaetano Bresci ad un certo punto decide di emigrare negli Stati Uniti e si stabilì a Paterson, nel New Jersey, dove c’era una folta comunità, non solo di italiani, ma di anarchici. Erano circa un migliaio, quella era la tiratura dei giornali anarchici di Paterson. Arriva negli Stati Uniti con una solida formazione da autodidatta, come nelle biografie di tanti anarchici, e lì riesce anche a costruirsi un suo nucleo familiare conoscendo una operaia tessile di origine irlandese ed avendo con lei una figlia. Cosa colpisce della vicenda umana di Bresci, che decide di tornare in Italia quando era ancora molto giovane? Colpisce il fatto di non aver mai reciso un legame con l’Italia, come tanti altri anarchici, e di aver scelto di emigrare come una sorta di esilio per l’insostenibilità delle condizioni sociali in Italia in quel periodo. Ma gli anarchici italiani guardano sempre alla penisola e ai suoi drammatici accadimenti. Uno di questi, a parte i moti repressi in Lunigiana, sono le cannonate di Bava Beccaris sulla folla disarmata a Milano nel maggio 1898. Questo fatto colpisce molto anche Bresci. Il responsabile morale viene ritenuto Umberto I, perché Bava Beccaris verrà insignito dal Re di una medaglia per alti meriti verso la civiltà. Da questo momento, anche attraverso un carteggio che è custodito nel Museo Criminologo di Roma, si capisce che Bresci inizia a pianificare il suo ritorno in Italia con almeno un anno di anticipo per vendicare i morti dei Moti di Milano.
Nel libro, che ha una struttura quasi narrativa, si segue la partenza in piroscafo, lo sbarco in Europa e la permanenza di qualche giorno a Parigi e il ritorno in Italia, prima dai suoi parenti a Prato e poi a Milano tre giorni prima di colpire, il 29 luglio 1900, quando sul campo di una società sportiva di Monza, Bresci decide di sparare quattro colpi di pistola a Re Umberto I, tre dei quali vanno a segno. Nell’immediato, sottratto al linciaggio, nell’interrogatorio pronuncia la frase “non ho inteso uccidere una persona, ma ho inteso uccidere un principio, quello di autorità“.

Quella frase rende Gaetano Bresci un’icona ancora più forte.

Sicuramente Bresci diventa un simbolo, suo malgrado mi verrebbe da dire. Con questo gesto consegna totalmente la sua vita e la recide. Da quel momento in poi, dall’arresto, Bresci non vedrà più nessuno. Verrà tenuto in isolamento per mesi fino ad arrivare alla morte nel carcere sull’isola di Santo Stefano. Certamente il simbolo deriva dell’eco incredibile che ebbe questo gesto, perché il Re era ancora ammantato di un’aura sacrale. I commenti dei giornali furono ferocissimi. L’idea che qualcuno avesse ucciso un Re portò le colonne del Corriere Della Sera ad invocare il linciaggio per Bresci, la folla avrebbe dovuto farli a brami. Fu un gesto così eclatante che ne parlò anche Tolstoj che, in un saggio intitolato “Non uccidere”, scriveva: “ma voi vi indignate per uno che ha ammazzato un sovrano quando ci sono sovrani che mandano a morire migliaia di persone?“. Ecco cosa ha fatto diventare Gaetano Bresci un simbolo: l’essersi assunto la piena responsabilità del suo gesto che, in qualche modo, segnò l’apice di quella che potremo definire la propaganda del gesto del singolo. L’inizio del secolo ci porta gradualmente a consolidare più i passaggi organizzativi ed accantonare questo tipo di azioni singole.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 07/05/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 05/07/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 07/05/21 delle 19:50

    Metroregione di ven 07/05/21 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 05/07/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 07/05/21

    Doppia Acca di ven 07/05/21

    Doppia Acca - 05/08/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di ven 07/05/21

    News Della Notte di ven 07/05/21

    News della notte - 05/07/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 07/05/21

    A casa con voi di ven 07/05/21

    A casa con voi - 05/07/2021

  • PlayStop

    Esteri di ven 07/05/21

    Esteri di ven 07/05/21

    Esteri - 05/07/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 07/05/21

    Ora di punta di ven 07/05/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 05/07/2021

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 07/05/21

    Follow Friday di ven 07/05/21

    Follow Friday - 05/07/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 07/05/21

    Uno di Due di ven 07/05/21

    1D2 - 05/07/2021

  • PlayStop

    Jack di ven 07/05/21

    Jack di ven 07/05/21

    Jack - 05/07/2021

  • PlayStop

    Stay Human di ven 07/05/21

    Stay Human di ven 07/05/21

    Stay human - 05/07/2021

  • PlayStop

    Memos di ven 07/05/21

    Ultradestra, la ricerca di Cas Mudde oltre la democrazia liberale. Oggi Memos ha ospitato il politologo olandese Cas Mudde, 54…

    Memos - 05/07/2021

  • PlayStop

    Zehra Dogan, Prigione numero 5

    ZEHRA DOGAN - PRIGIONE NUMERO 5 - presentato da TIZIANA RICCI

    Note dell’autore - 05/07/2021

  • PlayStop

    Cult di ven 07/05/21

    ira rubini, cult, milano musica 2021, cecilia balestra, maurizio pollini, tiziana ricci, teatro out off, 100 anni joseph beuys, maestri,…

    Cult - 05/07/2021

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 07/05/21

    Luca Bergamaschi, cofondatore di Ecco Think tank insieme a Matteo Leonardi, ci parla della finanza come strumento per superare la…

    C’è luce - 05/07/2021

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 06/05/21

    sempre Claudio Ricordi in studio remoto per ..Rotoclassica: - rassegna stampa..- concerto alla Scala del 25 aprile: 10 variazioni su…

    Rotoclassica - 05/07/2021

  • PlayStop

    Prisma di ven 07/05/21

    La battaglia in Commissione Giustizia per il ddl Zan, con Alessandra Maiorino del M5S. ..Vaccini e brevetti, la presa di…

    Prisma - 05/07/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 06/05/21

    con Alessandro Diegoli. - sottoscrizione a premi rp..- punto quotidiano metro..- collegamento con Porpora Marcasciano per manifestazione di sabato..- collegamento…

    A casa con voi - 05/07/2021

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 07/05/21

    Il Giorno Delle Locuste di ven 07/05/21

    Il giorno delle locuste - 05/07/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 07/05/21

    Il demone del tardi - copertina di ven 07/05/21

    Il demone del tardi - 05/07/2021

Adesso in diretta