Politica
inchiesta per corruzione
Marra: “Via gli omissis dalla chat con Raggi”
L'ex braccio destro di Virginia Raggi, in carcere con l'accusa di corruzione, ha chiesto di rendere note in modo integrale le sue conversazioni con la sindaca
movimento 5 stelle
Il nuovo codice etico: un “decreto salva Raggi”?
Il nuovo regolamento varato da Beppe Grillo - un avviso di garanzia non equivale a una condanna e non prevede una sanzione in automatico - sta scatenando critiche anche all'interno del Movimento: c'è chi accusa Grillo di essersi scoperto oggi garantista per convenienza
caos roma
Marra promosse suo fratello. Raggi sapeva
L'Autorità anticorruzione ha bocciato la promozione del fratello di Marra, Renato, passato da vigile urbano alla guida del Dipartimento turismo
comune di roma
Bocciato il bilancio, default dietro l’angolo
L'Oref, l'organismo di revisione economica e finanaziaria, ha dato parere negativo al bilancio di previsione presentato dalla Giunta Raggi per il 2017-2019. A rischio i servizi erogati ai cittadini romani
caos roma
Rimpasto nella Giunta Raggi
Luca Bergamo sarà vicesindaco e Pinuccia Montanari la nuova assessora all'ambiente. L'ex braccio destro di Virginia Raggi, Raffaele Marra, interrogato in carcere
assemblea pd
Renzi: “Autocritica”. Minoranze scettiche
Renzi parla di autocritica ma le minoranze non si fidano delle aperture. Ora è il segretario a proporre il congresso nei tempi prestabiliti. Non ha accennato alle primarie. A cui però potrebbe presentarsi facendo leva sulla nuova immagine di sé inaugurata all'assemblea nazionale del Pd
la guerra nel m5s
Raggi, destino segnato. Guai per Di Maio
La guerra nel Movimento 5 Stelle contro Virginia Raggi - e contro Luigi Di Maio - questa volta non potrà essere coperta con un post sul blog di Grillo
Movimento 5 Stelle diviso
La poltrona di Raggi traballa
Virginia Raggi rimane al suo posto ma in tanti, nel Movimento 5 Stelle, aspettano ulteriori sviluppi per chiederne le dimissioni. Le scuse non sono piaciute
Comune di Roma
Chi è Raffaele Marra
Arrestato con l'accusa di corruzione Raffaele Marra, il dirigente del Comune di Roma che la sindaca Raggi ha da subito voluto accanto a lei in Campidoglio
roma
Tutti i guai della giunta Raggi
Le dimissioni dell'assessora Muraro perché indagata, le perquisizioni della Guardia di finanza, l'inchiesta sui compensi ai collaboratori della sindaca, i rifiuti, le municipalizzate, il Bilancio 2017 da chiudere: eppure Virginia Raggi si dice serena
la guerra nel pd
Ipotesi minoranze per la segreteria: Michele Emiliano
Nelle ultime ore è cresciuta una ipotesi: Michele Emiliano candidato delle minoranze Pd per il congresso. Renzi intanto ha cambiato un paio di volte idea sulla strategia da utilizzare domenica all'assemblea nazionale del partito
la guerra nel pd
Renzi insiste: voto subito
I referendum sul lavoro proposti dalla Cgil sono un nuovo problema per la maggioranza Pd. I bersaniani: "quel tema è nostro". Per Renzi è un ulteriore motivo per chiudere la legislatura il prima possibile. Con le elezioni, i referendum sarebbero posticipati di un anno.
legge elettorale
Prove di intesa Pd-Forza Italia
Canali riservati Pd e Forza Italia per la nuova legge elettorale. Mentre Gentiloni affronta due incognite: la durata della legislatura e i numeri al Senato
stile diverso da renzi
Il primo discorso di Gentiloni premier
Uno stile sobrio, più pacato, meno divisivo nel confronto con le opposizioni. Sembra questa la cifra del governo Gentiloni, che cerca un metodo diverso, meno duro di quello del suo predecessore. Ma la promozione della ministra Boschi a unica sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio è diventata oggi il parafulmine di tutte le critiche, soprattutto dei Cinque stelle
governo gentiloni
È un Renzi-bis. E nel partito è guerra
Renzi lancia una sfida aperta: "Non me ne vado, anzi rilancio". La guerra nel Pd, con i bersaniani che non garantiscono i loro voti, si riflette a Palazzo Chigi
il governo gentiloni
La lista dei ministri. Un governo fotocopia
Un governo fotocopia. L'esecutivo guidato da Paolo Gentiloni è in sostanziale continuità con quello di Matteo Renzi. Poche le novità, molte le conferme
crisi politica
Tempi rapidi per il nuovo Governo
Il "Gentiloni uno" si insedierà in fretta, entro la metà della settimana. Oggi ci sarà ancora una giornata piena tra consultazioni che finiranno all’ora di pranzo e poi la ricerca di una sintesi per creare la squadra di governo.
direzione al nazareno
Pd, il momento del faccia a faccia
La direzione del Partito Democratico è la prima occasione di scontro aperto, faccia a faccia, tra Renzi e i suoi oppositori interni, in vista del congresso
la crisi di Governo
Mandato a Gentiloni
Mattarella ha scelto: Paolo Gentiloni ha l’incarico di formare il nuovo Governo, con il voto di fiducia in settimana. La soluzione di questa crisi, generata dalle dimissioni di Renzi, sembra essere a portata di mano, ma l’orizzonte temporale del nuovo governo non appare essere così breve come alcuni avevano auspicato. Il servizio di Anna Bredice
crisi politica
Mediazione Pd: verso Gentiloni Premier e congresso
Gentiloni dovrebbe essere il nuovo presidente del Consiglio. Renzi rinuncia al reincarico in cambio della garanzia che Franceschini non lo molli facendogli perdere la maggioranza e in cambio del voto in primavera. Le minoranze ottengono primarie e congresso a marzo. Franceschini ago della bilancia. E Berlusconi... Il servizio di Luigi Ambrosio
crisi di governo
Renzi punta al reincarico
Con il discorso in direzione Renzi ha voluto dire che non ha intenzione di farsi commissariare e punta al reincarico per fare le modifiche alla legge elettorale e gestire da Palazzo Chigi le elezioni anticipate. L'inviato a Roma, Luigi Ambrosio
direzione pd
Renzi al partito, un discorso dal sapore elettorale
Il confronto con il partito democratico sarà duro, molto duro, ma avverrà dopo. Nella direzione di mercoledì Renzi ha delineato il suo orientamento per la prima fase di questa crisi di governo - voto al più presto o un governo di responsabilità che coinvolga tutti i partiti - e ha rivendicato i successi del suo governo: "meno tasse e più diritti"
prima la legge elettorale
Il Quirinale stoppa le accelerazioni di Renzi
“Sono inconcepibili elezioni anticipate senza una nuova legge elettorale”. In via informale, dal Quirinale trapela l’irritazione di Mattarella per l’ipotesi girata anche negli ambienti renziani di andare al voto subito, a febbraio, senza aspettare la decisione della Corte Costituzionale sull’italicum e senza farne una in parlamento con le altre forze politiche
il dopo voto
Renzi, tentazione rivincita
La forzatura sui tempi rapidissimi delle elezioni serve a mandare il messaggio: Renzi vuole decidere su tutto. La sua incognita: riuscirà a tenere uniti i renziani?

 

 

 

 
 
1
2
3
>
>>