Approfondimenti

Israele prepara l’affondo su Rafah, la svolta a destra del governo olandese e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 16 maggio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il ministro della Difesa israeliano Gallant ha annunciato l’invio di altre truppe e avverte: “L’operazione si intensificherà”. Intanto sono 600mila i civili già scappati dalla città, dove soldati e miliziani palestinesi si combattono. Le condizioni del primo ministro slovacco Robert Fico sono stabilizzate dal punto di vista medico ma sono ancora gravi. Di fronte alle evidenti difficoltà sul campo il presidente Zelensky si è recato a Kharkiv a rassicurare soldati e civili: “La situazione è difficile ma è sotto controllo”, dice ma l’avanzata di Mosca intanto continua. In Olanda l’accordo di governo comprende il partito nazionalista e xenofobo di Geert Wilders. L’opposizione si oppone al confronto tra Elly Schlein e Giorgia Meloni. In Veneto fino a domani è allerta rossa, per il violento nubifragio che ha colpito soprattutto le zone del veronese e del vicentino. 

L’operazione a Rafah si intensifica

“La minaccia della carestia a Gaza non è mai stata così grave”: a lanciare l’ennesimo allarme per la situazione umanitaria nell’enclave palestinese è stato oggi pomeriggio il Pam, il programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite.
L’appello arriva poco dopo l’annuncio che Israele sta per aumentare la pressione militare su Rafah: il ministro della Difesa Gallant ha detto che presto nella città entreranno “altre truppe” e che “l’operazione si intensificherà”.
I soldati israeliani a Rafah controllano ormai la zona orientale e le principali vie di collegamento; i blindati stanno avanzando però con fatica verso il centro della città, ostacolati dagli attacchi dei miliziani palestinesi.
Onu e mezzaluna rossa sottolineano che anche oggi Israele ha mantenuto chiusi i valichi di frontiera, impedendo l’ingresso ai convogli di aiuti umanitari.

Si combatte anche nel nord della Striscia, dove dopo mesi di stallo il fronte si è riacceso; le brigate Qassam, braccio armato di Hamas, sono impegnate da giorni in violenti scontri a fuoco contro i soldati israeliani a Jabalya e a Gaza City.
L’esercito sembra in difficoltà: solo oggi sono 5 i militari israeliani uccisi, 7 quelli feriti, alcuni in gravissime condizioni.
Almeno 50 le vittime palestinesi nelle ultime 24ore; molte sono rimaste uccise dai bombardamenti che hanno colpito il nord e il centro dell’enclave, l’area dove stanno cercando rifugio i palestinesi in fuga da Rafah: negli ultimi dieci giorni sono scappate già 600mila persone; molte si trovano ora a Khan Yunis

Slovacchia, il giorno dopo l’attentato

Le condizioni del primo ministro slovacco Robert Fico sono stabilizzate dal punto di vista medico ma sono ancora gravi: lo ha confermato nel pomeriggio la direttrice dell’ospedale dove è ricoverato dopo l’attentato di ieri. Secondo le informazioni ufficiali può comunicare e finora è stato sottoposto a una sola operazione.

Intanto sul profilo dell’aggressore, fermato subito dopo aver sparato al premier, si confermano le prime informazioni. “Quello di ieri è stato un tentato omicidio premeditato” e non un incidente, ha detto il ministro della Difesa Kalinak a Bratislava. “Un omicidio politicamente motivato” anche se l’aggressore “é un lupo solitario, e non fa parte di movimenti politici”

Il giorno dopo l’attentato l’impatto sulla situazione politica e sociale della Slovacchia: sentiamo Lorenzo Berardi, giornalista di Zentrum Report

L’avanzata di Mosca continua

L’Ucraina accusa la Russia di aver usato una quarantina di civili come “scudi umani” a Vovchansk, la cittadina vicina al confine che l’esercito russo sta cercando di conquistare.
I vertici militari ucraini denunciano anche l’uso da parte di Mosca di bombe a grappolo.
Da una settimana la Russia ha lanciato una nuova offensiva dal fronte nord orientale in direzione di Kharkiv, in pochi giorni ha rivendicato la riconquista di una decina di località. L’esercito di Kiev è stato costretto a ritirare le proprie truppe e ha già evacuato migliaia di civili dalla regione.
Per cercare di rassicurare la popolazione, il presidente ucraino Zelensky è stato oggi in visita a Kharkiv, ha ammesso che la situazione è estremamente difficile, ma ha anche che è “sotto controllo”.

Olanda, l’accordo dei liberali con il partito nazionalista e xenofobo di Geert Wilders

In Olanda l’accordo di governo comprende l’estrema destra. I liberali hanno accettato di allearsi con l’estrema destra di Geerd Wilders. Il leader non sarà premier ma il suo partito governerà insieme ai liberali dell’ex premier Rutte. L’intesa ha suscitato le proteste della presidente del gruppo europeo Renewm la macroniana Valerie Hayer. I liberali olandese infatti sono in questo gruppo al parlamento europeo e l’intesa con l’estrema destra xenofoba in Olanda li mette in imbarazzo e crea un problema politico. Uno dei punti principali dell’accordo di governo riguarda l’immigrazione. Prevede la deportazione anche forzata degli immigrati senza permesso di soggiorno. E poi rinforzare i controlli alle frontiere e chiedere subito a Bruxelles la deroga agli accordi presi a livello europeo.

Il faccia a faccia televisivo tra Meloni e Schlein non si farà

(di Anna Bredice)
Quattro i partiti che non hanno accettato il format dei confronti da Bruno Vespa, che in sostanza hanno detto no al confronto tra Elly Schlein e Giorgia Meloni. Tra i quattro il no che pesa di più e che ha determinato la situazione attuale è quello di Giuseppe Conte, che da principio è stato contrario al duello tra le due leader politiche, che avrebbe determinato in maniera evidente l’ascesa della segretaria del Pd come avversaria numero uno della presidente del Consiglio. E infatti il capo dei Cinque stelle nel pomeriggio cerca di scalare le posizioni nel tentativo di dare lui le carte. “Cara Giorgia – scrive Conte in una nota – che farai adesso, ti tirerai indietro rispetto ad un confronto con il sottoscritto e gli altri leader? Dai vieni da Mentana”, conclude. La strategia è chiara, lui invita e lui diventa l’avversario della presidente del Consiglio. Ma Giorgia Meloni non ha risposto, per lei è Giovanni Donzelli che sta trattando il confronto in Tv e la volontà chiara già da mesi era di incontrare Elly Schlein, da quando la invitò alla festa del partito, ad Atreju e Schlein disse di no, fino all’invito a Porta a Porta, a cui le due si stavano preparando da tempo. Nonostante, e forse questa sarebbe l’osservazione e la critica più pertinente, nessuna delle due corre per andare veramente al Parlamento europeo. Sarebbe stato un confronto che guardava in avanti, alle politiche, la fotografia delle due avversarie per le elezioni del 2026 e del referendum sul premierato. Il Pd parla di “occasione mancata, c’è chi preferisce, si legge in una nota, rinunciare ad un confronto in prima serata pur di negarlo alle due donne che guidano i primi due partiti d’Italia. Il riferimento è abbastanza chiaro, a Giuseppe Conte, anche se pure Tajani non era molto favorevole al duello tra le due leader politiche. Pare escluso che Giorgia Meloni accetti un confronto all’americana con tutti i capi di partito. Rimangono i social, come era avvenuto tra Letta e Meloni, che approdarono in un confronto sul sito del Corriere della Sera, ora la possibilità è quella di un duello social, su Instagram.

Il Veneto colpito dai nubifragi

In Veneto fino a domani è allerta rossa, per il violento nubifragio che ha colpito soprattutto le zone del veronese e del vicentino. Strade allagate, case senza luce, due ponti crollati: questo il bilancio attuale dei danni. “Un vero disastro”, l’ha definito il presidente Luca Zaia che ha dichiarato lo stato di emergenza.
In provincia di Vicenza in 6 ore sono caduti 230 millimetri d’acqua, un fenomeno che secondo gli esperti capita ogni 300 anni. Nel comune di Malo due ponti sono stati spazzati via da un torrente in piena.
Qui abbiamo raggiunto alcuni abitanti.

 

Esattamente un anno fa l’alluvione che metteva in ginocchio l’Emilia Romagna. Il bilancio fu di 17 morti, 20.000 sfollati e danni stimati sui 10 miliardi di euro. Il governo affidò al commissario Figliuolo il compito della ricostruzione e dei risarcimenti. Indennizzi che, però, a distanza di un anno sono ancora in forte ritardo. Ad esempio, la cooperativa agricola Cab Terra di Ravenna ha subito perdite per 2 milioni di euro. L’azienda in quei giorni si distinse per un atto di generosità, accettando di far allagare i propri terreni per salvare dall’acqua la città. Ad oggi dallo Stato non ha ancora ricevuto un centesimo.
Fabrizio Galavotti è il presidente della Cooperativa Cab Terra.

 

La terza giornata del Festival di Cannes 2024

(di Barbara Sorrentini)
Il concorso di Cannes 77 è partito e già nel primo giorno ha dato l’impronta. Qualità e storie profonde e nel caso dei due primi film decisamente drammatiche. La regista francese Agathe Riedinger è in concorso con il suo primo lungometraggio. Abituata a ritrarre figure femminili attraverso la fotografia e il cortometraggio, in “Diamant Brut” segue la vita disordinata e un po’ folle di una diciannovenne, diventata influencer per guadagnare tanto e in fretta sfruttando il suo corpo. È un percorso di smarrimento, che la allontana da tutto il resto in cerca di successo sognando di entrare in un reality show. Un caso estremo probabilmente, ma che si avvicina alla quotidianità di molte ragazze che non esplorano altre vie più faticose, meno remunerative ma sicuramente più solide.
In serata è passato anche il cortometraggio “Moi Aussi” dell’attrice Judith Godreche, una raccolta di testimonianze per dare voce ad alcune donne vittime di violenze sessuali. Con la loro presenza sul red carpet continua l’attenzione mediatica di questi giorni sul tema.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 15/06 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 15-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 14/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 14-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 14/06/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 14-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Delorean di sabato 15/06/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 15-06-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 15/06/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 15-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 15/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 15-06-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 15/06/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 15-06-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 15/06/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 15-06-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 15/06/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 15-06-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 15/06/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 15-06-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 15/06/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 15-06-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 15/06/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 15-06-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 15/06/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 15-06-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 15/06/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 15-06-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 15/06/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 15-06-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 15/06/2024

    La terza edizione del Disability Pride di Milano; Circonferenze. Festival di Circo e Teatro di Strada; sulla nostra poltrona, Martina Micciché, scienziata politica, scrittrice e fotoreporter femminista e antispecista; il Premio l'AltroPallone, intervista a Claudio Ranieri; il consiglio della rubrica GialloCrovi, l'arte, il cinema, il teatro; il Back to the future festival; Alice, è questo il paese delle meraviglie? Spettacolo itinerante a Cernusco. E molte segnalazioni.

    Good Times - 15-06-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 15/06/2024

    1)Quando gli artisti non sono disposti a fare compromessi morali. I Massive Attack rinunciano al concerto in Georgia per protestare contro la politica repressiva del governo. 2)Dopo la sentenza storica della Cedu a favore della causa delle anziane per il clima, il parlamento Svizzero vota per ignorare la decisione della corte. (Norma Bargetzi) 3) Il fratello ritrovato. La storia di Miguel Santucho che dopo 47 anni ha ritrovato il fratello mai conosciuto grazie alla nonna e alle Abuelas di Plaza de Mayo 4) Queer, arabi e arrabbiati. Gli attivisti LGBTQ+ in medio oriente raccontati dal progetto fotografico I hear your silence. (Daniela Sala - Fada Collective) A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 15-06-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 15/06/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 15-06-2024

Adesso in diretta