logo RP
scrivi | newsletter | cerca

ascoltaci in streaming

 


se non senti clicca qui

Ascolta qui l'ultimo Gr


orchestra dei popoli Vittorio Baldoni

Venerdì 21 novembre alle ore 21 l’Orchestra dei Popoli Vittorio Baldoni suonerà per Radio Popolare nell'Auditorium Demetrio Stratos di via Ollearo 5. Un concerto di musica meticcia con un'orchestra formata da un organico composto da musicisti provenienti da esperienze artistiche e sociali completamente differenti. Un mix tra ragazzi di diverse nazionalità (rom, ma anche filippini, peruviani, cinesi, africani, indiani) e dotati di grande talento per la musica che provengono dalle esperienze formative delle scuole musicali, in particolare dal Conservatorio “G. Verdi” di Milano. Un'orchestra con strumenti che raramente convivono sullo stesso palco: tablas, charanghi, flauti andini, erhyu mongoli e percussioni africane che dialogano con sezioni di archi e fiati del Conservatorio. Ingresso libero, prenotazioni allo 02-39241409.


prigioniero dell’uomo bianco

 

Il 29 novembre 1864 i militari dell’esercito statunitense attaccarono un accampamento che ospitava circa 600 tra cheyenne e arapaho, accampati in un’ansa del fiume Big Sandy Creek. Fu un massacro, in cui persero la vita tra 125 e 175 nativi americani. Son passati 150 anni e oggi degli ‘indiani’ si son perso le tracce.  Non sono più di moda nemmeno al cinema. In compenso dal 1976 Leonard Peltier, attivista nativo e membro dell’American Indian Movement, è ingiustamente ‘ospitato’nella galere statunitensi. Fine pena: mai.

 

Il 28 novembre 2014 intorno alle 17.00, in contemporanea con un’analoga iniziativa che si terrà a Barcellona, vi invitiamo a raggiungerci (vi diremo dove) per chiedere la liberazione di Peltier e cantare insieme Fiume Sand Creek, la canzone che Fabrizio de Andrè dedicò al massacro di 150 anni fa. Venite armati di piume, flauti nativi, cattura sogni, calumet della pace… Per adesioni scrivere a leonardpeltier(at)mail.com, vi risponderemo comunicandovi il luogo dell’happening 


tor sapienza, periferia di roma

Dal quartiere popolare nato nel segno dell'antifascismo, all'assalto al centro che ospita i profughi. Tanti problemi accumulati negli anni e ignorati dalla politica, ma anche un quartiere ricco di un tessuto sociale che resiste. Una storia simile a tante periferie italiane che chiedono ascolto, perchè, come scrive la ricercatrice Adriana Goni Mazzitelli “Le periferie di Roma stanno anticipando l'italia che verrà”. Il reportage di Massimo Alberti è riascoltabile nella pagina degli Speciali di Radio Popolare.


Garabombo è maggiorenne!

Iniziata la 18a edizione del Banco di Garabombo, organizzato da Radio Popolare, Chico Mendes Altromercato e Cooperativa Librerie in Piazza. Nello storico tendone degli acquisti responsabili e solidali trovate i prodotti del commercio equo, a filiera corta, prodotti su terreni confiscati alle mafie, dalla cooperazione sociale, quelli made in carcere e dei  presidi slow food: oltre 450 mq di proposte originali, etiche e sostenibili, che si possono trovare presso il Parcheggio di Via Mario Pagano (all’uscita della fermata M1) a Milano.

Aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 20.00 con orario continuato fino al 6 gennaio 2015.

 


speciale 25 anni fa la caduta del muro di berlino

Il 9 novembre del 1989 si sgretola il pezzo più importante della Cortina di ferro che ha diviso in due l'Europa per quarant'anni. Radio Popolare ha raccontato in uno speciale quei giorni attraverso la testimonianza della scrittrice tedesca Christiane Kohl; la fine della Guerra fredda, la riunificazione tedesca, la nuova Europa nell'analisi di Luigi Bonanate (politologo internazionale dell'Università di Torino). Uno speciale a cura di Lele Liguori.

 


speciale la mafia non esiste

Potete riascoltare Don Luigi Ciotti, ospite in una diretta di Radio Popolare nel bene confiscato gestito da Archè Onlus e la web radio Frequenze a Impulsi, durante il 3° Festival dei beni confiscate alle mafie. Nell'intervista di Barbara Sorrentini, il fondatore di Libera parla di legalità, di confisca dei beni, ricorda i suoi incontri con la testimone di giustizia Lea Garofalo, uccisa a Milano dalla 'ndrangheta, racconta della propria vita sotto scorta e dello scambio di idee con Papa Francesco.


bella e possibile 2014

Dal 1976 crediamo in un modo diverso di fare informazione, cultura e intrattenimento. Oggi chiediamo a tutti voi, ascoltatori e abbonati, uno sforzo in più per far crescere Radio Popolare. Una radio bella e possibile.

 

 

Potete trovare le magliette in sede e alle nostre iniziative.

 

provenienza della maglietta


Uffici in affitto a Milano, zona Mac Mahon.

Per informazioni clicca qui.


è nata la APP ufficiale di radiopop!

Installami! Mi trovi su Google Play Store

Scaricandola sui vostri smartphone e tablet Android potrete ascoltare Radio Popolare in streaming: la diretta, i giornali radio e i podcast delle trasmissioni. Riceverete le ultime novità della radio e potrete mandare email e SMS alla diretta. Scrivete la vostra opinione, o quali evoluzioni vorreste, scrivendo a digital(at)radiopopolare.it. Attraverso i vostri feedback costruiremo la versione 2.0 dell'applicazione che, per gennaio 2015, sarà poi disponibile anche per iOS e Windows Phone.

la pazza della porta accanto

Mercoledì 26 novembre alle ore 21 ritorna l'appuntamento mensile con il documentario della trasmissione Vogliamo anche le rose. Sullo schermo il volto di Alda Merini, nel film La pazza della porta accanto, in un'intervista-ritratto curato dalla regista napoletana Antonietta De Lillo. Uno sguardo fedele sulla poetessa milanese, con le sue parole sull'amore, la follia, la città, i bambini e molti altri argomenti, cari alla Merini. Con Barbara Sorrentini, la regista Antonietta De Lillo e alcuni studiosi degli scritti di Alda Merini. L'ingresso è gratutito, prenotazione allo 02-39241409.


popogusto!

Sabato 22 novembre nei chiostri dell'Umanitaria, in Via San Barnaba 48, dalle 10 alle 17 vi aspetta Popogusto il mercato a filiera corta di Radio Popolare!



 

 

70 anni fa in Val d'Ossola

10 settembre - 23 ottobre 1944.

Settanta anni fa la Val d'Ossola, estremità settentrionale del Piemonte al confine con la Svizzera, si ribellava e per 40 giorni circa provava il brivido della ritrovata libertà. Nel fine settimana si terranno le celebrazioni per ricordare la Repubblica dell'Ossola, il suo contributo alla lotta di liberazione e l'impegno civile dei suoi protagonisti. Dario Falcini ha curato uno speciale sull'esperienza partigiana a Domodossola e nelle vallate che la circondano. Potete riascoltarlo in podcast tra gli Speciali di Radio Popolare.


 
archivio comunicati design: alizarina
 
radio popolare - via u. ollearo 5 - 20155 milano - 02.392411 - p.i. 10020780150