manovre post voto

Il piano di Renzi: ciao Pd, nuovo movimento

venerdì 09 marzo 2018 ore 19:23

Matteo Renzi sta valutando l’ipotesi di abbandonare il Partito Democratico.

Lo farebbe se non riuscisse a mantenere il controllo del Pd.

Il piano è concreto: uscire dal partito, fondare un nuovo movimento, portare con sé quanti più deputati e senatori possibile per formare gruppi parlamentari alla Camera e al Senato.

Renzi non ha alcuna intenzione di mollare. Le dimissioni dalla segreteria del Pd sono un atto formale ma la sua volontà è di continuare a essere protagonista della scena politica.

Il progetto di un nuovo movimento è un’arma in grado di produrre diversi effetti. In prima istanza, quello di intimorire gli avversari nella battaglia dentro al Pd.

Se poi il Pd fosse perso, si darebbe attuazione all’idea alternativa. L’ex rottamatore si ‘metterebbe in proprio’ sulla scia di quanto fatto da Emmanuel Macron in Francia. 

In questo modo, è il calcolo, garantirebbe un ruolo a se stesso e ai suoi fedelissimi e si giocherebbe una nuova scommessa per il futuro. Indebolendo al tempo stesso il Pd fino a rischiare di farlo implodere.

Tra i consiglieri di Renzi, Luca Lotti sarebbe il più scettico, mentre il progetto avrebbe il consenso del tesoriere del partito, Francesco Bonifazi e soprattutto di Maria Elena Boschi, componente fondamentale del ‘giglio magico‘ nonché segretaria della Fondazione Open, centro di elaborazione politica e cuore delle relazioni e del potere del renzismo.

Quanti parlamentari lo seguirebbero? Molti tra gli eletti oggi considerati a lui fedeli non lascerebbero il Pd ma alla fine Renzi potrebbe contare su 20-25 deputati e su un numero di senatori tra i 10 e i 15.

Numeri sufficienti per formare gruppi autonomi sia alla Camera che al Senato.

A quel punto, Renzi potrebbe giocare da battitore libero, anche per partecipare alla formazione di un governo.

La partita del governo è complicatissima, il presidente della Repubblica vuole numeri certi a sostegno dell’esecutivo. Mattarella non ama formule ambigue e ballerine, non vuole sentire parlare, almeno in questa fase, di ‘sostegno esterno’.

L’avversione di Renzi per un appoggio del Pd a un governo del Movimento 5 Stelle è nota.

Formalmente il Pd è contrario anche a qualsiasi forma di collaborazione con un centrodestra egemonizzato da Salvini. Ma a taccuini chiusi i ragionamenti dei renziani sono più sfumati.

I voti degli ipotetici gruppi renziani non sarebbero sufficienti per la formazione di un governo guidato dal centrodestra ma potrebbero essere un tassello fondamentale.

Il nome del movimento? Sconosciuto. Renzi però chiude spesso i suoi comizi con una parola che è un’esortazione ed è anche uno slogan, oltre che il titolo del suo libro: Avanti

 

Aggiornato lunedì 12 marzo 2018 ore 15:22
TAG