trattative con Ankara

Il fallimento dell’Europa

martedì 08 marzo 2016 ore 07:02

Ankara raddoppia la richiesta a Bruxelles per la gestione dei migranti. Fino ad oggi la Commissione Europea era pronta ad offrire tre miliardi di euro: uno preso dal budget dell’Ue, gli altri due dagli Stati membri. Oggi è il governo turco a stabilire il prezzo per fermare i migranti prima che varchino i confini europei: 6 miliardi di euro (entro il 2018). Troppo? Per l’Italia forse, visto che il premier Matteo Renzi aveva già discusso con il resto della Commissione perché non voleva approvare l’aiuto ad Ankara. Tutti d’accordo, invece, alle altre latitudini europee: dall’Austria al Belgio il coro è unanime. La prerogativa è esaurire la rotta balcanica. “Delocalizzare” fuori dall’Unione la gestione dei migranti è il primo passo per ottemperare a questa strategia. Data la tensione, però, è improbabile che si arrivi ad una soluzione entro sera.

La notizia del “ricatto” turco trapela dai corridoi della Commissione, dove la rappresentanza turca sta giocando su più tavoli con i diplomatici europei. Il dossier più caldo è certamente quello dei migranti, visti anche i numeri. Secondo l’Unhcr, il flusso di richiedenti attraverso i Balcani si sta riducendo con il giro di vite imposto dai Paesi alla fine della rotta. In Grecia dal primo marzo sono stati registrati 8.700 rifugiati, di cui solo 1.500 hanno raggiunto la Macedonia.

Ma questo non è l’unico file aperto per Ankara. Il presidente Ahmed Davutoglu ha detto di voler parlare anche di ingresso della Turchia in Europa. Di nuovo, la gestione dei migranti potrebbe essere il passpartout per Ankara, capace anche di far digerire ai vertici europei la mano pesante che Erdogan utilizza nella gestione del dissenso e della minoranza curda. Non solo: Ankara ha fatto sapere anche di volere una presenza più massiccia della Nato al confine con la Turchia.

Sembra che le lancette siano tornate indietro di quattro mesi, quando l’Europa trattava con i Paesi africani di partenza, al summit sull’immigrazione di La Valletta. Solo che in quel caso le trattative erano unilaterali: 1,8 miliardi di euro per i Paesi che si sarebbero impegnati nella gestione del problema, erogati attraverso l’Africa Trust Fund. Peccato che già all’epoca si fosse capito che l’obiettoivo grosso per l’Europa fosse Ankara: già all’epoca infatti si è cominciato a parlare dei soldi alla Turchia. Ma allora perché aspettare che la situazione tornasse una drammatica emergenza per rimettersi a discutere? Perché i migranti sono solo una moneta di scambio per ottenere altro. Nessuno si pone il problema di risolvere il conflitto in Siria, principale causa dell’esodo verso la Grecia. Lo testimonia come stanno andando i negoziati di pace.

Aggiornato martedì 08 marzo 2016 ore 18:19
TAG