Approfondimenti

Il fallimento dell’Europa

Ankara raddoppia la richiesta a Bruxelles per la gestione dei migranti. Fino ad oggi la Commissione Europea era pronta ad offrire tre miliardi di euro: uno preso dal budget dell’Ue, gli altri due dagli Stati membri. Oggi è il governo turco a stabilire il prezzo per fermare i migranti prima che varchino i confini europei: 6 miliardi di euro (entro il 2018). Troppo? Per l’Italia forse, visto che il premier Matteo Renzi aveva già discusso con il resto della Commissione perché non voleva approvare l’aiuto ad Ankara. Tutti d’accordo, invece, alle altre latitudini europee: dall’Austria al Belgio il coro è unanime. La prerogativa è esaurire la rotta balcanica. “Delocalizzare” fuori dall’Unione la gestione dei migranti è il primo passo per ottemperare a questa strategia. Data la tensione, però, è improbabile che si arrivi ad una soluzione entro sera.

La notizia del “ricatto” turco trapela dai corridoi della Commissione, dove la rappresentanza turca sta giocando su più tavoli con i diplomatici europei. Il dossier più caldo è certamente quello dei migranti, visti anche i numeri. Secondo l’Unhcr, il flusso di richiedenti attraverso i Balcani si sta riducendo con il giro di vite imposto dai Paesi alla fine della rotta. In Grecia dal primo marzo sono stati registrati 8.700 rifugiati, di cui solo 1.500 hanno raggiunto la Macedonia.

Ma questo non è l’unico file aperto per Ankara. Il presidente Ahmed Davutoglu ha detto di voler parlare anche di ingresso della Turchia in Europa. Di nuovo, la gestione dei migranti potrebbe essere il passpartout per Ankara, capace anche di far digerire ai vertici europei la mano pesante che Erdogan utilizza nella gestione del dissenso e della minoranza curda. Non solo: Ankara ha fatto sapere anche di volere una presenza più massiccia della Nato al confine con la Turchia.

Sembra che le lancette siano tornate indietro di quattro mesi, quando l’Europa trattava con i Paesi africani di partenza, al summit sull’immigrazione di La Valletta. Solo che in quel caso le trattative erano unilaterali: 1,8 miliardi di euro per i Paesi che si sarebbero impegnati nella gestione del problema, erogati attraverso l’Africa Trust Fund. Peccato che già all’epoca si fosse capito che l’obiettoivo grosso per l’Europa fosse Ankara: già all’epoca infatti si è cominciato a parlare dei soldi alla Turchia. Ma allora perché aspettare che la situazione tornasse una drammatica emergenza per rimettersi a discutere? Perché i migranti sono solo una moneta di scambio per ottenere altro. Nessuno si pone il problema di risolvere il conflitto in Siria, principale causa dell’esodo verso la Grecia. Lo testimonia come stanno andando i negoziati di pace.

  • Autore articolo
    Lorenzo Bagnoli
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 20/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 20/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 20/01/21 delle 07:15

    Metroregione di mer 20/01/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 20/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    psicoradio di mar 19/01/21

    Cosa succede quando una persona che dovrebbe prendersi cura di te, che dovrebbe accoglierti, ti tratta con estrema freddezza? Umberto…

    Psicoradio - 20/01/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 20/01/21

    Stay Human di mer 20/01/21

    Stay human - 20/01/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 20/01/21

    La Russia di Putin e la rivoluzione di Navalny. Reazioni indignate in Europa e Stati Uniti per l’arresto di Alexei…

    Memos - 20/01/2021

  • PlayStop

    Giancarlo Elfo Ascari, E la nebbia che va

    GIANCARLO ELFO ASCARI - E LA NEBBIA CHE VA - presentato da IRA RUBINI -

    Note dell’autore - 20/01/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 20/01/21

    ira reubini, cult, maurizio principato risonanze, tiziana ricci, segrete tracce di memoria, palazzo ducale genova, luci nella shoa, matteo corradini,…

    Cult - 20/01/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 20/01/21

    Con i dati di Parler, la mappa interattiva dell’assalto a Washington; YouTube “cancella” Donald Trump;Ocasio Cortez contro Zuckerberg ; novità…

    Doppio Click - 20/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 20/01/21

    Prisma di mer 20/01/21

    Prisma - 20/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 20/01/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 20/01/21

    Rassegna stampa internazionale - 20/01/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 20/01/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 20/01/21

    Il demone del tardi - 20/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 20/01/21

    Fino alle otto di mer 20/01/21

    Fino alle otto - 20/01/2021

  • PlayStop

    Stile Libero di mer 20/01/21

    Stile Libero: Culture in Movimento - Autogrill, Simone Colafranceschi, Sting, Lady Gaga, Sufjan Stevens, Jim O'Rourke, Sleaford Mods, Suicide, Trent…

    Stile Libero - 20/01/2021

  • PlayStop

    Music Revolution di mar 19/01/21

    Puntata 2 - Sigla:.Alan Parsons Project - The Fall of the House of Usher. Playlist: ..01 - Sigur Ros -…

    Music Revolution - 20/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/01/21

    Ora di punta di mar 19/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 20/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di mar 19/01/21

    1-Stati uniti. Vigilia dell’Inauguration Day. Ultime ore di Donald Trump alla Casa Bianca. ( Roberto Festa) ..2-La rivoluzione tradita. In…

    Esteri - 20/01/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mar 19/01/21

    Uno di Due di mar 19/01/21

    1D2 - 20/01/2021

Adesso in diretta