Approfondimenti

Dietro il vaccino anti-COVID di Pfizer c’è una storia di integrazione della comunità turca in Germania

Ugur Sahin e Oezlem Tuereci - Vaccino Pfizer

Furono almeno 750mila i cittadini turchi che negli anni sessanta, con l’esplosione del miracolo economico tedesco e la stipula di un accordo bilaterale Germani-Turchia, lasciarono il loro Paese per soddisfare la sete di mano d’opera dell’industria tedesca. Fra di loro, c’erano anche i genitori di Ugur Sahin e Oezlem Tuereci, i due ricercatori turchi, marito e moglie, fondatori dell’azienda farmaceutica tedesca BioNTech, che ha realizzato insieme all’americana Pfizer il farmaco che potrebbe permettere un decisivo passo in avanti nella gestione del Coronavirus nel mondo.

Nato in Turchia lui e in Germania lei, i due figli di immigrati ne hanno fatta di strada. Si sono conosciuti mentre muovevano i primi passi nel mondo accademico, e non si sono più lasciati, accomunati da una fortissima passione e dedizione per la medicina e l’oncologia: pare che siano andati a lavorare in laboratorio anche il giorno del loro matrimonio. La loro linea di ricerca è quella del rafforzamento delle cellule immunitarie come strategia contro i tumori.

Il loro grandissimo impegno e notevoli capacità sono stai premiati anche economicamente: senza abbandonare mai l’attività di insegnamento e ricerca, dal 2001 sono entrati nel ramo imprenditoriale della medicina, fondando la Gaymed Pharmaceuticals, dedicata allo sviluppo di innovative terapie anticorpali in grado di contrastare il cancro, azienda che poi è stata acquistata nel 2016 dal colosso giapponese Astella per 1,28 miliardi di euro.

La BioNTech nel frattempo era già in cantiere: fondata dalla coppia nel 2008 con lo scopo di sviluppare maggiormente terapie immunitarie anticancro, lavora anche su HIV e Tubercolosi, ed ha ricevuto una donazione di 55 milioni di dollari anche dalla fondazione di Bill e Melinda Gates.

Il merito dei due scienziati in relazione alla pandemia sta nell’avere intuito molto presto che il coronavirus di Whuan poteva diffondersi a livello mondiale e provocare più ondate: già da gennaio misero 500 persone a lavorare sul progetto “light speed”, velocità della luce, seguendo la stessa linea di ricerca usata per farmaci anti cancro, ovvero l’utilizzo, per stimolare gli anticorpi, di segmenti di mRNA, una molecola molto simile al DNA.

Il prestigio dei ricercatori, elevato per quanto abbiano sempre preferito lavorare nell’ombra, ha richiamato poi a marzo l’interesse del gigante statunitense del farmaco Pfizer e della cinese Fosun. Da lì questo vaccino a tempo di record, il cui effettivo successo nel domare la pandemia è tutto da verificare, dopodichè può fare piacere sapere che queste due persone forse destinate a rimanere nella storia, nonostante i successi professionali ed economici, sono rimaste a detta di tutti i loro collaboratori, persone umili, semplici e generose.

  • Autore articolo
    Serena Tarabini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 03/12/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/03/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 03/12/20 delle 07:16

    Metroregione di gio 03/12/20 delle 07:16

    Rassegna Stampa - 12/03/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 03/12/20

    Uno di Due di gio 03/12/20

    1D2 - 12/03/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 03/12/20

    Jack di gio 03/12/20

    Jack - 12/03/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 03/12/20

    Considera l'armadillo gio 03/12/20

    Considera l’armadillo - 12/03/2020

  • PlayStop

    Stay Human di gio 03/12/20

    Stay Human di gio 03/12/20

    Stay human - 12/03/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 03/12/20

    Recovery Fund e transizione ecologica. Il governo procede lentamente. I progetti che dovrà discutere con la Commissione europea, per ottenere…

    Memos - 12/03/2020

  • PlayStop

    Enrico De Angelis, Coltivo una rosa bianca

    ENRICO DE ANGELIS - COLTIVO UNA ROSA BIANCA - presentato da CLAUDIO AGOSTONI

    Note dell’autore - 12/03/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 03/12/20

    ira rubini, cult, francesco micciché, io una giudice al maxi processo, barbara sorrentini, monica passoni, sigmund freud museum vienna, stefano…

    Cult - 12/03/2020

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 29/11/20

    A cura di Gigi Longo. Brani di Fairuz, Miles Davis and Marcus Miller. Jim Hall, Cecil Taylor and Tony Oxley,…

    Prospettive Musicali - 12/03/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 03/12/20

    Diamo le risposte alle vostre domande; la scorsa settimana abbiamo ascoltato la testimonianza di come alcuni medici che si erano…

    37 e 2 - 12/03/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 03/12/20

    La maggioranza litiga sulle nuove restrizioni del Dpcm che entrerà in vigore dal 4 dicembre, intervista alla senatrice di leu…

    Prisma - 12/03/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 03/12/20

    Rassegna stampa internazionale di gio 03/12/20

    Rassegna stampa internazionale - 12/03/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 03/12/20

    Il demone del tardi - copertina di gio 03/12/20

    Il demone del tardi - 12/03/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 03/12/20

    Fino alle otto di gio 03/12/20

    Fino alle otto - 12/03/2020

  • PlayStop

    Funk shui di gio 03/12/20

    Funk Shui 74 - Tracklist: 1. Raul Monsalve y los Forajidos - La Pulga ..2. Alostmen - Kologo feat. Wanlov…

    Funk shui - 12/03/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 02/12/20

    Jazz Ahead 102 - Playlist: 1. Cade Rennan, A Espetacular Charanga do França, Cade Rennan, YB, 2020..2. Obà Inà, A…

    Jazz Ahead - 12/03/2020

Adesso in diretta