Approfondimenti

Una piazza popolare che dice: adeguare la legge alla vita come è già oggi

piazza milano legge zan ANSA

Fare in fretta. Per approvare la Legge Zan si deve fare in fretta. Più trascorre il tempo più chi sta boicottando il testo contro la omotransfobia vede aumentare le proprie possibilità di farcela.
Votare la Zan al Senato entro la fine dell’estate. Lo dicevano ieri i politici che si sono presentati all’arco della Pace, a Milano. Alessandro Zan, Alessandra Maiorino, quelli del PD.
Dopo l’estate inizierà la partita per il Quirinale, che si lega al futuro di Draghi, e inizierà di fatto la campagna elettorale. Diventerà tutto ancora più complicato.

Correre allora anche se fino a oggi solo il Movimento 5 Stelle ha cercato di usare tutti gli strumenti del regolamento per accorciare i tempi. Molto dipenderà dalla determinazione della ex maggioranza giallorossa e un fattore, che ieri si è visto in piazza con Elio Vito e soprattutto quando è arrivata Francesca Pascale, è Forza Italia. “Sono abbastanza imbarazzata dal fatto che gli equilibri di Forza Italia li debba spostare io” ci ha detto la ex compagna di Berlusconi.

Le sue parole contro la concezione reazionaria della famiglia del coordinatore Tajani hanno sollevato un velo e le contrarietà forziste alla linea del no alla Zan rischiano di essere decisive, dati i numeri al Senato e date ad esempio le ambiguità di Italia Viva. Questi i giochi nelle aule parlamentari, che sembravano ancora più incomprensibili del solito.

Ieri dal palco i politici hanno parlato, la piazza li ha ascoltati, ma non sono stati loro i protagonisti. È stata in una manifestazione popolare dove c’erano sì le bandiere dei partiti, dei sindacati, ma protagoniste sono state le persone. Persone giovani in maggioranza – e pure questo è un dato politico – che chiedono niente altro che adeguare le norme italiane al quotidiano di tutte e tutti. Persone che hanno detto ai politici che il dibattito romano è anni luce indietro rispetto alla realtà e che casomai la Zan è il dato minimo di civiltà in un paese moderno.

La legge “è una esigenza politica ma non è una questione di colore o di bandiera politica, non ho mai votato a sinistra ma oggi mi sento di ringraziare la sinistra che si è presa cura di questo tema” ci diceva Francesca Pascale. Era esattamente il sentimento della piazza. Adeguare le leggi italiane alla vita come già è oggi. Lo capiranno, nel Palazzo?

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 27/10/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 28/10/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 27/10/21 delle 19:49

    Metroregione di mer 27/10/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 28/10/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    The weekly report di gio 28/10/21

    The weekly report di gio 28/10/21

    The Weekly Report - 28/10/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 27/10/21

    Jazz Ahead di mer 27/10/21

    Jazz Ahead - 28/10/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 27/10/21

    News Della Notte di mer 27/10/21

    News della notte - 28/10/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mer 27/10/21

    Gimme Shelter di mer 27/10/21

    Gimme Shelter - 28/10/2021

  • PlayStop

    Il giusto clima di mer 27/10/21

    Parliamo della crisi su tutti i mercati di risorse fossili con Simone Tagliapietra del Bruegel Think tank, del centenario della…

    Il giusto clima - 28/10/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mer 27/10/21

    Quel che resta del giorno di mer 27/10/21

    Quel che resta del giorno - 28/10/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 27/10/21

    1-Portogallo: verso l’implosione della coalizione progressista che governa il paese da sei anni. Socialisti e il blocco delle sinistre radicali…

    Esteri - 28/10/2021

  • PlayStop

    The Game di mer 27/10/21

    The Game di mer 27/10/21

    The Game - 28/10/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di mer 27/10/21

    Muoviti muoviti di mer 27/10/21

    Muoviti muoviti - 28/10/2021

  • PlayStop

    Roberto Codazzi, Donne favolose

    ROBERTO CODAZZI - DONNE FAVOLOSE - presentato da DISMA PESTALOZZA

    Note dell’autore - 27/10/2021

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mer 27/10/21

    Di tutto un boh di mer 27/10/21

    Di tutto un boh - 28/10/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 27/10/21

    Si parla con Chiara De Gregorio e Teresa Raimondi, ricercatrici dell'Università di Torino e co autrici dello studio sul senso…

    Considera l’armadillo - 28/10/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 27/10/21

    Jack di mer 27/10/21

    Jack - 28/10/2021

  • PlayStop

    Provini

    quando otteniamo l'approvazione delle autorità preposte per il combattimento tra galli metaforici, eseguiamo un casting semifallimentare per le nostre fiction,…

    Poveri ma belli - 28/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di mer 27/10/21 delle 12:48

    Seconda pagina di mer 27/10/21 delle 12:48

    Seconda pagina - 28/10/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 27/10/21

    Cult di mer 27/10/21

    Cult - 28/10/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di mer 27/10/21

    Tutto scorre di mer 27/10/21

    Tutto scorre - 28/10/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 27/10/21

    Prisma di mer 27/10/21

    Prisma - 28/10/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 27/10/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 27/10/21

    Il demone del tardi - 28/10/2021

Adesso in diretta