Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di dom 19/01 delle ore 08:30

    GR di dom 19/01 delle ore 08:30

    Giornale Radio - 19/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sab 18/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 17/01 delle 19:47

    Metroregione di ven 17/01 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 19/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Chassis di dom 19/01 (seconda parte)

    Chassis di dom 19/01 (seconda parte)

    Chassis - 19/01/2020

  • PlayStop

    Chassis di dom 19/01 (prima parte)

    Chassis di dom 19/01 (prima parte)

    Chassis - 19/01/2020

  • PlayStop

    Chassis di dom 19/01

    Chassis di dom 19/01

    Chassis - 19/01/2020

  • PlayStop

    Favole al microfono di dom 19/01

    Favole al microfono di dom 19/01

    Favole al microfono - 19/01/2020

  • PlayStop

    Snippet di sab 18/01

    Snippet di sab 18/01

    Snippet - 19/01/2020

  • PlayStop

    The Box di sab 18/01

    The Box di sab 18/01

    The Box - 19/01/2020

  • PlayStop

    Il Sabato del Villaggio di sab 18/01 (prima parte)

    Il Sabato del Villaggio di sab 18/01 (prima parte)

    Il sabato del villaggio - 19/01/2020

  • PlayStop

    Il Sabato del Villaggio di sab 18/01 (seconda parte)

    Il Sabato del Villaggio di sab 18/01 (seconda parte)

    Il sabato del villaggio - 19/01/2020

  • PlayStop

    Il Sabato del Villaggio di sab 18/01

    Il Sabato del Villaggio di sab 18/01

    Il sabato del villaggio - 19/01/2020

  • PlayStop

    Pop Up di sab 18/01 (terza parte)

    Pop Up di sab 18/01 (terza parte)

    Pop Up Live - 19/01/2020

  • PlayStop

    Pop Up di sab 18/01 (seconda parte)

    Pop Up di sab 18/01 (seconda parte)

    Pop Up Live - 19/01/2020

  • PlayStop

    Pop Up di sab 18/01 (prima parte)

    Pop Up di sab 18/01 (prima parte)

    Pop Up Live - 19/01/2020

  • PlayStop

    Pop Up di sab 18/01

    Pop Up di sab 18/01

    Pop Up Live - 19/01/2020

  • PlayStop

    Il Suggeritore di sab 18/01

    Il Suggeritore di sab 18/01

    Il suggeritore - 19/01/2020

  • PlayStop

    Ten ten Chart di sab 18/01

    Ten ten Chart di sab 18/01

    Ten ten chart - 19/01/2020

  • PlayStop

    Mind the Gap di sab 18/01

    Mind the Gap di sab 18/01

    Mind the gap - 19/01/2020

  • PlayStop

    Passatel di sab 18/01

    Passatel di sab 18/01

    Passatel - 19/01/2020

  • PlayStop

    Sidecar di sab 18/01

    Sidecar di sab 18/01

    Sidecar - 19/01/2020

  • PlayStop

    I Girasoli di sab 18/01 (prima parte)

    I Girasoli di sab 18/01 (prima parte)

    I girasoli - 19/01/2020

  • PlayStop

    I Girasoli di sab 18/01 (seconda parte)

    I Girasoli di sab 18/01 (seconda parte)

    I girasoli - 19/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Tutto il calcio minuto per minuto compie 60 anni. Intervista a Riccardo Cucchi

Riccardo Cucchi

Tutto il calcio minuto per minuto, l’iconica trasmissione radiofonica di Rai Radio 1, compie 60 anni e per celebrare questo unico e importante traguardo abbiamo fatto quattro chiacchiere con una delle voci storiche del programma ideato da Guglielmo Moretti, Roberto Bortoluzzi e Sergio Zavoli, il giornalista ed ex cronista Riccardo Cucchi.

L’intervista di Florencia Di Stefano-Abichain e Disma Pestalozza a Due Di Due.

La grande fortuna, che sto scoprendo dopo aver smesso di lavorare, è aver fatto parte della grande famiglia di Tutto Il Calcio ed essere diventati, inconsapevolmente, parte delle famiglie degli italiani. Eravamo voci che entravano in casa la domenica o lungo le autostrade durante le gite domenicali. Questo è molto bello.

Siete stati parte della storia italiana. La trasmissione ha rappresentato un’innovazione anche da un punto di vista tecnico: avere 10 inviati sui campi tutti collegati insieme, che entrano l’uno sull’altro mantenendo una pulizia senza accavallamenti.

Questa è la ragione per la quale la trasmissione vive ancora oggi malgrado ormai si viva in un tempo di piattaforme televisive e di immagini. La formula è vincente. Io continuo a pensare che l’idea geniale sia stata quella di aver creato la prima all news della storia dell’informazione italiana. Oggi siamo pieni di all news per fortuna, ma Tutto il Calcio è stata la prima occasione nella quale qualcuno ha sperimentato finestre che si aprivano e si chiudevano su una realtà in evoluzione e nella quale la breaking news era rappresentata dal gol.

Avete anche segnato un tipo di professione molto specifica. Quando non si poteva entrare con le telecamere negli spogliatoi o non c’erano la moviola in campo o il VAR, voi dovevate davvero dipingere una partita che non si poteva vedere, ma solo ascoltare.
È un talento puro o si può imparare?

Credo che sia necessario avere un talento naturale. Bisogna avere qualcosa nel DNA, che da solo come in tutte le cose della vita non è sufficiente.
Io sono sempre stato convinto che fino all’ultimo secondo passato al microfono avrei avuto qualcosa da imparare, è un’evoluzione continua. Il grande problema di un radiocronista è quello di non essere più veloce o più lento del pallone. Dobbiamo essere SUL pallone: il numero di parole che pronunciamo deve essere misurato al percorso che il pallone fa da un punto all’altro del campo, da un piede all’altro del giocatore. In quel percorso noi non dobbiamo essere né davanti né dietro il pallone. Dobbiamo misurare la quantità di parole necessarie per dire quello che dobbiamo dire.

Per quanti anni sei stato la prima voce di Tutto il Calcio?

Dal 1994. Sono entrato in RAI nel 1979 per concorso e ho fatto tutti i passaggi di preparazione. Ci insegnavano anche a pronunciare le parole, qualunque inflessione dialettale era inaccettabile. Io ho avuto come insegnante il grande Arnoldo Foà, che mi ha insegnato ad usare il diaframma e pronunciare bene le parole. Prima di andare al microfono sono passati degli anni. La prima partita l’ho fatta nel 1982, poi piano piano sono entrato nella grande famiglia di Tutto il Calcio e nel 1994, dopo il pensionamento di Sandro Ciotti, è toccato a me.

Quali sono i primi consigli che ti hanno dato Enrico Ameri e Sandro Ciotti?

Erano un’altra generazione, loro mi hanno insegnato molto sul lavoro, ma ho dovuto rubare. Come succede ancora oggi in una bottega artigiana, quando entra l’apprendista e si trova di fronte il maestro cerca di imitare i suoi gesti ed imparare copiando. Così abbiamo fatto anche noi. Loro raramente ti insegnavano qualcosa, erano molto severi e distanti rispetto a noi. Sandro Ciotti mi disse “ricordati sempre di portare con te uno zaino immaginario pieno di parole. Più parole conterrà quello zaino, più sarai pronto ad usare quella giusta quando ti servirà per rendere bella la tua radiocronaca“.
Lui mi dava un insegnamento legato al lavoro, ma poi col tempo ho capito che mi ha dato un insegnamento di vita. Più parole conosciamo, più siamo liberi e più siamo in grado di capire la realtà.

Cosa ti piace della nuova generazione di cronisti?

C’è una bella scuola per fortuna, ma credo che ci sia molto di buono anche all’esterno della radio. Ci sono tantissimi colleghi, anche delle piattaforme televisive, che sono bravi e sanno fare il loro mestiere. È difficile per me esprimere giudizi: ogni epoca ha i suoi narratori. C’è stata l’epoca di Nicolò Carosio, che oggi non sarebbe proponibile, c’è stata quella di Ameri e di Ciotti. Credo che ogni epoca abbia i suoi narratori giusti rispetto alla percezione che si ha dello sport. Cambia il calcio, cambia il linguaggio, tutto si evolve.

Foto dalla pagina ufficiale di Riccardo Cucchi su Facebook

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni