Approfondimenti

Tutti i delusi da Meloni, il questionario del Pd, l’idea del ministro Nordio e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 6 dicembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La guerra in Ucraina entra in una nuova fase, quella degli attacchi in territorio russo. E l’iniziativa ucraina preoccupa anche gli Stati Uniti. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella dice la sua sulle politiche economiche del governo e non è una promozione: “L’impegno preso sul Pnrr con l’Europa va onorato”. In Iran il Parlamento annuncia la sostituzione della polizia morale con un regolamento ancora più severo per le donne: chi indossa male il velo prima sarà avvisato con un sms, poi seguiranno altre, non ancora chiare, sanzioni. Infine, il blocco del conto in banca.

La manovra economica? Bocciata

“Un impegno che va onorato”. Oggi Sergio Mattarella ha usato queste parole a proposito del Pnrr e in particolare dei progetti che riguardano le infrastrutture. Un intervento che si inserisce nel contesto delle polemiche sui ritardi nei piani italiani legati ai fondi europei. “Condivido le parole del presidente, è importante che queste risorse arrivino a terra” ha detto poco fa Giorgia Meloni, che è tornata anche sulla bocciatura della legge di bilancio da parte di Bankitalia, negando che dall’istituzione finanziaria siano arrivate “critiche sostanziali sulle grandi voci della manovra”. La bocciatura però c’è stata, come quelle arrivate dai sindacati e da Confindustria. Il servizio di Luigi Ambrosio

(di Luigi Ambrosio)

Succede, quando le aspettative che si creano attorno a te sono troppo alte. C’è stato un momento durante la campagna elettorale in cui sembrava che una bella fetta di Italia guardasse a Giorgia Meloni come la salvatrice della Patria. Pure da parte di quelli che non l’avrebbero mai votata.
La frase che si orecchiava per strada era “stiamo a vedere cosa combina”.Sono trascorsi meno di tre mesi. E siamo passati dal vediamo che cosa combina al “ma che cosa combina?” E stavolta non lo dice il popolo ma lo dicono: la Confindustria, i sindacati, la Banca d’Italia, l’Unione Europea, il Presidente della Repubblica. Nella narrazione della destra radicale cui Meloni appartiene in fondo non ci sarebbe scenario migliore: il famoso ritornello del “popolo contro le élite”. Il problema è che poi esiste la realtà e nella realtà tutte queste riserve nei confronti della manovra economica del Governo Meloni hanno ragioni concrete: è una Legge di Bilancio da cui emerge che non esiste alcuna visione a lungo termine. Uno straccio di idea di cosa sarà l’Italia nei prossimi 10, 20, 30 anni. Si è passati dalle troppe aspettative alla constatazione che Meloni parla solo ai suoi elettori. E punisce gli elettori altrui. Gli autonomi premiati, i percettori di reddito di cittadinanza puniti. Le battute del sottosegretario Fazzolari contro la sinistra che vuole fare l’aperitivo pagando con il Pos irridono chi vorrebbe un paese moderno, non troppo, semplicemente come il resto d’Europa. E dalle parti della maggioranza si comincia a mettere in discussione perfino il Pnrr, cioè il più importante progetto strategico degli ultimi decenni in Italia, figlio del lavoro dei governi Conte 2 e Draghi insieme a Bruxelles. Se metti in discussione la strategia e dai il via libera ai “è finita la pacchia” di chi si rifiuta di accettare il Pos, in Europa e nelle istituzioni italiane è logico che scatti il campanello d’allarme. Un allarme per oggi e soprattutto per il futuro. A cui il Governo sta rispondendo con le battute contro i rompipalle e i radical chic.

Carlo Nordio vuole una “profonda riforma” delle intercettazioni

In Senato oggi ha parlato il ministro della Giustizia Carlo Nordio, che ha annunciato una serie di possibili misure: innanzitutto una “profonda revisione” delle intercettazioni, diventate – secondo il ministro – “strumento micidiale di delegittimazione”. Poi la separazione delle carriere tra giudici e pubblici ministeri e una riforma del codice penale in senso “garantista e liberale”, così ha detto Nordio. Sempre al Senato si sta esaminando il cosiddetto “decreto rave” ed è stato approvato un emendamento che permetterebbe a chi ha commesso reati contro la pubblica amministrazione di ottenere i benefici penitenziari, come i permessi premio e il lavoro esterno al carcere. “Un segnale di un nuovo corso”, ha commentato il viceministro alla giustizia Francesco Sisto.

Il Pd si auto-interroga con un questionario

(di Anna Bredice)

Si chiama “La bussola”. E’ il documento suddiviso in una quindicina di domande con risposte multiple rivolto ai circoli, agli iscritti, agli esterni che hanno aderito all’Assemblea costituente. Un titolo azzeccato, se è vero che si tratta di un partito alla ricerca della strada giusta per riprendersi dalla crisi attuale e rinnovarsi. Da qui inizia la discussione nelle sezioni e tra i militanti, le domande non ci girano intorno, vanno abbastanza al sodo: “quale è il senso profondo di un nuovo Pd nella politica”, si chiede. le risposte variano dal partito che difende le conquiste sociali e sindacali ottenute dai lavoratori, alla transizione ecologica, alla crescita economica e l’affidabilità dell’Italia nei mercati finanziari. Insieme alla domanda se è stato o no un errore aver appoggiato i governi tecnici, è un questionario che riflette in ogni domanda la doppia anima di un partito, che il dibattito attuale divide schematicamente in una visione liberista o di sinistra e a ritroso fino al peccato originale per alcuni di aver messo insieme democristiani e post comunisti. Da qui parte la discussione che deve concludersi il 20 gennaio con il Manifesto dei valori e dei principi. Il 27 gennaio è il termine per le candidature, ma dei nomi si parla già da tempo, anche se sul sito del partito alla voce candidati, al momento ufficialmente ne compaiono tre, Stefano Bonaccini, Paola de Micheli e Elly Schlein. Quest’ultima oggetto di attacchi dal giorno in cui ha ufficializzato la candidatura, attacchi scomposti sulla sua storia, provenienza, attività politica, critiche che arrivano da destra, che sembra aver dimenticato già dimenticato la propaganda della prima donna a Palazzo Chigi. Ma i giudizi negativi arrivano anche dai renziani, da elettori di sinistra, magari vicini ai Cinque stelle di Conte, che scommette sulla crisi del Pd per alimentare i suoi consensi. Elly Schlein punta a superare le correnti del partito per rinnovarlo, ma ha bisogno di trovare appoggi dentro al Pd per superare le primarie del 12 febbraio, quelle tra gli iscritti. Franceschini fa sapere che al momento non dice nulla, Andrea Orlando non si è schierato ancora, e si attende ancora la candidatura del sindaco di Pesaro, Matteo Ricci. Il 19 febbraio le primarie, quelle aperte a tutti ed Elly Schlein punta a quelle, ma è solo l’ultima tappa di un percorso che durerà due mesi.

L’Europa vieta i beni “che contribuiscono a distruggere le foreste”

L’Unione europea dice basta alla vendita di beni che contribuiscono alle distruzione delle foreste. Il Parlamento europeo e gli Stati membri hanno raggiunto un accordo che entrerà in vigore dopo il via libera definitivo del Consiglio. Cacao, caffè, soia, olio di palma e altre merci, anche derivate, non potranno più essere importati nel continente, se provengono da terreni disboscati dopo il dicembre 2020. Inoltre, per la prima volta, spetterà alle aziende dimostrare il contrario.
Sentiamo Martina Borghi, responsabile della Campagna Foreste di Greenpeace Italia

Domani la stagione d’opera e balletto della Scala apre con Boris Godunov

(di Ira Rubini)

La bacchetta è quella di Riccardo Chailly. La regia quella di Kasper Holten. Sul palco uno specialista, il basso Ildar Abdrazakov. Il titolo è “Boris Godunov” di Modest Mussorgskij, importante per la Scala perché passato alla storia nella versione diretta da Claudio Abbado con la regia di Ljubimov. Ma sotto la gonna (tunica) di Boris c’è di più. In una Prima che si preannuncia tempestosa, in piazza Scala potrebbero essere in tanti a manifestare, da varie sigle sindacali, ai centri sociali, alla comunità ucraina per il titolo russo che apre la stagione, ai lavoratori degli enti di musica e spettacolo che, come la Scala, hanno subito un violento taglio dei contributi regionali e comunali. Vista la presenza di Giorgia Meloni, Ursula Von der Leyen, oltre al Presidente Mattarella, al Sindaco, al Governatore Fontana e al Presidente del Senato Ignazio La Russa, il palco reale rischia l’overbooking, ma soprattutto le contestazioni politiche. Insomma, sembra di essere tornati un po’ ai tempi di Verdi. Ma è solo un’illusione momentanea.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 25/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-05-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 25/05/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/05/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 25-05-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 25/05/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 25-05-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/05/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 25-05-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/05/2024

    Il Festival del Ciclo Mestruale; Bicipace compie quaranta anni continuando a promuovere la pace e il disarmo; Lella Costa sulla nostra Poltrona, il suo consiglio di lettura e Le Parole del Pane Festival; il festival Prog and Frogs all’insegna del grande rock progressivo; Barbara Sorrentini da Cannes, e poi l’arte e il teatro, e la nostra rubrica GialloCrovi.

    Good Times - 25-05-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 25/05/2024

    1- l'Irlanda e LA Palestina. Intervista a Carlos o’ connel chitarrista dei Fontaines DC sulla situazione a Gaza. ( Matteo Villaci) 2- Intervista di Luisa Nannipieri all’artista franco-tunisina Nawel Ben Kraiem che canta Jawaz al safar, Passaporto, del poeta palestinese Mahmoud Darwish. 3-Brasile. Joao Pedro Stedile, il fondatore del movimento dei “sem terra”, parla della riforma agraria, della maggior tutela dell’ambiente e dei giovani dei campus americani per Gaza. ( Sara Milanese) 4- La demolizione l’anno prossimo del Goodison Park , lo stadio dell’Everton costruito nel 1892 , segnerà la fine de luoghi mitici e sacri del calcio. Ne abbiamo parlato con Luca Manes giornalista e saggista , autore di numerosi libri dedicati al calcio inglese e ai tifosi della working class.

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 25/05/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 25-05-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/05/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25-05-2024

Adesso in diretta