Approfondimenti

The Bad Guy, la serie italiana con Luigi Lo Cascio arriva su Prime Video

The Bad Guy

O muori da eroe, oppure vivi abbastanza a lungo da diventare il cattivo. La citazione è stata immortalata dal Batman di Il cavaliere oscuro, ma era ormai da tempo divenuta proverbiale. E descrive perfettamente quello che succede a Nino Scotellaro, il protagonista di The Bad Guy, nuova serie italiana prodotta da Prime Video, i cui primi tre episodi arriveranno sulla piattaforma l’8 dicembre, e i restanti tre la settimana successiva, il 15.

Nino Scotellaro è interpretato da Luigi Lo Cascio: non solo uno dei migliori attori italiani da almeno un paio di decenni, ma un volto noto per il cinema d’impegno civile e per i ruoli eroici o comunque positivi: il Peppino Impastato di I cento passi, il Nicola di La meglio gioventù, il patriota Domenico di Noi credevamo.

All’inizio di The Bad Guy, quella di Nino Scotellaro sembra una parte perfettamente inserita in questa scia: un magistrato antimafia, un pubblico ministero determinato e incorruttibile, magari incline a utilizzare metodi creativi per perseguire i criminali ma comunque mosso totalmente dal desiderio di giustizia. Sua moglie è un’avvocata, Luvi (interpretata da Claudia Pandolfi), figlia a sua volta di un grande magistrato antimafia, ucciso anni prima in un attentato, una figura esplicitamente ispirata a quella di Giovanni Falcone. L’obiettivo principale di Nino è catturare il boss Mariano Suro, il “capo dei capi” della Cosa nostra della serie, latitante da tempo immemore, un fantasma che sembra sempre in grado di anticipare le mosse dello stato e di sfuggire a ogni tentativo di arresto (ed è stato proprio lui, tra l’altro, a ordinare l’omicidio del padre di Luvi).

Quello che succede, però, è che a un certo punto a essere arrestato è invece proprio il magistrato Nino Scotellaro: prove schiaccianti, soprattutto intercettazioni telefoniche di noti mafiosi, indicano che è corrotto, che collabora con la criminalità organizzata, che è lui la “talpa” che aiuta Mariano Suro. È una montatura, ma talmente ben orchestrata che ci cascano tutti, e Nino finisce in prigione. Ma è solo l’inizio della storia raccontata in The Bad Guy, di cui sarebbe un peccato svelare troppi dettagli: diciamo solo che – perché l’hanno raccontato più volte gli autori stessi in questi giorni – le ispirazioni principali mescolano Il conte di Montecristo e Breaking Bad.

Senza più nulla da perdere e desideroso di vendicarsi, Nino deciderà di diventare davvero il cattivo in cui qualcuno ha voluto trasformarlo. Gli autori di The Bad Guy sono due giovani registi italiani, Giancarlo Fontana e Giuseppe G. Stasi: si sono formati realizzando video satirici (anche per trasmissioni tv, per esempio con Caterina Guzzanti e Neri Marcorè), hanno esordito al cinema con la black comedy Metti la nonna in freezer (con Fabio De Luigi e Miriam Leone) e hanno poi diretto con discreto successo Bentornato presidente, sequel di Benvenuto presidente, con Claudio Bisio.

La coppia dirige tutti e sei gli episodi di questa prima stagione di The Bad Guy, che è stata ideata da Stasi e scritta insieme a Ludovica Rampoldi e Davide Serino, sceneggiatori ormai fondamentali per la serialità italiana, che hanno lavorato recentemente anche a Esterno notte di Marco Bellocchio (oltre che alla trilogia Sky 1992-1993-1994). A produrre, la Indigo Film di Nicola Giuliano e Francesca Cima, una delle società italiane di maggior successo (quella di tutti i film di Paolo Sorrentino, per intenderci, a parte l’ultimo È stata la mano di Dio).

Il curriculum degli autori riflette la caratteristica principale di The Bad Guy, che è quella di miscelare i generi in un modo inedito per la televisione italiana: la serie è contemporaneamente una commedia grottesca e una storia gangster, un’opera di denuncia contro la mafia e un feuilleton pieno di colpi di scena. C’è anche un tocco di distopia, perché nell’Italia alternativa in cui si svolge la serie è stato realizzato anche il ponte sullo Stretto tornato agli onori delle cronache in questi giorni (spoiler: non finisce benissimo).

Luigi Lo Cascio, protagonista e mattatore assoluto, sembra divertirsi come non mai: ha riscritto in siciliano stretto le proprie battute (nessun problema: ci sono i sottotitoli) e ha addentato con piacere ed entusiasmo la doppia parte dell’eroe che intraprende la strada verso il lato oscuro, orchestra piani machiavellici e pian piano ci prende gusto. Non resta che sperare che la stessa cosa accada anche agli spettatori.

  • Autore articolo
    Alice Cucchetti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 27/01/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/01/2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/01/2023 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 28/01/2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 28/01/2023

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 28/01/2023

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 27/01/2023

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 28/01/2023

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/01/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/01/2023

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/01/2023 - ore 21:00

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 28/01/2023

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/01/2023 - ore 20:01

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 28/01/2023

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 27/01/2023

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 28/01/2023

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 27/01/2023

    (85 - 276) Dove si scopre una nuova disciplina che dubitiamo diventerà olimpica, il bus surfing. Con Alessandro Galluccio del…

    Muoviti muoviti - 28/01/2023

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 27/01/2023

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 28/01/2023

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 27/01/2023

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 28/01/2023

  • PlayStop

    Jack di venerdì 27/01/2023

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist…

    Jack - 28/01/2023

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 27/01/2023

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 28/01/2023

  • PlayStop

    C'è da spostare una macchina

    quando ospitiamo il nostro mito assoluto Francesco Salvi e non capiamo più niente

    Poveri ma belli - 28/01/2023

  • PlayStop

    Cult di venerdì 27/01/2023

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 28/01/2023

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 27/01/2023

    Continuiamo la nostra inchiesta sulle RSA; proseguiamo la nostra indagine sulle liste d’attesa; cosa vuol dire essere disabili gravi e…

    37 e 2 - 27/01/2023

  • PlayStop

    GIANNI BARBACETTO - UNA STORIA ITALIANA

    GIANNI BARBACETTO - UNA STORIA ITALIANA - presentato da Lorenza Ghidini

    Note dell’autore - 27/01/2023

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 27/01/2023

    Caso Còspito; libertà di cura, libertà di stampa. I media indipendenti insieme per uno speciale radiofonico Un detenuto anarchico all’ergastolo…

    Prisma - 28/01/2023

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 27/01/2023

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 28/01/2023

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 27/01/2023

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 28/01/2023

Adesso in diretta