Approfondimenti

Sud Sudan. Stupri, torture e cannibalismo

Il governo di Juba e i ribelli protagonisti del conflitto armato che tiene in scacco il Sud Sudan da circa 22 mesi, hanno firmato un documento per l’attuazione delle norme di sicurezza previste dall’accordo di pace del 26 agosto.

Una piccola speranza che questa guerra finisca anche se di accordi come questo in quasi due anni ne sono stati disattesi almeno una decina.

In compenso un rapporto dell’Unione Africana che riprende una commissione di inchiesta guidata dall’ex presidente nigeriano Obasanjo denuncia una serie di violazioni che mostrano a che livelli di crudeltà e ferocia è arrivata questa guerra che, senza esagerare, potremmo definire dimenticata.

Nel rapporto sono contenute storie di stupri, torture, mutilazioni e addirittura di cannibalismo. Una vera e propria galleria degli orrori di cui soffre soprattutto la popolazione civile.

Non si tratta del solito documento basato su ipotesi e deduzioni. La commissione parla di prove concrete e testimonianze dirette e cita diversi casi con tanto di località, data e a volte con i nomi dei criminali.

Stando a queste testimonianze ci sono persone che sono state costrette a bere il sangue e a cibarsi della carne di alcune persone uccise da poco.

Le conclusioni sono che a Bor, Bentiu, Malakal sono stati commessi crimini di guerra, tanto che i territori adiacenti a queste città sono punteggiati da fosse comuni.

La guerra in Sud Sudan è cominciata nel dicembre del 2013 quando il presidente Salva Kiir ha accusato il suo ex vice presidente Riek Machar di stare per attuare un colpo di stato. Da allora la guerra non si è mai fermata, anzi con il passare dei mesi si è inasprita e, contemporaneamente, è scomparsa dai media.

Ad aggravere la situazione c’è il fatto che questo conflitto è ormai diventato un conflitto etnico tra i due principali gruppi del Sud Sudan, i Dinka del presidente Salva Kiir, e i Nuer di Riek Machar. Proprio per questo motivo la diplomazia rischia di essere quasi ininfluente su una guerra che si muove su logiche complesse e spesso insensibili alle proposte di compromesso e mediazione della comunità internazionale.

Ora la deriva che si profila da questa ultima indagine della commissione di Obasanjo fa temere che la guerra finisca totalmente fuori dal potenziale intervento della Comunità Internazionale.

  • Autore articolo
    Raffaele Masto
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 29/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 29/06/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 29/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 29/06/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 29/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 29/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 29/06/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 29/06/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 29/06/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 29/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 28/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/06/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 28/06/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 29/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 28/06/2022

    1-Strage dei migranti in Texas. Sale a 50 il numero di morti all'interno di un camion abbandonato a San Antonio.…

    Esteri - 29/06/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 28/06/2022

    1) G7, concluso il vertice in Germania. Il “price-cap” di Draghi per tagliare i prezzi di gas e petrolio non…

    The Game - 29/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 28/06/2022

    Dove si sonda il quartiere di Baggio a Milano dopo la proposta di Matteo Salvini di costruire lì una centrale…

    Muoviti muoviti - 29/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh. Isole e vie di fuga

    Con Margherita Fruzza, Giulia Strippoli e Lorenzo Palloni

    Di tutto un boh - 29/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 28/06/2022

    Si parla con Mino Petazzini su La poesia degli animali, un'antologia di testi su cane, cavallo, gatto e altri animali…

    Considera l’armadillo - 29/06/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 28/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 29/06/2022

  • PlayStop

    La GKN lombarda: la storia della Cromoplastica di Verdellino

    Lo scorso fine settimana la proprietà della Maier Cromoplastica di Verdellino ha portato via, nottetempo, alcuni macchinari necessari alla produzione…

    Clip - 28/06/2022

  • PlayStop

    Suadenza forzata

    quando le corde vocali di Dismacchione lo costringono ad assumere un tono sexy, mentre auguriamo buone vacanze alle nostre antenne…

    Poveri ma belli - 29/06/2022

Adesso in diretta