Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 22/01 delle ore 13:30

    GR di mer 22/01 delle ore 13:30

    Giornale Radio - 22/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 22/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 22/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 22/01 delle 07:16

    Metroregione di mer 22/01 delle 07:16

    Rassegna Stampa - 22/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    AVENIDA BRASIL - 19/01/20

    Playlist: 1.Transmutaçao, Guilherme Kastrup, Punto di Mutaçao, 2018 2. Giuramento (versione di G. Barbieri per Rosa di Pixinguinha e Otavio…

    Avenida Brasil - 22/01/2020

  • PlayStop

    Stile Libero: Culture in Movimento 21-01-20

    Andrea Vercesi, Jethro Tull, Jonathan Wilson, Jama, John Fogerty and Bruce Springsteen, Frank Zappa

    Stile Libero - 22/01/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 22/01

    Memos di mer 22/01

    Memos - 22/01/2020

  • PlayStop

    Tazebao di mer 22/01

    Tazebao di mer 22/01

    Tazebao - 22/01/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 22/01

    Note dell'autore di mer 22/01

    Note dell’autore - 22/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 22/01 (prima parte)

    Cult di mer 22/01 (prima parte)

    Cult - 22/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 22/01 (seconda parte)

    Cult di mer 22/01 (seconda parte)

    Cult - 22/01/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di ven 10/01

    SANDRONE DAZIERI - LA DANZA DEL GORILLA - Presentato da:BARBARA SORRENTINI

    Note dell’autore - 22/01/2020

  • PlayStop

    L'altro martedì 21/01/20

    40 anni in diretta! 1980-2020..Conduce Eleonora Dall’Ovo..A teatro chi non perdere. Tutti gli spettacoli che parlano di noi...Stefano Paolo Giussani…

    L’Altro Martedì - 22/01/2020

  • PlayStop

    Barrilete Cosmico di mer 22/01

    Barrilete Cosmico di mer 22/01

    Barrilete Cosmico - 22/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 22/01 (terza parte)

    Prisma di mer 22/01 (terza parte)

    Prisma - 22/01/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 09/01

    Le liste di attesa; accessibilità alle piattaforme on line della sanità; il caso Zarotin.

    37 e 2 - 22/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 22/01 (seconda parte)

    Prisma di mer 22/01 (seconda parte)

    Prisma - 22/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 22/01 (prima parte)

    Prisma di mer 22/01 (prima parte)

    Prisma - 22/01/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 22/01

    Il demone del tardi - copertina di mer 22/01

    Il demone del tardi - 22/01/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 22/01

    Rassegna stampa internazionale di mer 22/01

    Rassegna stampa internazionale - 22/01/2020

  • PlayStop

    Il capitalismo della sorveglianza - Wi-Fi Area del 21/1/20

    Capitalismo della sorveglianza è un sistema economico in cui le piattaforme estraggono dati per rivendreli e per accrescere le capacità…

    Wi-fi Area - 22/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 22/01 (prima parte)

    il risveglio di Popolare Network, l'edicola, la rubrica accadde oggi (prima parte)

    Fino alle otto - 22/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 22/01 (seconda parte)

    l'edicola di Popolare Network, il brano del giorno (seconda parte)

    Fino alle otto - 22/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 22/01 (terza parte)

    L'INTERVISTA DEL GIORNO a Nadia Kibout BRACCIANTI NEI LAGER DELLA LUCANIA (terza parte)

    Fino alle otto - 22/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Si può amare Dylan anche solo leggendo i suoi testi

Il giornalista e critico musicale Carlo Bordone non ha dubbi: “Il Nobel a Dylan non è solo giusto. E’ doveroso”. Conoscendo la sua passione per il cantautore premiato oggi dall’Accademia di Svezia, lo abbiamo chiamato per un commento. Da fan, certamente, ma anche da grande conoscitore della musica.

Ha senso considerare le parole di Dylan separandole dalla musica scritta per accompagnarle?

“Io penso di sì. Anche perché conosco personalmente persone che non amano quella voce particolare che lo ha sempre caratterizzato e che, invecchiando, a volte lo fa sembrare quasi un alieno. Persone che preferiscono leggerlo, piuttosto che ascoltarlo. Lo stesso ragionamento si potrebbe fare per il teatro: è possibile apprezzare un testo teatrale anche leggendolo, senza assistere a una sua rappresentazione? Io risponderei ancora di sì. Credo che si possa godere della grande poesia di Dylan anche solo leggendolo”.

Si tratta di un autore la cui opera attraversa molti decenni: si può parlare a tuo parere di un’evoluzione della sua scrittura?

“Credo di sì. Dylan ha sempre assorbito linguaggi, testi, influenze, dai testi dei vecchi bluesmen fino alla Bibbia, e anche per questo possiamo parlare di fasi diverse del suo modo di usare la parola scritta. Ha iniziato stando perfettamente dentro gli stilemi della canzone folk, poi ha introdotto in quello schema la politica, poi se ne è stufato e ha incominciato a usare una lingua fiammeggiante e barocca, quella della ‘trilogia elettrica’. Poi a un certo punto, dagli anni ’70 in poi, ha ritrovato una certa semplicità, diventando in qualche modo meno ricercato, ma anche più profondo, soprattutto nei dischi in cui, seppur lateralmente, ha parlato di sé, come in Blood on the tracks. L’evoluzione più importante della scrittura di Dylan credo quindi che riguardi la prima parte della sua carriera”.

Ascolta l’intervista integrale con Carlo Bordone

Carlo Bordone su Bob Dylan

  • Autore articolo
    Niccolò Vecchia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni