Approfondimenti

Si accomodi, Mr. Orban

“Congratulazioni, non vedo l’ora di continuare a lavorare con voi per le nostre sfide europee”. Manfred Weber, capo del Partito polare europeo.

“Non vedo l’ora di collaborare con il governo ungherese su molte questioni di interesse comune”. Jean Claude Junker, presidente della commissione europea.

“Mi congratulo di cuore per il suo successo”. Angela Merkel, cancelliera tedesca.

Di cosa parliamo quando parliamo di Orban. Parafarasando Raymond Carver, rendiamoci conto che non parliamo di un orco che terrorizza Bruxelles.

Macché. Viktor Orban è un leader tenuto i palmo di mano. E’ uno dei maggior enti di quel Partito popolare europeo che domina il parlamento di Strasburgo. E che a sua volta è dominato da Angela Merkel. Il partito popolare europeo, in origine famiglia democristiana conservatrice e di rango, si è negli anni trasformato in un contenitore di partiti ben più a destra. Compresi leader discussi e ingombranti, basti pensare a Silvio Berlusconi. E oggi Orban se ne sta serenamente lì, dove furono De Gasperi e Adenauer.

Il gruppo parlamentare del Ppe ha 216 eurodeputati, quelli del partito di Orban, Fidesz, sono 13. Una forza siginificativa che diventa ancor più influente unita ai partiti cugini di Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia. L’alleanza del Gruppo di Viesegrad, che si muove come un contropotere all’interno delle istituzioni europee.

Orban ne ha dette di tutti i colori contro l’Unione Europea. E altrettante ne ha fatte. La democrazia liberale è un sistema fallimentare, Russia, Turchia, Iran funzionano meglio: è una delle sue tesi preferite.

Insieme al ritorno alla sovranità nazionale: della Ue Orban  rifiuta i valori ma accetta i soldi. Con i muri e la linea dura anti-migranti si auto-proclama “difensore dell’Europa cristiana e bianca“. Con accenti antisemiti (vedi gli attacchi a Geroge Soros, indicato a simbolo della plutocrazia mondialista).

E, in Ungheria, sta cercando di piegare le istituzioni al suo volere. Ma anche in questo caso, l’Unione europea non sa reagire. Quando Orban ha fatto approvare la riforma della giustizia che sottomette i magistrati al suo governo, o la legge liberticida sulla stampa, sono arrivate proteste e minacce di sanzioni. Ma al momento tutto è fermo, anche perché il perverso sistema dell’unanimità del Consiglio (cioè, i governi stessi) non consente di farle scattare senza il via libera dello stesso paese sotto accusa e dei suoi stretti alleati.

Il leader ungherese non è un orco, insomma. E’ uno dei partner a Strasburgo del Ppe, e uno dei leader più in forma nel panorama europeo di fronte a una Merkel a fine ciclo, a un Macron zoppicante a un’Italia impantanata. E dunque, prego, si accomodi, mister Orban.

Orban

  • Autore articolo
    Alessandro Principe
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 24/02/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 24/02/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 24/02/21 delle 07:15

    Metroregione di mer 24/02/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 24/02/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 24/02/21

    Uno di Due di mer 24/02/21

    1D2 - 24/02/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 24/02/21

    Considera l'armadillo mer 24/02/21

    Considera l’armadillo - 24/02/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 24/02/21

    Ospiti i Selton per singolo nuovo e Federico Rasetti Managing Director di Keepon Live che presenta l'iniziativa L'Ultimo Concerto?

    Jack - 24/02/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 24/02/21

    Stay Human di mer 24/02/21

    Stay human - 24/02/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 24/02/21

    Draghi, Giavazzi e il fisco. Gli stralci sulle tasse del discorso di Draghi sulla fiducia al Senato sono identici ad…

    Memos - 24/02/2021

  • PlayStop

    Alberto Pellai, Mentre la tempesta colpiva forte

    ALBERTO PELLAI - MENTRE LA TEMPESTA COLPIVA FORTE - presentato da SARA MILANESE

    Note dell’autore - 24/02/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 24/02/21

    ira rubini, cult, lawrence ferlinghetti, beat generation, a coney island of mind, city lights, risonanze, maurizio principato, tiziana ricci, crowdfunding…

    Cult - 24/02/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 24/02/21

    Tensioni tra Apple e Facebook, ma anche tra Apple e Google; Facebook: l’AI per cancellare i post di odio; nuova…

    Doppio Click - 24/02/2021

  • PlayStop

    psicoradio di mar 23/02/21

    ..Sleghiamoli subito (anche gli anziani)..Intervista a Giovanna Del Giudice, portavoce della campagna nazionale per l'abolizione della contenzione “... e tu…

    Psicoradio - 24/02/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 24/02/21

    Brescia zona arancione rafforzata, ma Bertolaso commenta: é la terza ondata. Ma allora perché non zona rossa? - L'ultimo pesante…

    Prisma - 24/02/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 24/02/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 24/02/21

    Rassegna stampa internazionale - 24/02/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 24/02/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 24/02/21

    Il demone del tardi - 24/02/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 24/02/21

    Fino alle otto di mer 24/02/21

    Fino alle otto - 24/02/2021

  • PlayStop

    Stile Libero di mer 24/02/21

    Stile Libero: Culture in Movimento - Mauro Boselli, Tex Willer, Sergio Bonelli Editore, Gothic Country, Wall of Voodoo, Stan Ridgway,…

    Stile Libero - 24/02/2021

  • PlayStop

    Music Revolution di mar 23/02/21

    Puntata 7 - Playlist: 01 – Hawkwind – We took the wrong step years ago..02 – Jade Warrior – Way…

    Music Revolution - 24/02/2021

Adesso in diretta