Approfondimenti

Si accomodi, Mr. Orban

“Congratulazioni, non vedo l’ora di continuare a lavorare con voi per le nostre sfide europee”. Manfred Weber, capo del Partito polare europeo.

“Non vedo l’ora di collaborare con il governo ungherese su molte questioni di interesse comune”. Jean Claude Junker, presidente della commissione europea.

“Mi congratulo di cuore per il suo successo”. Angela Merkel, cancelliera tedesca.

Di cosa parliamo quando parliamo di Orban. Parafarasando Raymond Carver, rendiamoci conto che non parliamo di un orco che terrorizza Bruxelles.

Macché. Viktor Orban è un leader tenuto i palmo di mano. E’ uno dei maggior enti di quel Partito popolare europeo che domina il parlamento di Strasburgo. E che a sua volta è dominato da Angela Merkel. Il partito popolare europeo, in origine famiglia democristiana conservatrice e di rango, si è negli anni trasformato in un contenitore di partiti ben più a destra. Compresi leader discussi e ingombranti, basti pensare a Silvio Berlusconi. E oggi Orban se ne sta serenamente lì, dove furono De Gasperi e Adenauer.

Il gruppo parlamentare del Ppe ha 216 eurodeputati, quelli del partito di Orban, Fidesz, sono 13. Una forza siginificativa che diventa ancor più influente unita ai partiti cugini di Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia. L’alleanza del Gruppo di Viesegrad, che si muove come un contropotere all’interno delle istituzioni europee.

Orban ne ha dette di tutti i colori contro l’Unione Europea. E altrettante ne ha fatte. La democrazia liberale è un sistema fallimentare, Russia, Turchia, Iran funzionano meglio: è una delle sue tesi preferite.

Insieme al ritorno alla sovranità nazionale: della Ue Orban  rifiuta i valori ma accetta i soldi. Con i muri e la linea dura anti-migranti si auto-proclama “difensore dell’Europa cristiana e bianca“. Con accenti antisemiti (vedi gli attacchi a Geroge Soros, indicato a simbolo della plutocrazia mondialista).

E, in Ungheria, sta cercando di piegare le istituzioni al suo volere. Ma anche in questo caso, l’Unione europea non sa reagire. Quando Orban ha fatto approvare la riforma della giustizia che sottomette i magistrati al suo governo, o la legge liberticida sulla stampa, sono arrivate proteste e minacce di sanzioni. Ma al momento tutto è fermo, anche perché il perverso sistema dell’unanimità del Consiglio (cioè, i governi stessi) non consente di farle scattare senza il via libera dello stesso paese sotto accusa e dei suoi stretti alleati.

Il leader ungherese non è un orco, insomma. E’ uno dei partner a Strasburgo del Ppe, e uno dei leader più in forma nel panorama europeo di fronte a una Merkel a fine ciclo, a un Macron zoppicante a un’Italia impantanata. E dunque, prego, si accomodi, mister Orban.

Orban

  • Autore articolo
    Alessandro Principe
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 12/08

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 08/12/2020

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 12/08

    Note dell'autore di mer 12/08

    Note dell’autore - 08/12/2020

  • PlayStop

    Logos di mer 12/08

    Logos di mer 12/08

    Logos - 08/12/2020

  • PlayStop

    La Febbra di mer 12/08

    La Febbra di mer 12/08

    La febbra - 08/12/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 12/08

    Prisma di mer 12/08

    Prisma - 08/12/2020

  • PlayStop

    Stile Libero: Culture in Movimento 12-08-20

    Frank Zappa, Zappa 80, The Best Band You Never Heard in Your Life, Tour 1988, Peter Occhiogrosso, Barry Miles

    Stile Libero - 08/12/2020

  • PlayStop

    Cambiavento di mar 11/08

    Cambiavento di mar 11/08

    Cambia vento! - 08/12/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 11/08

    con Matteo Villaci, - Giovanni Truppi, con il suo viaggio/tour in camper lungo le coste italiane (da Ventimiglia a Trieste)..-…

    A casa con voi - 08/11/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 11/08

    Ora di punta di mar 11/08

    Ora di punta – I fatti del giorno - 08/11/2020

  • PlayStop

    E la chiamano Estate di mar 11/08

    E la chiamano Estate di mar 11/08

    E la chiamano Estate… - 08/11/2020

  • PlayStop

    Queer as code 6 - 11/08/20

    Queer As Code, il rotocalco estivo che Solange leggerebbe in spiaggia sotto un ombrello di paglia e canna di bambù,…

    Queer as code - 08/11/2020

  • PlayStop

    Magic Box di mar 11/08

    Magic Box di mar 11/08

    Magic Box - 08/11/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore - 11/08/20

    GIANFRANCO MANFREDI - MILANO 12 DICEMBRE (fumetto) - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 08/11/2020

  • PlayStop

    LOGOS: La Bella Estate: You Know Nothing 2 - Santuario di Ise

    a cura di Riccardo Salvi e Roberto Centimeri. In Giappone: demolire e ricostruire l’architettura e la musica..1. The Tubes_I saw…

    Logos - 08/11/2020

  • PlayStop

    La Febbra di mar 11/08

    La Febbra di mar 11/08

    La febbra - 08/11/2020

Adesso in diretta