Approfondimenti

Si accomodi, Mr. Orban

“Congratulazioni, non vedo l’ora di continuare a lavorare con voi per le nostre sfide europee”. Manfred Weber, capo del Partito polare europeo.

“Non vedo l’ora di collaborare con il governo ungherese su molte questioni di interesse comune”. Jean Claude Junker, presidente della commissione europea.

“Mi congratulo di cuore per il suo successo”. Angela Merkel, cancelliera tedesca.

Di cosa parliamo quando parliamo di Orban. Parafarasando Raymond Carver, rendiamoci conto che non parliamo di un orco che terrorizza Bruxelles.

Macché. Viktor Orban è un leader tenuto i palmo di mano. E’ uno dei maggior enti di quel Partito popolare europeo che domina il parlamento di Strasburgo. E che a sua volta è dominato da Angela Merkel. Il partito popolare europeo, in origine famiglia democristiana conservatrice e di rango, si è negli anni trasformato in un contenitore di partiti ben più a destra. Compresi leader discussi e ingombranti, basti pensare a Silvio Berlusconi. E oggi Orban se ne sta serenamente lì, dove furono De Gasperi e Adenauer.

Il gruppo parlamentare del Ppe ha 216 eurodeputati, quelli del partito di Orban, Fidesz, sono 13. Una forza siginificativa che diventa ancor più influente unita ai partiti cugini di Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia. L’alleanza del Gruppo di Viesegrad, che si muove come un contropotere all’interno delle istituzioni europee.

Orban ne ha dette di tutti i colori contro l’Unione Europea. E altrettante ne ha fatte. La democrazia liberale è un sistema fallimentare, Russia, Turchia, Iran funzionano meglio: è una delle sue tesi preferite.

Insieme al ritorno alla sovranità nazionale: della Ue Orban  rifiuta i valori ma accetta i soldi. Con i muri e la linea dura anti-migranti si auto-proclama “difensore dell’Europa cristiana e bianca“. Con accenti antisemiti (vedi gli attacchi a Geroge Soros, indicato a simbolo della plutocrazia mondialista).

E, in Ungheria, sta cercando di piegare le istituzioni al suo volere. Ma anche in questo caso, l’Unione europea non sa reagire. Quando Orban ha fatto approvare la riforma della giustizia che sottomette i magistrati al suo governo, o la legge liberticida sulla stampa, sono arrivate proteste e minacce di sanzioni. Ma al momento tutto è fermo, anche perché il perverso sistema dell’unanimità del Consiglio (cioè, i governi stessi) non consente di farle scattare senza il via libera dello stesso paese sotto accusa e dei suoi stretti alleati.

Il leader ungherese non è un orco, insomma. E’ uno dei partner a Strasburgo del Ppe, e uno dei leader più in forma nel panorama europeo di fronte a una Merkel a fine ciclo, a un Macron zoppicante a un’Italia impantanata. E dunque, prego, si accomodi, mister Orban.

Orban

  • Autore articolo
    Alessandro Principe
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 28/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 28/06/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 28/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di martedì 28/06/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 28/06/2022

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 28/06/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 28/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 27/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/06/2022

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 27/06/2022

    Le Nina’s Drag Queen raccontano cos'è „Tutta mia la città“, Oliviero Ponte di Pino svela le sorprese del PNRR in…

    Il Suggeritore Night Live - 28/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 27/06/2022

    1--Attentati di Parigi. Dopo 9 mesi di udienze si è chiuso oggi il processo del secolo. Nella sua ultima dichiarazione,…

    Esteri - 28/06/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 27/06/2022

    1) G7, colpire le entrate di Putin. E’ l’obiettivo di nuove sanzioni e dell’ipotesi del price cap. Il commento dell’economista…

    The Game - 28/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 27/06/2022

    Dove ci si interroga sulla suoneria del neo eletto sindaco di Verona Damiano Tommasi. E' Britney Spears o no? Poi…

    Muoviti muoviti - 28/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un Boh. Mal di mare e vermi del polistirolo

    Con Andrea Bellati e Gaia Grassi

    Di tutto un boh - 28/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un Boh. Mal di mare e vermi del polistirolo

    Con Andrea Bellati e Gaia Grassi

    Di tutto un boh - 27/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 27/06/2022

    Si parla con Emanuele Biggi del suo ultimo libro Micromondi. Storie di animali, piante e forme di vita nascosti in…

    Considera l’armadillo - 28/06/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 27/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 28/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 27/06/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 27/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 27/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la nuova edizione di Suoni Mobili a…

    Cult - 28/06/2022

Adesso in diretta