Approfondimenti

Serbia, giornalisti sotto attacco

Dragan Janjić, corrispondente di Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa dalla Serbia e caporedattore dell’agenzia di stampa Beta, è l’ultimo giornalista di una lunga serie che è finito alla pubblica gogna, accusato di essere un traditore del Paese. Contro di lui si è innescata una campagna diffamatoria che l’ha reso un bersaglio di nazionalisti ed esaltati. E sta vivendo questi giorni con l’angoscia di essere picchiato o peggio.

“Sono spaventato, non molto, ma sono spaventato perché qualcuno ha postato la mia foto su una pagina FB su cui c’era scritto ‘questo è il tipo che odia tutto quello che è serbo’. Ovviamente non è piacevole, ho paura di ciò che può accadere per strada o in qualunque altro posto. Anche la mia famiglia è spaventata”.

La campagna diffamatoria si è scatenata dopo che Janjić ha definito la morte dell’amico Oliver Ivanovic, uno dei leader serbi del Kosovo, un omicidio politico.

“Quello stesso giorno il presidente della Serbia Vucic ha indetto una conferenza stampa e ha detto che io, altri giornalisti e partiti dell’opposizione abbiamo accusato la Serbia di aver ucciso il nostro leader, anche se non è vero, non l’ho detto. Poi su FB è stata postata la mia foto con il titolo ‘questo è l’aspetto dell’uomo che odia tutto quello che appartiene alla Serbia’. Il problema non è tanto il post su FB ma il fatto che tutto è successo dopo il discorso del presidente serbo. È questo che mi imbarazza perché secondo me il governo ha il dovere di proteggere la libertà di parola, i media, i giornalisti e non dovrebbe prenderli di mira. Se il presidente ti prende di mira, diventa pericoloso ed è questo che mi fa arrabbiare e che mi spaventa”.

Ora Dragan Janjić aspetta che il pubblico ministero lo convochi per una dichiarazione, ma non si aspetta giustizia.

“Se anche troveranno chi ha mandato questo messaggio con la mia foto, le cose non cambieranno in Serbia finché non cambieranno le attitudini delle autorità verso i giornalisti e i media. Chiunque dica qualcosa che a loro non piace, una critica o qualsiasi altra cosa, lo ritengono un attacco contro di loro, dicono che sei un traditore, un bugiardo e cose del genere. Non è un buon clima e stiamo combattendo per cambiarlo. Sono molto grato per il supporto dei miei colleghi e delle associazioni di giornalisti”.

Nell’ultimo periodo le minacce ai giornalisti stanno aumentando e per tutti l’accusa è sempre la stessa “nemici della Serbia”. Nei giorni scorsi anche un’altra giornalista Una Hajdari è stata minacciata di morte sui social network solo per aver scritto un tweet sarcastico sul presidente Vucic.

“Noi resistiamo, ma spero che questa pressione possa influenzare la situazione e costringere le autorità a cambiare attitudine”.

***

Questa intervista fa parte del progetto European Centre for Press and Media Freedom, a cui contribuisce Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa, e di cui Radio Popolare è Media Partner.

  • Autore articolo
    Bianca Senatore
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 05/03/21 delle 19:49

    Metroregione di ven 05/03/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 03/05/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 06/03/21

    Mash-Up di sab 06/03/21

    Mash-Up - 03/06/2021

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 05/03/21

    Doppia Acca di ven 05/03/21

    Doppia Acca - 03/06/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 05/03/21

    A casa con voi di ven 05/03/21

    A casa con voi - 03/05/2021

  • PlayStop

    Andrà tutto bene, terza puntata: l'ultimo viaggio

    Il contagio sottovalutato, l'ospedale di Alzano Lombardo riaperto in fretta e furia, la zona rossa rinviata all'ultimo minuto, le campane…

    Andrà Tutto Bene - 03/05/2021

  • PlayStop

    Esteri di ven 05/03/21

    ..1-Papa Francesco in Iraq. Nel suo primo discorso ha criticato il governo locale per la corruzione e il settarismo, ha…

    Esteri - 03/05/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 05/03/21

    Ora di punta di ven 05/03/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 03/05/2021

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 05/03/21

    Follow Friday di ven 05/03/21

    Follow Friday - 03/05/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 05/03/21

    Uno di Due di ven 05/03/21

    1D2 - 03/05/2021

  • PlayStop

    Jack di ven 05/03/21

    Jack di ven 05/03/21

    Jack - 03/05/2021

  • PlayStop

    Stay Human di ven 05/03/21

    Stay Human di ven 05/03/21

    Stay human - 03/05/2021

  • PlayStop

    Memos di ven 05/03/21

    Occupazione e salari, quando il divario di genere è vera disuguaglianza. A Memos la sociologa Enrica Morlicchio, dell’università Federico II…

    Memos - 03/05/2021

  • PlayStop

    Note dell'autore di ven 05/03/21

    Note dell'autore di ven 05/03/21

    Note dell’autore - 03/05/2021

  • PlayStop

    Cult di ven 05/03/21

    ira rubini, cult, noir in fest 2021, barbara sorrentini, joe evan, sanremo 2021, arnica, cattive immagini, valeria bucchetti, franco angeli…

    Cult - 03/05/2021

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 05/03/21

    Efficienza energetica significa non solo etichette (con Anna Crimella di Eliante) ma molto di più. Lo approfondiamo con Arianna Vitali…

    C’è luce - 03/05/2021

  • PlayStop

    Prisma di ven 05/03/21

    Abbiamo parlato con voi di quanto siete arrabbiati per questa repentina chiusura delle scuole e di come farete in questi…

    Prisma - 03/05/2021

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 05/03/21

    Il Giorno Delle Locuste di ven 05/03/21

    Il giorno delle locuste - 03/05/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 05/03/21

    Il demone del tardi - copertina di ven 05/03/21

    Il demone del tardi - 03/05/2021

Adesso in diretta