Approfondimenti

Mezza Italia si tinge di rosso, Letta pronto a guidare il PD e le altre notizie della giornata

Draghi ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 12 marzo 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Le nuove misure anti-COVID sono state ufficializzate e da lunedì non esisterà più la zona gialla. Enrico Letta ha sciolto la riserva e si candida a guidare il Partito Democratico. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia.

Abolita la zona gialla fino a Pasqua. Le nuove misure decise dal governo

(di Omar Caniello)

Con il nuovo decreto sarà automatico il passaggio in zona rossa per le Regioni che avranno un numero settimanale di casi superiore a 250 ogni 100.000 abitanti. Dunque da lunedì saranno rosse, oltre le due Province autonome di Trento e Bolzano, la Lombardia, l’Emilia-Romagna, il Piemonte, il Veneto, il Friuli Venezia Giulia, il Lazio, le Marche, la Basilicata e la Campania. Tutte le altre Regioni, a parte la Sardegna che è bianca, sono arancioni. Di fatto non esisterà più la zona gialla almeno fino a Pasqua compresa. Ricordiamo che in zona rossa saranno chiuse tutte le scuole di ogni ordine e grado, tutte le attività commerciali tranne quelle essenziali come alimentari e farmacie, bar e ristoranti potranno fare solo asporto e sono vietate anche le visite ad amici o parenti.
La Pasqua sarà blindata con tutta Italia che il 3, 4 e 5 aprile sarà rossa, ad eccezione di eventuali regioni in zona bianca. Unica deroga prevista nelle festività, la possibilità di spostarsi all’interno della propria Regione verso una sola abitazione privata, una volta al giorno, massimo due adulti con figli minori di 14 anni o disabili.
Nel decreto c’è anche una parte economica, 209 miliardi stanziati per riattivare i congedi parentali validi dal 1° e dunque retroattivi. Saranno retribuiti al 50% per chi ha figli minori di 14 anni, mentre dai 14 ai 16 anni non saranno retribuiti. Alternativo al congedo il bonus baby sitter fino a 100 euro alla settimana.

Letta è pronto a guidare un PD diviso in tante anime

(di Anna Bredice)

La parola ‘congresso anticipato’ oggi è sparita dal vocabolario degli esponenti del Pd, soprattutto degli avversari di Zingaretti, costretto ad andarsene proprio per questo motivo. Un coro unanime di consensi e applausi accoglie Enrico Letta, che ha accettato di candidarsi a segretario di un partito diviso in tante anime, concentrato solo sulle proprie appartenenze.
Letta ha detto sì attraverso un breve videomessaggio, preceduto da una visita al Ghetto da dove ha ricordato le parole di Liliana Segre, “non siate indifferenti”.
La non indifferenza, è questo il senso della sua disponibilità ad accettare questa sfida, non rinunciare a provare a prendersi la guida del partito, che gli voltò le spalle nel 2014, dal quale ora dice di aspettarsi verità e non unanimità, non lo dice, ma spesso l’unanimità è solo di facciata, per questo antepone la verità.
Letta risponde ad un appello, perché in questo momento sembra l’esponente più autorevole che può prendersi carico di questa fine di legislatura, come del resto è stato per Draghi, che è stata l’unica via d’uscita vista dal Quirinale per la crisi al buio del governo. Bisognerebbe capire se Letta avrebbe accettato lo stesso, anche senza Draghi a Palazzo Chigi, probabilmente si, ma in questo momento, con il Recovery plan e l’uscita dalla pandemia la sfida per Letta è quella nel partito e anche nel Paese, per far tornare il Pd centrale e non secondo ai Cinque stelle.
Il partito di Grillo per ora sembra gradire la scelta di Enrico Letta, “lui ha abolito il finanziamento pubblico ai partiti”, fanno sapere, ma qui c’è anche altro, c’è l’alleanza con un partito guidato da Conte che magari vorrà spostare i Cinque stelle più al centro, proprio dove Letta potrebbe voler andare.
E’ presto per capire se Letta condivide il progetto di Piazza Grande, un’alleanza strutturale a sinistra, troverà sicuramente un partito diviso in due, quell’area più vicina alla sinistra di Zingaretti e poi Base riformista che non parla più di Congresso, chiede una riflessione sul programma, e parla di un partito plurale e di impronta riformista, frasi dove le parole progressista e sinistra non compaiono mai.

Abbiamo sentito il punto di vista di Michele Serra editorialista di Repubblica e padre fondatore di Cuore:

 

Beppe Sala va coi Verdi, c’è un nuovo campo ambientalista in Italia?

(di Claudio Jampaglia)

Beppe Sala aveva bisogno di un partito. Lo aveva detto un anno fa, a chi gli chiedeva della sua candidatura a un secondo mandato. E quel partito doveva essere il Pd in cui cambiano i segretari più che le politiche e lui non aveva un ruolo nemmeno come portabandiera di quel ambientalismo concreto a cui si candida da tempo, mentre la rete C40 lo metteva a capo della task force per la ripartenza post Covid delle 97 metropoli più importanti del mondo. Così in questi mesi, interlocuzione Beppe Sala l’ha trovata con i Verdi, soprattutto europei, che vincono in Francia come in Germania e mezzo continente, con sindaci pragmatici e competenti, attenti alle diseguaglianze sociali, ma non solo di sinistra. La sintesi di quello che in sindaco di Milano è o vorrebbe essere, a seconda dei giudizi. La cucitura è stata lunga. E poi Sala ha scelto, bruciando tutti sul tempo. [CONTINUA A LEGGERE]

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Quasi 27mila nuovi contagi. Oltre mille più di ieri. 380 morti, ieri erano stati 373.
La pressione sugli ospedale che si fa sentire sempre più forte. Oltre 400 ricoveri ordinari in 24 ore, 226 terapie intensive in più. Il tasso di occupazione delle rianimazioni è sopra la soglia critica a livello nazionale. E infine: il tasso di positività che sale al 7.2%.
Questi sono i dati di oggi dell’epidemia di Covid in Italia: le persone attualmente positive – accertate – sono tornate sopra il mezzo milione. Dati che fanno paura e che confermano la crescita del contagio: l’indice Rt è ormai superiore a 1 in 16 regioni, il livello di rischio è considerato “alto” in dieci.
L’epidemia è in espansione, ha ribadito l’Istituto Superiore di Sanità, nel suo punto settimanale. Questo è il momento in cui ci troviamo, a un anno dall’inizio della pandemia, a fare i conti. E il governo Draghi interviene con un nuovo decreto che mette da lunedì tutta l’Italia in zona arancione o rossa. Mentre a Pasqua e Pasquetta sarà zona rossa nazionale. Il primo Dpcm di Draghi si è rivelato superato dopo poche settimane.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 13/04/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 14/04/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 13/04/21 delle 19:48

    Metroregione di mar 13/04/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 14/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il Gufo e L'allodola di mer 14/04/21

    Il Gufo e L'allodola di mer 14/04/21

    Il gufo e l’allodola - 14/04/2021

  • PlayStop

    Music Revolution di mar 13/04/21

    Music Revolution di mar 13/04/21

    Music Revolution - 14/04/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mar 13/04/21

    News Della Notte di mar 13/04/21

    News della notte - 14/04/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 13/04/21

    A casa con voi di mar 13/04/21

    A casa con voi - 14/04/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 13/04/21

    Ora di punta di mar 13/04/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 14/04/2021

  • PlayStop

    Esteri di mar 13/04/21

    1-Stati Uniti – Russia, prove di dialogo. In una telefonata Joe Biden ha proposto a Vladimir Putin un incontro in…

    Esteri - 14/04/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mar 13/04/21

    Sunday Blues di mar 13/04/21

    Sunday Blues - 14/04/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mar 13/04/21

    Uno di Due di mar 13/04/21

    1D2 - 14/04/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 13/04/21

    Si parla con Pietro Steiner di I senza cuccia onlus di Bergamo

    Considera l’armadillo - 14/04/2021

  • PlayStop

    Jack di mar 13/04/21

    Intervista ad Amerigo Verardi a cura di Piergiorgio Pardo

    Jack - 14/04/2021

  • PlayStop

    Memos di mar 13/04/21

    Passato e futuro del Covid_19. Qual è l’origine del virus SARS-CoV-2? Le quattro ipotesi (e i relativi giudizi) fatte dagli…

    Memos - 14/04/2021

  • PlayStop

    Prisma di mar 13/04/21

    Prisma di mar 13/04/21

    Prisma - 14/04/2021

  • PlayStop

    Giorgio Vallortigara, I pensieri della mosca con la testa storta

    GIORGIO VALLORTIGARA - PENSIERI DELLA MOSCA CON LA TESTA STORTA - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 14/04/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 13/04/21

    Fino alle otto di mar 13/04/21

    Fino alle otto - 14/04/2021

  • PlayStop

    Cult di mar 13/04/21

    ira rubini, cult, piccolo teatro aperto, coordinamento spettacolo lombardia, sergio ferrentino, uno di noi, utoya, fonderia mercury, radio popolare, auditorium…

    Cult - 14/04/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 13/04/21

    Rassegna stampa internazionale di mar 13/04/21

    Rassegna stampa internazionale - 14/04/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 13/04/21

    Il demone del tardi - copertina di mar 13/04/21

    Il demone del tardi - 14/04/2021

  • PlayStop

    A come America del mar 13/04/21

    A come America del mar 13/04/21

    A come America - 14/04/2021

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 13/04/21

    From Genesis to Revelation di mar 13/04/21

    From Genesis To Revelation - 14/04/2021

Adesso in diretta