Approfondimenti

L’attacco alla stazione di Kramatorsk, la riduzione dei fondi destinati alla scuola e le altre notizie della giornata

kramatorsk

Il racconto della giornata di venerdì 8 aprile 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Un missile Tocka-U, è caduto nel piazzale davanti alla stazione di Kramatorsk, nel Donbass Occidentale, causando 50 morti e centinaia di feriti. Le stragi, i massacri, le migliaia di civili uccisi trasformati in un argomento nella guerra tra fazioni. Nei prossimi tre anni la spesa per l’assunzione di insegnanti e per la trasformazione tecnologica della scuola sarà ridotta di mezzo punto di Pil. Secondo Human Rights Watch nei pressi del fiume Evros, in Grecia, i richiedenti asilo vengono picchiati, derubati e denudati prima di venire respinti. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La strage di civili in fuga alla stazione di Kramatorsk

Kramatorsk è una città del Donbass occidentale, quello cioè controllato dall’esercito ucraino. La città è un importante snodo nell’esodo di profughi che hanno risposto all’appello delle autorità ucraine a lasciare la regione in vista di una massiccia offensiva russa. Ieri la rete ferroviaria in uscita dalla città era stata già danneggiata dai combattimenti, e dunque stamattina, quando i treni hanno ricominciato a partire in direzione ovest era anche più piena del solito. Il sindaco della città ha parlato di 4mila persone in coda per partire.
Un missile, un Tocka-U, è caduto alle 10.25 ora locale nel piazzale davanti alla stazione. Le immagini mostrano la carcassa del missile: è intero e dunque non intercettato dalla contraerea. Secondo l’analisi effettuata da un esperto militare citato dall’Ansa, il direttore della rivista italiana difesa Batacchi, le immagini mostrerebbero anche che le bombe a grappolo si sono sganciate dal corpo centrale. Sul lato del missile una scritta in grandi caratteri bianchi, in alfabeto cirillico: per i bambini (nel senso di: per quello che avete fatto/state facendo ai bambini). I morti accertati in questo momento sono 50. I feriti centinaia.
Chi ha compiuto questo attacco?
I missili Tocka-u sono in dotazione sia all’esercito ucraino sia a quello russo: Mosca infatti ha in dotazione anche missili più moderni, gli Iskander, ma non ha del tutto abbandonato i vecchi Tocka U. A sostegno della paternità russa viene citato anche un tweet, dell’agenzia ufficiale russa Lenta.ru, che poco prima che le immagini della stazione facessero il giro del mondo aveva riportato una dichiarazione del ministero russo della difesa che annunciava di avere compiuto tre attacchi contro altrettante stazioni e distrutto equipaggiamento militare ucraino. Non ci sono però conferme sull’autenticità di questo tweet.
Mosca respinge tutte le accuse e sostiene, di contro, che il missile sia stato lanciato da un’unità ucraina da una città, Dobropolye, a una cinquantina di chilometri a sud di Kramatorsk.

Dov’è l’empatia per le vittime?

(di Luigi Ambrosio)
C’erano migliaia di persone ammassate nella stazione di Kramatorsk.
Il racconto dei testimoni oculari della strage è terribile: corpi a terra, sangue ovunque, urla, persone che morivano per le emorragie.
La guerra moderna è guerra che ha tra i suoi target i civili, da Guernica in poi. Una considerazione perfino banale che non dovrebbe però giustificare l’assuefazione all’orrore della guerra. E invece stiamo assistendo a questo. Si è detto che la guerra in Ucraina è la prima vera guerra nell’epoca dei social. Questa guerra è di gran lunga il tema più dibattuto sui social, come mai altro conflitto prima di oggi. Eppure mai prima di oggi a una così grande attenzione dell’opinione pubblica è seguito un tale difetto di considerazione per le vittime.
Le stragi, i massacri, le migliaia di civili uccisi casomai sono un argomento nella guerra tra fazioni, sono uno strumento per lanciarsi accuse reciproche, fanno da sfondo al tifo calcistico. Ci si dovrebbe fermare, osservare, lasciarsi alle spalle la retorica e la pornografia del dolore. Ci si dovrebbe immedesimare con chi soffre. Invece, se la prima vittima della guerra è la verità, questa volta un’altra vittima eccellente, e inaspettata, è l’empatia per le vittime vere. Quelle che muoiono sotto le bombe.

I tagli alla spesa per la scuola

(di Anna Bredice)

La sofferenza del settore scuola nei due anni di Covid non è stata per nulla ripagata dal Documento di programmazione economica, il Def, per il prossimo anno. Si riducono le spese destinate alla scuola, nell’arco temporale dei prossimi tre anni la spesa per l’assunzione di insegnanti e per la trasformazione tecnologica della scuola, visto tra l’altro l’esperienza della didattica a distanza, si vede ridotta di mezzo punto di Pil, passando dal 4 al 3,5 per cento, che tradotto potrebbe trasformarsi nel 25% in meno di risorse dedicate a questo settore, penalizzando così nuove assunzioni e la speranza di aumentare il numero delle classi, in modo da ridurre così il numero degli alunni per classe. Il ministero dell’economia avrebbe spiegato questa riduzione dei fondi da un lato con la necessità di destinare maggiori risorse alla spesa pensionistica e sanitaria, a causa dell’invecchiamento della popolazione, e dall’altro meno soldi perché ci sono meno nascite e di conseguenza meno alunni. Insomma, si toglie da una parte per dare all’altra, nonostante nel recovery fund il capitolo scuola, con il rinnovamento del digitale, la transizione ecologico e tecnologica, fossero uno dei punti più citati da Draghi. Dovrebbe essere solo confermato il personale docente assunto per affrontare l’emergenza Covid, ma nulla di più al momento. I sindacati si stanno facendo sentire, la Uil scuola già con una critica forte, gli altri sindacati per ora hanno affidato il parere ai segretari generali, i quali, ad esempio Landini della Cgil, solo ieri aveva respinto l’eventualità di un aumento delle spese militari, a fronte di una mancanza di investimenti nei settori cruciali come scuola e sociale.

Grecia, i respingimenti al confine con la Turchia e i migranti usati per il “lavoro sporco”

(di Eleonora Panseri)

È dal 2008 che l’ONG internazionale Human Rights Watch monitora in Grecia i respingimenti dei migranti al confine con la Turchia. Sono trascorsi 14 anni da allora e le cose non sono cambiate.
Anzi, se possibile, sono anche peggiorate. “Their Faces Were Covered” è il titolo del nuovo report di Human Rights Watch, pubblicato sul sito il 7 aprile. Nelle 29 pagine dell’inchiesta, realizzata grazie alle testimonianze di 26 persone di origini afghane respinte al confine, sono riportate le violenze delle autorità greche. Secondo Human Rights Watch, nei pressi del fiume Evros, i richiedenti asilo vengono picchiati, derubati e denudati prima di venire respinti. Dai loro racconti è emerso poi un particolare agghiacciante: le imbarcazioni con le quali gli intervistati vengono costretti ad attraversare il fiume per tornare in Turchia sono guidate a loro volta da migranti con il volto coperto da passamontagna.

“Il conducente della barca mi ha detto: “Stiamo facendo questo lavoro per tre mesi poi ci daranno un documento con cui potremo muoverci liberamente per la Grecia e prendere anche un biglietto per andare in un altro Paese”, ha raccontato un comandante dell’esercito afghano di 28 anni, tra le persone ascoltate da Human Rights Watch. Il traghettatore veniva dal Pakistan. [CONTINUA A LEGGERE]

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

La quarta dose del vaccino anti-Covid sarà somministrata agli over 80, agli ospiti delle Rsa e per coloro i quali siano inseriti nelle categorie a rischio e abbiano un’età compresa tra i 60 e i 79 anni. Lo ha comunicato oggi il ministero della Salute. Il monitoraggio settimanale sull’andamento del virus pubblicato questa mattina certifica che l’indice di trasmissibilità del covid scende ma resta comunque sopra la soglia di 1, che significa che è ancora in espansione. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è stabile mentre nei reparti ordinari c’è una lieve crescita. “Questa settimana si conferma un trend in decrescita nel numero dei nuovi casi che diminuiscono tra le fasce d’età più giovani, mentre sono in aumento tra gli over50. Lo ha dichiarato il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro. Nelle ultime 24 ore sono stati 66mila 500 i nuovi casi, 144 le vittime, con un tasso di positività al 15%.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 28/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 28/05/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 29/05/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 28/05/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 29/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 28/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/05/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sabato 28/05/2022

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest;…

    Avenida Brasil - 29/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 28/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 29/05/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 28/05/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 29/05/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 28/05/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 29/05/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 28/05/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 29/05/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 28/05/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 29/05/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 28/05/2022

    Peace, brass and love: la festa della Banda degli ottoni a scoppio; l’intervista di Ira Rubini a Davide Enia; la…

    Good Times - 29/05/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 28/05/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 29/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 28/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 29/05/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 28/05/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 29/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 27/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 29/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 29/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 10 – Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Who shot ya - 29/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 7 – Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Who shot ya - 29/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 27/05/2022

    1- Egitto. Lo sciopero della fame di Alaa Abdel Fattah, una sfida lanciata al Presidente Al Sisi. Da 56 giorni…

    Esteri - 29/05/2022

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia di venerdì 27/05/2022

    “Giustizia, Diritti e Memoria” È il titolo del nuovo e sesto ciclo di lezioni di antimafia che inizia martedì 15…

    Lezioni di antimafia - 29/05/2022

Adesso in diretta