Approfondimenti

L’attacco alla stazione di Kramatorsk, la riduzione dei fondi destinati alla scuola e le altre notizie della giornata

kramatorsk

Il racconto della giornata di venerdì 8 aprile 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Un missile Tocka-U, è caduto nel piazzale davanti alla stazione di Kramatorsk, nel Donbass Occidentale, causando 50 morti e centinaia di feriti. Le stragi, i massacri, le migliaia di civili uccisi trasformati in un argomento nella guerra tra fazioni. Nei prossimi tre anni la spesa per l’assunzione di insegnanti e per la trasformazione tecnologica della scuola sarà ridotta di mezzo punto di Pil. Secondo Human Rights Watch nei pressi del fiume Evros, in Grecia, i richiedenti asilo vengono picchiati, derubati e denudati prima di venire respinti. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La strage di civili in fuga alla stazione di Kramatorsk

Kramatorsk è una città del Donbass occidentale, quello cioè controllato dall’esercito ucraino. La città è un importante snodo nell’esodo di profughi che hanno risposto all’appello delle autorità ucraine a lasciare la regione in vista di una massiccia offensiva russa. Ieri la rete ferroviaria in uscita dalla città era stata già danneggiata dai combattimenti, e dunque stamattina, quando i treni hanno ricominciato a partire in direzione ovest era anche più piena del solito. Il sindaco della città ha parlato di 4mila persone in coda per partire.
Un missile, un Tocka-U, è caduto alle 10.25 ora locale nel piazzale davanti alla stazione. Le immagini mostrano la carcassa del missile: è intero e dunque non intercettato dalla contraerea. Secondo l’analisi effettuata da un esperto militare citato dall’Ansa, il direttore della rivista italiana difesa Batacchi, le immagini mostrerebbero anche che le bombe a grappolo si sono sganciate dal corpo centrale. Sul lato del missile una scritta in grandi caratteri bianchi, in alfabeto cirillico: per i bambini (nel senso di: per quello che avete fatto/state facendo ai bambini). I morti accertati in questo momento sono 50. I feriti centinaia.
Chi ha compiuto questo attacco?
I missili Tocka-u sono in dotazione sia all’esercito ucraino sia a quello russo: Mosca infatti ha in dotazione anche missili più moderni, gli Iskander, ma non ha del tutto abbandonato i vecchi Tocka U. A sostegno della paternità russa viene citato anche un tweet, dell’agenzia ufficiale russa Lenta.ru, che poco prima che le immagini della stazione facessero il giro del mondo aveva riportato una dichiarazione del ministero russo della difesa che annunciava di avere compiuto tre attacchi contro altrettante stazioni e distrutto equipaggiamento militare ucraino. Non ci sono però conferme sull’autenticità di questo tweet.
Mosca respinge tutte le accuse e sostiene, di contro, che il missile sia stato lanciato da un’unità ucraina da una città, Dobropolye, a una cinquantina di chilometri a sud di Kramatorsk.

Dov’è l’empatia per le vittime?

(di Luigi Ambrosio)
C’erano migliaia di persone ammassate nella stazione di Kramatorsk.
Il racconto dei testimoni oculari della strage è terribile: corpi a terra, sangue ovunque, urla, persone che morivano per le emorragie.
La guerra moderna è guerra che ha tra i suoi target i civili, da Guernica in poi. Una considerazione perfino banale che non dovrebbe però giustificare l’assuefazione all’orrore della guerra. E invece stiamo assistendo a questo. Si è detto che la guerra in Ucraina è la prima vera guerra nell’epoca dei social. Questa guerra è di gran lunga il tema più dibattuto sui social, come mai altro conflitto prima di oggi. Eppure mai prima di oggi a una così grande attenzione dell’opinione pubblica è seguito un tale difetto di considerazione per le vittime.
Le stragi, i massacri, le migliaia di civili uccisi casomai sono un argomento nella guerra tra fazioni, sono uno strumento per lanciarsi accuse reciproche, fanno da sfondo al tifo calcistico. Ci si dovrebbe fermare, osservare, lasciarsi alle spalle la retorica e la pornografia del dolore. Ci si dovrebbe immedesimare con chi soffre. Invece, se la prima vittima della guerra è la verità, questa volta un’altra vittima eccellente, e inaspettata, è l’empatia per le vittime vere. Quelle che muoiono sotto le bombe.

I tagli alla spesa per la scuola

(di Anna Bredice)

La sofferenza del settore scuola nei due anni di Covid non è stata per nulla ripagata dal Documento di programmazione economica, il Def, per il prossimo anno. Si riducono le spese destinate alla scuola, nell’arco temporale dei prossimi tre anni la spesa per l’assunzione di insegnanti e per la trasformazione tecnologica della scuola, visto tra l’altro l’esperienza della didattica a distanza, si vede ridotta di mezzo punto di Pil, passando dal 4 al 3,5 per cento, che tradotto potrebbe trasformarsi nel 25% in meno di risorse dedicate a questo settore, penalizzando così nuove assunzioni e la speranza di aumentare il numero delle classi, in modo da ridurre così il numero degli alunni per classe. Il ministero dell’economia avrebbe spiegato questa riduzione dei fondi da un lato con la necessità di destinare maggiori risorse alla spesa pensionistica e sanitaria, a causa dell’invecchiamento della popolazione, e dall’altro meno soldi perché ci sono meno nascite e di conseguenza meno alunni. Insomma, si toglie da una parte per dare all’altra, nonostante nel recovery fund il capitolo scuola, con il rinnovamento del digitale, la transizione ecologico e tecnologica, fossero uno dei punti più citati da Draghi. Dovrebbe essere solo confermato il personale docente assunto per affrontare l’emergenza Covid, ma nulla di più al momento. I sindacati si stanno facendo sentire, la Uil scuola già con una critica forte, gli altri sindacati per ora hanno affidato il parere ai segretari generali, i quali, ad esempio Landini della Cgil, solo ieri aveva respinto l’eventualità di un aumento delle spese militari, a fronte di una mancanza di investimenti nei settori cruciali come scuola e sociale.

Grecia, i respingimenti al confine con la Turchia e i migranti usati per il “lavoro sporco”

(di Eleonora Panseri)

È dal 2008 che l’ONG internazionale Human Rights Watch monitora in Grecia i respingimenti dei migranti al confine con la Turchia. Sono trascorsi 14 anni da allora e le cose non sono cambiate.
Anzi, se possibile, sono anche peggiorate. “Their Faces Were Covered” è il titolo del nuovo report di Human Rights Watch, pubblicato sul sito il 7 aprile. Nelle 29 pagine dell’inchiesta, realizzata grazie alle testimonianze di 26 persone di origini afghane respinte al confine, sono riportate le violenze delle autorità greche. Secondo Human Rights Watch, nei pressi del fiume Evros, i richiedenti asilo vengono picchiati, derubati e denudati prima di venire respinti. Dai loro racconti è emerso poi un particolare agghiacciante: le imbarcazioni con le quali gli intervistati vengono costretti ad attraversare il fiume per tornare in Turchia sono guidate a loro volta da migranti con il volto coperto da passamontagna.

“Il conducente della barca mi ha detto: “Stiamo facendo questo lavoro per tre mesi poi ci daranno un documento con cui potremo muoverci liberamente per la Grecia e prendere anche un biglietto per andare in un altro Paese”, ha raccontato un comandante dell’esercito afghano di 28 anni, tra le persone ascoltate da Human Rights Watch. Il traghettatore veniva dal Pakistan. [CONTINUA A LEGGERE]

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

La quarta dose del vaccino anti-Covid sarà somministrata agli over 80, agli ospiti delle Rsa e per coloro i quali siano inseriti nelle categorie a rischio e abbiano un’età compresa tra i 60 e i 79 anni. Lo ha comunicato oggi il ministero della Salute. Il monitoraggio settimanale sull’andamento del virus pubblicato questa mattina certifica che l’indice di trasmissibilità del covid scende ma resta comunque sopra la soglia di 1, che significa che è ancora in espansione. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è stabile mentre nei reparti ordinari c’è una lieve crescita. “Questa settimana si conferma un trend in decrescita nel numero dei nuovi casi che diminuiscono tra le fasce d’età più giovani, mentre sono in aumento tra gli over50. Lo ha dichiarato il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro. Nelle ultime 24 ore sono stati 66mila 500 i nuovi casi, 144 le vittime, con un tasso di positività al 15%.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 28/02 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 28/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 28/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 28/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 28-02-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 28/02/2024

    Oggi a Cult: la stand up comedian Giorgia Fumo con lo show "Vita bassa" al TAM Arcimboldi; Giovanni Piperno sul film "16 mm alla rivoluzione"; la mostra "Mariella Bettineschi. All in one" a Triennale Milano; Muta Imago a Triennale Teatro con "Tre sorelle; Marco Pesatori sul suo libro "Astrologia per intellettuali" (Mimesis)...

    Cult - 28-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 28/02/2024

    Draghi, candidato regista dell’Europa che verrà. L’ex presidente della Bce – che da Francoforte ha contribuito a dare forma all’Europa di oggi – appare sempre intenzionato a disegnare il profilo dell’Europa del futuro, da posizioni di primissimo piano nell’UE. Si moltiplicano i suoi interventi, l’ultimo ieri durante l’incontro con i presidenti delle commissioni del parlamento di Strasburgo. “Per favore, fate qualcosa. Non si può dire sempre di no”, ha detto Draghi. Secondo l’ex capo del governo italiano il modello di sviluppo dell’Europa degli ultimi decenni (costruito sui prezzi stracciati del gas russo , sulle esportazioni cinesi e sotto l’ombrello militare americano) è andato in crisi. Se l’Europa non vuole perdere la partita della competitività con Stati Uniti e Cina deve prepararsi ad un massiccio piano di investimenti, pubblici e privati. E includere la spesa militare e la difesa comune tra le priorità. Per Draghi l’Europa deve trasformarsi sempre di più in uno stato oppure non avrà futuro. Pubblica oggi ha ospitato l’economista Andrea Roventini, della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, e Lucia Tajoli, economista del Politecnico di Milano e collaboratrice dell’Ispi.

    Pubblica - 28-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 28/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 28/02/2024

    PRIMARIE DEMOCRATICI IN MICHIGAN, SEGNALI NEGATIVI PER JOE BIDEN con Roberto Festa - LE TRATTATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO A GAZA con Cristian Elia giornalista, autore di “J'accuse. Gli attacchi del 7 ottobre, Hamas, il terrorismo, Israele, l'apartheid in Palestina e la guerra” con Francesca Albanese, relatrice speciale Onu per i diritti umani in Palestina - ARIA INQUINATA, STATO DI EMERGENZA IN REGIONE LOMBARDIA? con Alessandro Braga, Simone Negri consigliere regionale PD e Michela Palestra consigliera regionale Patto Civico - FRANA NELLA NOTTE IN VALMALENCO, RIAPERTA LA STATALE aggiornamenti con Giovanni Gianotti sindaco di Torre Santa Maria (SO) - CASO IUVENTA, ULTIME UDIENZE PRELIMINARI: ANDRANNO A PROCESSO? con Francesca Cancellaro, avvocata del team legale Iuventa. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 28-02-2024

  • PlayStop

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 28/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-02-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di martedì 27/02/2024

    La prima volta che ho ascoltato I’m your man, era un grigio, piovoso e ventoso pomeriggio di novembre. La persiana sbatteva rumorosamente, e con il cuore che era in frantumi invece di alzarmi per affrancarla al battente, alzavo il volume del giradischi. Nel 1988 c'era ancora il giradischi, chiamato "stereo" per fare più bella figura. La voce sensuale e malinconica di Leonard Cohen riempiva la stanza. Cantava di un uomo disposto a indossare qualsiasi maschera per il suo amore. Pochi giorni prima, il mio mi aveva lasciato e come cantava Cohen, avrei fatto qualsiasi cosa per farla tornare. Avrei indossato qualunque maschera, avrei voluto essere tutto ciò che lei avesse desiderato. Ma era troppo tardi. Troppi errori e promesse non mantenute. In quella stanza dalle pareti verdi, con il fantasma dei miei 31 anni che mi tormentava, ho ascoltato quella canzone ininterrottamente, chiedendomi quale maschera avrei dovuto indossare per riportarla a me. Poi, all'improvviso, ho realizzato: "Forse non dovrei indossare nessuna maschera". Mi sono alzato e sono andato alla finestra per fermare la persiana. Playlist: I’m Your Man - Famous Raincoat Blue - Leaving The Table - Chelsea Hotel - On The Level - Almost Like The Blues - Hey, That’s No Way To Say Goodbye - You Got Me Singing - If I Didn’t Have Your Love - Take This Walz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 27-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 27/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27-02-2024

Adesso in diretta