Approfondimenti

L’incubo nucleare, il costo folle dei riscaldamenti, l’idea di un ministero della natalità e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 7 ottobre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto che il rischio di “un’apocalisse” non era stato mai così alto dalla crisi dei missili di Cuba nel 1962, quando gli Stati Uniti e l’allora Unione Sovietica arrivarono vicini a una guerra nucleare. Oggi sono stati assegnati i premi Nobel per la Pace all’attivista per i diritti civili bielorusso Ales Bialiatski, all’organizzazione non governativa russa Memorial e al Centro per le libertà civili ucraino, che prima della guerra lavorava per rafforzare lo stato di diritto e dopo l’invasione si è dedicata alla documentazione dei crimini di guerra dell’esercito russo. Bialiatski è il presidente della ong per i diritti umani Viasna, che fondò nel 1996 per dare assistenza finanziaria e legale ai prigionieri politici in Bielorussia e alle loro famiglie. Memorial è stata fondata in Russia nel 1987 da Andrei Sacharov, che vinse il Nobel per la Pace nel 1975. I prezzi del gas hanno almeno altre due settimane per svuotare il potere di acquisto di stipendi e pensioni: ancora non c’è un’intesa per regolarli. Se sui temi economici la destra promette continuità con il governo Draghi, per distinguersi punta sui temi identitari. E l’ossessione è sempre la stessa, il corpo delle donne.

Perchè Biden parla di “Armageddon”?

(di Michele Migone)

Le dichiarazioni di Joe Biden sul rischio di un “Armageddon nucleare” sono un messaggio diretto a Vladimir Putin. Il messaggio è: ci sarà un risposta della Nato con armi nucleari all’uso della bomba atomica tattica da parte della Russia in Ucraina. La parole del presidente Usa significano che nonostante le smentite ufficiali, gli Stati Uniti potrebbero avere informazioni secondo cui Putin starebbe realmente valutando di usare le armi atomiche tattiche. Secondo punto. La risposta della Nato sarà distruttiva nei confronti delle forze armate russe, tanto da portare a una possibile escalation nucleare. Finora l’Alleanza Atlantica e Washington non hanno fatto trapelare attraverso i media nessuna indiscrezione rispetto ai piani militari di risposta in caso di un attacco atomico russo in Ucraina. Biden lo ha fatto capire ieri, ma è comunque rimasto volutamente nel vago per non svelare le carte e laaciare l’avversario nel dubbio. Tre. Biden ha citato la crisi dei missili di Cuba del 1962, quando il mondo fu realmente sull’orlo di un conflitto nucleare. Una citazione storica che forse potrebbe contenere un messaggio. All’epoca, il leader sovietico Crusciov fece un passo indietro, fermando le navi che portavano i missili sull’isola in cambio di accordo riservato con Washington che prevedeva il ritiro dalla Turchia di alcune batterie di missili Nato puntate verso l’Urss. Ultima osservazione. Joe Biden conosce molto bene la psicologia di Vladimir Putin perché studia il dossier da anni. Sa, come dice la maggior parte degli analisti, che Putin comprende bene solo i rapporti di pura forza. Biden ha voluto essere molto chiaro con il presidente russo: se colpisci, ti colpirò più forte.

La Lega vuole il ministero della natalità e della famiglia

Nelle trattative per il nuovo governo irrompe uno dei temi identitari della destra. Dopo gli attacchi all’aborto in campagna elettorale, spunta l’ipotesi di un ministero della natalità, che vorrebbero Salvini e la Lega.
Prima o poi doveva succedere: se in economia Meloni promette continuità col governo Draghi, la destra per distinguersi punta ai propri temi identitari. L’ossessione è sempre la stessa: l’utero ed il corpo delle donne. Se in campagna elettorale gli attacchi erano tutti al diritto all’aborto, la novità è quella di voler ribattezzare il ministero della famiglia “famiglia e natalità”. Che non si prospetti nulla di buono da un’operazione ideologica lo si capisce anche dai nomi che circolano: evocato da Salvini, potrebbe effettivamente finire alla Lega nelle mani di Simona Baldassarre, integralista responsabile famiglia del partito. Cosa dovrebbe fare un ministero della natalità, non è chiaro. La denatalità in Italia è un problema serio che Istat sottolinea costantemente. Ma, spiegano ricerche e studi, deriva soprattutto da incertezza, precarietà, e disparità ancora esistenti come l’assenza di un congedo di paternità equivalente che scaricano solo sulle donne la responsabilità dei figli. L’idea della destra, almeno quella spinta in campagna elettorale, sembra più andare nella direzione opposta a quella di favorire la libera scelta e la condivisione, in una sorta di imposizione di maternità e di relegare le donne al ruolo di dare figli alla patria. Intanto per far capire quale sarà la direzione, la destra si scaglia contro il governo uscente che, in grave ritardo, solo l’altro ieri ha varato un corposo pacchetto di indirizzo per i diritti lgbt: dai congedi parentali, a incentivi per chi assume persone transgender, a norme anti-discriminatorie nei contratti, alla formazione della polizia. Da destra prima hanno rassicurato: non toccheremo i diritti acquisiti. Ma di altri, per le persone lgbt, non se ne parla, e annunciano che questo piano sarà bloccato.

L’allarme degli amministratori di condominio

(di Massimo Alberti)

La bomba sociale dei riscaldamenti sta per esplodere. In alcune città è già successo. A lanciare l’allarme sono gli amministratori di condominio, impegnati in questi giorni nelle assemblee dove stanno presentando agli inquilini preventivi triplicati per i costi dei riscaldamenti centralizzati.
Il numero di chi non è riuscito a pagare gli aumenti dello scorso inverno, è in crescita vertiginosa. E così, le centrali termiche minacciano di non accendere gli impianti, lasciando milioni di persone senza riscaldamento, o nel migliore dei casi con forti razionamenti su giorni ed orari di erogazione. In alcune città, i distacchi sono già cominciati. “Aiutate le famiglie, o non passiamo l’inverno” l’appello degli amministratori.
“Siamo ottocento amministratori nella Capitale, tutti abbiamo almeno un palazzo in cui sono già state staccate le forniture”. Siamo solo ai primi di ottobre, fa ancora caldo, ma Rossella De Angelis, presidente dell’associazione amministratori di condominio di Roma stima in un migliaio i palazzi cui sono già state sospese le forniture a causa dei consuntivi sullo scorso inverno, mediamente almeno doppi dei preventivi. Preventivi di due o trecento euro diventati in casi estremi anche di oltre 1000.
E i preventivi di questo inverno sono a loro volta doppi dei consuntivi che in tanti non sono riusciti a pagare. Cioè, aumenti medi stimati del 300% in un anno.
Anche a Torino la stima è di almeno 200 distacchi già avvenuti. A Milano, per ora la situazione è più contenuta, dicono gli amministratori. A seconda delle città, le morosità – cioè chi non riesce a pagare – son salite anche del 70%. “Ma non sono cattivi pagatori: a stipendi fermi, le famiglie non ce la fanno, mai come ora siamo dalla loro parte” sottolinea il portavoce Anaci di Milano Leonardo Caruso.
I razionamenti, pesanti, sono già scritti. A Roma gli impianti non partiranno prima di dicembre, in alcuni casi per sole 4 ore al giorno, hanno comunicato gli amministratori. A nord si prega per clima miti e tenere cosi ferme le caldaie almeno fino a novembre per ridurre costi altrimenti insostenibili. Anche nel ricco nord est, dove in molte aree gli impianti di solito son già accesi per le temperature già scese, i riscaldamenti centralizzai non sono partiti. Ecco il punto è questo: “Non ci sarà margine per risparmiare abbastanza per coprire gli aumenti”, spiega il portavoce di Anaci Veneto Lino Bertin, e questo ripetono tutti gli amministratori. In un paese con stipendi fermi da 30 anni e livelli di povertà in crescita, concentrato proprio dove gli impianti centralizzati coprono più persone. Il problema è a catena: senza soldi, le centrali termiche che servono anche centinaia di unità abitative ed interi quartieri, non possono pagare i fornitori che a loro volta hanno chiesto cauzioni triplicate. Si cercano escamotage, tra una maggiore rateizzazione dei bollettini ed appunto i tagli. Ma ad oggi gli amministratori non vedono soluzione: “non sappiamo dove sbattere la testa” continua Caruso “ma senza un forte intervento pubblico questo inverno la situazione è destinata a peggiorare velocemente”, un allarme che trova concordi i suoi colleghi di tutta Italia. “Non parliamo di qualcosa di superfluo, parliamo di un servizio essenziale: pensiamo a chi lavora da casa, o agli anziani, o a chi per diverse ragioni è costretto a passare molte ore in casa, o non ha soldi per pagare, figuriamoci da spendere per miglioramenti e coibentazioni” continua De Angelis. Il problema presto si rifletterà più in generale, su tutte le spese condominiali i cui costi stanno lievitando altrettanto velocemente. “In diversi palazzi abbiamo sospeso le manutenzioni straordinarie e ridotto gli interventi di pulizia – spiega ancora Caruso – altrimenti oltre al riscaldamento anche le spese condominiali non saranno sostenibili. Ma questo vuol dire peggiorare il servizio e la qualità dei luoghi abitativi” che riguarda soprattutto le periferie, ed ancora le fasce di reddito più basso. “Non so quanti politici vivano in un condominio col riscaldamento centralizzato, e se il reddito conti nella loro percezione – conclude De Angelis – ma mi auguro che chi ci rappresenta prenda coscienza di una situazione già oggi insostenibile”.

I Nobel per la Pace

Oggi è stato assegnato il Nobel per la Pace. Un premio che quest’anno è strettamente legato all’attuale contesto internazionale. Sono tre i premiati. Il dissidente bielorusso, Ales Bialatski, oppositore del regime di Lukashenko, attualmente in carcere, noto per il suo lavoro con l’organizzazione Viasna Human Rights Centre che fondò nel 1996 per dare assistenza finanziaria e legale ai prigionieri politici e alle loro famiglie. E due ong per i diritti umani e le libertà civili: la russa Memorial e l’ucraina Centre for civil liberties. “In onore dell’impegno in difesa dei diritti umani e del diritto di criticare il potere”, è stata la motivazione del Comitato per il Nobel. Ascoltiamo Danielo De Biasio, direttore del festival dei diritti umani

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 23/06 12:59

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 23/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 21/06/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 21-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 23/06/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 23-06-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 23/06/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 23-06-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 23/06/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 23-06-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 23/06/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 23-06-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 23/06/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 23-06-2024

  • PlayStop

    Delorean di sabato 22/06/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 22-06-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 22/06/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 22-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 22/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22-06-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 22/06/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 22-06-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 22/06/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 22-06-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 22/06/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 22-06-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 22/06/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 22-06-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 22/06/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 22-06-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 22/06/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 22-06-2024

Adesso in diretta