Approfondimenti

Il corteo di Fridays For Future sfida la Cop26, le pillole anti-COVID sempre più vicine e le altre notizie della giornata

Corteo Fridays For Future ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 5 novembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Oggi a Glasgow, a cinque giorni dall’inizio della Cop26, i giovani di Fridays For Future sono scesi in strada insieme a Greta Thunberg contro il “bla bla bla” dei leader della Terra. Il governo italiano, intanto, sulle concessioni balneari e sul commercio ambulante ha trovato una soluzione a metà, come aveva già fatto con il catasto. All’Elfo Puccini di Milano, invece, si è tenuto l’incontro “Non ci fermiamo, per i diritti contro l’odio” per dire che una legge contro l’omotransfobia deve andare avanti con Alessandro Zan, Beppe Sala, Monica Romano e Pierfrancesco Majorino. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia, con una pillola contro l’infezione approvata nel Regno Unito e una versione prodotta da Pfizer già in fase di sperimentazione.

Migliaia di giovani a Glasgow contro il “bla bla bla” della Cop26

“La Cop26 è il fastival del green washing, è chiaro a tutti che sia un fallimento: è una celebrazione di due settimane del business – come sempre e del bla bla bla”. Greta Thunberg ha descritto così la Cop26 dal palco del corteo organizzato da Fridays For Future a Glasgow oggi.
A cinque giorni dall’inizio della conferenza ONU per il clima, almeno 10mila ragazzi e ragazze – ma non solo – hanno sfilato oggi per le strade della città scozzese, mentre i leader della terra facevano quello che l’attivista svedese ha definito ancora un volta “bla bla bla”.
In testa al corteo i giovani delle popolazioni indigene dell’Amazzonia e attivisti da tutto il mondo. Sul palco, oltre a Greta Thunberg, anche ragazzi dal sud del mondo, dal Pakistan all’Uganda, che hanno accusato i paesi ricchi di sfruttare quelli più poveri con il loro capitalismo sfrenato. Noi a Glasgow abbiamo raggiunto l’attivista di Fridays for future Sofia Pasotto, che ha partecipato alle manifestazioni di oggi:


 

La soluzione a metà su concessioni balneari e commercio ambulante

(di Anna Bredice)

Sulle concessioni balneari e sul commercio ambulante il governo ha trovato la soluzione a metà, come con il catasto: non potendo affrontare e risolvere la questione subito, conta sull’indignazione pubblica e dopo semmai si interviene con la legge. Per ora c’è una specie di mappatura, come appunto con il catasto, per far emergere quanto poco pagano i gestori degli stabilimenti balneari oppure gli ambulanti per l’occupazione del suolo pubblico, questi ultimi sempre gli stessi da decenni. Ma questo però si sa da tempo, tanto che da undici anni c’è una direttiva europea che impone al governo italiano di aprire le gare per la concessione degli stabilimenti e per il commercio a chiunque voglia e possa farlo, anche in Europa. È la direttiva Bolkenstein che il governo italiano non ha mai recepito, anzi anni fa ha prorogato le concessioni fino al 2032. Ora l’Europa fa sapere che non è contenta, ed è una assoluta novità nei rapporti tra Bruxelles e Draghi. Per la prima volta il presidente del Consiglio delude l’Unione Europea, non rispettando una direttiva e nello stesso tempo presentando una riforma essenziale per il Recovery Fund, quella della concorrenza, incompleta. Spiagge e ambulanti sono due settori che appaiono intoccabili, difesi dai partiti, in particolare dalla Lega che si è sempre opposta al rispetto della direttiva Europa. Sono circa 30mila le concessioni balneari, un numero che cresce di anno in anno e di questi due terzi pagano un affitto inferiore ai 2.500 euro all’anno, niente rispetto a ciò che guadagnano. Gli ambulanti, a Roma in particolare, hanno protestato in maniera anche forte, con sit-in, bloccando il traffico, per difendere le loro licenze, 12mila a Roma le attività di ambulanti nei mercati e in particolare davanti ai monumenti, questi ultimi controllati da una famiglia, i Tredicine, di cui due fratelli sono finiti anni fa indagati per una sorta di racket delle bancarelle, si facevano pagare dagli ambulanti per avere un posto.

Le pillole anti-COVID, da Merck a Pfizer

(di Guglielmo Vespignani)

Si chiama Molnupiravir e si prende per bocca due volte al giorno per cinque giorni la pillola anti-COVID approvata ieri nel Regno Unito e in attesa di autorizzazione da parte dell’EMA. Secondo la Merck, casa farmaceutica americana che l’ha sviluppata, dimezzerebbe il rischio di ospedalizzazione e di morte nei malati di COVID.

Quando arriverà in Italia, però, ancora non si sa. Il responsabile vaccini dell’Agenzia europea del farmaco Marco Cavaleri ha detto che i tempi per il via libera “non sono prevedibili ma quella della Merck non è l’unica pillola anti-COVID in arrivo. Oggi la Pfizer ha presentato infatti il suo prodotto, il Paxlovid, che secondo l’azienda avrebbe una capacità di ridurre il rischio di ospedalizzazione o morte addirittura dell’89%, con particolare efficacia nei pazienti trattati entro tre giorni dall’insorgenza dei sintomi.

Le sperimentazioni del Paxlovid sono ancora in corso, ma questo non ha impedito ai vertici della Pfizer di esibire oggi un po’ di trionfalismo: “Questa è una svolta nella lotta contro la pandemia – ha detto Albert Bourla, presidente e amministratore delegato dell’azienda americana.

Nel frattempo l’annuncio ha già avuto il suo effetto in Borsa, con il titolo di Pfizer che è subito salito di diversi punti percentuali mentre quello di Merck, che ieri aveva toccato il suo record storico, è sceso in poche ore di quasi il 9%.

I numeri del reddito di cittadinanza

(di Massimo Alberti)

Furbetti, ferraristi, fannulloni: uno dei pretesti con cui una parte della politica vorrebbe abolire il reddito di cittadinanza è che la legge non funzioni nel dare un lavoro. Ma un’attenta analisi dei numeri dice esattamente il contrario: chi prende il reddito di cittadinanza trova lavoro più facilmente degli altri disoccupati, per quanto sempre lavori precari. Numeri che indicano anche che la stretta del governo non serviva. Il cosiddetto reddito di cittadinanza mescola un intervento contro la povertà all’avviamento al lavoro. Un punto critico, secondo molti esperti, perché riguarda persone diverse con problemi diversi: infatti su circa 3,5 milioni di beneficiari, i cosiddetti “occupabili” sono solo un terzo. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

“Non ci fermiamo, per i diritti contro l’odio”: l’evento al teatro Elfo Puccini

(di Barbara Sorrentini)

L’Elfo Puccini è pienissimo. In tante e tanti, di diverse generazioni sono usciti di casa per ascoltare Alessandro Zan a pochi giorni dall’affossamento del suo disegno di legge. Molti gli interventi, Michele Albiani consigliere LGBT che invoca le piazze come risposta potente per rivedere il disegno e riportarlo al voto; Monica Romano prima consigliera comunale transgender che descrive il tormento della comunità gay di fronte a discriminazioni e violenze. Luca Paladini dei Sentinelli che sprona a superare il lutto per ritornare a lottare perché siamo di più, più di prima. Pierfrancesco Majorino che ha organizzato la serata con Casa Comune, invoca il superamento dell’oscurantismo in Italia, e non solo, con l’aiuto dell’Europa. Cecilia Strada testimone dei soccorsi, in mare e nelle guerre. Testimone di negazione dei diritti. Il sindaco di Milano Beppe Sala che si affida totalmente i giovani e alla libertà di essere e di amare. E Alessandro Zan che ricorda il suo ddl contro i crimini d’odio e per la dignità. Riassume l’estenuante gioco politico che lo ha affossato ricordando che chi è contro va a braccetto con l’estrema destra d’Europa che può ancora colore molte persone.

La Germania dice sì alla terza dose per tutti, non vaccinati a rischio restrizioni

(di Martina Stefanoni)

In Germania proprio oggi i Ministri della Salute – sia quelli regionali che il ministro federale Jens Spahn – hanno annunciato alcune misure per contenere la nuova ondata di casi che sta colpendo il paese. In particolare è stata presa una decisione importante sulla terza dose, che verrà fatta a tutti – non solo alle categorie a rischio – a sei mesi dalla seconda. Oltre a questo, Spahan ha anche spiegato che l’uso del pass sanitario – come il nostro Green Pass – che ora viene usato per ristoranti e eventi all’interno sarà sempre più importante man mano che l’inverno si farà più rigido ed è stata avanzata anche l’ipotesi di renderlo obbligatorio nei luoghi di lavoro nelle regioni più a rischio. A livello federale non sono previsti lockdown o altre misure restrittive, ma alcune regioni si stanno già organizzato per introdurre restrizioni più rigide per i non vaccinati. Il presidente della Turingia, Bodo Ramelow, ha minacciato di non curare più i non vaccinati negli ospedali se dovesse salire eccessivamente la pressione sulle strutture sanitarie, mentre la Sassonia sarà il primo Land tedesco a limitare, da lunedì prossimo, l’accesso a ristoranti, bar ed eventi culturali solo agli immunizzati, a chi cioè è vaccinato o guarito dal COVID, escludendo la possibilità del tampone come lasciapassare.
In Francia, invece, il tasso di vaccinati è più alto che in Germania. Qui il governo, per il momento, ha stabilito che a ricevere la terza dose saranno le persone con più di 65 anni e le persone considerate fragili che però hanno ricevuto la seconda dose più di 6 mesi fa. Non è obbligatoria invece per il personale sanitario, ma consigliata. Su tutte le altre categorie la Francia non si è ancora espressa, ma potrebbe farlo nel prossimo futuro.
Per quanto riguarda la vaccinazione dei più piccoli, invece, per il momento a vaccinare i bambini dai 5 agli 11 anni sono solo gli Stati Uniti, mentre in Europa si attende la decisione dell’ema che dovrebbe arrivare a dicembre.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 28/02 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 28/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 28/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 28/02/2024

    Oggi a Cult: la stand up comedian Giorgia Fumo con lo show "Vita bassa" al TAM Arcimboldi; Giovanni Piperno sul film "16 mm alla rivoluzione"; la mostra "Mariella Bettineschi. All in one" a Triennale Milano; Muta Imago a Triennale Teatro con "Tre sorelle; Marco Pesatori sul suo libro "Astrologia per intellettuali" (Mimesis)...

    Cult - 28-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 28/02/2024

    Draghi, candidato regista dell’Europa che verrà. L’ex presidente della Bce – che da Francoforte ha contribuito a dare forma all’Europa di oggi – appare sempre intenzionato a disegnare il profilo dell’Europa del futuro, da posizioni di primissimo piano nell’UE. Si moltiplicano i suoi interventi, l’ultimo ieri durante l’incontro con i presidenti delle commissioni del parlamento di Strasburgo. “Per favore, fate qualcosa. Non si può dire sempre di no”, ha detto Draghi. Secondo l’ex capo del governo italiano il modello di sviluppo dell’Europa degli ultimi decenni (costruito sui prezzi stracciati del gas russo , sulle esportazioni cinesi e sotto l’ombrello militare americano) è andato in crisi. Se l’Europa non vuole perdere la partita della competitività con Stati Uniti e Cina deve prepararsi ad un massiccio piano di investimenti, pubblici e privati. E includere la spesa militare e la difesa comune tra le priorità. Per Draghi l’Europa deve trasformarsi sempre di più in uno stato oppure non avrà futuro. Pubblica oggi ha ospitato l’economista Andrea Roventini, della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, e Lucia Tajoli, economista del Politecnico di Milano e collaboratrice dell’Ispi.

    Pubblica - 28-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 28/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 28/02/2024

    PRIMARIE DEMOCRATICI IN MICHIGAN, SEGNALI NEGATIVI PER JOE BIDEN con Roberto Festa - LE TRATTATIVE PER IL CESSATE IL FUOCO A GAZA con Cristian Elia giornalista, autore di “J'accuse. Gli attacchi del 7 ottobre, Hamas, il terrorismo, Israele, l'apartheid in Palestina e la guerra” con Francesca Albanese, relatrice speciale Onu per i diritti umani in Palestina - ARIA INQUINATA, STATO DI EMERGENZA IN REGIONE LOMBARDIA? con Alessandro Braga, Simone Negri consigliere regionale PD e Michela Palestra consigliera regionale Patto Civico - FRANA NELLA NOTTE IN VALMALENCO, RIAPERTA LA STATALE aggiornamenti con Giovanni Gianotti sindaco di Torre Santa Maria (SO) - CASO IUVENTA, ULTIME UDIENZE PRELIMINARI: ANDRANNO A PROCESSO? con Francesca Cancellaro, avvocata del team legale Iuventa. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 28-02-2024

  • PlayStop

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA

    GIULIA CORSALINI - LA CONDIZIONE DELLA MEMORIA - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 28/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-02-2024

  • PlayStop

    PoPolaroid di martedì 27/02/2024

    La prima volta che ho ascoltato I’m your man, era un grigio, piovoso e ventoso pomeriggio di novembre. La persiana sbatteva rumorosamente, e con il cuore che era in frantumi invece di alzarmi per affrancarla al battente, alzavo il volume del giradischi. Nel 1988 c'era ancora il giradischi, chiamato "stereo" per fare più bella figura. La voce sensuale e malinconica di Leonard Cohen riempiva la stanza. Cantava di un uomo disposto a indossare qualsiasi maschera per il suo amore. Pochi giorni prima, il mio mi aveva lasciato e come cantava Cohen, avrei fatto qualsiasi cosa per farla tornare. Avrei indossato qualunque maschera, avrei voluto essere tutto ciò che lei avesse desiderato. Ma era troppo tardi. Troppi errori e promesse non mantenute. In quella stanza dalle pareti verdi, con il fantasma dei miei 31 anni che mi tormentava, ho ascoltato quella canzone ininterrottamente, chiedendomi quale maschera avrei dovuto indossare per riportarla a me. Poi, all'improvviso, ho realizzato: "Forse non dovrei indossare nessuna maschera". Mi sono alzato e sono andato alla finestra per fermare la persiana. Playlist: I’m Your Man - Famous Raincoat Blue - Leaving The Table - Chelsea Hotel - On The Level - Almost Like The Blues - Hey, That’s No Way To Say Goodbye - You Got Me Singing - If I Didn’t Have Your Love - Take This Walz

    PoPolaroid – istantanee notturne per sognatori - 27-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di martedì 27/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27-02-2024

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 27/02/2024

    Speciale Associazioni Cosa vuol dire essere non binario? Ci sono associazioni a Milano che hanno gruppi non-binary? Ne parliamo con Vitto e il Team Gruppo Non-Binary del CIG Arcigay Milano nato nel 2023 e che organizza diverse attività per chi abbraccia l'identità di genere non binaria o, semplicemente, vuole conoscere meglio il tema. https://www.instagram.com/nonbinary.cigarcigaymilano/ nonbinary@arcigaymilano.org

    L’Altro Martedì - 27-02-2024

Adesso in diretta