Approfondimenti

La conferma del 41 bis per Alfredo Cospito, i primi 12 mesi del conflitto in Ucraina e le altre notizie della giornata

Cospito Cassazione ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 24 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’anniversario dell’invasione russa in ucraina è stato segnato, nella corso della giornata da alcune iniziative diplomatiche simboliche, ma non solo. Nonostante anche l’accusa ne avesse chiesto la revoca, la Cassazione ha confermato il 41 bis per Alfredo Cospito, il militante anarchico in sciopero della fame da quattro mesi. La prima punizione contro una nave di salvataggio è arrivata: la Geo Barents di Medici Senza Frontiere, sulla base del decreto Ong da poco entrato in vigore, è stata condannata a una multa e al fermo di 20 giorni. Il primo tavolo ministeriale dopo la messa in liquidazione dell’ex Gkn si è conclusa con un nulla di fatto. È morto oggi a Roma il giornalista, conduttore televisivo e radiofonico Maurizio Costanzo.

La Cassazione conferma il 41 bis per Alfredo Cospito

(di Massimo Alberti)

Nonostante anche l’accusa ne avesse chiesto la revoca, la Cassazione ha confermato il 41 bis per Alfredo Cospito, il militante anarchico condannato all’ergastolo ostativo e in regime di carcere duro, per due pacchi di polvere pirica fatti esplodere fuori dalla caserma dei carabinieri di Fossano. Le motivazioni saranno rese note più avanti.
Il rigetto avviene con una certa sorpresa, soprattutto dopo che nella sua requisitoria, il sostituto procuratore generale di cassazione Piero Gaeta aveva ritenuto fondate una parte delle ragioni del ricorso della difesa di Cospito, ritenendo non motivata l’ordinanza con cui il tribunale di sorveglianza di Roma aveva confermato il dispositivo del 41 bis deciso dall’allora ministra della giustizia Cartabia. La corte doveva appunto valutare il ricorso dei legali del militante anarchico dopo che il ministro della giustizia Nordio aveva rigettato la stessa istanza, rimandando appunto alla valutazione della magistratura. L’udienza si è tenuta stamattina, all’esterno del tribunale una manifestazione di gruppi anarchici che hanno espresso la loro rabbia alla sentenza al grido di assassini, udienza anticipata proprio per le gravi condizioni di salute dello stesso Cospito, in regime di 41 bis all’apposito reparto dell’ospedale San Paolo di Milano, che ha perso 45 chili dall’inizio dello sciopero della fame, ed è ritenuto a grave rischio di patologie cardiache. Cospito aveva ripreso con gli integratori proprio in attesa della corte. Tra le motivazioni del ricorso, una sentenza che smentiva legami con una presunta associazione e nega di conseguenza la possibilità di condizionare le azioni di altri militanti. I possibili scenari erano 3: l’accoglienza del ricorso, o l’annullamento con rinvio degli atti al tribunale di sorveglianza per una nuova decisione, è arrivato invece il rigetto e la conferma del 41 bis. Ovviamente la battaglia giudiziaria continuerà, a marzo una nuova udienza sull’ergastolo ostativo, e come detto, saranno ora da leggere le motivazioni di una sentenza che però, allo stato attuale, chiude ogni prospettiva di cambio di regime detentivo per Cospito, per la quale si erano spesi anche giuristi di spessore come l’ex ministro e presidente della corte costituzionale Flick. Ne avrebbe il potere il ministro della giustizia, il cui orientamento però non lasci spazio a ripensamenti.

Il primo anniversario del conflitto tra sanzioni, incontri e risoluzioni

L’anniversario dell’invasione russa in ucraina è stato segnato, nella corso della giornata da alcune iniziative diplomatiche simboliche, ma non solo. Dopo il voto di ieri dell’Assemblea Generale, oggi si è riunito il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite: “Le armi stanno parlando ora, ma alla fine sappiamo tutti che la via della diplomazia e della responsabilità è la strada per una pace giusta e sostenibile – ha detto il segretario generale Guterres, chiedendo alla comunità internazionale uno sforzo per dare una possibilità alla pace.
Anche i paesi del G7, insieme a Zelensky, si sono riuniti virtualmente per marcare l’anniversario e discutere delle sanzioni alla Russia. Al termine Zelensky ha tenuto una conferenza stampa, durante la quale ha parlato anche del documento presentato da Pechino per la risoluzione del conflitto diplomaticamente, accogliendolo favorevolmente. Il segretario della Nato Stoltenberg, però oggi, su questo aspetto, aveva definito la Cina “non credibile”, perché non ha mai condannato la Russia. Il presidente ucraino ha anche annunciato di voler incontrare Xi Jinping: “Sarebbe importante per la sicurezza mondiale”.

Il piano cinese per la pace in Ucraina

I punti principali della ‘Posizione della Cina sulla soluzione politica della crisi ucraina’ sono dialogo e cessate il fuoco e no all’uso di armi nucleari. Sentiamo Gabriele Battaglia:


 

Che ruolo ha l’Europa nel contesto geopolitico intorno alla guerra?

Il contesto geopolitico introno alla guerra in Ucraina è sempre più dominato da Cina e Stati Uniti, mentre manca un ruolo incisivo dell’Europa. Sentiamo su questo l’opinione del’ex ambasciatore Sergio Romano:


 

L’ambiguità del governo italiano sull’Ucraina

La Presidente del Consiglio Giorgia Meloni andrà in visita alla Casa Bianca “prima dell’estate”: lo ha annunciato oggi il ministro degli Esteri Antonio Tajani dopo il bilaterale con il segretario di stato americano Antony Blinken. Tajani nelle ultime ore ha partecipato al Consiglio di Sicurezza dell’Onu e ha rilasciato dichiarazioni anche in merito a possibili trattative diplomatiche sull’Ucraina, ma più che aperture significative, sembrano il riflesso delle profonde divisioni tra i partiti della maggioranza. 

Il direttore Sandro Gilioli:


 

Le commemorazioni per il primo anniversario del conflitto

L’anniversario di oggi è stato commemorato in tutto il mondo, a partire ovviamente da Kiev, dove Zelensky ha tenuto un discorso alla nazione e dove la popolazione ha ricordato i propri morti. In Russia, invece, la giornata di oggi è passata quasi come fosse un giorno qualunque.
Sentiamo Marco Imarisio, inviato a Mosca del Corriere della Sera:


 

Il decreto contro le ong colpisce la nave Geo Barents

La prima punizione contro una nave di salvataggio è arrivata. La Geo Barents di Medici senza frontiere, sulla base del decreto Ong da poco entrato in vigore, è stata condannata ad una multa e al fermo di 20 giorni per un salvataggio di 48 persone conclusosi nel porto di Ancona, dove la nave approdò una settimana fa dopo un salvataggio. Al comandante è stato contestato di non aver consegnato la scatola nera che registra i dati di viaggio. Medici senza Frontiere annuncia ricorso, e replica che la consegna del dispositivo è prevista solo dopo incidenti marittimi, e che ogni altra documentazione è stata regolarmente consegnata. Mentre la destra plaude, il mondo delle Ong parla di un avvertimento, vessatorio e punitivo. Sui 14mila sbarcati in Italia da inizio anno, quasi il triplo del 2022, i soccorsi dai volontari sono il 6%. A smentire ancora la tesi che le navi di ong siano fattore di attrazione.
 L’ammiraglio Vittorio Alessandro, ex portavoce della capitaneria di porto:


 

Nulla di fatto per il primo tavolo ministeriale dopo la messa in liquidazione dell’ex Gkn

Il primo tavolo ministeriale dopo la messa in liquidazione dell’ex Gkn si è conclusa con un nulla di fatto. Non è arrivata, da parte delle istituzioni, il commissariamento chiesto dai lavoratori. Era presente il liquidatore nominato da QF che ha proseguito nella strategia fin qui tenuta dalla società che aveva acquisito la fabbrica dal fondo finanziario britannico Melrose: prendere altro tempo. In una nota molto dura il collettivo di fabbrica parla di “un licenziamento di fatto e non dichiarato”, dopo un anno senza proposte e dopo 5 mesi senza stipendio.

Addio a Maurizio Costanzo

Giornalista, conduttore televisivo e radiofonico. È morto oggi a Roma Maurizio Costanzo, da qualche settimana era ricoverato in una clinica, le sue condizioni di salute erano peggiorate negli ultimi giorni. Aveva 84 anni. Figura complessa e controversa, la vita di Costanzo è stata costellata di tanti chiaroscuri: componente della loggia P2, ma anche autore di campagne televisive contro la mafia, che cercò di ucciderlo in un attentato nel 1993. Noto soprattutto per il “Maurizio Costanzo show”, andato in onda per decenni sulle reti Mediaset, nei suoi programmi è stato spesso un innovatore. Il ricordo di Carlo Freccero, critico televisivo ed esperto di mass media:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 18/04 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 18-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 18/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 18-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 18/04/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 18-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 18/04/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 18-04-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 18/04/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 18-04-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 18/04/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 18-04-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 18/04/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 18-04-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 18/04/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 18-04-2024

  • PlayStop

    Sapore Indie di giovedì 18/04/2024

    Sapore Indie è la trasmissione per connettersi al presente e scoprire le novità più rilevanti della musica alternative internazionale. Tutti i giovedì alle 15.30, con Dario Grande, un'ora di esplorazione tra le ultime uscite di artisti grandi e piccoli, storie di musica e vite underground. Per uscire dalla bolla dei soliti ascolti e sfuggire l’algoritmo, per orientarsi nel presente e scoprire il suono più rigenerante di oggi. ig: https://www.instagram.com/dar.grande/

    Sapore Indie - 18-04-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 18/04/2024

    Nella prima parte della puntata parliamo del passaggio di consegne del Todays Frstival con Carlo Bordone. Nella seconda parte Gaia Morelli ci presenta il suo disco La Natura delle Cose con intervista e mini live dal vivo

    Jack - 18-04-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 18/04/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle 14.00 che oggi ha ospitato Andrea Battisti, professore di Entomologia all' Università degli Studi di Padova per parlarci della Processonaria e delle sue caratteristiche, ma anche con Bianca Nogara Notarianni di Biennale di Tecnologia, di commissariamento di Regione Lombardia sulla caccia nei valichi e scopriamo che Andrea voleva essere processonaria

    Considera l’armadillo - 18-04-2024

  • PlayStop

    Continuare a fare i pir

    quando, per il terzo giovedì di fila Gilberto Dindini della Cedola parla di piani individuali di risparmio a lungo termine (PIR), e poi noi ci scagliamo contro la sosta selvaggia, autentica piaga moderna soprattutto a Milano

    Poveri ma belli - 18-04-2024

  • PlayStop

    Un 25 aprile Popolare - E11

    Milano capitale della Resistenza ospiterà un museo nazionale della Resistenza per capire cosa sarà e soprattutto come vuole raccontare il movimento di Liberazione, la lotta, la storia c'è un sito già al lavoro, ricco di proposte: www.museodellaresistenza.it. Furono oltre 600mila i militari italiani deportati dopo l’8 settembre del 1943 per aver deciso di non aderire alla Repubblica Sociale Italiana. Anna Maria Passaggio ci ha raccontato la storia di suo padre

    Clip - 18-04-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 18/04/2024

    Oggi a Cult: Lella Costa in "Otello, di precise parole si vive" al Teatro Carcano; all'Elfo Puccini Mauro Lamantia in "Gramsci Gay"; Roberto Pinto sulla Biennale Venezia 2024; all'Elfo Puccini una serata, la "Svampeide", dedicata a Nanni Svampa; la rubrica di lirica di Giovanni Chiodi...

    Cult - 18-04-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Grace Cummings

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Grace Cummings

    Jack meets - 18-04-2024

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 18/04/2024

    I conti del riarmo. Secondo Bloomberg, i soli paesi del G7 spenderanno 10 mila miliardi di dollari in più nei prossimi dieci anni, in media mille miliardi di dollari in più all’anno, l’equivalente di circa dieci volte la spesa sanitaria pubblica annuale in Italia. Sono livelli di spesa militare da guerra fredda? Risponde Mauro Del Corno (giornalista del Fatto Quotidiano). Dove si prenderanno i soldi per finanziare questa spesa per armamenti? In Europa basterà l’aumento di competitività di cui ha parlato, ancora in questi giorni, Mario Draghi? Ospite a Pubblica anche l’economista Lucia Tajoli (Politecnico di Milano e collaboratrice dell’ISPI).

    Pubblica - 18-04-2024

Adesso in diretta