Approfondimenti

I giovani credono più nel vaccino dei loro genitori, le sentenze in favore dei salvataggi nel Mediterraneo e le altre notizie della giornata

vaccini italia ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 22 ottobre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’86% della popolazione italiana sopra i 12 anni ha fatto almeno due dosi, mentre la fascia meno immunizzata al momento è quella che va dai 30 ai 60 anni. Salvare vite in mare non solo non è un reato, ma è anche un dovere. E mentre la politica e la pubblica opinione obiettano e strumentalizzano, nell’ultima settimana si registrano ben tre fatti giudiziari importanti che danno ragione a chi salva. Dopo aver dato forfait per la terza volta alla Corte d’Assise di Bologna, l’ex boss della banda della Magliana Maurizio Abbatino sarà obbligato a testimoniare il prossimo 3 novembre. Un anno fa veniva approvata la legge contro l’aborto in Polonia e in un anno più di 30mila donne sono andate all’estero per abortire o l’hanno fatto illegalmente. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Perché i giovani credono più nel vaccino dei loro genitori?

Nell’ultima settimana in Italia sono stati somministrati in totale 1.269.160 vaccini anti-COVID, di cui circa 345mila prime dosi. Complessivamente l’86% della popolazione sopra i 12 anni ha fatto almeno due dosi. La fascia meno immunizzata al momento è quella che va dai 30 ai 60 anni, in quella tra i 30 e i 40 il 17% non ha avuto nemmeno una dose. Tra i 40 e i 49 il sempre il 17% non è immunizzata, il 13,5% nella fascia tra i 50 e i 59 anni. Al contrario è molto alta la percentuale dei ventenni vaccinati, solo il 12% di loro non ha nemmeno una dose. Perché i giovani credono più nel vaccino dei loro padri?
Lo abbiamo chiesto al sociologo Nicola Ferrigni:


 

Ong, salvataggi in mare e processi. Dall’archiviazione per la Sea Watch3 alla sentenza per l’Asso28

(di Diana Santini)

Salvare vite in mare non solo non è un reato, ma è anche un dovere. La Libia non è un porto sicuro e la sua cosiddetta guardia costiera non è un interlocutore legittimo. Sembrerebbe scontato, evidente, semplicemente ovvio, ma le ong che pattugliano il mare in supplenza chi dovrebbe e potrebbe farlo (gli Stati, l’Europa) affrontano di continuo processi per quello che è semplicemente un gesto di umanità. Mentre la politica e la pubblica opinione obiettano, ignorano, strumentalizzano queste poche semplici verità, nell’ultima settimana si registrano ben tre fatti giudiziari importanti, che danno a chi salva un’altra volta ragione. Ieri il gip di Agrigento ha accolto la richiesta di archiviazione nel processo a carico del comandante della Sea Watch3: Arturo Centore, quando soccorse nei pressi delle coste libiche un gruppo di migranti nel luglio del 2019, non solo non commise alcun reato ma “aveva l’obbligo di prestare soccorso e di provvedere al trasporto in luogo sicuro”. Il provvedimento critica anche apertamente gli Stati per “non essersi assunti alcuna responsabilità” in proposito.
Se il processo alla Sea Watch è stato archiviato, quello a carico della Mare Jonio, che si riferisce a un salvataggio avvenuto nello stesso periodo, non è invece ancora finito: il pm ha però già chiesto per il capitano e l’armatore della nave di Mediterranea (che tra l’altro in questi giorni si appresta a tornare in mare) l’archiviazione: erano stati indagati per favoreggiamento aggravato dell’immigrazione clandestina poiché la Mare Jonio rifiutò qualsiasi contatto con le autorità libiche e, disobbedendo agli ordini provenienti dal ministero dell’Interno italiano fece rotta verso nord, sbarcando la mattina successiva a Lampedusa.
C’è infine, sempre in quest’ultima settimana, un’altra sentenza importante da segnalare, ed è di condanna a carico del comandante di un mercantile, l’Asso28, che dopo avere salvato alcuni migranti in mare li riconsegnò alle autorità libiche: le motivazioni non sono ancora state depositate, ma la richiesta si basava sulla tesi che la Libia non è un porto sicuro.

Due papà fermati a Linate: “Temevano che avessimo rapito i nostri figli”

“Volevano controllare che non avessimo rapito i nostri figli”. È una storia di pregiudizio e di legislazione assente quella di cui sono stati vittima Carlo Tumino e Christian De Florio, genitori milanesi di due gemelli nati negli Stati Uniti. Ieri a Linate, prima di prendere un volo, la polizia di frontiera li ha fermati perché i documenti dei due figli non erano riconoscibili. Possedevano il passaporto statunitense, ma non avevano con sè la carta d’identità italiana. La polizia ha chiesto loro dove fosse la madre per verificare che non li avessero rapiti. Solo dopo 25 minuti e accertato che i documenti erano a norma, la famiglia è stata lasciata andare. “In Italia dobbiamo ancora giustificare la nostra famiglia, ci hanno trattati con la violenza del pregiudizio e lo hanno fatto proprio davanti ai due bambini”, hanno denunciato i due papà sul loro blog “Papà per scelta”:


 

Strage di Bologna, la Corte d’Assise obbliga Maurizio Abbatino a parlare

(di Riccardo Tagliati)

È già la terza volta che Maurizio Abbatino, ex boss della banda della Magliana, poi divenuto collaboratore di giustizia, dà forfait alla corte d’assise di Bologna che lo vuole ascoltare nell’ambito del processo sui mandanti della strage del 2 agosto 1980.
La prima è stata lo scorso 24 settembre: aveva mandato un certificato per precarie condizioni di salute, al che la Corte aveva rinviato l’audizione a venerdì scorso. In quell’occasione il legale di Abbatino aveva mandato una mail alla Procura chiedendo di ascoltare il teste in video.
La video conferenza era in programma oggi, ma anche in questo caso Abbatino non si è presentato dicendo di non sentirsi sufficientemente protetto. A quel punto il presidente della Corte, il giudice Caruso ha disposto che l’audizione avvenga obbligatoriamente il prossimo 3 novembre. E per questo la Corte ha dato mandato al servizio centrale di protezione di dare corso senza ritardo all’audizione
Sono gli avvocati di parte4 civile che difendono i famigliari delle 85 vittime che vogliono venga sentito in aula Abbatino: “A lui vogliamo chiedere dei rapporti tra i Nar e la banda della Magliana” ha detto qualche giorno fa l’avvocato Speranzoni.
Proprio nei legami tra neofascisti, malavita, servizi deviati e loggia P2 affonda le radici, ne sono convinti procura generale e famigliari delle vittime, lo stragismo che a Bologna ha mietuto 85 vittime innocenti in un sabato d’agosto del 1980.

Un anno dopo l’approvazione della legge contro l’aborto in Polonia

(di Martina Stefanoni)

Il simbolo dell’aborto illegale nel mondo è una gruccia, quelle usate per appendere i vestiti. Le donne che non riescono ad abortire in modo legale – perché viene loro vietato – utilizzano ogni metodo a loro disposizione per poter porre fine ad una gravidanza indesiderata. Anche quelli più dolorosi e pericolosi, come l’Abortion Hanger, l’aborto con le grucce, appunto.
Questo perché, per una donna, abortire non è un’opzione, non è qualcosa che si può fare così come no. Se una donna sceglie di abortire, è perché non ha altra scelta. I motivi sono diversi – economici, sociali, psicologici, familiari, sanitari – ma il concetto è lo stesso. Non si può fare altrimenti. Per questo, le leggi che – in giro per il mondo – limitano o addirittura rendono illegale l’aborto, non hanno nessun effetto sull’eliminazione della pratica, semplicemente la rendono più difficile, più pericolosa e più dolorosa.
Un anno esatto fa, in Polonia, veniva approvata una legge che vieta l’aborto anche in caso di malformazione del feto e che in pratica sancisce il divieto quasi totale di interrompere la gravidanza. La legge, che ha limitato ulteriormente il già terribilmente piccolo diritto all’aborto delle donne polacche, aveva scatenato proteste in tutto il paese.
Ora, 12 mesi dopo l’approvazione della legge, le donne e le associazioni femministe fanno i conti. Secondo l’associazione Abortion Without Borders, che aiuta le donne ad accedere in modo sicuro all’aborto, in un anno, almeno 34mila donne hanno abortito in modo illegale o sono andate all’estero per farlo. Numeri che, secondo l’associazione, sono solo la punta dell’iceberg. Nei primi sei mesi dopo l’approvazione della legge, 17mila donne hanno chiamato l’associazione per cercare aiuto, e tutt’ora, ricevono circa 800 telefonate di questo tipo al mese. Numeri simili vengono riportati dalle altre associazioni che si occupano del diritto all’aborto, come Federa e Women help Women, che in questi 12 mesi ha detto di aver ricevuto circa 80mila messaggi solo dalla Polonia.
Ciò che preoccupa maggiormente, è che l’attacco ai diritti delle donne in Polonia sembra essere solo all’inizio. A Settembre, è stata presentata in parlamento una proposta di legge – portata avanti da un gruppo ultra conservatore – che porterebbe a considerare l’aborto (fatto a qualunque punto della gravidanza) come un omicidio e, quindi, le donne che abortiscono – e chiunque le abbia aiutate – andrebbero incontro a sanzioni di tipo penale, fino a 25 anni di carcere.
Mentre le tensioni tra Polonia e Bruxelles si intensificano, le donne polacche devono lottare, tutti i giorni, per un diritto che nell’Unione Europea dovrebbe essere facilmente accessibile.
La situazione dei diritti umani in Polonia è in caduta libera, ma le donne sanno che se smettono di combattere, nessuno lo farà per loro.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

(di Massimo Alberti)

Oggi è uscita la bozza del consueto monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità che nella settimana 10-17 ottobre conferma un lieve aumento dell’RT, comunque 0,86 quindi sotto l’1, ed un leggero aumento dell’incidenza in 17 regioni. Scende il tasso di occupazione sia delle terapie intensive sia dei reparti ordinari. 4 le regioni a rischio moderato, Abruzzo, Campania, Friuli-Venezia Giulia e Piemonte. L’ISS quantifica in circa 1 milione i lavoratori senza green pass.
Per quanto riguarda i vaccini, 349 mila le dosi nell’ultima settimana, in calo. 7 milioni 600mila non hanno fatto alcuna dose, concentrati nella fascia 30-49 anni. Mentre tra i 20 ed i 29 anni l’80% ha la copertura della doppia dose.
I nuovi casi di oggi sono 3882, 39 i morti. Continua il calo delle terapie intensive e la leggere crescita dei ricoveri nei reparti ordinari.
Nonostante qualche segnale di maggiore circolazione, la situazione non è minimamente paragonabile ad un anno fa.

Il 22 ottobre del 2020 i morti erano 91,i nuovi casi quasi 20mila, i ricoveri crescevano al ritmo di quasi 900 pazienti al giorno, i ricoverati in terapia intensiva erano oltre 1000. La campagna vaccinale di massa ancora un miraggio lontano, le prime dosi arriveranno solo il 27 dicembre. Eravamo nel pieno della seconda ondata l’Italia si preparava a richiudere. La lenta risalita era iniziata ad agosto, per aumentare a settembre, per impennarsi ai primi di ottobre. “Impennata di positivi e vittime”, “grandi città sotto assedio” erano i titoli che si potevano leggere sui giornali dell’oggi di un anno fa. “Verso il coprifuoco, fuori solo per lavoro e scuola” erano i titoli di due giorni dopo. E la chiusura, tra le proteste che partivano da Napoli, arrivarono il 25 ottobre. “il lockdown del tempo libero” “Italia chiusa alle 18”, titolavano i quotidiani di quella domenica. Per raggiungere il picco si sarebbe penato ancora un mese, fino al 17 novembre. Poi, grazie alle restrizioni, l’inizio della discesa, seguita il 26 novembre dal picco delle terapie intensive, con 3846 ricoverati gravi. Il 4 dicembre si tocco il picco di 741 morti. Il numero di vaccinati al 22 ottobre 2020 era Zero. Oggi, un anno dopo, i ricoverati gravi sono 343. Tra questi i vaccinati sono 2,2 per milione di abitanti. Quelli non vaccinati più del triplo, 32 per milione di abitanti. Il 78,32% della popolazione generale – l’86 dei vaccinabili – è coperto con almeno una dose.

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1451571283888648195

https://twitter.com/RegLombardia/status/1451576739604439059

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 01/03 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 01-03-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/03/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 01-03-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/03/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 01-03-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 01/03/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 01-03-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/03/2024

    1-Gaza, il giorno dopo la strage del cibo. Numerosi governi occidentali chiedono un’ indagine indipendente. 2-Russia. Migliaia di persone ai funerali di Navalny. Gesto di apertura o debolezza del regime? ( Intervista a Gian Piero Piretto ) 3-Stati Uniti. Il confine con il Messico teatro della sfida elettorale tra Joe Biden e Donald Trump. ( Roberto Festa) 4-Effetto bloqueo. Peggiora la carenza del cibo, Cuba chiedo aiuto alle agenzia umanitarie dell’Onu. ( Sara Milanese) 5-L’inclusione che non contempla i dannati della terra. Il dorato mondo delle imprese woke. ( Alfredo Somoza)

    Esteri - 01-03-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/03/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 01-03-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 01/03/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 01-03-2024

  • PlayStop

    Meraviglie di venerdì 01/03/2024

    Canzoni per le quali vale la pena stupirsi, tra passato, presente e prossimo futuro. Un compendio di canzoni per cui stupirsi ogni mese in compagnia di Tommaso Toma, pescando dal presente e dal passato tra nuove scoperte, ristampe di catalogo e composizioni che possono dare indizi sul prossimo futuro.

    Meraviglie - 01-03-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/03/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 01-03-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 01/03/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Carlotta di assemblea antispecista per parlare del punto su Trento, gli orsi e i lupi e Sabrina Giannini per le anticipazioni sulla nuova puntata di Indovina Chi Viene A Cena su Rai Tre

    Considera l’armadillo - 01-03-2024

  • PlayStop

    Ode al carciofo

    quando ci arricchiamo culturalmente insieme alla professoressa Roberta, che ci illustra la poetica di Neruda e poi mettiamo in scena il consueto appuntamento con il Capibaratto, mercatino onair all'insegna del gratis

    Poveri ma belli - 01-03-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/03/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 01-03-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/03/2024

    Le sorprese che abbiamo a volte quando dobbiamo pagare le visite ed esami; torniamo sulla Campagna regionale La Lombardia SiCura; le risorse destinate alle misure di assistenza indiretta; l'aria di Milano; andiamo in Romania per una nuova puntata della nostra rubrica Sanità nel mondo.

    37 e 2 - 01-03-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 01/03/2024

    La trasmissione in collaborazione con la Camera del Lavoro di Milano che racconta e approfondisce con il vostro aiuto le condizioni di pericolo per la salute e la sicurezza che si vivono quotidianamente nei luoghi di lavoro. Perché quando succede un incidente è sempre troppo tardi, bisognava prevedere e prevenire prima. Una questione di cultura e di responsabilità di tutte e tutti, noi compresi. con Stefano Ruberto, responsabile salute e sicurezza della Camera del Lavoro di Milano conduce Claudio Jampaglia

    Uscita di Sicurezza - 01-03-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/03/2024

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 8.35 alle 10.00. Un lungo spazio di approfondimento tra storie vicine e lontane, con i fatti del giorno e i reportage. Nell’epoca delle verità uniche saremo "Prisma". In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 01-03-2024

Adesso in diretta