Approfondimenti

Italia Viva prova a bloccare il Ddl Zan, il manifesto delle destre europee e le altre notizie della giornata

Salvini Orban ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 2 luglio 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La nuova fase della pandemia è una gallina dalle uova d’oro per la sanità privata. Tamponi, sierologici, test rapidi, certificati: il mercato si è rapidamente allargato. L’Italia, intanto, continua a non fare il tracciamento dei contagi in un momento in cui sarebbe fondamentale. Italia Viva scopre la maschera e chiede di modificare il DDL Zan. Se la modifica dovesse passare, il disegno di legge tornerà alla Camera e verrà rimesso in un cassetto. Le destre europee firmano un manifesto comune contro l’europa multietnica e degli organismi sovranazionali. 19 senatori dei 5 stelle firmano un appello alla ricomposizione, ma sembra più un invito a Grillo ad accettare il nuovo statuto di Conte. Infine l’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia e nel Mondo.

Italia Viva frena il DDL Zan

Italia Viva scopre la maschera e chiede di modificare il DDL Zan. “Via l’identità di genere dal testo” chiede il partito di Renzi in Commissione al Senato. È una delle richieste della destra. Se la modifica dovesse passare, il disegno di legge tornerà alla Camera e verrà rimesso in un cassetto. Ne abbiamo parlato con Monica Cirinnà del PD:


 

I senatori di M5S firmano un appello alla ricomposizione

La crisi del Movimento 5 Stelle: tutti in attesa delle prossime mosse di Grillo e di Conte. Vito Crimi accetta di far votare per il direttorio, come chiesto dal fondatore, ma vuole farlo non su Rousseau, ma sulla piattaforma digitale voluta dall’ex Presidente del Consiglio dopo lo scontro con Casaleggio. 19 senatori dei 5 stelle firmano un appello alla ricomposizione, ma sembra più un invito a Grillo ad accettare il nuovo statuto di Conte.

Il manifesto comune delle destre europee

Un’Europa cristiana, bianca, delle nazioni e contro la UE. Le destre europee firmano un manifesto comune. Da Salvini alla Le Pen, da Orban alla Meloni, la visione politica e ideologica dei sovranisti contro l’europa multietnica e degli organismi sovranazionali. In italia scoppia la polemica contro Salvini. Ma come fa a stare al governo con Draghi e cosa significa il documento della destra europea?

Perché l’Italia continua a non fare tracciamento?

(di Massimo Alberti)

Il tracciamento dei casi è da un anno il principale punto debole della gestione italiana della pandemia. Lo è stato nel pieno delle ondate, quando l’incidenza ha raggiunto anche i 250 casi per 100mila abitanti, lo è oggi quando siamo ampiamente sotto la soglia critica di 50 e sarebbe più semplice fare un tracciamento efficace. Non è solo questione di numero di tamponi. Circa 200mila al giorno a fronte del milione della Gran Bretagna, ad esempio. Il dato chiave è la percentuale di casi che non sono associati a catene di trasmissione note. Più sono alti, meno tracciamo.
A novembre, nel peggior momento peggiore, rileva Youtrend, la quota di casi non associati a catene note è arrivata a essere superiore al 43%. Ora siamo al 33%. Troppo a fronte di un calo marcato dell’incidenza. E individuare i focolai senza sapere qual è il caso che li ha accesi, diventa impossibile.
L’altro dato su cui misurare il tracciamento è il tempo tra test e notifica. Sotto i 3 giorni, è inutile. La media della Gran Bretagna è 2. L’Italia, 3. Vuol dire che metà del tracciamento è fuori tempo massimo a prevenire focolai. Più volte l’ISS si è appellato alle regioni a non diminuire il numero dei tamponi. Ma una soglia di riferimento, sotto la quale non scendere, non c’è mai stata. Tra i primi parametri a determinare le zone, poi eliminato in vista della semplificazione, c’era quello del personale da dedicare al tracciamento. “Non meno di 1 persona ogni 10.000 abitanti“. Cioè 6.000. Solo che non ci siamo mai arrivati. Dal picco di 5.400 ora siamo scesi a 4.300. Stendiamo un velo pietoso su Immuni: 10 milioni di download quando ne sarebbero serviti più del triplo. 20mila positivi individuati. Un fallimento. Il motivo per cui le regioni hanno disinvestito sul tracciamento è abbastanza evidente: più casi, più restrizioni. E nessuno in piena estate vuole giocarsi la zona bianca.

Spari contro migranti: la Libia costretta ad ammettere l’atto di pirateria

La Libia non poteva smentire l’atto di pirateria e allora si inventa un’indagine interna. L’inchiesta arriva dopo la pubblicazione, da parte dell’ong Sea Watch, di immagini che riprendono una motovedetta libica che apre il fuoco e tenta di speronare un barchino con diverse persone a bordo. Intanto l’Unione Europea ha fatto sapere di aver chiesto spiegazioni alla Libia su quanto avvenuto. Ma questo non è certo il primo episodio criminale che coinvolge le motovedette della guardia costiera libica. Sentiamo Riccardo Noury di Amnesty Italia:

La motovedetta protagonista di questo episodio è stata fornita alla cosiddetta guardia costiera libica dall’Italia. Ma il nostro Paese si occupa anche della manutenzione di questi mezzi, spendendo milioni di euro. Ce ne parla Duccio Facchini, giornalista di Altreconomia:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Restano stabili i dati italiani del covid: 794 contagi e tasso di positività allo 0,4%, 28 morti. Solo 3 gli ingressi in terapia intensiva. La Lombardia, la regione più colpita, ieri ha registrato zero morti. Non succedeva da ottobre.
Il report settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità ha confermato tutta l’Italia in zona bianca. Il quadro è molto migliorato ma serve cautela, insistono ISS e Ministero della Salute ripetendo anche oggi che i due pilastri devono essere vaccini e tracciamento. La crescita della prevalenza della variante Delta – al 23% e diffusa in 16 regioni – è un dato atteso, per cui è fondamentale continuare il tracciamento sistematico per individuare i focolai”, ha ripetuto anche oggi il presidente dell’ISS, Silvio Brusaferro.
I casi di COVID-19 dovuti alla variante Delta sono aumentati nel Regno Unito del 46% dalla scorsa settimana, crescono anche negli Usa e preoccupano l’Europa, dove i casi complessivi son saliti del 10% in una settimana.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 29/02 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 29-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 29/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 29-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 29/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 29-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Playground di giovedì 29/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 29-02-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 29/02/2024

    Ospiti della puntata gli Action Shelley per presentare il loro disco omonimo con intervista e mini live

    Jack - 29-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 29/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Luca Palazzolo, ricercatore università degli Studi di Milano e Michele Salvan, dottorando in biologia università di Torino per parlare del progetto Biogro, con il parco delle Groane, 3Bee sulla biodiversità e gli impollinatori, di Lipu Cesano Maderno, ma anche di CAI e di condanna del Laricidio per la pista da bob a Cortina d'Ampezzo e scopriamo che Luca voleva essere un Proteo e Michele un Capibara

    Considera l’armadillo - 29-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 29/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 29-02-2024

  • PlayStop

    Scuole occupate, parlano gli studenti

    In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    ABNE ep.7 - Le basi della coesione

    Qual è la situazione dell'Italia nel processo di transizione verso la neutralità climatica? Parliamo delle sfide che il nostro paese deve affrontare soprattutto nel territorio sardo del Sulcis e di quali mezzi l'Europa mette a disposizione tramite il fondo per una transizione giusta facente parte delle politiche di coesione dell'Unione Europea nell'intervento di Matteo Scannavini di Slow News.

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 29/02/2024

    Oggi a Cult: Nicola Lagioia, autore del romanzo, Michele Altamura e Gabriele Paolocà, parlano di "La ferocia", divenuto uno spettacolo e in scena al Teatro Fontana; la mostra "Spazio allo spazio" a cura dei dipartimenti di Architettura e Aerospaziale del Politecnico di Milano; il compositore Filippo Del Corno su "Allegro", composizione eseguita dal giovane quartetto EOS nell'ambito della rassegna "Giovine Italia" a Villa Necchi Campiglio; la rubrica di lirica con Giovanni Chiodi...

    Cult - 29-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 29/02/2024

    Che cos'è il greenwashing? E’ una “presa in giro” da parte delle aziende che lo praticano nei confronti di tutti gli interlocutori delle aziende stesse, i cosiddetti stakeholder (fornitori, clienti, dipendenti, amministratori pubblici, comunità locali). In pratica il greenwashing è un’attività elusiva degli obblighi normativi o etici in materia di sostenibilità ambientale. Chi lo pratica si dà una riverniciata “green”, ci racconta quanto è “sostenibile” la propria attività, ma nei fatti continua a compiere azioni inquinanti come sempre. Elena Gerebizza, esperta di energia, tra le fondatrici dell’associazione ReCommon, ci racconta il caso Snam (https://www.recommon.org/il-greenwashing-di-snam-il-caso-arbolia/). Ospite della puntata di Pubblica anche il presidente di Adiconsum Carlo De Masi per una denuncia ad Arera che riguarda il caro bollette.

    Pubblica - 29-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 29/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 29/02/2024

    GUERRA A GAZA, AGGIORNAMENTI, ANALISI E COMMENTI con Anna Momigliano corrispondente dall’Italia di Haaretz e Paolo Pezzati portavoce per le emergenze umanitarie di Oxfam Italia: allarme catastrofe a Gaza. Intervista di Sara Milanese - FRANCIA-GERMANIA, RAPPORTI TESI A CAUSA DELLA GUERRA IN UCRAINA da Parigi Francesco Giorgini e da Berlino Walter Rahue - LA MAGGIORANZA “MINACCIA” TEST PSICOATTITUDINALI PER I MAGISTRATI il commento di Giuseppe Santalucia presidente dell’ ANM. Intervista di Mattia Guastafierro - SCUOLE OCCUPATE, PARLANO GLI STUDENTI In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 29-02-2024

  • PlayStop

    VALERIA PARRELLA - PICCOLI MIRACOLI E ALTRI TRADIMENTI

    VALERIA PARRELLA - PICCOLI MIRACOLI E ALTRI TRADIMENTI - presentato da Barbara Sorrentini

    Note dell’autore - 29-02-2024

Adesso in diretta