Approfondimenti

Le ultime sull’epidemia, la mossa di Salvini e la corsa di Berlusconi, le presidenziali in Cile e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 17 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Matteo Salvini fa la sua mossa per inguaiare il Pd. Il capo della Lega dice: “Mario Draghi a palazzo Chigi è l’unico modo per tenere unita la maggioranza”. Così Berlusconi gongola e pensa che sia arrivato il suo turno: il Caimano presidente della Repubblica diventa sempre meno uno scenario di fantapolitica. Il governo annuncia il decreto sulle delocalizzazioni, forse è un contentino per i sindacati dopo lo sciopero generale dello scorso 16 dicembre. L’epidemia corre. Oggi sono 28.632 casi, è il dato più alto di quest’anno e bisogna tornare al 27 novembre 2020 per avvicinarsi a una cifra simile: 28.352. Da lunedì passano in zona gialla Liguria, Marche, Veneto e Provincia Autonoma di Trento. Nuovo record di contagi in Gran Bretagna, in Germania il ministro della Sanità avverte: “La quinta ondata sarà la peggiore”. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Arriva l’emendamento sulle delocalizzazioni

(di Anna Bredice)

Il giorno dopo lo sciopero arriva l’emendamento sulle delocalizzazioni inserito nella manovra di bilancio. Era uno dei punti sollevati dai sindacati che chiedevano un intervento urgente al governo e il gesto sembrerebbe una risposta, così immediata nei tempi. Almeno il ministro del Lavoro Olando la spiega così, ma se si guarda al contenuto dell’emendamento le sanzioni alle aziende sono molto meno forti di quello che Pd e Cinque stelle chiedevano mesi fa con un testo che è rimasto finora nel cassetto. Le aziende rimangono libere di delocalizzare, devono presentare un piano 90 giorni prima con uno schema di ammortizzatori, di gestione degli esuberi, di coinvolgimento del territorio e dei comuni, una serie di impegni che però se vengono disattesi vengono sanzionati con il doppio del contributo dato dalle aziende per i licenziamenti. Il doppio e non sei volte quel contributo che il Pd e i Cinque stelle chiedevano. È per questo che Giorgetti, il ministro leghista dello sviluppo economico, si dice soddisfatto, parla di una “soluzione ragionevole che non penalizza le imprese”. Le aziende in pratica devono pagare, anche tanto in alcuni casi, ma possono lasciare l’Italia e licenziare i dipendenti. Orlando che cerca a nome anche del suo partito, oltre che come ministro del Lavoro, di non spezzare il filo di dialogo con i sindacati, soprattutto con la Cgil, spiega che in sostanza questa è l’ultima possibilità di fare una legge, inserire un emendamento nella manovra, perché almeno così si è sicuri di approvarla e avere una norma in vigore, un decreto rischia di non vedere mai la luce. In nome di questo, secondo Orlando i sindacati dovrebbero accettare quello che appare un compromesso, una mediazione tra il Pd e la Lega. Il ministro del Lavoro si augura anche che lunedì nell’incontro con i sindacati sulle pensioni si possa parlare anche di questo tema, ma la Fiom ha già bocciato la proposta, chiede al governo di fermarsi e di convocare i sindacati.

Draghi come Ciampi? Lo diranno i salari

(di Claudio Jampaglia)

Vi ricordate la scala mobile? Non lo chiediamo perché sta tornando l’inflazione, ma perché 28 anni fa la sua dismissione fu una grande vittoria del padronato mitigata per Cgil-Cisl-Uil dagli accordi di luglio del 1993 e dalla “politica dei redditi” che diedero il via alla concertazione. L’inflazione fu tenuta a bada e visto che i salari non si adeguavano più automaticamente furono varati due livelli di contrattazione: uno nazionale che doveva garantire almeno la perequazione col costo della vita ogni due anni e, poi, una contrattazione di secondo livello, cioè azienda per azienda. CONTINUA A LEGGERE SUL SITO

Due bimbi sono morti in un campo rom del Foggiano

Due bambini sono morti carbonizzati questa mattina in un campo rom del Foggiano. Avevano due e quattro anni, erano nazionalità bulgara, vivevano coi genitori in una baracca dentro un campo abusivo, in passato già sgomberato, eretto in un terreno privato. Stamattina nel campo è scoppiato un incendio, probabilmente originato da un braciere a legna. I bambini dormivano, i loro corpi sono stati estratti dai vigili del fuoco dopo lo spegnimento del rogo. Il campo sorge ai margini di un paese, Stornara. I suoi due-trecento residenti però, non lo frequentano: lavorano come braccianti in campagna generalmente in condizioni di sfruttamento, come ci ha raccontato Anelia Genova, mediatrice culturale bulgara, dopo la visita che ha fatto questo pomeriggio al campo

Intorno a Foggia in questi microinsediamenti vivono in tutto circa 10mila persone. Il sindaco di Stornara spiega che aveva già segnalato la situazione di insicurezza e degrado e chiede al governo un intervento complessivo sul tema

La variante Omicron nel Regno Unito e la situazione in Germania

Il rischio di reinfezione con la variante Omicron è cinque volte maggiore rispetto alla Delta.
Con due dosi di vaccino la copertura scende al 20% con tre si arriva all’80%. E’ quanto emerge da uno studio dell’Imperial College di Londra. In Gran Bretagna oggi ha provocato un nuovo record di contagi, oltre 93 mila. In Italia la presenza della nuova variante è ancora bassa, ma si cerca molto meno che nel Regno Unito. . E in Germania? Ecco il collegamento con la nostra collaboratrice Cristina Giordano

In Cile la sfida tra Kast e Boric è una lotta tra passato e futuro

(di Martina Stefanoni)

In Cile mancano pochi giorni al ballottaggio per le presidenziali. Domenica il paese sarà chiamato a scegliere il nuovo presidente, e dovrà scegliere tra due candidati agli antipodi. Sia per quanto riguarda la linea politica che per la visione che hanno del Cile del futuro. In effetti, in queste elezioni, non c’è in ballo solo il futuro più prossimo, ma molto di più. CONTINUA A LEGGERE SUL SITO

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Ancora in netta crescita la curva epidemica in Italia e nuovo record della quarta ondata: 28.632 casi (ieri 26.109). Mai così tanti quest’anno e bisogna tornare al 27 novembre 2020 per avvicinarsi a una cifra simile: 28.352 casi. I tamponi processati sono stati 669.160 con un tasso di positività in rialzo al 4,3% (+0,6%). I decessi sono 120 (ieri 123) per un totale di 135.421 vittime dall’inizio dell’epidemia. In aumento anche i ricoveri, con le terapie intensive che salgono di 6 unità (ieri +47) con 70 ingressi del giorno, e arrivano a 923, mentre i ricoveri ordinari sono 182 in più (ieri +29) e sono 7.520 in tutto.

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1471894616899309574

Foto | Tre pagliacci nei padiglioni di FieraMilano City, dove prenderà il via la somministrazione dei vaccini per i bambini da 5 a 12 anni, Milano

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 22/02 10:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 22/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 22-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 22/02/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    La "guerra" alle ONG del mare, un bilancio un anno dopo Cutro.

    L'intervista di Loreza Ghidini a Duccio Facchini, direttore di Altreconomia

    Clip - 22-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 22/02/2024

    Se c’è un’eredità che Silvio Berlusconi ha lasciato e che i suoi successori (dai familiari al governo Meloni) hanno fatto propria è quella di una certa idea della giustizia. Non parliamo di principi fondamentali, quanto di un’idea di amministrazione della giustizia: processi, procedure, configurazione di reati, loro perseguibilità. Quella berlusconiana è stata un’idea di giustizia che – ad esempio – ha indebolito l’indipendenza della magistratura stabilita nella Costituzione. Oppure ha puntato a ridurre la perseguibilità dei cosiddetti “crimini dei potenti”, i reati economici così come quelli contro la pubblica amministrazione. Oggi ci troviamo a metà dell’iter della cosiddetta “riforma della giustizia” che porta il nome del ministro Nordio e che si ispira alla corrente di pensiero berlusconista. La “riforma” è stata approvata dal Senato nelle settimane scorse, ora è in discussione alla Camera. Che cosa prevede? Quanto “berlusconismo” può tollerare ancora la giustizia in Italia, senza abdicare ai principi costituzionali? A Pubblica il giudice del Tribunale di Roma, Alfonso Sabella.

    Pubblica - 22-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 22/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 22-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 22/02/2024

    TERZO MANDATO PER I PRESIDENTI DI REGIONE, LA MAGGIORANZA SI SPACCA con Daniela Preziosi giornalista di Domani - INCHIESTA SUI LAVORI PER IL PONTE DI MESSINA parla Angelo Bonelli portavoce dei Verdi, che ha presentato l’esposto in Procura - GUERRA A GAZA, AGGIORNAMENTI, ANALISI E COMMENTI con Chiara Cruciati responsabile esteri del manifesto, Andrea Iacomini portavoce italiano Unicef e Eric Salerno giornalista e scrittore - LA GUERRA ALLE ONG DEL MARE, UN BILANCIO UN ANNO DOPO CUTRO un'inchiesta di Altreconomia raccontata dal direttore Duccio Facchini. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 22-02-2024

  • PlayStop

    DAVID TRUEBA - CARI BAMBINI

    DAVID TRUEBA - CARI BAMBINI - presentato da Ira Rubini

    Note dell’autore - 22-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 22/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 22-02-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di giovedì 22/02/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 22-02-2024

  • PlayStop

    0091 - Puntata 31 - 22/02/2024

    Puntata dedicata al nordest dell’India. Tracklist: Ya Ali - Zubeen Garg; Dumplings for the sad - Temsu Clover; Taothaminari Singnang Oina Khutsamnaduna - Noong-Paan; Heirangkhoi - Siyom; Evil Favours - Lo! Peninsula; Luv U Ma - Jelo; Set Me Free - Soulmate; Reasons - Reble x Dappest x Manly x Plato, Prod. by D'Mon; No Doma Lo - Taba Chake; Teisa Uphilwi - Koloma

    0091 - 21-02-2024

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 21/02/2024

    Jazz Ahead 239 1. Sixty Four Seasons, C'mon Tigre, Habitat, Intersuoni, 2023 2. Carry Me, Muito Kaballa, Like a River, Batov Records, 2023 3. Arie di Pioggia, Evita Polidoro, Nerovivo, Tuk Records, 2024 4. Razzle-Dazzle, Rosa Brunello, Razzle Dazzle, Domanda Records, 2024 5. Respiro, McCorman, A Page Is Turned | A Mountain Collapses | A Guy Leaves, Kohlhaas, 2023 6. Celestial Coordinates, Tommaso Cappellato, Expolare, Explorare, 2023 7. J. Alfred, Doortri, PFAS OFF, Zoar Records, 2023 8. Morire con la sabbia tra le dita, Matteo Paggi WORDS, WORDS, Aut Records, 2024 9. Ephemeral, LKSA, Ephemeral, Record Y, 2024 10. Swerve, James Brandon Lewis Quartet, Swerve, Intakt Recrods, 2024

    Jazz Ahead - 21-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 21/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21-02-2024

  • PlayStop

    Atlante Illustrato di un Musicista Perbene 6 - 21/02/2024

    Ospite: Lepre La scaletta: Lepre - Secondo me Daniela Pes - Carme Amalfitano - Fosforo (feat.Francesco Bianconi) Lepre - Bolletta Calcutta - Tutti Francesco Bianconi & Clio - Ciao Lepre - Acufene

    Atlante Illustrato di un Musicista Perbene - 21-02-2024

Adesso in diretta