Approfondimenti

La tregua tra governo e benzinai, il rallentamento della produzione industriale e le altre notizie della giornata

Benzina ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 13 gennaio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. È tregua tra benzinai e governo: i sindacati dei gestori congelano lo sciopero previsto il 25 e 26 gennaio, dopo l’incontro di oggi con i ministri competenti. E intanto Lega e Forza Italia temono i risultati delle prossime elezioni regionali, la prima vera prova dopo le politiche. Brutto segnale per il sistema produttivo italiano: a novembre 2022 la produzione industriale è scesa dello 0,3% sul mese precedente e del 3,7% annuo. Il governo brasiliano ha chiesto di indagare l’ex presidente Bolsonaro per tentato golpe, dopo che nella casa dell’ex ministro della giustizia Torres sono stati trovati documenti che ipotizzerebbero il ribaltamento del risultato delle elezioni di ottobre vinte da Lula tramite un decreto. I tentativi di destabilizzazione e di colpo di stato da parte dell’estrema destra in tutto il mondo hanno una matrice comune: si tratta della retorica dell’insurrezione tra virgolette “dal basso”.

Tregua tra governo e benzinai: congelato lo sciopero del 25 e 26 gennaio

Per ora è tregua tra benzinai e governo: i sindacati dei gestori congelano lo sciopero previsto il 25 e 26 gennaio, dopo l’incontro di oggi con i ministri competenti. La decisione definitiva arriverà dopo un altro incontro, martedì prossimo.
I gestori hanno incassato le scuse del governo che aveva scaricato su di loro la responsabilità dell’aumento dei prezzi, seguita alla cancellazione dello sconto sulle accise. I sindacati rivaluteranno lo sciopero – proclamato dopo il decreto che impone di esporre il prezzo medio dei carburanti – sulla base delle rassicurazioni che il governo darà appunto martedì.
Un nuovo sconto sulle accise non è all’orizzonte, ma potrebbe scattare una sorta di tetto: usando una norma che già esiste e consente di ridurre le accise se il prezzo supera almeno del 2% il valore indicato nel documento di economia e finanza, o in caso i maggiori incassi derivanti dall’Iva. Incassi che Meloni ha negato, ieri intervistata a reti unificate, ma che ci sono già stati nel 2022 per almeno 21 miliardi, proprio grazie all’aumento del prezzo del petrolio.
Se per ora con i gestori dunque ci sono margini per ricucire, gli strascichi restano nella maggioranza, con un pezzo che sulla benzina ha apertamente remato contro Meloni.

Salvini e Berlusconi temono la prima prova elettorale dopo le politiche

(di Anna Bredice)

Il congelamento dello sciopero è stato accolto con sollievo a Palazzo Chigi. Il rischio di proteste e sit-in dei benzinai a due settimane dalle regionali hanno fatto tremare il governo e costretto Giorgia Meloni ad assicurare sulle due tv principali che correrà ai ripari. Benzinai, tassisti, autotrasportatori sono settori che la destra ha sempre considerato come suoi bacini elettorali. Salvini ha utilizzato le proteste dei tassisti per mettere in difficoltà i due ultimi governi, settori che hanno probabilmente votato a settembre a destra e che ora nelle due regioni più importanti tornano alle urne. Le regionali sono la prima prova elettorale dopo le politiche, lo sono soprattutto per gli alleati di Giorgia Meloni, Forza Italia e Lega, in affanno nell’inseguimento della presidente del Consiglio, sempre in primo piano. I sondaggi vedono una distanza molto larga tra il primo partito, Fratelli di Italia, primo sia in Lombardia che nel Lazio, e il secondo che nella regione del Nord è la Lega, nel Lazio Forza Italia. La paura è di perdere ancora consensi, a vantaggio di Giorgia Meloni, cosa che potrebbe portare poi nel governo a maggiori rivendicazioni da parte di Berlusconi e Salvini. Se il capo della Lega lo sta facendo dal primo giorno con l’immigrazione, facendo ogni volta il controcanto a Meloni, Berlusconi si è fatto sentire ora con il tema carburante. Ma anche per Giorgia Meloni esistono dei rischi: sono già parecchie le promesse al suo elettorato di destra disattese, il limite al contante nei pagamenti con il pos, poi il decreto rave, ora la benzina e nel prossimo futuro il Mes, tema che ha a che fare con le attese dell’Europa. Giorgia Meloni ha fatto intendere che il Parlamento potrebbe ratificarlo, l’Italia è l’unico paese che manca al voto, ma solo qualche mese fa diceva esattamente il contrario.

Il rallentamento della produzione industriale in Italia

(di Massimo Alberti)

Brutto segnale per il sistema produttivo italiano. A novembre 2022 la produzione industriale è scesa dello 0,3% sul mese precedente, e del 3,7% annuo. Il rallentamento di produzione dovuto ai prezzi dell’energia, il calo della domanda, hanno inciso su un dato che conferma i timori di recessione nei prossimi mesi, e potrebbe allontanare l’Italia dall’andamento degli altri paesi industrializzati europei.
Oltre al settore energetico, sono la manifattura e la chimica a frenare la produzione industriale italiana, ed è una pessima notizia. “È un segnale allarmante per l’effetto che inevitabilmente avrà su tutte le filiere produttive a valle” dice il presidente di Federchimica, produttore di beni intermedi per eccellenza e spia di come sta girando nell’industria.
Il contesto è quello che è: la stretta monetaria della banca centrale che frena gli investimenti, il prezzo che resta molto elevato – almeno in Italia – dei beni energetici, l’inflazione più alta che nel resto d’Europa che frena la domanda. Difficile, in questo quadro, pensare ad una crescita. I rapporti dei centri studi delle banche sono cupi. Per Mediobanca è possibile una lieve recessione, e l’inflazione dilagante può smorzare i consumi. “Non ci aspettiamo un significativo miglioramento delle prospettive per l’industria nei prossimi mesi”, scrive Andrea Volpi, direttore del centro studi di Intesa Sanpaolo. “Le indagini di fiducia restano su livelli recessivi e indicano che gli ordinativi continuano a calare e il supporto proveniente dalle commesse inevase sta iniziando a diminuire” continua l’analisi, concludendo che la recessione a inizio 2023 appare probabile. E così se nel resto d’Europa, dove i governi hanno agito tempestivamente proprio sul fronte energetico, le previsioni si fanno via via meno pessimiste, il cammino dell’Italia sembra prendere una direzione diversa.

Brasile, il governo chiede di indagare Bolsonaro per tentato golpe

L’ex presidente brasiliano Bolsonaro potrebbe aver pianificato un colpo di stato già prima dell’assalto alle istituzioni di Brasilia di domenica scorsa. Oggi, infatti, il governo brasiliano ha chiesto di indagare l’ex presidente Bolsonaro per tentato golpe, dopo che nella casa dell’ex ministro della giustizia Torres sono stati trovati documenti che ipotizzerebbero il ribaltamento del risultato delle elezioni di ottobre vinte da Lula tramite un decreto. Un piano precedente al assalto portato avanti dai suoi sostenitori.
Il governo brasiliano ha anche annunciato che la prossima settimana chiederà agli Stati Uniti l’estradizione di Anderson Torres, ex ministro della Giustizia di Bolsonaro. “Torres ha annunciato che si sarebbe presentato a Brasilia – ha detto l’attuale Ministro della Giustizia Flavio Dino – ma ciò non è avvenuto e poiché c’è un ordine di arresto aspetteremo fino a lunedì e poi chiederemo la sua estradizione”. Sentiamo il nostro collaboratore da Rio de Janeiro Luigi Spera:

Secondo i media brasiliani la procura generale brasiliana avrebbe intenzione di inviare una missione ufficiale negli Stati Uniti per confrontarsi con le autorità giudiziarie locali sul tentativo di golpe a Brasilia. L’aspettativa dell’incontro è che i funzionari del Dipartimento di giustizia americano trasmettano la loro “esperienza” su come si è svolto a Washington il processo successivo all’invasione di Capitol Hill del 2021 da parte dei sostenitori di Donald Trump. Un’ulteriore dimostrazione del filo rosso che lega i due eventi.

Da Washington a Brasilia a Roma, il metodo insurrezionalista delle destre radicali mondiali

(di Luigi Ambrosio)

I tentativi di destabilizzazione e di colpo di stato da parte dell’estrema destra in tutto il mondo hanno una matrice comune. Si tratta della retorica dell’insurrezione tra virgolette “dal basso”.
È la teoria cosiddetta del “popolo contro le élite”. Elaborata negli ambienti della destra radicale statunitense, quella che ha contribuito a creare il fenomeno Trump, e poi adottata ovunque, l’ideologia -e l’immaginario- di una rivolta di popolo contro il potere da fenomeno social della metà degli anni ’10 si è trasformata in uno strumento concreto, violento, di azione. Uno strumento nelle mani dell’estrema destra.
Quello che abbiamo visto a Brasilia -i manifestanti che fanno l’assalto fisico ai palazzi delle istituzioni- è la fotocopia di quanto accaduto a Washington due anni fa. Un tentativo di insurrezione che ha modalità simili ad altri tentativi di aggressione ai simboli della democrazia. Progettati, come in Germania, dove 25 persone sono state arrestate lo scorso mese di dicembre per avere pianificato un assalto al Parlamento. O realizzati, come la devastazione della sede alla Cgil da parte di esponenti di Forza Nuova durante una manifestazione no vax a Roma nell’ottobre del 2021.
L’humus culturale è comune. Sfiducia e l’odio per le istituzioni democratiche e complottismo: le elezioni rubate, i governi mai eletti dal popolo, le teorie antivacciniste e quelle contro Big Pharma. La simpatia per i regimi autocratici, su tutti ovviamente la Russia di Putin.
Complottismo, fake news e fatti alternativi. È il contesto ideologico che fornisce il terreno di coltura di tutte le destre radicali in tutto il mondo occidentale.
 

Perché Soledar è così importante per la Russia?

A Soledar “la battaglia continua”. Lo sostiene lo Stato Maggiore delle Forze Armate ucraine, continuando a negare l’annuncio fatto dal Ministero della Difesa russo che in mattinata ha annunciato la presa della cittadina a 10 km da Bakhmut. Ma secondo diversi reporter sul posto, è in corso da questa mattina il ritiro della truppe ucraine, in quella che sembra essere una ritirata organizzata e senza panico.
L’ufficio presidenziale ucraino ha descritto la situazione a Bakhmut e Soledar come una “battaglia di Verdun nel 21esimo secolo”. Paragonando gli scontri nell’est del paese con la più lunga battaglia della Prima guerra mondiale e che ha portato a enormi perdite.
Ma perché Soledar è così importante per la Russia? L’abbiamo chiesto al nostro collaboratore Sabato Angieri a lungo inviato in Ucraina:


 

Le proteste degli attivisti del clima a Luetzerath non si fermano

Non si fermano le proteste a Luetzerath, in Germania, dove da giorni è in corso un’occupazione degli attivisti per il clima tedeschi per evitare che il villaggio si trasformi in un sito per l’estrazione del carbone. Oggi c’era anche Greta Thunberg, che ha parlato di violenza scandalosa da parte della polizia che sta tentando di sgomberare il villaggio. Prevista una grande marcia per domani. Le proteste stanno mettendo in difficoltà anche il governo ed in particolare i Verdi: oggi il Ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck ha ribadito la necessità di usare più carbone per far fronte alla crisi energetica. Abbiamo chiesto un parere su questa vicenda a Maria Grazia Midulla, responsabile clima ed energia del WWF in Italia:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 21/05 6:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di lunedì 20/05/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 20/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 20-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 20/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 20/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 20-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 20/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 20-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 20/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 20/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 20-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 20/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-05-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 20/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Malika Ayane

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Malika Ayane

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Selton

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Selton

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 20/05/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 20/05/2024

    Ospite della puntata Malika Ayane con il nuovo singolo Sottosopra

    Jack - 20-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha iniziato la settimana dedicata a #Anche gli animali votano, in vista delle elezioni europee con Gianluca Felicetti, presidente di @LAV Lega Antivivisezione per definire la politica sugli altri animali, ma anche di Giornata mondiale delle api, @oasi Smeraldino, di Ribellione Animale contro il Food&Science Festival e il bambino morto per i morsi del cane, @oipa

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

Adesso in diretta