Approfondimenti

La guerra del gas tra Europa e Russia, i 5 Stelle verso la scissione e le altre notizie della giornata

Conte - Di Maio -Grillo

Il racconto della giornata di sabato 18 giugno 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La Russia non cessa l’attacco al Donbass e l’Ucraina pianifica di riprendere i negoziati a fine agosto, ma solo dopo una serie di controffensive. Anche oggi Gazprom ha continuato a fornire volumi ridotti di Gas all’Italia, senza però ulteriori tagli. Continua ad aumentare la possibilità di una scissione del Movimento 5 Stelle. Nei prossimi giorni il governo sarà costretto a dichiarare lo stato di crisi per la siccità. A Sesto San Giovani il candidato di centrosinistra Michele Foggetta ha ancora possibilità di vincere al ballottaggio. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

I negoziati tra Russia e Ucraina sono rimandati a fine agosto

Verso un’estate di guerra. La Russia non cessa l’attacco al Donbass e l’Ucraina potrebbe riprendere “a fine agosto” i colloqui con i russi, sospesi di fatto dai colloqui a Istanbul del 29 marzo, e solo dopo una serie di controffensive “in alcuni luoghi”. Lo ha detto il capo dei negoziatori ucraini. Per la portavoce del ministero degli Esteri russo, “l’Ucraina che conoscevamo, all’interno di quei confini, non ci sarà più.”, mentre continuano gli attacchi russi nella regione di Lugansk, ed attorno a Severodonetsk. Il ministro degli esteri ucraino Kuleba oggi ha parlato di contrattacchi a est, nel Donbass, e a sud: questo mentre il presidente ucraino Zelensky ha visitato la città di Mykolaiv, la sua prima visita a sud dall’inizio dell’invasione. È almeno questo il fronte che Kyev punta a recuperare prima di riprendere a trattare? Francesco Strazzari, docente di relazioni internazionali alla scuola normale superiore S.Anna di Pisa


La Russia continua a fornire volumi ridotti di Gas all’Italia

(di Massimo Alberti)

Anche oggi la Russia ha continuato a fornire volumi ridotti di Gas all’Italia, senza però ulteriori tagli. “Gazprom ha comunicato per la giornata di oggi l’erogazione di volumi di gas in linea con quanto consegnato negli ultimi giorni”, quando il taglio dei volumi era arrivato fino al 50% della richiesta, ha comunicato l’Eni.
La guerra del gas tra Europa e Russia entra nel vivo diventando seria e problematica, con la decisione russa di tagliare le forniture anticipando il tentativo europeo di rendersi indipendente. I tagli, a vari livelli, coinvolgono ormai il cuore dell’Europa industriale, Francia, Germania, Austria, Italia, costringendo a rivolgersi ad altri paesi esportatori – non proprio specchiati sul rispetto dei diritti umani – che brindano ad una situazione in cui il prezzo è 6 volte da prima della guerra, con ricadute su tutto il sistema produttivo occidentale, nonché sui ceti più fragili, ormai pochi si azzardano a fare previsioni sull’inflazione. Per quanto riguarda l’Italia ieri Gazprom non ha fatto nuovi tagli, restando al 50% della richiesta. A fronte di consumi cresciuti del 23% nell’ultimo anno, l’import dalla Russia è sceso del 41%, ma le importazioni da altri fornitori son salite solo del 7. Lo scarto ampio tra riduzioni e nuove entrate si riflette proprio sul problema delle scorte per l’autunno: nonostante la dipendenza da Mosca si sia già ridotta dal 40 al 24%, “Se mancherà il gas russo, un razionamento occorrerà” osserva ai nostri microfoni Davide Tabarelli di Nomisma, chiedendo un intervento per limitare i rialzi dei prezzi, il famoso tetto che però in Europa trova interessi contrastanti, e che può certo mitigare l’impatto sull’inflazione, ma di sicuro sarebbe insufficiente. All’Unione Europea serve stoccare almeno l’80% delle riserve entro novembre. Secondo gli analisti, a questi ritmi non si arriverebbe al 70, che in caso di interruzione totale scenderebbe al 60%. Con tutte le conseguenze pratiche del caso.

L’implosione dei 5 Stelle sta accelerando

L’implosione dei 5 stelle sta accelerando in queste ore attorno alla risoluzione da votare martedì dopo le comunicazioni del premier sul Consiglio Europeo. Il problema resta quello delle armi all’Ucraina. Da una parte i pro Di Maio, dall’altra i pro Conte.
I dirigenti del gruppo al senato, vicini a Conte, hanno fatto trapelare che si lavora su una mozione per fermare l’invio di armi. Un modo per far pressione sul governo – la maggioranza sta trattando proprio sulla questione delle armi, ma con ogni probabilità lunedì si troverà una mediazione – ma la mozione è diventata il pretesto per far scatenare anche pubblicamente la guerra interna. Il ministro degli esteri ha parlato di un favore alla Russia, politici a lui vicino come la viceministra all’economia Castelli hanno detto che non la voterebbero, un altro senatore vicino a Di Maio, Primo di Nicola, ha evocato la scissione del movimento ai nostri microfoni.
Un’uscita dei parlamentari vicini a Di Maio, e del ministro degli esteri stesso, nei fatti, è stata evocata da altri esponenti di primo piano vicini a Conte, come i vicepresidenti o la sottosegretaria allo sviluppo economico Todde che hanno parlato di un Di Maio che sostanzialmente non rappresenta il partito.

Siccità, l’Italia va verso lo stato di crisi

(di Chiara Ronzani)

I numeri parlano chiaro: il grande fiume a Ponte della Becca, provincia di Pavia, è sceso a -3,7 metri, ai livelli più bassi da 70 anni. Il lago Maggiore è al minimo storico, con un grado di riempimento del 22%, quello di Como al 25%.
La situazione più critica è in Piemonte – dove gli invasi mostrano una riduzione compresa tra il 40 e il 50% rispetto alla media. Anche le centrali idroelettriche faticano a produrre. Centinaia i comuni in diverse province in cui sono state emesse ordinanze per il razionamento e si stanno attrezzando le autobotti.
Gli effetti per l’agricoltura sono pesanti: secondo la Confederazione italiana agricoltori è a rischio il 50% della produzione agricola del nord.
“Nella parte bassa del vercellese potrebbero essere compromesse decine di ettari di risaie”, abbiamo solo una settimana di tempo – ha detto il presidente di Ovest Sesia, la società che gestisce l’acqua per uso agricolo. Le temperature sono di quasi 6 gradi oltre la media e le previsioni non prevedono alcun miglioramento. La richiesta è di rilasciare la maggior quantità possibile di acqua dalle dighe montane.

Elezioni comunali, a Sesto San Giovanni la sfida è ancora aperta

(di Alessandro Braga)

Sulla carta lo scarto di oltre dieci punti percentuali, che ha fatto sfiorare il successo al primo turno al sindaco uscente Roberto Di Stefano, farebbe sembrare il vantaggio della coalizione di centrodestra quasi incolmabile. In realtà, la sfida è aperta, e lo sfidante del centrosinistra Michele Foggetta ha ragione nel dire che si riparte dallo zero a zero. Intanto perché Di Stefano la scorsa settimana ha praticamente fatto il pieno dei voti a sua disposizione, e oltre a guadagnarne ancora dovrà confermare quelli del primo turno, mentre Foggetta, sempre sulla carta, ha qualche possibilità in più di allargare il consenso. Certo il voto della scorsa settimana ha dimostrato che la scelta è stata molto polarizzata tra i due schieramenti maggiori, lasciando poco più che le briciole agli altri sfidanti. Per questo più che gli apparentamenti formali, sarà la capacità di portare (e riportare) alle urne le persone a fare la differenza. In un quadro generale di scarsa affezione al voto la media sestese è stata di cinque punti percentuali sotto quella nazionale. Vincerà chi riuscirà a convincere elettori e elettrici a votare. Cinque anni fa il centrodestra fece il colpaccio, conquistando la Stalingrado d’Italia per la prima volta dal dopoguerra. Stavolta, oltre ai temi amministrativi, potrebbe essere decisiva la voglia di riscatto del popolo di sinistra. La possibilità c’è. La sera del 26 giugno si saprà se si realizzerà oppure no.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono 35mila i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, il 60% in più di 7 giorni fa. Il tasso di positività sale dal 12 al 18%. 45 i morti.
Sostanzialmente stabile il numero di ricoveri, che aumentano di 2 nelle terapie intensive e 11 nei reparti ordinari.
L’aumento delle reinfezioni da Covid è il dato più significativo dell’ultimo rapporto esteso dell’istituto superiore di sanità. Nell’ultima settimana sono state del 7,4%, rispetto ad una media del 4 dell’ultimo anno.
Più a rischio sono i non vaccinati e chi è vaccinato da più di 120 giorni.
La campagna sui booster per i fragili è praticamente ferma.
La prossima settimana nel Lazio verranno contattati gli over 80 che non hanno fatto ancora la quarta dose per sollecitarli a farla.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 19/06 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 19-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 19/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 19-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 19/06/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    0091 di giovedì 20/06/2024

    Dalla musica classica alle produzioni elettroniche moderne, dai villaggi alla diaspora, l'India raccontata attraverso la sua musica. IG baaz_light_year

    0091 - 19-06-2024

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 19/06/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda ogni mercoledì dalle 23.00 alla mezzanotte.

    Jazz Ahead - 19-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 19/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19-06-2024

  • PlayStop

    Percorsi PerVersi di mercoledì 19/06/2024

    Poesie, liriche, sonetti, slam poetry, rime baciate, versi ermetici, poesie cantate. Ogni settimana Percorsi PerVersi incontra a Radio Popolare i poeti e li fa parlare di poesia. Percorriamo tutte le strade della parola poetica, da quella dei poeti laureati a quella dei poeti di strada e a quella – inedita – dei nostri ascoltatori.

    Percorsi PerVersi - 19-06-2024

  • PlayStop

    3° puntata: l'uccisione di Attilio Oldani

    La sera del 26 giugno 1924 nella zona di via Canonica una squadra di fascisti decidere di intimidire chi avrebbe partecipato allo sciopero del giorno successivo. E poco dopo mezzanotte incrocia anche Attilio Oldani.

    Domani sciopero -1924: Attilio Oldani, morte di un tranviere antifascista - 19-06-2024

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 19/06/2024

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare che racconta le sfide locali e globali per contrastare il cambiamento climatico e ridurre la nostra impronta sul Pianeta. Il giusto clima è realizzato in collaborazione con è nostra, la cooperativa che produce e vende energia elettrica rinnovabile, sostenibile, etica. In onda tutti i mercoledì, dalle 21 alle 22. In studio, Gianluca Ruggieri ed Elena Mordiglia. In redazione, Sara Milanese e Marianna Usuelli.

    Il giusto clima - 19-06-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 19/06/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 19-06-2024

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 19/06/2024

    1- Possibili crimini contro l’umanità a Gaza. È la conclusione dell’ ONU dopo l’esame di 6 bombardamenti israeliani. Sulle forniture di armi scambi di accuse tra Joe Biden e Netanyahu. Secondo la Cnn il presidente americano si è detto frustrato dal comportamento del premier israeliano. 2-Russia – Corea del nord come ai tempi della guerra fredda. Putin e Kim firmano il trattato di cooperazione strategica 3-Francia. La crisi di rigetto dell’ ecologia si è trasformata in un serbatoio di consensi per il partito di Marine le pen 4-Romanzo a fumetti. Diario il graphic novel di Fabrice Neaud 5-Progetti sostenibili. Da città turistica a punto di riferimento per la qualità urbana.l’esempio di Nizza.

    Esteri - 19-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 19/06/2024

    (183 - 565) Dove c'è un problema di mani sudate del laureato (ex laureando Simonetta). Poi con Marina Catucci parliamo di monoliti che compaiono nel deserto del Nevada. Nella terza parte con l'ascoltatrice Laura, membro interno, affrontiamo la giornata della prima prova dell'esame di maturità.

    Muoviti muoviti - 19-06-2024

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 19/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 19-06-2024

  • PlayStop

    Soulshine di mercoledì 19/06/2024

    PLAYLIST 1. “Once Upon a Lie” – Quinn Sullivan 2. “Eyesight to the Blind - Live” – Quinn Sullivan 3. “Pinball Wizard” – Elton John 4. “Jet - One Hand Clapping Sessions” – Paul McCartney, Wings 5. “Bluebird - One Hand Clapping Sessions” – Paul McCartney, Wings 6. “Got To Be Mine” – Vulfmon, Evangeline 7. “Pink Panther” – James Galway, Lizzo 8. “Ooh La La” – Flow Tribe 9. “Higher Vibration” – Flow Tribe 10. “Where The Goddess Goes” – The Bogmen 11. “Summer of Soul” – The Bogmen

    Soulshine - 19-06-2024

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 19/06/2024

    Ospiti della puntata i John qualcosa che ci raccontano, e cantano dal vivo, il loro ultimo disco Cani come Figli

    Jack - 19-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 19/06/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 19-06-2024

  • PlayStop

    Il festival del neutrino

    quando celebriamo il centenario della radio pedalando e poi ospitiamo gli scienziati Davide e Irene, in arrivo dalla conferenza internazionale sui neutrini con due favolosi gadget per noi altri ignorantoni

    Poveri ma belli - 19-06-2024

Adesso in diretta