Approfondimenti

I messaggi trasversali sull’elezione del Quirinale, le ferrovie aderiscono allo sciopero generale e le altre notizie della giornata

Sergio Mattarella Codogno

Il racconto della giornata di sabato 11 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Giornata di messaggi trasversali sull’elezione del Quirinale: Salvini annuncia che sentirà tutti i leader di partito per un nome condiviso, mentre Enrico Letta è convinto che l’elezione del prossimo presidente sarà a larga maggioranza. I sindacati dei trasporti di Cgil e Uil hanno indetto lo stop nelle ferrovie dalla mezzanotte alle 21 del 16 dicembre, uno sciopero generale che arriva in un momento in cui la disumanizzazione del capitalismo, con umiliazione che si aggiunge al trauma dei licenziamenti, sempre più evidente anche nel nostro Paese. È morto Enrico Pieri, uno dei superstiti dell’eccidio nazifascista di S.Anna di Stazzema del 12 agosto 1944. Negli Stati Uniti potrebbe essere almeno 100 le persone decedute a causa dei numerosi tornado che si sono abbattuti dal Kentucky all’Arkansas. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La corsa al Quirinale si fa sempre più intensa

(di Luigi Ambrosio)

Giornata di messaggi trasversali sull’elezione del Quirinale. Matteo Salvini annuncia che sentirà tutti i leader di partito per un nome condiviso, quindi non quello di Silvio Berlusconi, mentre Enrico Letta è convinto che l’elezione del prossimo presidente sarà a larga maggioranza, ovvero ci sarà un accordo generale.
Da un lato c’è la war room di Berlusconi sulla via Appia. 
Dall’altro i leader politici che fanno il loro gioco alla ricerca di un difficilissimo accordo.
 Berlusconi è tornato a vivere a Roma. Nella villa che fu di Zeffirelli ha allestito il centro operativo per tentare la scalata. Secondo gli ultimi calcoli gli mancherebbero una trentina di voti. E lui punta al ventre molle del Gruppo Misto, mai così corposo, in un Parlamento in cui solo durante il governo Draghi ha cambiato casacca una media di 11 onorevoli al mese. Situazione fluida, diciamo. Sotto particolare osservazione quelli di Toti, quelli dell’ex Mediaset Carelli, e diversi ex grillini.
 Poi ci sono i partiti. Tutti auspicano un accordo ampio, l’ultimo oggi è stato Salvini. Il problema è attorno a quale nome. Da destra si chiede espressamente al PD di rinunciare a un nome della propria area, Salvini oggi lo ha affermato. Letta a sua volta ha auspicato un nome condiviso e ha parlato di una donna. Il nome che corrisponderebbe è quello di Marta Cartabia. Donna, costituzionalista, gradita a Mattarella, culturalmente di centrodestra.

Il 16 dicembre si fermano anche le ferrovie

Lo sciopero generale: i sindacati dei trasporti di Cgil e Uil hanno indetto lo stop nelle ferrovie dalla mezzanotte alle 21 del 16 dicembre.
Sulla proclamazione oggi ad attaccare Cgil e Uil è stato il turno del segretario della Lega Matteo Salvini che lo ha definito uno sciopero contro i lavoratori.
 Salvini si trovava a Bari dove sempre oggi si è svolta una manifestazione di Uil e Cgil conclusa dal segretario Maurizio Landini. “Ormai in Italia sembra che il diritto di sciopero sia diventato eversivo. Dicono di non capire i motivi della mobilitazione perché non capiscono la povertà e il malessere sociale”

La disumanizzazione del capitalismo tra licenziamenti e umiliazione

(di Massimo Alberti)

L’umiliazione oltre al danno. Licenziamenti via Whatsapp, Zoom, Teams, con i bodyguard, o facendo sparire la fabbrica da un giorno all’altro. Lavoratori trattati come numeri da imprenditori che non hanno nemmeno il coraggio di guardarli in faccia per dirgli che stanno togliendo loro lavoro e reddito.
Ha fatto il giro del mondo il modo in cui l’amministratore delegato di Better.com, che negli USA ha licenziato 900 impiegati in videoconferenza su Zoom. In Italia le modalità non sono tanto diverse. Il caso più celebre, i Whatsapp agli operai della GKN risale a luglio.
Solo nell’ultima settimana 3 lavoratori della Yazaki di Torino, azienda dell’automotive, sono stati licenziati con una video chiamata via Teams, perché l’attività è stata delocalizzata in Portogallo. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

Chi pagherà lo stop ai motori a combustione?

(di Claudio Jampaglia)

I consumatori, più pronti della politica e delle aziende, la transizione l’hanno già iniziata visto che l’auto più venduta in Europa al momento è elettrica ed è la più piccola delle Tesla. Una ulteriore dimostrazione di come il mercato più che da domanda e offerta sia determinato dalla legge del padrone che continua a produrre ciò che i consumatori non sembrano più volere. Le immatricolazioni automobilistiche continuano a precipitare in tutta Europa, in Italia -24% solo in novembre, eppure le aziende tardano.
Si sviluppano motori elettrici dalla fine degli anni ’90 – vi ricordate l’Alfa di Arese? – ma la transizione ancora non c’è stata e dopo tanto tergiversare alla fine arriva per legge. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

Addio a Enrico Pieri

È morto Enrico Pieri, uno dei superstiti dell’eccidio nazifascista di S.Anna di Stazzema del 12 agosto 1944. Pieri è morto a 87 anni, ne aveva 10 all’epoca dell’eccidio dove 560 persone e fu sterminata anche la sua famiglia. Lui riuscì a salvarsi, continuando negli anni ad esser testimone della memoria, a partire dalle scuole. Per la sua morte è arrivato anche il cordoglio del Presidente della Repubblica Mattarella. Qui la sua voce, durante un’intervista a Radio Popolare di Lorenza Ghidini e Federico Bogazzi:


 

La devastazione dei tornado negli Stati Uniti

Stati Uniti. Potrebbero essere fino a 100 le persone morte a causa dei tornado che hanno colpito il Kentucky, fa sapere il governatore dello Stato USA, Andy Beshear, che in un primo momento aveva parlato di “almeno 50 morti”.
 Le conferme ufficiali riguardano invece cinque vittime al momento: tre in Tennessee, una in Arkansas e una in Missouri.
 La tempesta abbattutasi su parte degli Stati Uniti nelle scorse ore, producendo fino a 19 tornado, ha anche travolto un magazzino di Amazon a Edwardsville in Illinois dove sono fino a 100 i dipendenti rimasti intrappolati nella struttura, stando ai media locali.
 “Una inimmaginabile tragedia”: così il presidente americano Joe Biden commenta la devastazione dei tornado.


L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Nelle ultime 24 ore in Italia registrati 21.042 nuovi casi di coronavirus. I decessi sono stati 96, con il totale delle vittime nel Paese che sale a 134.765. I pazienti in terapia intensiva sono 818, 2 in più rispetto a ieri.
 
È uscito anche il rapporto settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità. Il rischio di morire a causa del COVID per un non vaccinato è 16,6 volte maggiore rispetto a quello di un vaccinato con tre dosi. Lo stesso rapporto evidenzia che dopo 5 mesi dal completamento del primo ciclo vaccinale (le due dosi), l’efficacia nel prevenire il contagio, sia nella forma sintomatica che asintomatica, scende dal 74% ad appena il 39%. Resta però elevata la “copertura” da una malattia severa che dopo i 5 mesi cala dal 93% all’84%. Dopo la dose aggiuntiva/booster, l’efficacia nel prevenire la diagnosi e casi di malattia severa risalgono rispettivamente al 77% e al 93% .

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 07/12/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 12/07/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 07/12/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 12/07/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 07/12/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 12/07/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 07/12/2022

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 12/07/2022

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 07/12/2022

    Dalla culla alla tomba del welfare state? Ottant’anni fa la presentazione del rapporto Beveridge in Gran Bretagna poneva le basi…

    Pubblica - 12/07/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 07/12/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 12/07/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di mercoledì 07/12/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 12/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 07/12/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 10.00, il venerdì dalle…

    Prisma - 12/07/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 07/12/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 12/07/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 07/12/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 12/07/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 07/12/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 12/07/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di martedì 06/12/2022

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest;…

    Avenida Brasil - 12/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 06/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/06/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 06/12/2022

    Dal 13 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantaduesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 12/06/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 06/12/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 12/06/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 06/12/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 12/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 06/12/2022

    1-Vigilia della Cop 15 sulla biodiversità di Montreal. l’obiettivo è rendere area protetta il 30% del territorio mondiale entro il…

    Esteri - 12/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 06/12/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 12/06/2022

Adesso in diretta