Approfondimenti

Chi pagherà lo stop ai motori a combustione?

I consumatori, più pronti della politica e delle aziende, la transizione l’hanno già iniziata visto che l’auto più venduta in Europa al momento è elettrica ed è la più piccola delle Tesla. Una ulteriore dimostrazione di come il mercato più che da domanda e offerta sia determinato dalla legge del padrone che continua a produrre ciò che i consumatori non sembrano più volere. Le immatricolazioni automobilistiche continuano a precipitare in tutta Europa, in Italia -24% solo in novembre, eppure le aziende tardano.
Si sviluppano motori elettrici dalla fine degli anni ’90 – vi ricordate l’Alfa di Arese? – ma la transizione ancora non c’è stata e dopo tanto tergiversare alla fine arriva per legge. La Commissione europea chiede la riduzione del 55% delle emissioni entro il 2030 e i Paesi mettono fuori legge i motori a scoppio. Così la Volvo produrrà solo elettrico dal 2030, Ford, General Motors, Mercedes e Land Rover dal 2040, la VoksWagen annuncia investimenti per 89 miliardi. Mentre da noi, per un settore che vale un quarto del Pil, l’allarme è quello sulla perdita dei posti di lavoro e lo lancia il ministro dello sviluppo Giancarlo Giorgetti: “La scelta di andare verso l’auto elettrica ha una sicuramente conseguenza, già stimata e precisata: oltre la metà della manodopera che attualmente lavora nella filiera dell’automotive, nel motore a combustione, non lavorerà più in quel settore”. Ricordiamo che i lavoratori del settore sono 165mila in Italia, soprattutto in medie e piccole imprese dell’indotto. Il ministro, in realtà, ripete stime che ovviamente provengono dagli industriali che dicono che 8 anni di transizione sono pochi e ingiusti perché si decarbonizza l’auto, ma non l’energia, e ce ne vorrà tanta. Gli imprenditori chiedono più tempo, ripensamenti e sussidi. Non sanno dire però di quanti lavoratori avranno bisogno per produrre motori elettrici. Sono indietro anche su questo. Intanto d’accordo col governo hanno già identificato chi pagherà la transizione … il solito Cipputi.

Foto | Una delle fabbriche della Hyundai Mobis, a Yancheng, in Cina

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 21/01/22 delle 19:49

    Metroregione di ven 21/01/22 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 22/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    DOC di sab 22/01/22

    DOC di sab 22/01/22

    DOC – Tratti da una storia vera - 22/01/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sab 22/01/22

    Ollearo.con di sab 22/01/22

    Ollearo.con - 22/01/2022

  • PlayStop

    Good times di sab 22/01/22

    Good times di sab 22/01/22

    Good Times - 22/01/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sab 22/01/22

    Piovono radio di sab 22/01/22

    Piovono radio - 22/01/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di ven 21/01/22

    Mash-Up di ven 21/01/22

    Mash-Up - 22/01/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 21/01/22

    Doppia Acca di ven 21/01/22

    Doppia Acca - 22/01/2022

  • PlayStop

    News Della Notte di ven 21/01/22

    News Della Notte di ven 21/01/22

    News della notte - 22/01/2022

  • PlayStop

    psicoradio di ven 21/01/22

    psicoradio di ven 21/01/22

    Psicoradio - 22/01/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di ven 21/01/22

    Quel che resta del giorno di ven 21/01/22

    Quel che resta del giorno - 22/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di ven 21/01/22

    Esteri di ven 21/01/22

    Esteri - 22/01/2022

  • PlayStop

    The Game di ven 21/01/22

    //Il governo mette una pezza ai rincari dell’energia. Approvato il decreto con aiuti solo alle imprese. E le famiglie? A…

    The Game - 22/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di ven 21/01/22

    Dove si parla di scettri lunari di Sailor Moon che fanno entrare in metropolitana a Taipei, di matrimoni virtuali on…

    Muoviti muoviti - 22/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di ven 21/01/22

    Di tutto un boh di ven 21/01/22

    Di tutto un boh - 22/01/2022

  • PlayStop

    Considera l'armadillo ven 21/01/22

    Si parla con Chiara Caprio di Animal Equality Italia delle ultime decisioni europee sul trasporto degli animali, di Commissario per…

    Considera l’armadillo - 22/01/2022

  • PlayStop

    Jack di ven 21/01/22

    Ospite della puntata Roberto dei The Francis

    Jack - 22/01/2022

  • PlayStop

    Corbervax, un vaccino senza brevetto

    Corbervax, un vaccino senza brevetto: è possibile, è già disponibile! Intervista esclusiva a Maria Elena Bottazzi, co-direttrice del Centro per…

    Clip - 21/01/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di ven 21/01/22

    Poveri ma belli di ven 21/01/22

    Poveri ma belli - 22/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di ven 21/01/22 delle 12:48

    Seconda pagina di ven 21/01/22 delle 12:48

    Seconda pagina - 22/01/2022

  • PlayStop

    37 e 2 di ven 21/01/22

    37 e 2 di ven 21/01/22

    37 e 2 - 22/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di ven 21/01/22

    Microfono aperto: è arrivato il momento di convivere col Covid come con l'influenza? Le esperienze inglese e francese, e le…

    Prisma - 22/01/2022

Adesso in diretta