Approfondimenti

A Milano il corteo “Sani come un pesce”, la Barcaccia in nero, la sicurezza sul lavoro e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di sabato 1 aprile 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La Russa si scusa per le sue parole sull’attentato di via Rasella, ma non troppo. “”Ho sbagliato a non sottolineare che i tedeschi uccisi in via Rasella fossero soldati nazisti, ma credevo che fosse ovvio e scontato oltre che notorio.” Abbiamo sentito il presidente dell’Anpi Pagliarulo: “Un garbuglio di parole che non ha smentito nulla”. Oggi le piazze di Milano si sono riempite a difesa della sanità pubblica e contro la deregulation degli appalti. Da oggi Mosca detiene la presidenza del Consiglio di sicurezza. Un avvicendamento previsto, che fa parte della rotazione stabilita. La Russia è uno dei cinque membri permanenti del consiglio, con diritto di veto. Liquido nero nella fontana di piazza di Spagna a Roma, la Barcaccia del Bernini. Lo hanno versato tre attivisti per l’ambiente.

Su via Rasella La Russa si scusa, ma non troppo

Una marcia indietro più evidente nella forma che non nella sostanza.
E’ quella fatta oggi dal presidente del Senato La Russa dopo le dichiarazioni di ieri a Libero, l’ultimo tentativo di questa destra di delegittimare la Resistenza e relativizzare il fascismo.
Sul sito del senato La Russa oggi ha postato un comunicato di 13 righe dal titolo: “Resistenza: La Russa, mi scuso con chi si è sentito offeso dalle mie parole”.
“Ho sbagliato – scrive la Russa – a non sottolineare che i tedeschi uccisi in via Rasella fossero soldati nazisti”. Ieri li aveva definiti musicisti, semi-pensionati.
Sull’attacco partigiano di via Rasella contro i militari nazisti della Bozen, La Russa ha invece ribadito il giudizio espresso ieri: “non è stata una delle pagine più gloriose della Resistenza partigiana”, ha scritto oggi nel comunicato. L’obiettivo è quello di negare il contesto di allora, marzo 1944: la guerra partigiana contro l’occupante nazista e le milizie fasciste repubblichine.
A Gianfranco Pagliarulo, presidente dell’Anpi, abbiamo chiesto se il comunicato di La Russa basta a cambiare il giudizio sul presidente del Senato?

Diverse le reazioni politiche, oggi, tutte dall’opposizione, mentre la presidente del consiglio Meloni anche oggi ha preferito il silenzio sul caso La Russa.
A Gianfranco Pasquino, professore emerito di scienza politica, abbiamo chiesto perchè La Russa oggi ha scritto quel comunicato?

La manifestazione in difesa della sanità pubblica

(di Alessandro Braga)

Alcune migliaia di persone, 5mila secondo gli organizzatori, sono scese in piazza oggi a difesa della sanità pubblica. “Sani come un pesce”, il titolo della manifestazione, che ha giocato sulla data di oggi, primo aprile, per ribadire che il diritto costituzionale alla cura per tutti e tutte non è uno scherzo. C’erano le associazioni di categoria c’erano i partiti dell’opposizione, a livello nazionale e regionale, c’erano medici e operatori di settore in piazza duomo. Uomini e donne che tutti i giorni, nel loro lavoro quotidiano, vivono le difficoltà del servizio sanitario. Tra le tante persone in piazza i racconti delle criticità di tutti i giorni. C’è la donna che per una mammografia deve aspettare mesi, c’è il diabetico che fa fatica a fare i controlli, c’è chi per una visita urologica si vede rimbalzare per mesi. A meno che lo sottolineano tutti, non paghi. Allora la visita, il ricovero, magicamente diventa disponibile dopo pochi giorni. In una discriminazione palese tra cittadini di serie A e di serie B. Dal palco il fil rouge degli interventi è la difesa dell’articolo 33 della costituzione, che sancisce il diritto alla cura per tutti e tutte. Dalla piazza di oggi, dicono dal palco, deve partire una mobilitazione diffusa e continua. Altrimenti la strada della privatizzazione resterà segnata a lungo.


La mobilitazione dei lavoratori edili

(di Raffaele Liguori)

Mobilitazione dei lavoratori edili, oggi, in diverse città italiane. Le manifestazioni sono state indette da Cgil e Uil. A Roma, in piazza, c’era il leader della Cgil Landini: “con oggi parte il percorso verso una mobilitazione generale”. Landini vuole proporre agli altri sindacati confederali una piattaforma che comprenda fisco, sanità, pensioni e sicurezza.
Ed è proprio la sicurezza nei cantieri uno dei temi centrali della protesta di oggi dei lavoratori edili che va a sommarsi con la crisi provocata dal taglio del superbonus e con gli effetti negativi attesi con le nuove norme del codice degli appalti.
Alessandro Genovesi, segretario generale Fillea-Cgil al microfono di Omar Caniello

Sulla sicurezza nei luoghi di lavoro pesa anche il progetto del governo sugli ispettorati. In pratica l’esecutivo vorrebbe cancellare la loro autonomia per trasferirli direttamente alle dipendenze del ministero del lavoro. Non solo. Nel futuro assetto un ruolo chiave lo avrebbero i consulenti delle imprese, il cui organismo di rappresentanza oggi è guidato dal marito della ministra Calderone, facendo così emergere un conflitto di interessi.
Bruno Giordano, magistrato, ex direttore dell’ispettorato del lavoro appena sostituito dal governo Meloni

Il governo Meloni vuole smantellare l’ispettorato nazionale del lavoro come organismo autonomo

(di Massimo Alberti)

Nel Paese dove ogni giorno muoiono 3 persone sul lavoro, il governo Meloni allenta i controlli. Nei piani del governo sul lavoro, tra ritorno dei voucher e deregolamentazione dei contratti a tempo, c’è una questione di cui si parla meno, eppure è molto grave. E’ lo smantellamento dell’ispettorato nazionale come organismo autonomo, da portare invece sotto le dipendenze del ministero del lavoro, in un prossimo decreto sul riordino dei ministeri. E non solo, affidando un ruolo chiave ai consulenti delle imprese, guidati oggi dal marito della ministra Calderone. Insomma un depotenziamento dei controlli e un possibile conflitto di interesse. Tra le associazioni che si occupano di sicurezza sul lavoro, tra i sindacati, tra gli ispettori c’è forte preoccupazione.
Il piano intende portare l’ispettorato nazionale del lavoro alle dipendenze del ministero, non più quindi come organismo autonomo. Stracciando il progetto, mai finanziato e partito, di un ispettorato unico potenziato che unificasse i vari pezzi di controllo: inps, inail, asl, tutti sotto organico. Le associazioni di familiari di vittime del lavoro, gli ispettori, si stanno muovendo anche con raccolte firme. La deputata PD Gribaudo aveva presentato un’interpellanza sul rischio che la scelta compromettesse l’indipendenza dell’attività ispettiva. I sindacati chiedono da mesi chiarimenti. L’idea infatti era nota da tempo. Ma questi dubbi,ora,trovano riscontro in un altra novità. L’ispettorato infatti ha firmato un protocollo d’Intesa con il Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro, che potranno rilasciare una sorta di certificato di sicurezza alle imprese che finirebbero così in coda alla lista dei controlli. C’è però un problema: la ministra del lavoro Marina Calderone è l’ex presidente dei consulenti, ed il suo posto è stato preso dal marito. In pratica, l’ispettorato controllato dalla ministra, deciderà se ispezionare o meno un’azienda anche sulla base di una consulenza pagata dall’azienda ai membri dell’ente guidato dal marito rosario De Luca. Non solo: i consulenti entreranno nel centro studi sull’attività ispettiva e potranno svolgere insieme agli ispettori i controlli “con la minor turbativa possibile alla produzione”.
Il sottosegretario al ministero del lavoro Durigon parla di “campagna denigratoria”, ma le opposizioni attaccano: Gribaudo e orlando del PD parlano di scelta inaccettabile, Grimaldi di Avs chiede che la ministra Calderone riferisca in aula, il segretario della CGIL Landini chiede il ritiro dei protocolli.
Che potrebbero spiegare anche un’altra scelta del governo: la prima testa in assoluto saltata a novembre, era stato infatti il direttore dell’ispettorato, Bruno Giordano, sostituito da Paolo Pennesi, già direttore fino al 2018 e da sempre favorevole a questo progetto. E che oggi commenta questo progetto come “un modo per controllare i controllori”. “Non disturberemo chi produce”, aveva detto Meloni nel suo primo discorso da presidente del consiglio. Evidentemente anche a costo della sicurezza di chi lavora.

Il liquido nero nella Barcaccia del Bernini

Liquido nero nella fontana di piazza di Spagna a Roma, la Barcaccia del Bernini. Lo hanno versato tre attivisti per l’ambiente. “Se vedere quest’acqua nera vi sconvolge è perché, come noi, riconoscete quanto sia prezioso quello che stiamo perdendo. C’è un solo modo per frenare questa corsa verso il suicidio collettivo: interrompere le emissioni legate ai combustibili fossili”. Questa la spiegazione e la rivendicazione del gesto compiuto dagli attivisti di Ultima generazione. Il comunicato spiega anche che il liquido versato è a base di carbone vegetale. I vigili li hanno fatti uscire dalla fontana e i tre sono stati segnalati per danneggiamenti. Sul posto è poi arrivato il sindaco di Roma Gualtieri. La fontana è stata svuotata e ripulita, il timore – ha spiegato Gualtieri – è che il travertino assorba il liquido nero. E intervenuto anche il ministro della cultura Sangiuliano. “È ora di dire basta: siamo davanti ad una sistematica azione di vandalismo del nostro patrimonio artistico e culturale che non c’entra assolutamente nulla con la tutela dell’ambiente”.

La presidenza del Consiglio di sicurezza dell’Onu tocca a Mosca

(di Alessandro Principe)

“La presidenza russa del Consiglio di Sicurezza dell’Onu è uno schiaffo in faccia alla comunità internazionale”. Lo twitta il ministro ucraino degli Esteri Kuleba. “Esorto gli attuali membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a contrastare qualsiasi tentativo russo di abusare della sua presidenza”, ha aggiunto.
Da oggi Mosca detiene la presidenza del Consiglio di sicurezza. Un avvicendamento previsto, che fa parte della rotazione stabilita. La Russia è uno dei cinque membri permanenti del consiglio, con diritto di veto. Ma che non può non suscitare reazioni vista la situazione. Oltre a quella di Kiev, attesa, c’è quella della Finalndia. “La guerra di aggressione della Russia, che assumerà oggi la presidenza del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, intacca la credibilità del Consiglio stesso”, ha affermato l’ambasciatrice finlandese alle Nazioni Unite. Ne abbiamo parlato con Alessandro Colombo, docente di relazioni internazionali all’università statale di Milano

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 05/06 19:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 05-06-2023

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 05/06/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 05-06-2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 05/06/2023 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 05-06-2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di lunedì 05/06/2023

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 05-06-2023

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 05/06/2023

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 05-06-2023

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 05/06/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 05-06-2023

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 05/06/2023

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 05-06-2023

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 05/06/2023

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 05-06-2023

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 05/06/2023

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 05-06-2023

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 05/06/2023

    1-Ucraina. Parte sin in salita la mediazione del vaticano Da oggi a Kiev l’inviato del papa cardinale Zuppi. Sullo sfondo voci contrastanti sull’inizio della controffensiva 2-Senegal. Calma precaria dopo le violenti manifestazioni del fine settimane. ( Marco Simoncelli) 3-Francia. Vigilia della 14 esima giornata di mobilitazione contro la riforma delle pensioni. Nonostante la sua approvazione i sindacati hanno deciso di mantenere la pressione sul governo,. ( Francesco Giorgini) 4-Allarme plastica, superato il limite planetari. Secondo il wwf, ogni anno fino a 22 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica entrano in mare e altrettanti sono abbandonati sulla terra. ( Eva Alessi – WWF) 5-Diario americano. Tutte le guerre culturali di Ron DeSantis contro le minoranza in Florida. ( Roberto Festa) 6-Fake news. Scontro unione europea – Elon musk dopo l’uscita di . Twitter dal Codice di condotta sulla disinformazione. ( Marco schiaffino) 7- Serie Tv. Su Netflix “ Questo mondo non mi renderà cattivo “ di Zerocalcare ( Alice Cucchetti - Film TV )

    Esteri - 05-06-2023

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 05/06/2023

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 05-06-2023

  • PlayStop

    Di tutto un boh di lunedì 05/06/2023

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo di notizia. Per quello Di tutto un boh mette a disposizione approfondimenti con i migliori esperti della galassia per capire il mondo. Un po’ meglio, almeno. In co-conduzione, a turno: Astrid Serughetti, Margherita Fruzza, Erica Casati, Gaia Grassi, Clarice Trombella, Zeina Ayache

    Di tutto un boh - 05-06-2023

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 05/06/2023

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che ogni lunedì si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 05-06-2023

  • PlayStop

    Jack di lunedì 05/06/2023

    Ospite della puntata Samantha Fish che ci presenta "Deathwish Blues", disco realizzato con Jesse Dayton

    Jack - 05-06-2023

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 05/06/2023

    Con Luca Ilahiane, ricercatore dell'Università Statale di Milano abbiamo parlato della scomparsa dei Passeri o meglio della Passera d'Italia, ma anche di La Fabbrica del Mondo a Montegrotto Terme e al Planetario di Milano stasera con Marco Paolini, Telmo Pievani e Fabio Peri, di Selvatica.Milano e incontro sui rondoni del Castello Sforzesco di Milano, del saluto al carissimo Vincenzo Mantovani e scopriamo che Luca voleva essere Passerà d'Italia

    Considera l’armadillo - 05-06-2023

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 05/06/2023

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 05-06-2023

Adesso in diretta