Approfondimenti

Il rischio di uno scontro diretto NATO-Russia, la minaccia di Putin sul gas all’Europa e le altre notizie della giornata

Volodymyr Zelensky ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 27 aprile 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La guerra in Ucraina sembra assumere ogni giorno di più una dimensione internazionale. Putin ha minacciato ancora una volta l’Occidente dopo il nuovo incontro per aumentare le sanzioni, mentre sul campo il conflitto si va sempre più vasto. La Corte costituzionale ha stabilito oggi che tutte le norme che attribuiscono automaticamente il cognome del padre ai figli sono illegittime. Doppio attacco di Confindustria, tramite Il Sole 24 Ore e il presidente Bonomi, al Ministro del Lavoro Orlando per la proposta di legare gli incentivi alle imprese ai rinnovi dei contratti scaduti. La cittadinanza per i figli di immigrati nati in Italia rimane un’utopia: entro poche settimane si sarebbe dovuto portare in aula il cosiddetto Ius Scholae, ma anche stavolta niente da fare. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Il rischio di un conflitto internazionale è sempre più reale

La guerra in Ucraina sembra assumere ogni giorno di più una dimensione internazionale. Anche oggi sono arrivati segnali di un’ulteriore escalation.
Innanzitutto dal campo, da cui continuano ad arrivare notizie di attacchi fuori dai confini ucraini. C’è poi la questione del gas, con lo scontro sulle forniture tra la Russia e l’Unione europea. E infine le parole di Vladimir Putin.
In un discorso ai parlamentari a San Pietroburgo il presidente russo ha avvisato l’Occidente: “Se qualcuno dall’esterno ci minaccerà, la nostra risposta sarà fulminea. Risponderemo con mezzi finora inutilizzati”.
Il discorso arriva all’indomani del vertice in Germania, dove i ministri della difesa di 40 paesi hanno coordinato l’invio di nuove armi all’Ucraina.
Sia nelle parole, che nei fatti, dunque, il rischio di uno scontro diretto tra Nato e Russia si fa sempre più consistente. Alberto Negri, editorialista del Manifesto:


 

La guerra si allarga anche sul campo: attacchi in Russia e Transnistria

Anche le notizie che arrivano dal campo suggeriscono un allargamento del conflitto.
Nelle ultime ore si segnalano diversi attacchi fuori dai confini ucraini. Nella regione di Belgorod, nella Russia occidentale, è stato colpito un deposito di munizioni. L’esplosione è avvenuta nella notte. Non è la prima volta che la Russia subisce attacchi di questo tipo, diretti a installazioni militari o depositi di carburante, in questa zona vicina alla frontiera ucraina. Oleksy Arestovich, uno dei principali consiglieri di Zelensky, ha definito i bombardamenti sul territorio russo “la ricompensa e il karma per quello che hanno fatto a noi”. Colpita anche la città di Kursk, sempre in territorio russo.
C’è poi la Transnistria, che si teme possa diventare un nuovo fronte del conflitto, il primo oltre i confini. La Transnistria è un’autoproclamata repubblica filorussa, non riconosciuta dall’ONU, ma solo da Mosca. Si trova stretta tra la Moldavia e il confine occidentale ucraino. Qui ci sono state tre esplosioni nelle ultime 48 ore, non rivendicate. Sono state distrutte le antenne di trasmissione della radio russa e unità militari. Mosca e Kiev si accusano a vicenda di essere dietro agli attacchi. Non è ancora chiaro se si tratta di operazioni ucraine o di false flag messi in piedi dai servizi speciali russi.
Infine, i combattimenti proseguono anche nel territorio ucraino, in particolare nel Donbass.

La provocazione russa sul gas all’Europa. Quanto è concreta la minaccia di Putin?

Centrale è anche la questione del gas. La Russia oggi ha bloccato le forniture a Polonia e Bulgaria, scatenando la reazione europea. Il Cremlino ha giustificato lo stop come una ritorsione per gli atti ostili contro la Russia. E ha minacciato ulteriori blocchi ad altri paesi europei, se il gas non sarà pagato in rubli. “È una provocazione, reagiremo”, ha risposto la presidente della Commissione Von der Leyen.
Sul gas, quanto è concreta la minaccia di Putin per l’Europa? Stefano Grazioli, giornalista esperto di Europa dell’Est:


 

La consulta dichiara illegittime le norme sull’automatismo del cognome paterno ai figli

(di Chiara Ronzani)

C’era una volta, nel 1979, la prima proposta di legge per la libera scelta del cognome dei figli. 43 anni dopo, le proposte di legge che giacciono ignorate in parlamento sono sei. Solo nel 2014 una fu esaminata dalla Camera prima di essere lasciata cadere.
Neppure le sentenze sono una novità. La prima della Corte costituzionale risale a 16 anni fa e decretò che l’attribuzione del solo cognome paterno era un retaggio patriarcale, ma poi non se ne fece nulla.
Nel 2014 la Corte europea dei diritti umani condannò l’Italia affermando che la cancellazione dell’intera genealogia materna era una chiara discriminazione sulla base del sesso, ma anche stavolta, la cosa portò solo ad una parziale modifica: la possibilità di aggiungere, DOPO quello del padre, il cognome della madre.
La Corte parlò anche quella volta della necessità di indifferibile intervento legislativo, perché i tribunali possono sì condannare e indicare, ma poi le leggi vanno fatte dal Parlamento.
Ma nei decenni nessun parlamento (tutti a maggioranza maschile) ha voluto sanare questa discriminazione. Non l’ha fatto nessuna maggioranza, di nessun colore politico. Il perché lo spiega benissimo il leghista integralista cattolico Simone Pillon: “Il cognome paterno non è da considerare come un retaggio patriarcale. La madre dona il corpo, il padre consegna l’appartenenza ad una storia, ad una comunità, ad una famiglia”. La madre, insomma, è un mero strumento per portare avanti la storia dei padri. Tutto quello che la riguarda può essere dimenticato, cancellato, ignorato.
Nel 2014 la promotrice della legge Michela Marzano si sentì dire dai colleghi parlamentari del Pd che “si sarebbe distrutto l’impero simbolico”. Riflettendoci, distruggere l’impero simbolico del patriarcato, che si porta dietro la discriminazione sistematica e concreta delle donne, perché no?

L’utopia della cittadinanza per i figli di immigrati nati in Italia

(di Luigi Ambrosio)

La cittadinanza per i figli di immigrati nati in Italia rimane un’utopia. Nel 2017 lo Ius Soli venne messo da parte perché Alfano, alleato del PD allora guidato da Renzi, aveva minacciato di far cadere il governo. Oggi Alfano fa il manager nel settore privato e Renzi ha fondato un altro partito.
Ora sembrava la volta buona. Entro poche settimane si sarebbe dovuto portare in aula il cosiddetto Ius Scholae, versione 2.0 dello Ius Culturae, che a sua volta era una mediazione rispetto allo Ius Soli con l’introduzione dell’obbligo di avere studiato in Italia almeno 5 anni.
Ma anche oggi, niente da fare. La conferenza dei capigruppo di Montecitorio, cioè i partiti, ha deciso di togliere lo Ius Scholae dell’ordine del giorno di maggio. Motivazione: ci sono le elezioni amministrative, Forza Italia vorrebbe votare la legge ma perde voti se lo fa. Motivazione cinica e ovviamente informale, usata un sacco di volte quando si tratta di diritti civili.
Giochi di Palazzo insomma. Che poi, è solo Forza Italia a ragionare così? Anche perché non è ancora stata fissata alcuna data per la discussione dopo le amministrative. E nei corridoi di Montecitorio già è partito, nelle conversazioni informali, il balletto tra alleati: “Sono loro che hanno dei dubbi”. “No, sono loro, non si capisce cosa vogliono fare”.

Confindustria attacca Orlando: “No ai ricatti per aumentare i salari”

(di Massimo Alberti)

Confindustria se la prende con il Ministro del Lavoro Andrea Orlando. Prima il giornale di Confindustria, il Sole 24 Ore, poi il presidente Bonomi hanno accusato Orlando di voler fare un ricatto, riferendosi alla modesta proposta del ministro di legare gli incentivi alle imprese ai rinnovi dei contratti scaduti. “Noi rischiamo la crisi sociale e una caduta della domanda interna. Di questo le imprese si dovrebbero preoccupare” ha risposto Orlando.
A parole dal suo partito, lo hanno difeso. Ma nel merito la sua proposta è già stata bocciata, anche dal PD.
Da queste parti lo scrivevamo mesi fa: i rinnovi salariali che riguardano oltre metà dei dipendenti saranno un tema politico. Inflazione, aumenti energetici, guerra, hanno accelerato il problema di perdita di potere d’acquisto e rinuncia all’essenziale per milioni di famiglie. Al di là delle battute sui condizionatori, il governo nulla fa. Dai tavoli, sporadici, col sindacato, non esce nulla di concreto. Né i sindacati, dopo lo sciopero generale di dicembre, alzano la voce. In questo immobilismo si consuma l’ennesimo attacco di Confindustria al ministro del lavoro Orlando.
Il capo degli imprenditori Bonomi parla di ricatto per la modesta proposta di subordinare altri incentivi alle imprese ai rinnovi contrattuali. Cioè di pagare, di fatto, con soldi pubblici aumenti salariali che dovrebbero essere a carico delle imprese. A parole dal PD difendono il proprio ministro, ma nei fatti la pur modesta ipotesi di Orlando è bocciata in nome dell’altra proposta sul tavolo, l’ennesimo taglio del cuneo fiscale, che fin qui non ha cambiato nulla nel triste primato dei salari italiani, gli unici in 30 anni a calare in Europa. Taglio che scaricherebbe di nuovo sulla fiscalità generale, cioè sugli stessi lavoratori, gli aumenti a loro dovuti. E su questo, almeno a parole, sono tutti d’accordo. Il tema è appunto politico, per questo l’elemento dei rinnovi salariali è così sensibile: chi deve pagare la crisi, come redistribuire risorse. Il governo non ha alcuna intenzione di aprire questo fronte, lasciandone la risoluzione agli sbilanciati rapporti di forza tra le parti sociali. Gli imprenditori, che stanno scaricando gli aumenti di costi sui consumatori, cioè i lavoratori, non hanno intenzione di intaccare i profitti. Mentre la spirale inflazione-salari sollevata dall’Istat sta già colpendo un mondo del lavoro strutturalmente fatto di precariato e salari bassi.

Frigolandia, la terra di Frigidaire che rischia di sparire

(di Massimo Alberti)

Per raggiungere Frigolandia bisogna arrampicarsi tra le colline dell’Umbria, le “verdi colline” qui è tutt’altro che luogo comune. Siamo a qualche centinaia di metri dal piccolo centro di Giano dell’Umbria, 3.000 abitanti tra curve e strade strette, tra boschi, uliveti e vigneti. Si respira profumo di pineta, panorami stupendi che si perdono a vista d’occhio. La battuta viene facile: ma come si arriva qui con i blindati per fare uno sgombero??
La Repubblica di Frigolandia, la terra di Frigidaire, un “Ashram socratico”, un “Monastero eurotibetano”. La prima Repubblica Marinara di Montagna, un Museo/Laboratorio dell’Arte Maivista – definizione coniata da Andrea Pazienza – dal 2005 ospita il museo, attività culturali e artistiche, oltre all’archivio di 42 anni di pubblicazione di “Frigidaire” e “Il Nuovo Male”, la storia del fumetto e della cultura underground italiano.
Ora questa realtà rischia di sparire, spazzata via da un’ordinanza di sgombero per una vicenda giudiziaria, e di possibile speculazione, che sembra surreale. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 9:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 24/05/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 24-05-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 24/05/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 24-05-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

Adesso in diretta