Approfondimenti

Il centrodestra sempre più a pezzi, l’addio a Monica Vitti e le altre notizie della giornata

Salvini

Il racconto della giornata di mercoledì 2 febbraio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Matteo Salvini è in mezzo a un guado: la malagestione dell’affaire Quirinale non ha fatto altro che aggravare la sua posizione, andando a sancire la definitiva fine della coalizione di centrodestra e la sua Lega rischia di rimanere senza un’identità chiara. E non va meglio a Giorgia Meloni, con Berlusconi che fa sul serio col suo progetto centrista e vede un nemico nella leader di Fratelli d’Italia. L’Istat, intanto, mette nero su bianco che il rincaro del 38,6% dei beni energetici – record storico – pesa su tutta la filiera produttiva e viene scaricato dalle imprese sul consumatore finale. Gas e nucleare sono fonti energetiche utili alla transizione ecologica dell’UE e possono avere, a determinate condizioni, l’etichetta UE per gli investimenti verdi. A cinque anni dagli accordi Libia-Italia-UE, la Guardia Costiera di Tripoli ha intercettato in mare e riportato in prigione circa 82.000 migranti. La notizia è arrivata poco dopo mezzogiorno con un tweet di Walter Veltroni: Monica Vitti non c’è più, se ne è andata nella sua città a meno di tre mesi da quando compì novant’anni. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Obiettivo centrista: Draghi premier anche nella prossima legislatura

(di Luigi Ambrosio)

Giorgia Meloni sperimenta sulla propria pelle cosa vuol dire mettersi contro Berlusconi, dopo anni di alleanza. A Mediaset stanno iniziando a cancellare le ospitate degli esponenti di Fratelli d’Italia. È una ritorsione dopo che lei è andata su Rete 4 e ha attaccato Berlusconi. Ma è anche il segnale che Berlusconi fa sul serio nel suo progetto centrista. Sempre ha usato le televisioni come arma politica e stavolta il nemico è Meloni, da schiacciare e isolare a destra mentre in Parlamento cresce il consenso per una legge elettorale proporzionale. La vogliono i centristi che, Renzi in testa, sono impegnati in riunioni e incontri per mettere a punto la proposta, la vuole il PD che vede nel centro il possibile alleato strategico. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

Le difficoltà di Salvini nel dare una direzione chiara alla Lega

(di Alessandro Braga)

Il consenso unanime arrivato dal consiglio federale della Lega era scontato, e non è altro che una foglia di fico che nasconde, nemmeno troppo bene, le difficoltà di Salvini. Il segretario leghista è in mezzo a un guado. La malagestione dell’affaire Quirinale non ha fatto altro che aggravare la sua posizione, andando a sancire la definitiva fine della coalizione di centrodestra, come finora intesa. Da una parte sta nascendo una destra nazionalista e populista, forte ma impossibilitata ad assumersi responsabilità di governo, sul modello lepenista francese, e Giorgia Meloni ha di fatto spodestato Salvini come rappresentante di quell’area. Dall’altra c’è una destra simil repubblicana, convintamente europeista e che guarda al centro. Qui da noi c’è Forza Italia. La Lega rischia di restare nel mezzo, senza identità, né carne né pesce, senza sapere dove andare. La svolta nazionalista/patriottica, che in passato ha portato anche a buoni risultati, sembra ora impraticabile proprio per l’ascesa di Fratelli d’Italia. La virata federativa moderata lanciata all’indomani della figuraccia quirinalizia, vuoi per qualche ambiguità salviniana (che ha mandato un suo uomo al raduno dei nazionalisti europei a Madrid) vuoi per la freddezza con cui Berlusconi ha accolto la proposta, non sembra avere la gambe per camminare. Per non parlare della scelta nordista federalista autonomista, rispolverata da Salvini nel tentativo di coinvolgere, in un’assunzione di responsabilità collettiva, i colonnelli leghisti. A parte che sarebbe un’inversione a U tanto spericolata da risultare difficile da compiere anche per un politico spregiudicato come Salvini, a che pro andrebbe fatta? Per diventare una sorta di Unione cristiano sociale bavarese in salsa padana, alleata in un patto di desistenza con Forza Italia? E perché dovrebbe essere Salvini il leader alla guida di una scelta di questo tipo? Al momento il Capitano leghista resta in mezzo al guado e rischia di essere travolto dall’onda di piena.

L’inflazione in Italia non era così alta da 26 anni

(di Massimo Alberti)

L’inflazione non era così alta da 26 anni. Il rincaro del 38,6% dei beni energetici – record storico – pesa su tutta la filiera produttiva e viene scaricato dalle imprese sul consumatore finale, in particolare sui beni essenziali come gli alimentari. L’aumento è dell’1,6% su base mensile e del 4,8% su base annua. +2,4% i beni alimentari lavorati, +5,4% i non lavorati, che accelerano il rincaro dei prezzi, così come la cura della casa, della persona e i prodotti ad alta frequenza di acquisto. Nel complesso il cosiddetto carrello della spesa sale a gennaio del 3,2%. Sono dati che spingono la stessa Istat a parlare di preoccupazione non solo per le conseguenze economiche sulla crescita, ma anche per quelle sociali. Cristina Freguja, direttore centrale per le Statistiche Sociali e il Welfare di Istat, spiega infatti che l’impatto dell’aumento dei prezzi è “più ampio per le famiglie più povere” che solitamente destinano maggiori acquisti ai prodotti che hanno visto gli aumenti più marcati. Fa il paio con i dati sui salari di un paio di giorni fa, in cui la stessa Istat aveva rilevato un’inflazione tripla, nel 2021, rispetto allo scarso aumento dei salari. Una delle chiavi di lettura è tutta qui: l’impatto sociale più forte dell’inflazione sull’Italia è frutto anche di anni di politiche di compressione salariale e lavoro povero. E diventerà un tema centrale per i 32 contratti nazionali scaduti. Non a caso sempre più voci dal mondo sindacale ed economico iniziano a parlare della necessità di nuovi meccanismi per adeguare i salari al costo della vita. Insomma, una nuova forma di scala mobile. Anche perché, sottolinea ancora l’Istat, la fase calda dei prezzi durerà ancora per parecchi mesi.

Cinque anni dopo l’accordo Italia-Libia-UE: 82.000 persone intercettate in mare e riportate in Libia

(di Michele Migone)

Nel febbraio di cinque anni fa Matteo Salvini soffia sul fuoco dell’immigrazione, Luigi Di Maio si scaglia contro le Ong, i taxi del mare e in vista delle elezioni politiche dell’anno dopo, il governo Gentiloni vuole mettere un freno agli sbarchi dei migranti: più o meno a tutti i costi. Il regista dell’operazione sarà il Ministro dell’Interno Marco Minniti. Non servirà a evitare la sconfitta alle urne. Un anno dopo, nel 2018, Salvini e Di Maio andranno al governo, ma gli accordi verranno comunque confermati. Così come poi accadrà anche con il Conte 2. E con il governo Draghi. E verranno rinnovati automaticamente fino al 2026 se Roma non li annullerà entro il 2 novembre di quest’anno. Per tenerli in vita, dalla loro firma, l’Italia ha dato alla Libia quasi un miliardo di euro, una cifra enorme. Soldi con cui la Guardia Costiera di Tripoli, secondo Amnesty International, ha intercettato in mare e riportato in prigione circa 82.000 migranti. Persone che cercavano la libertà in Europa e che invece sono tornate nei lager della Libia, segregate, ricattate, spesso torturate, se non addirittura uccise. E quando i migranti, invece, vengono fatti uscire da questi centri è, a volte, per indurli a superare a piedi i confini del paese. Risultato: per l’Alto Commissariato per i Rifugiati delle Nazioni Unite, le autorità libiche starebbero abbandonando migliaia di persone nel deserto senza acqua. Sono centinaia le denunce fatte in questi anni dalle Ong, decine gli appelli al rispetto dei diritti umani inascoltati dalle autorità di Tripoli, richieste sentite anche in Italia, ma accolte con una distratta alzata di spalle da Roma, più interessata a coprire sotto a una coltre di Real Politik la questione immigrazione piuttosto che ad affrontarla con un approccio più umanitario. Ma, ormai si sa: questa non è merce da spendere in campagna elettorale.

Gas e nucleare potranno avere l’etichetta verde dell’UE

Gas e nucleare sono fonti energetiche utili alla transizione ecologica dell’UE e possono avere, a determinate condizioni, l’etichetta UE per gli investimenti verdi. Lo ha deciso la Commissione Europea con l’adozione del relativo atto delegato. Un provvedimento che da mesi suscita proteste da parte del mondo ambientalista e non solo. Come annunciato, il provvedimento è stato varato con modifiche marginali rispetto alla bozza del 31 dicembre scorso e ora dovrà essere esaminato da Consiglio – cioè dai governi – e Parlamento.
Molte le reazioni dal mondo ambientalista ma anche politico: i gruppi dei verdi, della Sinistra e dei Socialisti dell’Europarlamento hanno promesso battaglia, mentre le associazioni e le Ong hanno annunciato mobilitazioni. Francesco Ferrante, vicepresiDente del Kyoto Club:


 

Addio a Monica Vitti, icona del cinema italiano

(di Barbara Sorrentini)

La notizia è arrivata poco dopo mezzogiorno con un tweet di Walter Veltroni:
“Roberto Russo, il suo compagno di tutti questi anni, mi chiede di comunicare che Monica Vitti non c’è più. Lo faccio con dolore, affetto, rimpianto.” Maria Luisa Ceciarelli era nata a Roma il 3 novembre 1931 e se ne è andata nella sua città a meno di tre mesi da quando compì novant’anni, malata da tempo e da troppi anni assente dalle scene. Cambiò il suo nome romanesco su suggerimento del suo maestro Silvio D’Amico, quando si diplomò nel 1953 all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica. Qualche anno di varietà in televisione e poi il cinema. Il grande cinema d’autore di Michelangelo Antonioni con i film sull’incomunicabilità, a partire dagli anni ’60 [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 25/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/05/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 25-05-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 25/05/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 25-05-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/05/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 25-05-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/05/2024

    Il Festival del Ciclo Mestruale; Bicipace compie quaranta anni continuando a promuovere la pace e il disarmo; Lella Costa sulla nostra Poltrona, il suo consiglio di lettura e Le Parole del Pane Festival; il festival Prog and Frogs all’insegna del grande rock progressivo; Barbara Sorrentini da Cannes, e poi l’arte e il teatro, e la nostra rubrica GialloCrovi.

    Good Times - 25-05-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 25/05/2024

    1- l'Irlanda e LA Palestina. Intervista a Carlos o’ connel chitarrista dei Fontaines DC sulla situazione a Gaza. ( Matteo Villaci) 2- Intervista di Luisa Nannipieri all’artista franco-tunisina Nawel Ben Kraiem che canta Jawaz al safar, Passaporto, del poeta palestinese Mahmoud Darwish. 3-Brasile. Joao Pedro Stedile, il fondatore del movimento dei “sem terra”, parla della riforma agraria, della maggior tutela dell’ambiente e dei giovani dei campus americani per Gaza. ( Sara Milanese) 4- La demolizione l’anno prossimo del Goodison Park , lo stadio dell’Everton costruito nel 1892 , segnerà la fine de luoghi mitici e sacri del calcio. Ne abbiamo parlato con Luca Manes giornalista e saggista , autore di numerosi libri dedicati al calcio inglese e ai tifosi della working class.

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 25/05/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 25-05-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/05/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25-05-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 25/05/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 25-05-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 25/05/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 24-05-2024

Adesso in diretta