Approfondimenti

La riunione del Consiglio Nazionale del Movimento 5 Stelle, le trattative per l’esportazione del grano ucraino e le altre notizie della giornata

I colloqui tra delegazioni di Kiev, Mosca, Ankara e rappresentanti dell'Onu riguardo ai corridoi nel mar Nero per permettere l'esportazione di grano dai porti dell'Ucraina, Istanbul, 13 luglio 2022

Il racconto della giornata di mercoledì 13 luglio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Stamattina cinque ore di Consiglio Nazionale del movimento non sono bastate per decidere cosa fare. I vertici del movimento sono tornati a riunirsi proprio in questi minuti, la discussione potrebbe andare avanti tutta notte, il voto di fiducia al governo è previsto per domani al senato. A Istanbul si sono da poco concluse le trattative sulla ripresa delle esportazioni di grano dall’Ucraina. Al momento non è stato ancora comunicato se si è arrivati ad un accordo. Continua lo sciopero dei tassisti in tutta Italia. La situazione negli aeroporti degenera in quasi tutta Europa. In Italia, le donne che subiscono violenza domestica continuano ad aumentare. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La seconda riunione del Consiglio Nazionale del Movimento 5 Stelle

(di Anna Bredice)

Un capo in grande difficoltà. Conte sembra non sapere come uscire dalla situazione nella quale il movimento è finito nel giro di una settimana. Qualunque scelta si faccia perderà dei pezzi, questa è la sintesi, con il rischio molto alto di una precipitazione della crisi e di esserne indicato come il responsabile. Vista l’impossibilità di arrivare ad una decisione dopo ore di riunione del Consiglio Nazionale, che comprende i vertici del Movimento, e prima di confrontarsi con i gruppi parlamentari dove Conte sa benissimo che la maggioranza vorrebbe voltare le spalle al governo, il capo dei Cinque stelle ha cercato un’ultima mediazione con Draghi, chiedendogli un incontro. Non si sono visti, ma si sono sentiti al telefono, non è ancora chiaro, non si sa ufficialmente cosa si siano detti, ma sicuramente Conte ha espresso l’impossibilità in questo momento di poter votare una fiducia senza conseguenze forti per i gruppi parlamentari. Per tutta la mattina si sono susseguite voci di un’uscita dall’aula del Senato domani per non votare la fiducia, poi la notizia di un incontro con Draghi è sembrato riaprire una soluzione positiva per il governo. In ogni caso tra poco nella seconda parte del Consiglio Nazionale dei Cinque stelle Conte dovrà dire cosa è emerso dalla telefonata con Draghi e cosa dirà ai parlamentari alle 20.30. Si confronterà con due gruppi alle Camera e al Senato fortemente motivati a non votare e una decina di loro a votare contro la fiducia. Poco fa il deputato Berti, che aveva votato a favore del Dl aiuti alla Camera, ha annunciato che passa con Di Maio, e non è un buon segno per Draghi. Oggi gli altri partiti della maggioranza hanno ribadito ciò che Draghi aveva già detto ieri: se i Cinque stelle escono dal governo si va al voto. Lo ha detto oggi anche Enrico Letta, forse un ultimo tentativo di convincere l’alleato di coalizione.

Le trattative per far ripartire le esportazioni di grano dall’Ucraina

A Istanbul si sono concluse poco fa le trattative per far ripartire le esportazioni del grano. Al momento non è stato ancora comunicato se si è arrivati ad un accordo. Kiev questa mattina era ottimista. Sono almeno 35 milioni le tonnellate di grano bloccate nei porti ucraini del mar nero. Un blocco che ha portato ad un impennata dei prezzi che sta avendo pesanti conseguenze sui paesi in via di sviluppo. Il ministro degli esteri ucraino Kuleba ha escluso che un eventuale accordo sui porti del mar nero possa portare ad altri negoziati: “Non parleremo di tregua con Mosca finché non si ritira da tutti i nostri territori”, ha detto il ministro di Zelensky.

Sul campo intanto continuano i bombardamenti e gli scontri, nel Donbass a Kramatorsk si scavano le barricate in attesa dell’attacco russo. Li si trova il nostro collaboratore Andrea Sceresini

 

La protesta dei tassisti davanti a Palazzo Chigi

Nuova protesta dei tassisti nel centro di Roma, con fumogeni e petardi e la polizia che ha chiuso gli accessi a Palazzo Chigi, e scioperi in altre città italiane contro il disegno di legge concorrenza. Oggi sono intervenuti anche i segretari di CGIL CISL e UIL chiedendo al governo di aprire un dialogo reale. Intanto si fa strada una possibile mediazione sul contestato articolo 10. Il governo sarebbe disponibile a congelare l’attuale meccanismo di rilascio delle licenze, mentre per quanto riguarda la regolamentazione delle piattaforme verrebbe introdotta una distinzione, tra quelle gestite direttamente dalle cooperatve di tassisti, e quelle che fanno mera intermediazione tra autista e clienti. Sempre oggi il gruppo parlamentare di Manifesta, ha chiesto a Draghi e Giorgetti di riferire a proposito dell’incontro avuto a fine maggio con il CEO di Uber.

Il caos degli aeroporti che sta paralizzando gli scali di mezza Europa

Oggi Lufthansa ha annunciato la cancellazione di altri 2.000 voli nel corso dell’estate, fino a fine agosto, negli scali di Francoforte e Monaco. Ieri l’aeroporto londinese di Heathrow ha chiesto alle compagnie aeree di smettere di vendere biglietti, fino all’11 settembre. E domenica 17 luglio si fermerà quasi tutto il trasporto aereo italiano. Sciopereranno piloti e assistenti di volo di Ryanair EasyJet e Volotea e il personale di Enav (Ente Nazionale per l’Assistenza al Volo) .
Ascoltiamo Andrea Di Stefano

 

La violenza contro le donne vista da chi la combatte ogni giorno, la rete dei centri antiviolenza Dire

Oltre 20mila donne accolte complessivamente nel 2021, nella rete di centri affiliati a Dire – circa un terzo dei centri italiani – con un aumento del 3,5%. Così come aumenta di quasi il 9% il numero di donne che per la prima volta si rivolge ad un centro di accoglienza. Il problema è che resta costante il basso numero delle donne che denunciano: meno di una su tre, a dimostrazione di una sfiducia nella protezione che possono garantire le istituzioni. La rete dei centri antiviolenza denuncia anche il disinteresse delle istituzioni: il Piano antiviolenza del governo è fermo perché le linee guida attuative, quindi anche i finanziamenti, non sono mai arrivate.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Torna a rallentare la crescita dei casi di covid in Italia, mentre arrivano le linee guida per le vaccinazioni degli over 60. Ma le regioni temono che lo faranno in pochi.
110mila quelli registrati oggi, +2% rispetto a 7 giorni fa. Ancora sopra i 100 i morti, arrivati a 106. Continua la crescita dell’occupazione nei reparti ordinari, +108 i posti letto occupati, e nelle terapie intensive, più 13 a fronte di 57 ingressi.
Intanto sono state rese note le linee di indirizzo per la vaccinazione con la quarta dose agi over 60, che riguarda una platea potenziale di 12milioni di persone. Un hub vaccinale ogni 50.000 abitanti, integrati da altri punti vaccinali presso strutture sanitarie stanziali, medici di medicina generale e farmacie, riporta il documento inviato alle Regioni dal generale Tommaso Petroni, direttore Unità completamento campagna vaccinale. Le regioni però frenano, e mentre vanno in ordine sparso – oggi è partito il veneto, domani partiranno le prenotazioni in Lombardia – non intendono investire per ora, così come i medici di base declinano. La questione è che, dopo una corsa in questi primi giorni, le regioni si attendono un rapido calo di coloro che si presenteranno per la 4a dose, che i vertici sanitari però continuano a raccomandare.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

  • PlayStop

    Cult di lunedì 20/05/2024

    Oggi a Cult: Tindaro Granata in "Vorrei una voce" all'Elfo Puccini di Milano; a Milano inziaia la ArchWeek 2024; Marco Malvaldi sul suo libro "Dodici" (Il Mulino);la corrispondenza dal Festival del Cinema di Cannes di Barbara Sorrentini; la rubrica di classica di Giuseppe Califano...

    Cult - 20-05-2024

  • PlayStop

    Pubblica di lunedì 20/05/2024

    La Cina ha prenotato un posto in prima fila nel futuro ordine mondiale? Il presidente Xi Jinping è l’unico - tra i leader globali - ad essere riuscito ad incontrare, seppur separatamente, le parti in conflitto in Ucraina. La settimana scorsa, nel giro di pochi giorni, Xi ha incontrato Putin, l’invasore dell’Ucraina, e Macron, il presidente francese che vorrebbe mandare i soldati occidentali a combattere contro i russi in Ucraina. Pubblica ha ospitato Filippo Fasulo, ricercatore all’Istituto di Studi di Politica Internazionale (ISPI) e direttore del centro studi della «Fondazione Italia-Cina», e Alessandro Politi, analista politico e strategico internazionale, direttore «Nato Defense College Foundation».

    Pubblica - 20-05-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 20/05/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 20-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di lunedì 20/05/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 20-05-2024

  • PlayStop

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE - presentato da Ira Rubini

    Note dell’autore - 20-05-2024

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 20/05/2024

    - La libertà d’informazione a rischio. Oggi Londra decide se estradare Julian Assange verso gli Stati Uniti. Milano attenderà la sentenza in piazza Mercanti con l’istallazione Anything to say? Parla il suo ideatore Davide Dormino. - 10 anni fa in Ucraina l’uccisione del fotoreporter Andy Rocchelli. Insieme a lui venne ucciso l’interprete e attivista dei diritti umani Andrej Mironov. 10 anni senza verità è giustizia. Parla il padre di Andy. - Malala e le sue sorelle. Sono milioni le ragazze a cui è impedito di studiare da regimi autoritari. Sentiamo uno dei podcast realizzati dalle scuole che hanno partecipato al Festival dei Diritti Umani. Oggi ci occupiamo del Premio Sacharov Malala Yousafzai. In collaborazione con l’Ufficio di Milano del Parlamento Europeo.

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 20-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di lunedì 20/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 20-05-2024

Adesso in diretta