Approfondimenti

L’attacco alla tendopoli ad Al Mawasi, il cinquantenario della strage di Piazza della Loggia e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 28 maggio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A Gaza, appena 24 ore dopo la strage di Tel Sultan nella periferia occidentale di Rafah, un nuovo attacco ha colpito una tendopoli ad Al Mawasi, considerata un’area sicura per gli sfollati.. Tra ieri e oggi in Italia almeno sette uomini sono morti sul lavoro. Le celebrazioni per il cinquantesimo anniversario della strage di Piazza della Loggia. Nel pomeriggio, in Georgia, è stata approvata la cosiddetta “legge russa”, che impone a ONG e mezzi di comunicazione di registrarsi come “organizzazioni che fanno gli interessi di una potenza straniera” se oltre il 20% dei loro finanziamenti proviene dall’estero. A Bruxelles si è riunito il “consiglio difesa” europeo e, al termine, Josep Borrell ha discusso l’ipotesi di autorizzare le forze ucraine a colpire la Russia con armi occidentali. L’ultima conferenza stampa di presentazione del sovrintendente uscente del Teatro alla Scala, Dominique Meyer.

L’ennesima strage di civili nella striscia di Gaza

A Gaza, ad appena 24 ore dalla strage di Tel Sultan, nella periferia occidentale di Rafah, un nuovo attacco ha preso di mira una tendopoli nell’area, indicata come sicura agli sfollati, di Al Mawasi. Lo denunciano fonti palestinesi, l’esercito di telaviv al momento nega. Al Jazeera pubblica un video della zona dell’attacco, l’emittente ha geolocalizzato le immagini e le considera autentiche. Delle 21 vittime accertate finora, 13 sarebbero donne. Si vedono dei cadaveri, coperti con lenzuoli, di fianco ai feriti stesi sulla terra battuta. Sami è un cittadino e cooperante palestinese.

 

Nell’area non ci sono ospedali funzionanti né carburante per le ambulanze, per questo nessuno può portare i feriti nei pochi ospedali (1 su 3 dice l’oms) rimasti operativi nella Striscia. Anche quelli ufficialmente funzionanti affrontano gravi problemi, come racconta Martina marchiò, responsabile medica di msf a Gaza.

 

L’offensiva sulla città del sud della striscia, nonostante gli appelli della comunità internazionale, non si ferma. Della condotta di guerra israeliana a Rafah si discuterà anche nel consiglio di sicurezza delle nazioni unite che si riunirà questa sera a New York. Non sono però previste risoluzioni.

Fonti di stampa hanno intanto diffuso la notizia che Israele avrebbe consegnato ai mediatori di Egitto, Qatar e Usa una proposta “ufficiale scritta e aggiornata” su un possibile accordo per il rilascio degli ostaggi. Il Qatar sottoporrà questo documento ad Hamas nelle prossime ore. Forse per fare pressione su questo tavolo, la Jihad islamica ha diffuso oggi un nuovo video di un ostaggio: si tratta del 30enne Sasha Trupanov.

Dopo la Spagna, nelle ultime ore anche Irlanda e Svezia hanno formalmente riconosciuto lo stato di Palestina. Atti che, insieme all’ordine della corte internazionale di giustizia e alla richiesta di mandati di cattura internazionali alla corte penale internazionale, hanno l’obiettivo di far pressione su Telaviv. Con quali esiti? Eric salerno, giornalista scrittore ed esperto di medioriente.

Sette morti sul lavoro in quarantott’ore

Tra ieri e oggi in Italia almeno sette uomini sono morti sul lavoro. A Peschiera del Garda due camionisti di 53 e 64 anni sono morti in uno scontro frontale tra i loro mezzi. A Semiana, in provincia di Pavia, un uomo di 53 anni è morto all’interno di un’azienda agricola. Secondo le prime informazioni avrebbe avuto un malore mentre trasportava alcuni carichi pesanti. A Scurelle, in Trentino, un 55enne titolare di una ditta di legname è stato travolto da una lastra di centinaia di chili nel piazzale di una segheria. A Modena un operaio di 44 anni è caduto dal tetto di un capannone. A Petriano, nelle Marche, un operaio di 33 anni è stato schiacciato da un macchinario all’interno di una fabbrica. Nel cosentino, in Calabria, un muratore 65enne è precipitato da un’impalcatura. A questo elenco vanno aggiunti due uomini di circa 90 anni, uno in provincia di Salerno e uno in quella di Reggio Emilia, travolti dai trattori che stavano guidando. Bruno Giordano è un magistrato di cassazione ed è stato direttore dell’ispettorato nazionale del lavoro.

 

Piazza della Loggia ricorda la strage cinquant’anni dopo

(di Massimo Alberti)
Piazza Loggia non era così piena da tempo. Non solo di persone. Un incrocio di storie e ricordi. Di emozioni. E anche di lacrime, al silenzio ed ai rintocchi che ricordano le 8 vittime della strage fascista e di stato. Una ritualità consolidata, quest’anno rotta dall’omaggio del presidente della Repubblica, applaudito dalla piazza, con delegazioni provenienti da tutta Italia a riempire piazza Loggia di fiori come 50 anni fa. Proprio la presenza militante e democratica nei giorni e nelle ore successive alla strage, definita più volte un insegnamento, è stata il filo conduttore degli interventi dal palco, col segretario della CGIL Landini che ha chiuso con un duro passaggio contro il governo per l’attacco ai diritti del lavoro, sul no alla democrazia del capo del premierato, o lo spezzare il paese con l’autonomia differenziata: “Non gli abbiamo permesso allora di cambiare la costituzione non glie lo permetteremo ora”. Chiuso poi da un applauso scrosciante con richiamo alla necessità della diplomazia, non delle armi. E stasera un corteo della rete antifascista sta arrivando in piazza Loggia, proprio partendo dalla sede dell’industria militare Leonardo.

L’approvazione della “legge russa” in Georgia

In Georgia nel pomeriggio è stata approvata la cosiddetta “legge russa”, che richiede a Ong e mezzi di comunicazione di registrarsi come “organizzazioni che fanno gli interessi di una potenza straniera”, se oltre il 20% dei loro finanziamenti arriva dall’estero. Il parlamento ha ignorato il veto che era stato imposto dalla presidente del paese e ha detto sì nuovamente al provvedimento, con proteste di piazza che sono continuate anche oggi nella capitale Tbilisi. La commissione europea ha commentato il voto invitando le autorità del paese a “tornare sulla strada dell’Unione”. La Georgia è candidata formalmente a entrare nella Ue.

Il consiglio di difesa europeo a Bruxelles

A Bruxelles si è riunito il “consiglio difesa” europeo e alla fine dell’incontro il responsabile esteri dell’Unione, Josep Borrell, ha parlato dell’ipotesi di autorizzare le forze ucraine a colpire in territorio russo con armi occidentali. “Alcuni paesi che fino a poche settimane fa erano contrari hanno accettato di modificare questa limitazione” ha detto Borrell, aggiungendo che si tratta di una scelta dei singoli stati: “Nessuno – ha aggiunto – forzerà questa decisione a livello europeo”. Di questo tema oggi ha parlato anche Putin, minacciando “serie conseguenze” se missili occidentali saranno usati per colpire in profondità il territorio russo

L’ultima stagione alla Scala per il sovrintendente Meyer

(di Ira Rubini)
L’ultima conferenza stampa di presentazione del sovrintendente uscente del Teatro alla Scala, Dominique Meyer, gli ha visto tributare un lunghissimo applauso dei professionisti della stampa e del settore. Se per gli interpreti di un’opera è normale, per un dirigente è una notizia. Nonostante le lettere dell’orchestra, il parere di tanti artisti e lavoratori della Scala, la scelta è sancita: presto arriverà dalla Fenice Fortunato Ortombina, certamente più gradito all’attuale governo, nel gioco a occupare i vertici della cultura a cui ci ha ormai abituato. Meyer dice: „Rispondo subito a una domanda che non mi è stata fatta: sto molto bene, sono un uomo felice, sereno e gioioso.“ Ma poi aggiunge: „Un ministro ha deciso di mandarmi in pensione“. E poi si concede il lusso di un lungo flusso di coscienza, ringraziando chi ha finanziato (più i privati che il pubblico), chi ha lavorato (la sua squadra, i dipendenti, i professori d’orchestra, il corpo di ballo e anche i sindacati). Snocciola innovazioni e progetti attuati, dalla messa a reddito di tutti i biglietti, al rilancio degli abbonamenti, addirittura alle idee di design, come un nuovo sgabello che permetterà di vedere meglio dai palchi. E naturalmente ringrazia Riccardo Chailly, il direttore musicale che se ne andrà un po‘ più tardi di lui e che, dopo il recente Requiem di Verdi in San Marco, lo ricambia con decisione, auspicando che la nuova direzione mantenga l’attenzione alla musica contemporanea e al repertorio italiano. Il 7 dicembre si apre la stagione con La forza del destino, per la regia di Leo Muscato. Poi, fra gli altri titoli, il trittico di Kurt Weill, due Wagner, una nuova Norma. Tanti registi già visti negli ultimi anni: Michieletto, Martone, McVicar, Carsen, Irina Brook. Sul podio dei concerti sinfonici, oltre a Chailly, ci sono Gatti, Viotti, Muti ma anche Pappano, Petrenko, Gardiner, Rousset e due direttrici: Simone Young e Susanna Mälkki. Nel balletto, il cui direttore Manuel Legris è a sua volta in scadenza, occhi puntati su Roberto Bolle nel trittico Aspects of Nijinsky.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 14/06 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 14-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 14/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 14-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 14/06/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 14-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di venerdì 14/06/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 14-06-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 14/06/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 14-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 14/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 14-06-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 14/06/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 14-06-2024

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 14/06/2024

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. A cura di Elena Mordiglia.

    Sui Generis - 14-06-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 14/06/2024

    Nella puntata di Quel che resta del giorno del 14 giugno 2024, condotta da Luigi Ambrosio: Cecilia Strada risponde alle domande e dialoga con gli ascoltatori dopo l’elezione al parlamento europeo nelle fila del Partito Democratico. Alfonso Raimo dell’Huffington Post sulla settimana violenta della destra in Parlamento e la crisi del Movimento 5 Stelle. Mario Colosimo organizzatore del Pride di Roma, sul Pride e sulle conclusioni del G7 in tema di diritti civili. “Sarà un Pride pieno di frociaggine” ha detto, in polemica con le parole di Papa Bergoglio.

    Quel che resta del giorno - 14-06-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 14/06/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 14-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 14/06/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 14-06-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 14/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 14-06-2024

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 14/06/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 14-06-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 14/06/2024

    Nella prima parte ricordiamo Paolo Carù attraverso le parole di Guido Giazzi. Nella seconda parte intervistiamo le Goat Girl sul loro ultimo disco Below The Waste

    Jack - 14-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 14/06/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che con Andrea Pistorio, programmista multimediale e Andrea Leone, sound designer ha parlato del podcast Lago, veleni e resistenza su @raiplaysound, ma anche di @animal Equality e macellazione di cavalli, di Giornata mondiale della Tartaruga marina , di Riccio day a Lido di Pedrosa, di @Centro Recupero Ricci la Ninna e scopriamo che Andrea voleva essere volpe e Andrea, falco pellegrino.

    Considera l’armadillo - 14-06-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 14/06/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 14-06-2024

Adesso in diretta