Approfondimenti

L’economia italiana in frenata, il nuovo decreto anti-immigrazione di Meloni e le altre notizie della giornata

Giancarlo Giorgetti ANSA

Il racconto della giornata di martedì 26 settembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il primo numero fatto trapelare sull’aggiornamento del documento di economia e finanza è un bagno di realtà: il governo prende atto che l’economia italiana non va bene, al di là dei proclami su brochure patinate di Meloni, e sembra quasi certo che si ricorrerà in buona parte al deficit per finanziare la legge di bilancio. Oggi, nel giorno del funerale laico dell’ex Capo di Stato Giorgio Napolitano, Meloni ha incontrato Macron e da Palazzo Chigi è stata fatta trapelare la bozza del nuovo decreto contro l’immigrazione.

Il governo prende atto che l’economia italiana non va bene

(di Massimo Alberti)

Il primo numero fatto trapelare sull’aggiornamento del documento di economia e finanza è un bagno di realtà: il governo prende atto che l’economia italiana non va bene, al di là dei proclami su brochure patinate di Meloni. Numeri, per altro, che potrebbero essere persino troppo generosi, in una continua rincorsa al ribasso delle stime sul Pil. La Nadef dirà soprattutto quante risorse il governo potrà giocarsi per le proprie promesse. Molto dipenderà da quale numero si scriverà nella casella Deficit. Il 3,7 pensato ad aprile sarà alzato. L’aiuto sperato è arrivato da Eurostat che contabilizza sul 2023 i crediti del superbonus. Questo vuol dire alzare il deficit di quest’anno anche di un punto, al 5,5%. Consentendo al governo di mantenerlo alto nel 2024, anche ben oltre il 4%, come indicano indiscrezioni, vendendo comunque a Bruxelles una ampia riduzione. Non è poco, visto che ogni decimo vale 2-3 miliardi da usare in manovra. In ogni casò occorrerà trattare, ma sprattutto stare attenti alle reazioni dei mercati, perché più deficit significa più spesa ma anche più debito, che per l’Italia resta il punto debole. Le diverse indiscrezioni passate ai media sono comunque significative dell’assenza di una linea ed un’idea chiara per recuperare quei circa 30 miliardi che servono per la manovra pre elettorale: e così nel vuoto di scelte politiche ci si aggrappa agli esercizi contabili. Ed al superbonus, ed all’Europa, almeno quella statistica, diventati da bersaglio a possibile aiuto. Ma il governo non potrà abusarne: il messaggio che arriva dallo spread, salito oggi ai massimi da marzo, è piuttosto chiaro.
 

Ricorso al deficit per finanziare la legge di bilancio?

(di Mattia Guastafierro)

Ormai è quasi certo: il governo ricorrerà in buona parte al deficit per finanziare la legge di bilancio. Oltre ai 4 miliardi già trovati grazie allo scostamento tra il disavanzo programmatico e quello tendenziale, la soglia potrebbe aumentare di molto, dopo la decisione di Eurostat sui crediti del Superbonus. Una cifra che garantirebbe un po’ di respiro, ma che allo stesso tempo apre delle incognite. Se è vero che da un lato è un’occasione, l’ultima per sforare i vincoli di bilancio prima del nuovo patto di stabilità, dall’altro scarica gli oneri sul futuro, oltre a mettere l’Italia sotto i riflettori europei e dei mercati.
Per il resto, la coperta è corta e di certezze ce ne sono poche. Una di queste è che una parte delle risorse – tra 1,5 e 2 miliardi – arriverà dalla tassa sugli extraprofitti delle banche, depotenziata dopo le critiche della Bce. L’altra sono i 4 miliardi garantiti dall’extragettito Iva dei carburanti, una parte però già usati per il decreto energia.
Al di là questo, all’appello manca una decina di miliardi di entrate, su cui al momento circolano solo ipotesi. Un intervento potrebbe essere il taglio qua e là delle centinaia di agevolazioni in vigore, tante volte annunciato e mai fatto. Mentre qualche risorsa in più potrà arrivare dalla lotta all’evasione (un dato però difficilmente quantificabile), e da alcune privatizzazioni, come nel caso di Monte dei Paschi e delle Poste. C’è poi l’idea di un aumento delle tasse sui giochi, con il governo che starebbe pensando di anticipare la messa sul mercato del Lotto.
Tutte misure che però non bastano a far quadrare i conti, tanto che nelle ultime ore si è tornati a parlare di condoni, e la stessa Meloni ha chiesto ai ministeri l’ardua impresa di tagliare gli sprechi. Provvedimenti una tantum che testimoniano l’assenza di una visione economica complessiva del governo.
 

Il nuovo decreto anti-immigrazione di Meloni

(di Diana Santini)

È stata l’immigrazione il tema centrale del colloquio che si è svolto oggi tra Giorgia Meloni, in cerca di alleati in Europa, e il presidente francese Macron, a Roma in occasione del funerale di Giorgio Napolitano. I due si sono parlati per più di un’ora, mentre Palazzo Chigi faceva filtrare le bozze del secondo pacchetto di provvedimenti anti-immigrazione annunciati a Lampedusa. In particolare stavolta l’attenzione dell’esecutivo si è concentrata sui minori non accompagnati, con misure che ne riducono le garanzie e ne facilitano l’espulsione.
Il decreto conterrà da un lato misure per la gestione degli arrivi: tra queste l’affidamento degli hotspot alla Guardia Costiera in casi di grande afflusso, e la possibilità di riempirli fino al doppio della capienza prevista.
C’è poi una facilitazione delle espulsioni per “motivi di ordine pubblico”. Ma soprattutto il decreto prende di mira i minori non accompagnati. Le procedure di accertamento dell’età anagrafica di chi si dichiara minorenne all’arrivo saranno semplificate. Cosa vuol dire semplificate? Che saranno sottratte all’autorità giudiziaria, e potranno invece essere disposte dall’autorità di pubblica sicurezza. Saranno insomma più veloci e dunque più approssimative. Inoltre i migranti di età compresa tra i 16 e i 18 anni, in caso non ci sia posto nei centri dedicati, potranno essere ospitati nei centri per gli adulti: questa è una cosa che già succede nelle primissime fasi dell’accoglienza ma finora poi al momento dello smistamento nelle regioni ai minori veniva garantita una corsia protetta, per ovvie ragioni, come spiega in questo commento a caldo che abbiamo raccolto poco fa, Antonella Inverno, responsabile dell’ufficio policy and law per i programmi nazionali di Save the Children Italia:



Quanto invece al colloquio tra Meloni e Macron, è avvenuto nel primo pomeriggio senza delegazioni. I contenuti non sono stati resi noti ma è chiaro che, dopo i ripetuti scontri con la Germania (prima sui dublinanti, poi sui finanziamenti alle ong), Giorgia Meloni cerca una sponda in Europa, in vista del Consiglio di fine mese. L’obiettivo del governo italiano, dopo che diversi paesi hanno risposto picche sull’ipotesi di una nuova missione navale sul modello di Sophia, è quello di portare a casa in quella sede un accordo per rimpatri più facili, magari sotto il cappello delle Nazioni Unite, e finanziamenti ai paesi di partenza dei migranti, oltre allo sblocco dei fondi alla Tunisia.

I funerali di Giorgio Napolitano alla Camera

(di Anna Bredice)

È stato il funerale laico di Napolitano, in una cornice assolutamente inedita all’interno della Camera dei Deputati. Il feretro ricoperto dal tricolore è rimasto nella Sala del Governo, scortato dai corazzieri, e a venti metri da lì, nell’aula di Montecitorio, stracolma per un’ora e mezza, è stato ricordato l’ex Capo dello Stato. 3 o 4 legislature erano presenti oggi, esponenti politici che hanno fatto la storia degli ultimi 40-50 anni. Seduti vicini Prodi e D’Alema. E poi Draghi e Monti, Occhetto e tanti altri per una storia che sembra così lontana da quella destra seduta ai banchi del governo che, dimenticando forse il grandangolo dei fotografi, è stata immortalata mentre la presidente del Consiglio scarabocchiava un foglio quando parlava Gentiloni. O mentre Sgarbi se la dormiva durante il discorso di monsignor Ravasi. Una destra sovranista e populista che, ha ricordato il figlio, Napolitano respingeva. È stata una cerimonia anche dell’appartenenza a quel Partito Comunista che solo Anna Finocchiaro nel suo discorso, è riuscita a nominare, orgogliosa di averne fatto parte e anche emozionata perché ricco di ricordi personali.
E poi, naturalmente, i primi applausi ai discorsi del figlio e della nipote. Verso la fine è intervenuto Gianni Letta che ha elogiato insieme, mettendoli uno affianco all’altro, Napolitano e Berlusconi. Celebrando Napolitano, Letta continuava a riconoscere i meriti di Berlusconi fino ad augurarsi che nell’al di là possano chiarirsi. A queste parole non è sfuggito qualche sguardo un po’ incredulo dai banchi della sinistra. Fuori due maxischermi per seguire i funerali: c’erano alcune centinaia di persone questa mattina. E poi gli applausi all’arrivo del feretro.
 

Il mistero della presunta morte dell’ammiraglio Viktor Sokolov

L’esercito ucraino ha detto che sta raccogliendo informazioni sulla presunta morte di Viktor Sokolov, dopo che il Cremlino ha diffuso un video di una riunione di alti ufficiali svoltasi oggi in cui compare anche l’ammiraglio. In studio Martina Stefanoni: cosa è successo?

Kiev aveva detto che il comandante della flotta russa del Mar Nero era stato ucciso – insieme ad altri 34 ufficiali – durante l’attacco missilistico di venerdì scorso sul quartier generale della flotta russa del Mar Nero in Crimea a Sebastopoli. Il Cremlino però oggi ha negato e sull’agenzia di stampa Ria Novosti è stato pubblicato un video che lo mostra mentre, in collegamento video, ascolta un discorso del ministro della Difesa Shoigu. Sokolov nel video non parla e non è ancora stato verificato se il filmato sia stato effettivamente girato oggi. “Le fonti disponibili affermano che Sokolov era tra i morti – ha detto con un comunicato il Comando delle Operazioni Speciali ucraino, spiegando che ora si sta lavorando per chiarire le informazioni.

Oggi intanto in Russia è stato rifiutato l’appello di Navalny. Martina Stefanoni:

Sì, Alexei Navalny, che è considerato il principale oppositore politico di Putin è stato condannato ad agosto a 19 anni di carcere per “estremismo” e oggi l’appello presentato dai suoi avvocati è stato rifiutato. Navalny si trova in carcere già da due anni e mezzo, era stato arrestato nel gennaio del 2021, non appena ha rimesso piede a Mosca da Berlino, dove era stato curato per un avvelenamento che ha fatto temere per la sua vita e per il quale i principali indiziati sarebbero i servizi segreti russi.
 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 12/07 13:33

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 12-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 12/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 12-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 11/07/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 11-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/07/2024 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Il murale per Michela Murgia che non piace agli integralisti cattolici

    L'intervista di Roberto Maggioni a Laika, street artist e autrice del murales dedicato alla scrittrice Michela Murgia, sulla facciata del V Municipio a Roma

    Clip - 12-07-2024

  • PlayStop

    Matrilineare - Ep. 5 - Madri, Figlie, Figlie, Madri

    Matrilineare. 5 episodi sul cantautorato femminile, a cura di Piergiorgio Pardo. “Matrilineare” è il titolo di una suggestiva raccolta curata dai C.S.I. nel ’96, in cui un’Italia rurale persa nel tempo e un’altra contemporanea, di estrazione indie-rock, si fondevano lungo il filo rosso del matriarcato. Una provocazione che coinvolgeva anche i talenti, emergenti all’epoca, di Cristina Donà e Ginevra di Marco e si rivolgeva al genere maschile singolare per eccellenza del pop italiano: il cantautorato. Dati alla mano, il cantautorato in Italia continua a distinguersi in fatto di gender gap. Eppure il cammino della nostra canzone d’autore è disseminato di piccoli gioielli di pensiero femminile e divergente. Matrilineare, appunto. Conduce fino ad oggi e vale la pena raccontarlo.

    Matrilineare - 12-07-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 12/07/2024

    Oggi a Cult Estate: Giovanni Chiodi sulla stagione lirica estiva in diretta da Canterbury; Claudio Ricordi sulla serata dedicata a Giacomo Puccini a Venegono Superiore; a Milano apre un nuovo e antico spazio: il Casello di S. Cristoforo; Mario Brunello dirige il programma dello Stresa Festival 2024; a Base Milano la Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli propone la rassegna "Marionette d'Estate"; Stefano Annoni al Teatro Franco Parenti con la sua versione di "Il sentiero dei nidi di ragno" di Italo Calvino; Tiziana Ricci parla con il neo-direttore di Brera della probabile futura apertura di Palazzo Citterio...

    Cult - 12-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 12/07/2024

    a cura di Roberto Maggioni e Massimo Alberti Joe Biden non molla. “Sono il candidato giusto per battere Trump” dice il presidente Usa in chiusura del vertice Nato a Washington. Ne parliamo con Fabrizio Tonello professore di Scienza politica presso l'Università di Padova. Il decreto sicurezza del governo: cosa c’è e cosa sta uscendo. Devis Dori, capogruppo AVS in commissione giustizia La Spagna, Lamine Yamal e il quartiere di Barcellona dove è cresciuto e che il partito spagnolo di estrema destra Vox definisce “letamaio multiculturale”. Con Nicola Tanno, ricercatore in scienze politiche, autore per Jacobin, vive e lavora a Barcellona Gaza, la scorta mediatica. Con l’autore del libro Raffaele Oriani. Ex collaboratore del Venerdì di Repubblica, autore del libro “Gaza, la scorta mediatica. Come la grande stampa ha accompagnato il massacro. E perché me ne sono chiamato fuori”

    Giorni Migliori – Intro - 12-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di venerdì 12/07/2024

    In conduzione Francesco Tragni. Abbiamo raccontato dove sono finiti i soldi dell'8 per mille del 2024, dell'impresa di Jasmine Paolini a Wimbledon e ascoltato quali pazzie hanno fatto i nostri ascoltatori in nome delle loro grandi passioni.

    Apertura musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 12/07/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 11-07-2024

  • PlayStop

    IconZ di giovedì 11/07/2024

    Lo spartiacque del 2016, e tutto quello che lo riguarda. C'è Trump, ci sono eventi ben più seri come il cucchiaio di Pellè, ma c'è anche una generazione di musicisti hip-hop che ha cambiato tutto quello che è venuto dopo.

    IconZ - 11-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 11/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 11-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 11/07/2024

    L'ultimo giorno del vertice della Nato e l'attesa per la conferenza stampa di Biden, con Roberto Festa. Il dibattito italiano sulla giustizia, con l'ex procuratore di Milano Edmondo Bruti Liberati. Il rapporto Ecomafia con Sara Dell'Acqua e Enrico Fontana di Legambiente. L'ospedale pediatrico bombardato a Kiev con Joshua Evangelista di Gariwo. Il 29esimo anniversario del genocidio di Srebrenica con Andrea Rizza Goldstein, coordinatore del partenariato tra Arci e il Memorial Center Srebrenica. Le prove Invalsi 2024 con Alex Corlazzoli, maestro e giornalista. I 45 anni dall'omicidio di Giorgio Ambrosoli, con il figlio Umberto.

    Popsera - 11-07-2024

Adesso in diretta