Approfondimenti

Le ultime e cruciali ore per il Ddl Zan, Catania colpita da un violento nubifragio e le altre notizie della giornata

Nubifragio Catania ANSA

Il racconto della giornata di martedì 26 ottobre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’intervista dello chef Alessandro Borghese ha riaperto il dibattito in Italia sui sui giovani che rifiutano gli orari massacranti e gli stipendi sottopagati che offre la ristorazione. Ad un anno dall’approvazione alla Camera e dopo numerosi rinvii, il DDL Zan contro l’omotransfobia arriva domani al Senato, ma il rischio che il testo finisca su un binario morto non è così remoto. Con l’85% di popolazione vaccinata, in Italia si inizia a discutere della possibilità di estendere a tutti anche la terza dose. Dopo la sentenza del gennaio scorso, si apre domani a Londra il processo d’appello per l’estradizione del fondatore di Wikileaks Julian Assange negli Stati Uniti. Il colpo di stato in Sudan non è stato un fulmine a ciel sereno. Gli eventi delle ultime settimane avevano segnalato una situazione piuttosto critica: ecco cosa sta succedendo. L’Italia ha deciso di candidare “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino agli Oscar 2022. L’annuncio ufficiale sarà il 6 febbraio del 2022 e la cerimonia il 27 marzo. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Le ore cruciali per il DDL Zan contro l’omotransfobia

Sono ore cruciali per il DDL Zan contro l’omotransfobia: in Commissione Giustizia al Senato la riunione con i capigruppo, convocata dal relatore del provvedimento, il leghista Andrea Ostellari, è stata sospesa dopo un’ora, e riprenderà in serata. L’obiettivo dichiarato da Ostellari è quello di tentare una mediazione in extremis sul disegno di legge; l’incontro è durato circa un’ora, con toni molto accesi. 
Hanno partecipano tutti i capigruppo, tranne quelli di M5s e LeU/Gruppo Misto, in protesta contro la “tagliola”, cioè la richiesta del non passaggio agli articoli del DDL in Aula, avanzata da Lega e FdI.
Ad un anno dall’approvazione alla Camera, e dopo numerosi rinvii, il testo arriva infatti domani al Senato, ma, se dovesse passare la richiesta delle destre porterebbe la legge definitivamente su un binario morto.
Spinto dal suo partito, il padre del DDL, il deputato PD Alessandro Zan ha aperto il testo a nuove modifiche ma chiede che venga ritirata la tagliola. Sentiamolo ai microfoni di Anna Bredice:


 

Ancora nessun accordo tra governo e sindacati sulle pensioni

(di Anna Bredice)

Ad incontro in corso viene fatta trapelare dal governo la decisione di prorogare per un anno le due misure in scadenza a dicembre, Ape sociale e Opzione donna, una richiesta che arrivava in particolare dal Ministro del Lavoro Orlando, che sa bene che il segretario del suo partito, Enrico Letta, aveva appena bocciato l’idea di draghi delle quote per tonare poi alla legge Fornero. Ma l’ostacolo più difficile in queste ore per il presidente del Consiglio sono i sindacati, ancora a Palazzo Chigi, uniti nel dire no alla sua proposta di tornare alla legge Fornero attraverso vari scalini, da quota 102 a 104 per poi arrivare ai 67 anni, mettendo sul tavolo anche la minaccia dello sciopero generale. L’idea dei sindacati sulle pensioni è diversa, chiedono una riforma complessiva con due punti certi: andare in pensione a 62 anni con almeno 20 anni di contributi e poi “quota 41 anni”, si esce dal lavoro indipendentemente dall’età, ma con 41 anni di lavoro. E poco fa Salvini, quasi in una rincorsa e una gara con i sindacati, ha rilanciato anche lui “quota 41”. In questo autunno tra Green Pass e proteste sociali, i sindacati non vogliono rinunciare a portare avanti una battaglia importante per loro, quella delle pensioni, lasciandola solo ai partiti. Ma si tratta una riforma che presuppone un tempo che non è quello di una manovra di bilancio da approvare dopodomani e soprattutto parecchi miliardi per sostenerla. Ci sarà un punto di caduta di tutte le proposte sia della maggioranza di governo che dei sindacati per arrivare a giovedì con la manovra economica approvata, ma i sindacati, che pure si erano lamentati di non essere stati coinvolti sia durante il governo Conte che ora nel creazione del Recovery Fund, mostrano di voler esserci e la manifestazione di solidarietà ai sindacati dopo l’assalto di Forza Nuova con l’abbraccio tra Landini e Draghi per il segretario della Cgil è un segno di forza e di presenza.

Catania travolta dall’acqua. Il sindaco ordina la chiusura dei negozi

Catania oggi è stata letteralmente sommersa dall’acqua, dopo tre giorni di pioggia battente che ha colpito la Sicilia orientale. Le strade si sono trasformate in fiumi, allagata piazza Duomo e lo storico mercato della Pescheria. Sott’acqua anche il pronto soccorso pediatrico dell’ospedale Garibaldi. C’è una vittima, un uomo di 54 anni sceso dalla sua auto e travolto dall’acqua.
Il sindaco Salvo Pugliese ha invitato tutti i cittadini a non uscire di casa e ha firmato un ordinanza di chiusura di tutti i negozi, ad eccezione di farmacie, prodotti alimentari e beni di prima necessità. Le zone maggiormente colpite dal nubifragio oltre Catania sono quelle a Sud del capoluogo etneo. Criticità sono segnalate anche nel Messinese. A Catania abbiamo raggiunto Alfredo Ruiz, giornalista del “Giornale di Sicilia”:


 

L’Italia si avvia verso una terza dose di vaccino per tutti

Con l’85% di popolazione vaccinata oggi invece in Italia si discute di terza dose, lo ha fatto stamattina il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri: “Verosimilmente la terza dose sarà necessaria per tutti, entro l’anno si procederà a somministrare la terza dose per anziani e personale sanitario. Poi da gennaio al resto della popolazione“, ha detto Sileri.
Il terzo richiamo ad ora è previsto per over 65, ospiti RSA, immunodepressi e personale sanitario. Della prospettiva di estenderlo a tutta la popolazione abbiamo parlato con Stefania Salmaso, epidemiologa delle malattie infettive

:

“La fine della pandemia è lontana” secondo l’Oms; “Sebbene siano stati compiuti progressi attraverso una maggiore diffusione di vaccini e terapie anti COVID-19, l’analisi della situazione attuale e i modelli di previsione indicano che la pandemia è lontana dall’essere finita”. È quanto si legge in una nota del Comitato di emergenza dell’Organizzazione mondiale della sanità. 

A livello europeo resta preoccupante la situazione nelle regioni orientali, con Bulgaria e Romania che continuano a presentare contagi in crescita, anche a causa dei bassi livelli di immunizzazione della popolazione, di poco sopra al 30%.

Anche in Italia si inizia a parlare delle “grandi dimissioni”

(di Massimo Alberti)

Alessandro Borghese è un volto noto della televisione, oltre che delle cucine. Una sua intervista ha riaperto il dibattito sui giovani che non vorrebbero lavorare. Il tele-chef dice di faticare a trovare collaboratori perché i giovani – a ragione – rifiutano gli orari massacranti e gli stipendi sottopagati che offre la ristorazione, e di aver perso collaboratori per lo stesso motivo. Ammettendo quindi che lui stesso non offriva condizioni migliori. Un tema che non riguarda solo la ristorazione, e che in altri paesi è già un fenomeno di massa.
Great Resignation. Negli USA questo fenomeno sociale ha anche un nome. Le grandi dimissioni. Decine di milioni di persone, che hanno detto basta, lasciando lavori gravosi e bassi salari, rimettendo al centro la propria qualità della vita. La risposta del presidente Biden è stata un duro richiamo alle imprese: Pay them more. Pagateli di più. In Italia, considerato la forte disoccupazione, la protesta silenziosa contro il lavoro sottopagato sembra tradursi nel suo rifiuto. Non esistono statistiche ma diversi indizi fanno riflettere. Proprio nella ristorazione, un numero cospicuo di persone nel post pandemia ha scelto di non rientrare al lavoro, racconto sui social la propria storia, rifiutando il binomio vita insostenibile-lavoro sottopagato ammesso con candore da Chef-Borghese. Paradossalmente il piangisteo che ci siamo trascinati tutta l’estate, gli imprenditori che incolpavano il reddito di cittadinanza – che riguarda poco i giovani visto che oltre 6 domande su 10 sono di over 40 – per chi lo ha voluto vedere ha evidenziato l’esatto opposto: un mondo del lavoro fatto di paghe da fame e orari improponibili. Che iniziano a venir rifiutati. Le agenzie interinali segnalano un fenomeno simile che riguarda gli under 30, per le medesime ragioni: salari bassi, orari, distanze, insomma qualità della vita e giustizia. Ma qui da noi la risposta della politica a salari da fame e condizioni che rasentano lo sfruttamento non si rivolge alle imprese, come il pur moderatissimo Biden: il ritornello è producete di più, tagliamo le tasse, abbassiamo i costo del lavoro, in cui per altro siamo già ai livelli più bassi d’Europa. È un tema che dovrebbe esser centrale per sindacati e politica di sinistra, incapaci invece di intercettare quel disagio, per trasformare la protesta silenziosa nell’unica via d’uscita possibile: la rivendicazione collettiva.

Cosa c’è dietro al colpo di stato in Sudan

(di Emanuele Valenti)

Il colpo di stato in Sudan non è stato un fulmine a ciel sereno. Gli eventi delle ultime settimane avevano segnalato una situazione piuttosto critica, e in realtà l’instabilità è sempre stata una costante dalla caduta del dittatore Omar al-Bashir nella primavera del 2019. Quello che sta succedendo in queste ore, poi, ci dice alcune cose sul Sudan e più in generale sulle dinamiche politiche e sociali in una determinata area geografica tra il Nord Africa e il Medio Oriente.

 Ma andiamo con ordine. La mossa dell’esercito sudanese interrompe l’esperimento della condivisione del potere tra militari e civili cominciata due anni fa, poco dopo l’uscita di scena di Omar al-Bashir che era stato al potere per 30 anni, dal suo colpo di stato nel 1989.
 [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

Julian Assange rischia ancora l’estradizione negli USA: al via il processo d’appello

(di Martina Stefanoni)

“Le condizioni psicologiche di Jiulian Assange sono tali da rendere pericolosa una sua estradizione negli Stati Uniti d’America”. Con queste parole, pronunciate a inizio anno da Vanessa Baraitser, giudice del Tribunale penale di Londra, si era concluso il processo per l’estradizione del fondatore di Wikileaks negli Stati Uniti, dove è accusato di spionaggio. Gli USA, però, hanno fatto appello alla sentenza, e domani, all’High Court di Londra, inizierà il processo, che durerà due giorni. Da gennaio, però, alcune cose sono cambiate, e si sono aggiunti degli elementi che potrebbero cambiare le carte in tavola, sia da un lato che dall’altro. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

L’Italia candida “È stata la mano di Dio” di Sorrentino agli Oscar 2022

(di Barbara Sorrentini)

Paolo Sorrentino ci prova con il secondo Oscar. Dopo “La grande bellezza”, miglior film straniero nel 2014, la commissione di selezione istituita dall’Anica su richiesta dell’Academy ha deciso di candidare per l’Italia “È stata la mano di Dio”. L’annuncio ufficiale sarà il 6 febbraio del 2022 e la cerimonia il 27 marzo. Già Leone d’Argento e Coppa Mastroianni per il protagonista Filippo Scotti al Festival di Venezia, questo è il film più personale di Sorrentino, che prende ispirazione dalla propria biografia e dalla tragedia che ha segnato la sua vita e carriera cinematografica. Al centro del film la Napoli degli anni ’70-’80, con una galleria di personaggi grotteschi che fanno da contraltare al dramma del protagonista. Un ritorno nella sua città dopo molti anni, spiega Paolo Sorrentino.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono 48 le vittime per COVID comunicate oggi in Italia. Salgono di 3 unità i posti occupati in terapia intensiva, 25 in più i ricoveri nei reparti ordinari. I nuovi positivi sono invece 4.054, ieri erano stati molti meno, 2.535. L’aumento è però legato anche al record di tamponi effettuati: quasi 640mila, il triplo rispetto a ieri. Un numero che è spinto in alto dalle richieste di Green Pass e che sta permettendo di tracciare e contenere il virus. Il tasso di positività oggi infatti scende allo 0,6%, rispetto all’1,1% di ieri
La fotografia dell’Italia di oggi rispetto a quella di un anno fa è però molto diversa: il 26 ottobre 2020 entrava in vigore il Dpcm che chiudeva palestre e piscine, sale giochi e centri scommesse, e disponeva la chiusura di bar e ristoranti alle 18.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 01/03 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 01-03-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/03/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 01-03-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/03/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 01-03-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 01/03/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 01-03-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/03/2024

    1-Gaza, il giorno dopo la strage del cibo. Numerosi governi occidentali chiedono un’ indagine indipendente. 2-Russia. Migliaia di persone ai funerali di Navalny. Gesto di apertura o debolezza del regime? ( Intervista a Gian Piero Piretto ) 3-Stati Uniti. Il confine con il Messico teatro della sfida elettorale tra Joe Biden e Donald Trump. ( Roberto Festa) 4-Effetto bloqueo. Peggiora la carenza del cibo, Cuba chiedo aiuto alle agenzia umanitarie dell’Onu. ( Sara Milanese) 5-L’inclusione che non contempla i dannati della terra. Il dorato mondo delle imprese woke. ( Alfredo Somoza)

    Esteri - 01-03-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/03/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 01-03-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 01/03/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 01-03-2024

  • PlayStop

    Meraviglie di venerdì 01/03/2024

    Canzoni per le quali vale la pena stupirsi, tra passato, presente e prossimo futuro. Un compendio di canzoni per cui stupirsi ogni mese in compagnia di Tommaso Toma, pescando dal presente e dal passato tra nuove scoperte, ristampe di catalogo e composizioni che possono dare indizi sul prossimo futuro.

    Meraviglie - 01-03-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/03/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 01-03-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 01/03/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Carlotta di assemblea antispecista per parlare del punto su Trento, gli orsi e i lupi e Sabrina Giannini per le anticipazioni sulla nuova puntata di Indovina Chi Viene A Cena su Rai Tre

    Considera l’armadillo - 01-03-2024

  • PlayStop

    Ode al carciofo

    quando ci arricchiamo culturalmente insieme alla professoressa Roberta, che ci illustra la poetica di Neruda e poi mettiamo in scena il consueto appuntamento con il Capibaratto, mercatino onair all'insegna del gratis

    Poveri ma belli - 01-03-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/03/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 01-03-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/03/2024

    Le sorprese che abbiamo a volte quando dobbiamo pagare le visite ed esami; torniamo sulla Campagna regionale La Lombardia SiCura; le risorse destinate alle misure di assistenza indiretta; l'aria di Milano; andiamo in Romania per una nuova puntata della nostra rubrica Sanità nel mondo.

    37 e 2 - 01-03-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 01/03/2024

    La trasmissione in collaborazione con la Camera del Lavoro di Milano che racconta e approfondisce con il vostro aiuto le condizioni di pericolo per la salute e la sicurezza che si vivono quotidianamente nei luoghi di lavoro. Perché quando succede un incidente è sempre troppo tardi, bisognava prevedere e prevenire prima. Una questione di cultura e di responsabilità di tutte e tutti, noi compresi. con Stefano Ruberto, responsabile salute e sicurezza della Camera del Lavoro di Milano conduce Claudio Jampaglia

    Uscita di Sicurezza - 01-03-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/03/2024

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 8.35 alle 10.00. Un lungo spazio di approfondimento tra storie vicine e lontane, con i fatti del giorno e i reportage. Nell’epoca delle verità uniche saremo "Prisma". In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 01-03-2024

Adesso in diretta