Approfondimenti

Lo stallo della Gkn di Campi Bisenzio, le dure parole del segretario generale dell’Onu e le altre notizie della giornata

Guterres ANSA

Il racconto della giornata di martedì 21 settembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Dopo la sentenza di revoca dei 422 licenziamenti della Gkn, oggi i sindacati dell’azienda non si sono presentati all’incontro che la Gkn aveva convocato. Il decreto Delocalizzazioni, intanto, continua a cambiare forma e rischia di arenarsi. Il duro discorso del segretario generale dell’Onu António Guterres in apertura del dibattito della 76esima Assemblea Generale al Palazzo di Vetro. I 70 anni di Ivano Fossati, un artista che ha sempre preferito esprimersi attraverso le parole e la musica dei suoi pezzi, invece che con dichiarazioni e presenzialismi. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

I sindacati della Gkn saltano l’incontro convocato dall’azienda

I sindacati della Gkn non si sono presentati all’incontro che l’azienda aveva convocato per oggi. La società insiste nel voler chiudere la fabbrica fiorentina di Campi Bisenzio. Le organizzazioni dei lavoratori chiedono che sia il Ministero dello Sviluppo a organizzare un confronto, dopo la sentenza che ha ordinato la revoca dei 422 licenziamenti. Roberto Spera è un operaio dello stabilimento da vent’anni e fa parte della rsu della Fiom:


 

Il difficile percorso del decreto Delocalizzazioni

Il segretario della Cgil Maurizio Landini oggi ha chiesto un intervento del governo sulla Gkn, in attesa anche del cosiddetto decreto delocalizzazioni.

(di Massimo Alberti)

L’ipotesi di un decreto delocalizzazioni nasce con lo sblocco dei licenziamenti, quando diverse aziende annunciano chiusure degli stabilimenti per trasferirsi all’ estero. A scrivere la prima bozza sono il ministro del lavoro Andrea Orlando e la sotto segretaria allo sviluppo economico Alessandra Todde. Ma proprio il suo ministro Giorgetti contesta la bozza, giudicata troppo dura anche da Draghi. Bonomi, il capo di Confindustria attacca Orlando e Todde: “Vogliono punire le imprese”. E così dalla seconda bozza spariscono tutte le parti sgradite agli industriali, appoggiati da Lega, Forza Italia, Italia Viva e parte del PD. Via la lista nera delle imprese che se ne vanno nei tre anni dopo aver preso fondi pubblici, via la multa sul 2% del fatturato, passato da 150 a 250 il minimo di dipendenti per applicare la legge annacquando ancor di più una norma già timida. Resta l’obbligo di preavviso di sei mesi, spunta una mediazione: il pagamento delle imprese di ammortizzatori e ricollocazione dei licenziati. Ma non basta. Il decreto, previsto a fine agosto, in Consiglio dei Ministri non arriverà mai: il preavviso e anche la mediazione, pur pericolosa -paghi, puoi licenziare-, non piace ad industriali, Draghi, Giorgetti.
Nella terza bozza del ministero del lavoro si parla solo di 3 fasi di conciliazione tra impresa, governo, enti locali, con un aumento crescente delle penali per le imprese. Della proposta originaria non resta nulla, ma ancora dice no Giorgetti, secondo cui le norme attuali bastano come dimostra il caso GKN. E neanche a Draghi, che giovedì deve parlare a Confindustria, e affida la controversia al suo consigliere ultra liberista Francesco Giavazzi. Problemi tecnici e politici, e ad oggi l’arrivo di quel decreto non è scontato. E se arriverà, rischia di essere del tutto snaturato rispetto alle intenzioni iniziali e fortemente sbilanciato verso le imprese.

A che punto siamo con la riforma del fisco?

Il lavoro è uno dei temi principali su cui misurerà l’azione del governo nei prossimi mesi. Un’altra questione centrale è quella della riforma del fisco.

(di Anna Bredice)

Il mito dell’invarianza di gettito, inseguito da anni per le rendite catastali e mai raggiunto perchè si sa che toccare le tasse sulla casa, a cominciare dall’IMU, porta male in termini di voti, sia alle politiche che alle amministrative, soprattuto se queste sono previste tra pochi giorni. E così i partiti prendono posizione in vista di una delega fiscale che è ritenuta necessaria dall’Europa per poter consegnare i soldi del Recovery Fund. Dentro dovrebbe esserci l’abbassamento dell’aliquota del 38% per i redditi medio bassi, l’eliminazione dell’IRAP e la revisione dell’Iva. È una delle riforme promesse, improrogabile, il governo ci sta lavorando, ma è possibile che nemmeno questa settimana veda la luce, se ne potrebbe parlare dopo il voto del 3 ottobre. Se la Lega dice di no e basta, gli altri partiti della maggioranza sono disponibili anche se con un po’ di timore ad affrontare le rendite catastali.
Da anni se ne parla e non se ne è fatto niente. Per la sottosegretaria all’Economia Cecilia Guerra, nella delega, che poi avrà bisogno di decreti legislativi, ci sarà anche il catasto: l’obiettivo è riformarlo tenendo invariato il gettito, sostituendo i vani con i metri quadri, ma anche rivedendo le differenze all’interno di comuni diversi. Per Cecilia Guerra la proposta è di distribuire meglio chiamando chi ha avuto un grande incremento di valore a contribuire di più e chi ha avuto una svalutazione a pagare di meno. Da questo punto di vista deriverebbe l’invarianza di gettito, che non è però così facile ottenere e soprattutto politicamente, nessuno vuole mettere la firma su una riforma che potrebbe far pagare di più i proprietari di case, anche se sono case di valore. Può farlo LeU, ma già per il PD potrebbe provocare qualche malumore in più. Per la sottosegretaria all’economia ci sarebbe da regolare e far emergere i tantissimi immobili segnati al catasto ma mai dichiarati, case che vengono segnalate come prima casa ma non lo sono, vari tipi di irregolarità, volute o non, che se saranno sanate potrebbero portare a circa 4,5 miliardi al fisco.

Il monito del segretario generale dell’ONU: “Il mondo deve svegliarsi, siamo sull’orlo di un abisso”

(di Martina Stefanoni)

“Sono qui per dare l’allarme. Il mondo deve svegliarsi, siamo sull’orlo di un abisso”. Il segretario generale dell’Onu António Guterres, aprendo il dibattito della 76esima Assemblea Generale al Palazzo di Vetro, è molto duro. C’è il clima dentro l’allarme ma c’è anche e sopratutto la pandemia, che ha accentuato e continua ad aggravare le disuguaglianze.
I paesi ricchi sono totalmente vaccinati, oltre il 90% degli africani sta ancora aspettando la prima dose”, dice Guterres, “È un’oscenità”.
Il segretario parte da un’immagine per raccontare l’ingiustizia: vaccini inutilizzati e scaduti, nei cestini dell’occidente. La condanna verso il lato del mondo che non solo può vaccinarsi, ma può anche permettersi di sprecarli, è netta. Non è la prima volta che la fa e non è il primo rappresentate di un’istituzione a farla. L’OMS è da tempo che critica la campagna per la terza dose e lo stesso Guterres già a febbraio ne parlava. Sono stati utilizzate tutte le argomentazioni per sensibilizzare sull’argomento: dall’etica alla scienza, fino all’economia. Si è anche dimostrato che vaccinare i paesi più poveri porterà vantaggi innanzitutto a noi, ai ricchi. Ma niente. La campagna per la terza dose nel nord del mondo è partita e viene spinta incessantemente, dipinta come una necessità, mentre davanti a quella reale, il mondo chiude gli occhi.

Ivano Fossati, 70 anni tra musica e parole

(di Niccolò Vecchia)

I 70 anni di Ivano Fossati sono il compleanno di uno dei giganti della canzone italiana. E tra questi giganti, del più schivo e riservato: un artista che ha sempre preferito esprimersi attraverso le parole e la musica dei suoi pezzi, invece che con dichiarazioni e presenzialismi: ma lasciamolo spiegare a lui, che è più bravo. Un giorno infatti disse: “Sono felice che le mie canzoni siano più famose di me”.
Anche per questo vale la pena di ringraziarlo e di celebrarlo in questo anniversario rotondo, che è il secondo suo anniversario in questo 2021, dato che l’esordio nella musica risale a 50 anni fa. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 20/10/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 20/10/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 20/10/21 delle 07:15

    Metroregione di mer 20/10/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 20/10/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Martina Corgnati, L'ermellino di Leonardo

    MARTINA CORGNATI - L'ERMELLINO DI LEONARDO – presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 20/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di mer 20/10/21 delle 12:48

    Seconda pagina di mer 20/10/21 delle 12:48

    Seconda pagina - 20/10/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 20/10/21

    ira rubini, cult, piazzaparola 21, lugano lac, yvonne pesenti, tiziana ricci, circuito musei lombardi, design e impresa, liv ferrachiati, sarà…

    Cult - 20/10/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di mer 20/10/21

    Tutto scorre di mer 20/10/21

    Tutto scorre - 20/10/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 20/10/21

    Analisi del voto nelle citta’ con Salvatore Vassallo dell'Istituto Cattaneo e Luca Alessandrini dell'Istituto Parri. Povertà alimentare dopo la pandemia,…

    Prisma - 20/10/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 20/10/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 20/10/21

    Il demone del tardi - 20/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di mer 20/10/21 delle 07:48

    Seconda pagina di mer 20/10/21 delle 07:48

    Seconda pagina - 20/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 20/10/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 20/10/21

    Rassegna stampa internazionale - 20/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 20/10/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 20/10/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 20/10/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di mer 20/10/21

    Il Caffè Nero Bollente del mercoledì con musica, sfoglio dei giornali e la serie tv della settimana consigliata da Paolo…

    Caffè Nero Bollente - 20/10/2021

  • PlayStop

    Hexagone di mer 20/10/21

    Santé! Amici, è uscito il nuovo singolo di Stromae ed è rassicurante e spiazznte al tempo stesso! Per festeggiare questo…

    Hexagone - 20/10/2021

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di mar 19/10/21

    CAPAREZZA

    Jailhouse Rock - 20/10/2021

  • PlayStop

    The Game di mar 19/10/21

    //Morti sul lavoro, chi deve indagare: una procura nazionale del lavoro oppure magistrati specializzati nelle singole procure? Linda D’ancona, magistrata,…

    The Game - 20/10/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mar 19/10/21

    Quel che resta del giorno di mar 19/10/21

    Quel che resta del giorno - 20/10/2021

  • PlayStop

    questa è opera del demanio

    quando calcoliamo cosa potremmo comprare se vendessimo tutto il nostro patrimonio in blocco e poi andiamo a magnificare la spesa…

    Poveri ma belli - 20/10/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mar 19/10/21

    News Della Notte di mar 19/10/21

    News della notte - 20/10/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di mar 19/10/21

    Muoviti muoviti di mar 19/10/21

    Muoviti muoviti - 20/10/2021

  • PlayStop

    Jack di mar 19/10/21

    Iosonouncane, Ridammi la Mano - Graphic Novel su Fabrizio De Andre, Jack Box omaggio a Franco Cerri

    Jack - 20/10/2021

Adesso in diretta