Approfondimenti

Le misure allo studio per la sicurezza nei Campi Flegrei, il decreto di riforma del redditometro e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 21 maggio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Domani Giorgia Meloni terrà una vertice a Palazzo Chigi sulla situazione ai Campi Flegrei, dopo la scossa di terremoto della notte scorsa, la più forte da 40 anni. Nella striscia di Gaza intanto le operazioni militari israeliane continuano in tutta l’enclave e migliaia di persone si stanno spostando verso il campo di Al-Mawasi. La Russia ha iniziato esercitazioni con armi nucleari tattiche vicino al confine con l’Ucraina. Dopo il superbonus, un altro tema economico manda in tilt la maggioranza in piena campagna elettorale: il redditometro. In Iran migliaia di persone hanno partecipato oggi pomeriggio al corteo funebre nella città di Qom per il defunto presidente iraniano Ebrahim Raisi. L’ottava giornata del Festival di Cannes 2024.

La preoccupazione dei residenti nell’area dei Campi Flegrei

Domani Giorgia Meloni terrà una vertice a Palazzo Chigi sulla situazione ai Campi Flegrei, dopo la scossa di terremoto della notte scorsa, la più forte da 40 anni. Il governo studia nuove misure per mettere in sicurezza la zona, interessata da mesi da uno sciame sismico legato alla caldera sottostante. Lo scorso ottobre l’esecutivo aveva approvato un decreto che prevedeva diverse attività di prevenzione nell’area a rischio. Tra queste c’era anche un piano per valutare lo stato di vulnerabilità degli edifici. Ad oggi, infatti, manca ancora uno studio completo che dica se i palazzi della provincia di Napoli possano resistere al crollo, in caso dovesse verificarsi una scossa di magnitudo ancora più intensa. Antonello Fiore, presidente della Presidente nazionale Società Italiana di Geologia Ambientale:

Nei Campi Flegrei, intanto, oggi si è lavorato per mettere in sicurezza le case danneggiate e dare una sistemazione alle persone evacuate. Dopo la notte trascorsa in strada, tra gli abitanti c’è grande preoccupazione. Da Napoli, Massimo Congiu:


 

Migliaia di persone in fuga da Rafah verso il campo di Al-Mawasi

A Rafah le Nazioni Unite hanno deciso di sospendere la distribuzione di aiuti: la comunicazione è arrivata dall’Unrwa, l’agenzia Onu per i rifugiati palestinesi, perché nella città più meridionale della Striscia, dove da giorni sono in corso combattimenti tra soldati israeliani e miliziani di Hamas, mancano le condizioni minime di sicurezza per gli operatori e mancano soprattutto i rifornimenti. Attualmente gli unici aiuti che entrano nella striscia di Gaza sono quelli che arrivano attraverso il molo galleggiante costruito dagli Stati Uniti al largo della costa, attivo da qualche giorno. La quantità di beni che entra è però molto esigua, e non può contare su una rete di distribuzione.

Nella striscia di Gaza intanto le operazioni militari israeliane continuano in tutta l’enclave: a Jabalya e Gaza City nel nord, a Khan Yunis e Nuseirat nel centro, a Rafah nel sud; decine le vittime solo oggi. Per sfuggire alle bombe e ai combattimenti, dalla città di Rafah sono già scappate oltre 800mila persone, dicono le agenzie umanitarie. Seguendo le indicazioni dell’esercito, gli sfollati si dirigono al campo di Al-Mawasi.

In Israele intanto funzionari israeliani hanno sequestrato una telecamera e l’attrezzatura di trasmissione ad una troupe dell’Associated Press, che stava operando vicino al confine con Gaza, impedendo di fatto una trasmissione in diretta. A rivelarlo è la stessa agenzia AP. Le autorità hanno agito in base alla nuova legge sui media stranieri appena approvata, perché la diretta in programma sarebbe stata a disposizione di Al Jazeera, emittente messa al bando da Israele il 5 maggio.

La Russia avvia le esercitazioni con armi nucleari tattiche

La Russia ha iniziato esercitazioni con armi nucleari tattiche vicino al confine con l’Ucraina. Lo rivela l’esercito. La prima fase dell’esercitazione è iniziata nel distretto militare meridionale; obiettivo dell’addestramento è “garantire l’integrità territoriale in risposta alle minacce occidentali”.
L’annuncio arriva nello stesso giorno in cui Bruxelles ha dato il via libera definitivo, nel corso del Consiglio Affari Generali, all’accordo per l’utilizzo degli extraprofitti dei beni congelati dalla Russia per sostenere l’autodifesa militare e la ricostruzione dell’Ucraina. Sul campo la pressione militare russa resta concentrata nella regione di Kharkiv, ma gli effetti del conflitto continuano a sentirsi anche nelle località lontane dal fronte.

L’ultimo cortocircuito della maggioranza si chiama redditometro

(di Massimo Alberti)

Dopo il superbonus, un altro tema economico manda in tilt la maggioranza in piena campagna elettorale: il viceministro all’economia Leo, di Fratelli d’Italia firma un decreto di riforma del cosiddetto “redditometro”, uno degli strumenti di controllo sui presunti evasori fiscali. Forza Italia e Lega insorgono ed evocano il “grande fratello fiscale”. Tanto che Leo viene “convocato” per dare spiegazioni in consiglio dei ministri.
L’ultimo cortocircuito della maggioranza si chiama redditometro. Una misura per cercare, ex post, di stanare gli evasori fiscali attraverso, per dirla semplice, un controllo incrociato su reddito dichiarato e capacità di spesa. Insomma se dichiari 20mila euro l’anno e hai tre Ferrari, qualcosa non quadra. Introdotto ormai da più di 10 anni e più volte riformato, lo strumento in sé non ha mai particolarmente funzionato tanto che non esistono dati sulla sua effettiva efficacia. Un principio giusto insomma, rimasto di fatto sulla carta portandosi dietro parecchi problemi applicativi. E critiche politiche, soprattutto da destra, sullo “stato spione”. Figuriamoci se in piena campagna elettorale proprio un governo di destra lo rispolvera. Apriti cielo. Succede nell’ordine che: Lega e Forza Italia insorgono, il loro elettorato di piccoli imprenditori e autonomi non gradisce di certo, Fratelli d’Italia se lo rivendica in nome della lotta agli evasori. Perché la norma in Gazzetta Ufficiale porta la firma del viceministro dell’economia, Maurizio Leo, che poco dopo è costretto a puntualizzare con un doppio salto carpiato, spiegando in una nota che, sì, loro sono contro gli evasori, ma la sua riforma del redditometro era un atto dovuto per colmare il vuoto di un decreto attuativo mai fatto, dopo le modifiche apportate dal governo Lega-5stelle nel 2018, e che serve semmai a stemperarne gli effetti. Insomma, che sia effettivamente così, o che fosse un disperato tentativo di far cassa visti i conti disastrati, in ogni caso non nell’immediato, a quanto pare la spiegazione non è bastata agli alleati, tanto che Palazzo Chigi ha fatto poi trapelare che, in accordo con la Presidente del Consiglio, Leo dovrà dare conto di quel decreto al prossimo consiglio dei ministri. In tutto questo, il più titolato ad intervenire, il ministro dell’economia Giorgetti, è rimasto in un significativo silenzio.

L’obiettivo del regime iraniano: mostrare solidità e forza

In Iran migliaia di persone hanno partecipato oggi pomeriggio al corteo funebre nella città di Qom per il defunto presidente iraniano Ebrahim Raisi, dopo che in mattinata si era tenuta un’altra cerimonia funebre a Tabriz, non lontano dal luogo in cui domenica l’elicottero su cui il presidente e altre 7 persone stavano viaggiando si è schiantato. Ora le salme sono già state trasferite a Teheran, dove domani si terrà un’altra cerimonia funebre, presieduta dalla guida suprema Ali Khamenei.
La procura generale iraniana intanto ha ordinato un giro di vite nei confronti degli utenti online che insultano il defunto presidente; sono già scattati i primi arresti. Le elezioni presidenziali sono già state fissate per il prossimo 28 giugno, ma in questo momento l’unico obiettivo del regime è mostrare solidità e forza.

L’ottava giornata del Festival di Cannes

(di Barbara Sorrentini)

L’altro ieri abbiamo visto il ritratto della figura controversa di Limonov, nel film omonimo diretto dal regista russo Kirill Serebrennikov e co-sceneggiato con Emmanuel Carrère, che ne ha scritto l’autobiografia. Scorrono gli anni di questo poeta maledetto, ribelle e nichilista. Passato poi alla politica di estrema destra in Russia contro Gorbaciov, neonazista e al soldo di Milosevic durante la guerra nei Balcani. Un film che si sofferma più sugli anni giovanili dell’auto esilio e molto poco sulla parte scomoda di questo scrittore morto nel 2020, prima che la Russia attaccasse l’Ucraina, terra in cui Edouard Limonov è nato. Ieri, un altro film su un figura odiosa: Donald Trump e i suoi inizi da costruttore nel mondo imprenditoriale, scendendo a patti con la mafia e spinto dall’avvocato corrotto e potente Roy Cohn, orgoglioso di aver condannato a morte i Rosenberg. È “The Apprentice” del regista iraniano Ali Abbasi, con Sebastian Stan nei panni di Trump, bravissimo e in gara ravvicinata con Ben Whishaw, che interpreta Limonov.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 15/06 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 15-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 14/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 14-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 14/06/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 14-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Delorean di sabato 15/06/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 15-06-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 15/06/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 15-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 15/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 15-06-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 15/06/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 15-06-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 15/06/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 15-06-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 15/06/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 15-06-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 15/06/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 15-06-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 15/06/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 15-06-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 15/06/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 15-06-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 15/06/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 15-06-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 15/06/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 15-06-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 15/06/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 15-06-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 15/06/2024

    La terza edizione del Disability Pride di Milano; Circonferenze. Festival di Circo e Teatro di Strada; sulla nostra poltrona, Martina Micciché, scienziata politica, scrittrice e fotoreporter femminista e antispecista; il Premio l'AltroPallone, intervista a Claudio Ranieri; il consiglio della rubrica GialloCrovi, l'arte, il cinema, il teatro; il Back to the future festival; Alice, è questo il paese delle meraviglie? Spettacolo itinerante a Cernusco. E molte segnalazioni.

    Good Times - 15-06-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 15/06/2024

    1)Quando gli artisti non sono disposti a fare compromessi morali. I Massive Attack rinunciano al concerto in Georgia per protestare contro la politica repressiva del governo. 2)Dopo la sentenza storica della Cedu a favore della causa delle anziane per il clima, il parlamento Svizzero vota per ignorare la decisione della corte. (Norma Bargetzi) 3) Il fratello ritrovato. La storia di Miguel Santucho che dopo 47 anni ha ritrovato il fratello mai conosciuto grazie alla nonna e alle Abuelas di Plaza de Mayo 4) Queer, arabi e arrabbiati. Gli attivisti LGBTQ+ in medio oriente raccontati dal progetto fotografico I hear your silence. (Daniela Sala - Fada Collective) A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 15-06-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 15/06/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 15-06-2024

Adesso in diretta