Approfondimenti

La presa definitiva di Mariupol, l’incontro tra Putin e i rappresentanti delle aziende petrolifere russe e le altre notizie della giornata

evacuazione dei soldati Ucraini dall'aciaieria di Mariupol

Il racconto della giornata di martedì 17 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. All’83esimo giorno di guerra in Ucraina non arrivano segnali di un cessate il fuoco. L’unica novità è l’ormai definitiva presa della città di Mariupol da parte dei russi. Oggi Putin ha incontrato i rappresentanti delle aziende petrolifere russe e ha definito le sanzioni europee un “suicidio energetico” . La ministra spagnola per le Pari Opportunità Irene Montero ha annunciato il primo via libera del Consiglio dei ministri al nuovo progetto di legge sui diritti sessuali e riproduttivi delle donne. Secondo l’Istat tra 2020 e 2021 il 26% delle persone LGBT che si sono unite civilmente denunciava di aver subìto svantaggi sul lavoro legati al proprio orientamento sessuale. Dopo l’edizione del 2021, spostata a luglio per la pandemia e con misure di sicurezza pesantissime, da stasera il Festival di Cannes torna nella sua collocazione classica. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

L’evacuazione dei soldati ucraini dall’acciaieria di Mariupol

All’83esimo giorno di guerra in Ucraina non arrivano segnali di un cessate il fuoco. Anzi, qualsiasi trattativa è attualmente sospesa. Oggi lo hanno confermato sia le autorità di Kiev che quelle di Mosca.
Con i negoziati fermi, sono proseguiti i combattimenti nel Donbass e i ombardamenti nel resto dell’Ucraina. L’unico elemento nuovo, nello scenario di guerra, è l’ormai definitiva presa della città di Mariupol da parte dei russi. A 24 ore dalla resa dell’Azovstal, l’incognita è ora il destino dei soldati evacuati dall’acciaieria. Ieri ne sono stati fatti uscire 264, altri verranno evacuati nelle prossime ore. Non si sa ancora a quali condizioni sia stata trattata la resa. Conclusa la presa di Mariupol, ora le truppe russe concentrano le proprie operazioni nel Donbass, e non solo. Nelle ultime ore i bombardamenti russi hanno centrato obiettivi anche nell’ovest dell’Ucraina. Almeno 8 persone sono morte in un raid condotto sul villaggio di Desna, nella regione di Cernihiv. Nell’area di Leopoli è stata colpita una base militare a pochi chilometri dal confine polacco, da dove arrivano i rifornimenti di armi occidentali.
Nel Donbass, invece, i due eserciti si fronteggiano nella regione di Lugansk. Alle porte di Severodonetsk, uno dei principali obiettivi russi, le forze ucraine hanno respinto un attacco, costringendo i nemici a ritirarsi. Colpi di artiglieria hanno però colpito l’ospedale cittadino, uccidendo dieci persone. Più a nord, invece, a Kharkiv, le forze ucraine stanno conducendo una controffensiva. L’esercito ha lanciato bombe anche in territorio russo, colpendo un villaggio nella regione di Kursk.
Dopo la presa definitiva di Mariupol, adesso che tipo di guerra possiamo aspettarci?
Francesco Strazzari, docente di relazioni internazionali alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

Putin: le sanzioni europee sono un suicidio energetico

Oggi Putin ha incontrato i rappresentanti delle aziende petrolifere russe e ha parlato di “suicidio energetico” dell’Europa, a proposito delle sanzioni decise dopo l’invasione e delle loro conseguenze. In Italia nel pomeriggio l’Eni ha annunciato di aver avviato le procedure per aprire due conti presso Gazprom Bank, uno in euro e uno in rubli. La decisione è legata alle condizioni sul pagamento del gas russo imposte da Putin. Tra le mosse con cui ha risposto alle sanzioni c’è appunto l’obbligo di usare i rubli annunciato già a marzo. Nel comunicato diffuso dall’Eni si dice che i versamenti continueranno a essere fatti in euro, che quei soldi poi saranno convertiti in rubli e che la procedura avviata dall’azienda non viola le sanzioni europee. La società sostiene anche che la scelta annunciata oggi sia stata condivisa con le istituzioni italiane. L’analisi del nostro collaboratore Andrea Di Stefano.

 

Spagna, via libera al progetto di legge sui diritti sessuali e riproduttivi delle donne

(di Eleonora Panseri)

“È finito il tempo di andare a lavoro imbottite di pillole e dover nascondere che nei giorni del ciclo patiamo un dolore che ci impedisce di lavorare. Siamo il primo Paese d’Europa a regolamentare permessi speciali temporanei per mestruazioni dolorose pagati interamente dallo Stato”. Con queste parole la ministra spagnola per le Pari Opportunità Irene Montero ha annunciato il primo via libera del Consiglio dei ministri al nuovo progetto di legge sui diritti sessuali e riproduttivi delle donne.
Il testo, il cui nome esteso è “Legge Organica per la Tutela dei Diritti Sessuali e Riproduttivi e la Garanzia dell’Interruzione Volontaria della Gravidanza”, prevede norme che spaziano dall’estensione del diritto all’aborto, alla contraccezione gratuita, passando per l’educazione sessuale obbligatoria nelle scuole e il congedo mestruale pagato. Tra le principali novità introdotte dalla legge, c’è infatti la possibilità di interrompere una gravidanza senza il consenso dei genitori per le ragazze dai 16 anni in su e l’eliminazione dei tre giorni di riflessione ai quali le donne che volevano abortire erano precedentemente obbligate. In più, nei Centros de salud, ovvero le ASL locali, la pillola del giorno dopo verrà distribuita gratuitamente. La nuova legge prevede inoltre che il costo della pillola anticoncezionale sia coperto dall’assicurazione sanitaria, mentre il ministero ha promesso un maggior impegno nella promozione della contraccezione maschile. La Spagna sarà anche il primo Paese in Europa a introdurre il congedo mestruale pagato integralmente dallo Stato. Le donne potranno assentarsi dal lavoro con un certificato del medico. Inizialmente, erano previsti tre giorni ma nel testo approvato oggi non si trova più il riferimento a una durata massima del permesso. A tutto questo si aggiunge l’obbligatorietà dell’educazione sessuale in tutte le tappe dell’istruzione, così come la formazione su questi temi di professori e lavoratori pubblici.

La giornata mondiale contro l’omo-bi-transfobia

“Bisogna educare a una cultura della non discriminazione”. Lo ha scritto il presidente della repubblica Sergio Mattarella in un messaggio diffuso oggi, giornata internazionale contro l’omo-bi-transfobia. Secondo l’Istat tra 2020 e 2021 il 26% delle persone LGBT che si sono unite civilmente denunciava di aver subìto svantaggi sul lavoro legati al proprio orientamento sessuale. Nel complesso a che punto siamo in Italia su questo tema, a livello sociale e culturale? Lo abbiamo chiesto al giornalista Simone Alliva, autore del libro “Caccia all’omo. Viaggio nel paese dell’omofobia”.

 

Questa sera comincia il Festival di Cannes

(di Barbara Sorrentini)

Dopo l’edizione del 2021, spostata a luglio per la pandemia e con misure di sicurezza pesantissime, da stasera il Festival di Cannes torna nella sua collocazione classica, con un programma che ospita i registi più apprezzati dai cinefili e con un numero altissimo di cineaste. Inevitabile l’attenzione per l’Ucraina, presente con i suoi film in diverse sezioni, anche con l’arrivo dei registi Sergei Loznitsa e Maksim Nakonechnyi. Inoltre è atteso a Cannes il regista russo Kirill Serebrennikov con il film in concorso “La moglie di Ciajkovskij”. Il regista è diventato un simbolo per gli artisti del suo paese, essendosi opposto apertamente a Putin è stato costretto a non uscire dalla Russia, per la censura subita sui suoi film precedenti. Nel 2022 Cannes tornerà a essere frequentata dalle star e tra quelle che calcheranno il tappeto rosso ci saranno: Tom Cruise, che terrà anche una masterclass, Lea Seydoux, Louis Garrel, Tilda Swinton, Forest Witaker, Viggo Mortensen, Anne Hathaway.
E poi ci sarà molta Italia, a partire dal film in concorso “Nostalgia” di Mario Martone; il film a episodi “Esterno Notte”, diretto da Marco Bellocchio sul rapimento di Aldo Moro.
Valeria Bruni Tedeschi, regista di “Les Amandiers” e Jasmine Trinca, nella giuria ufficiale e come regista del suo primo lungometraggio “Marcel”.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono circa 44mila i nuovi casi di Covid diagnosticati nelle ultime 24 ore in Italia, 148 le vittime. Il tasso di positività è al 13%, calano ricoverati e pazienti in intensiva. Dal punto di vista degli indicatori pandemici la situazione è sostanzialmente stazionaria, mentre la pressione sugli ospedali è in calo.
Quanto alle vaccinazioni, oggi il ministero della Salute hanno inviato alle Regioni un documento in cui si chiede di implementare e rafforzare la campagna vaccinale. Le quarte dosi stentano infatti a decollare: nella platea composta da immunocompressi e anziani solo il 10% ha risposto alla chiamata. Un italiano su tre non ha fatto ancora la terza dose.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 25/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Delorean di sabato 25/05/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 25-05-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/05/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 25-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-05-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 25/05/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/05/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 25-05-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 25/05/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 25-05-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/05/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 25-05-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/05/2024

    Il Festival del Ciclo Mestruale; Bicipace compie quaranta anni continuando a promuovere la pace e il disarmo; Lella Costa sulla nostra Poltrona, il suo consiglio di lettura e Le Parole del Pane Festival; il festival Prog and Frogs all’insegna del grande rock progressivo; Barbara Sorrentini da Cannes, e poi l’arte e il teatro, e la nostra rubrica GialloCrovi.

    Good Times - 25-05-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 25/05/2024

    1- l'Irlanda e LA Palestina. Intervista a Carlos o’ connel chitarrista dei Fontaines DC sulla situazione a Gaza. ( Matteo Villaci) 2- Intervista di Luisa Nannipieri all’artista franco-tunisina Nawel Ben Kraiem che canta Jawaz al safar, Passaporto, del poeta palestinese Mahmoud Darwish. 3-Brasile. Joao Pedro Stedile, il fondatore del movimento dei “sem terra”, parla della riforma agraria, della maggior tutela dell’ambiente e dei giovani dei campus americani per Gaza. ( Sara Milanese) 4- La demolizione l’anno prossimo del Goodison Park , lo stadio dell’Everton costruito nel 1892 , segnerà la fine de luoghi mitici e sacri del calcio. Ne abbiamo parlato con Luca Manes giornalista e saggista , autore di numerosi libri dedicati al calcio inglese e ai tifosi della working class.

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 25/05/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 25-05-2024

Adesso in diretta