Approfondimenti

L’ultimatum di Mosca ai soldati ucraini intrappolati a Severodonetsk, il taglio delle forniture di gas russo alla Germania e le altre notizie della giornata

gazprom

Il racconto della giornata di martedì 14 giugno 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La guerra in Ucraina passa in questa fase dall’assedio di Severodonetsk, oggi Mosca ha lanciato un ultimatum ai militari ucraini asserragliati nell’impianto chimico Azot, ordinando di arrendersi senza condizioni. La società russa Gazoprom ha annunciato la riduzione del 40% delle consegne quotidiane tramite il gasdotto Nord Stream alla Germania. La Destra ha delle concrete possibilità di vincere le elezioni politiche del 2023. Secondo un rapporto di Inapp soltanto il 24% dei nuovi contratti del 2021 è stato generato grazie agli incentivi. In Gran Bretagna stasera è attesa la partenza del volo che dovrebbe inaugurare le deportazioni di migranti decise dal governo. Oggi è morto Abraham Yehoshua, scrittore, saggista, autore teatrale e intellettuale della sinistra ebraica. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

L’assedio di Severodonetsk

La guerra in Ucraina passa in questa fase dall’assedio di Severodonetsk, nella regione di Lugansk. Entrambe le parti in guerra hanno definito la battaglia in corso “una delle più brutali avvenute in Europa dal 1945”. La città è ormai circondata dalle forze russe che hanno distrutto anche l’ultimo ponte che la collegava al vicino centro urbano di Lysichansk, dove hanno ripiegato le truppe ucraine.

Centrale è la battaglia attorno all’impianto chimico Azot. I russi hanno offerto per domani un corridoio umanitario per evacuare i circa 550 civili rifugiati nel sito, ma solo verso i propri territori. Mosca ha inoltre lanciato un ultimatum ai militari ucraini asserragliati nella fabbrica, ordinando di arrendersi senza condizioni.

Si combatte anche nel resto del Donbass. Secondo l’ intelligence britannica le truppe di Mosca starebbero di nuovo avanzando verso Kharkiv, per la prima volta in settimane. Bombardamenti ci sono stati anche nell’autoproclamata repubblica di Donetsk. I separatisti filorussi hanno accusato Kiev di aver colpito nelle scorse ore la città di Donetsk, uccidendo almeno 5 persone e ferendone una trentina.
Abbiamo chiesto conferma di questo attacco a Lorenzo Cremonesi, inviato del Corriere della Sera, che si trova nel Donbass.

Domani potrebbe essere una giornata importante per l’invio di nuove armi a Kiev. A Bruxelles si riunisce il cosiddetto “gruppo Ramstein”, il gruppo di 40 paesi, tra cui l’Italia, convocati dagli Stati Uniti per sostenere l’Ucraina. Un consigliere di Zelensky oggi ha chiesto loro l’invio di armi più pesanti e l’addestramento delle forze armate.
Della guerra in Ucraina oggi ha parlato anche Papa Francesco. Bergoglio ha criticato la Russia, definendola una superpotenza che vuole imporre la sua volontà. Ha elogiato il coraggio del popolo ucraino. E poi, in una conversazione con i direttori delle riviste dei Gesuiti, ha detto che la guerra “forse è stata provocata o non impedita” e che per capirla bisogna allontanarsi dal normale schema di “Cappucetto rosso e Lupo Cattivo”. Parole che hanno irritato Kiev: “Non sa distinguere il bene dal male”, è il commento apparso su un canale Telegram ufficiale del governo ucraino.

Gazprom taglierà del 40% le forniture di gas alla Germania via North Stream

La questione energetica resta centrale nei rapporti tra Russia e Occidente, con i paesi europei ancora fortemente dipendenti dal gas di Mosca. La società russa Gazoprom oggi ha annunciato la riduzione del 40% delle consegne quotidiane tramite il gasdotto Nord Stream alla Germania, per via di problemi tecnici avuti con la multinazionale tedesca Siemens. Dopo l’annuncio, il prezzo del gas è cresciuto fino al 18% sul mercato di riferimento di Amsterdam.
Lele Liguori ha intervistato Pippo Ranci, ex presidente dell’Authority sull’energia.

 

La destra potrebbe vincere le elezioni politiche del 2023

(di Michele Migone)

Dopo queste amministrative, gli indizi sono tanti e portano a una conclusione: la Destra ha delle concrete possibilità di vincere le elezioni politiche del 2023. Giorgia Meloni può diventare la leader di un governo italiano composto da Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia. Manca circa un anno, un tempo biblico in politica, ma i segnali che questo scenario politico possa realizzarsi, ora, si intravvedono. La guerra tra Giorgia Meloni e Matteo Salvini nel Centrodestra è reale, ma alla fine, non dovrebbe penalizzare la coalizione. La Lega è in forte declino, ma gli elettori che l’abbandonano, si rivolgono alla Meloni o all’astensione. Non vanno altrove. Questo è un elemento di coesione della Destra. Ed è per questo che molti analisti pensano che, nonostante gli schiaffi tra i due, la forza elettorale della loro coalizione rimarrà intaccata. A favore gioca anche il fatto, come ha sottolineato il politologo Piero Ignazi, che due partiti sono al governo, ma il terzo è, unico, all’opposizione. La Coalizione è così ora di lotta e di governo. Alle elezioni andrà unita. Quale gioco sarebbe migliore di questo, per buona pace di Matteo Salvini? Dall’altra parte, le difficoltà sono evidenti. Il collante dell’anti sovranismo non appare sufficiente per dare un vero impulso politico al campo largo di Enrico Letta. E trovare altri punti d’incontro è molto difficile. Il M5Stelle è di fronte a un crollo. I risultati delle politiche saranno sicuramente migliori di quelli delle amministrative, ma il rischio di veleggiare solo attorno al 8-10% per il partito di Giuseppe Conte è reale. I centristi come Calenda spingono Letta a fare una scelta: o ti allei con noi o con i Grillini. Ma sono parole che hanno più sapore del gioco di palazzo che di una proposta politica vera in grado di allettare l’elettorato. Insomma, tra confusione e divisioni, il campo largo rischia di non decollare mai.

Le imprese chiedono gli incentivi ma poi non li usano

La richiesta di Confindustria è costante: più incentivi per le imprese. Eppure da un rapporto di Inapp sui fondi pubblici destinati alla decontribuzione, emerge che soltanto il 24% dei nuovi contratti del 2021 è stato generato grazie agli incentivi. Si tratta di fondi destinati alle imprese che assumono donne, giovani, lavoratori al sud. Nonostante l’impiego di soldi pubblici, il lavoro offerto è di scarsa qualità: contratti precari, a termine, part time involontario, che non mettono le persone più fragili al riparto dalla precarietà e dallo sfruttamento.

È l’effetto di politiche che premiano le imprese a prescindere dal tipo di apporto dato al mercato del lavoro, senza porsi l’obiettivo di correggere le disuguaglianze.

Regno Unito: iniziano le deportazioni di migranti in Ruanda

In Gran Bretagna stasera è attesa la partenza del volo che dovrebbe inaugurare le deportazioni di migranti decise dal governo. In base a un accordo con le autorità del Ruanda, i richiedenti asilo verranno portati nel paese africano, ed è lì che dovranno aspettare la risposta alla loro domanda di protezione. Il tutto ha causato proteste dalle organizzazioni per i diritti umani e dalla chiesa, critiche dallo stesso principe Carlo e ricorsi in tribunale.

Addio a Abraham Yehoshua

Saranno domani vicino alla città israeliana di Haifa i funerali di Abraham Yehoshua. Il grande scrittore è morto oggi a 85 anni. Autore di romanzi tradotti in tutto il mondo, da “L’amante” del 1977 a “Il tunnel” del 2018, è stato anche saggista, autore teatrale e intellettuale della sinistra ebraica impegnato per il dialogo fra israeliani e palestinesi. Oliviero Ponte Di Pino cura dal 2012 il programma di Bookcity Milano, che l’anno scorso aveva ospitato Yehoshua.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi in Italia sono stati comunicati circa 39.500 casi di covid con 73 morti. I tamponi positivi nell’ultima giornata sono il 17,3%, in aumento rispetto al 13,9 di ieri. In leggero calo le persone ricoverate. Domani sera scade l’obbligo di mascherina in una serie di luoghi, e a poche ore dal termine il consiglio dei ministri si riunirà per decidere in quali casi prorogarlo. Stamattina il sottosegretario alla sanità Andrea Costa ha detto che coprirsi naso e bocca non sarà più la regola in teatri, cinema e per gli eventi sportivi al chiuso e che invece è possibile un prolungamento per i mezzi pubblici, gli ospedali e le RSA.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 05/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 05/07/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    La Portiera di martedì 05/07/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 07/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 05/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/05/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di martedì 05/07/2022

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 07/05/2022

  • PlayStop

    MIDNIGHT RAMBLERS - Episodio 2

    Tre numeri uno. Proseguendo nel racconto dei primi anni dei Rolling Stones, ci imbattiamo in tre canzoni che arriveranno, una…

    Midnight Ramblers - 07/05/2022

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di martedì 05/07/2022

    quando celebriamo il ritorno del grande Disma, vi facciamo scoprire il mondo portandovi in Kenya e nel frattempo, vi insegniamo…

    Poveri ma belli - 07/05/2022

  • PlayStop

    Cult Estate di martedì 05/07/2022

    Oggi a Cult Estate, il quotidiano culturale estivo di Radio Popolare in onda alle 10.00, il Terzo Segreto di Satira…

    Cult - 07/05/2022

  • PlayStop

    Odara-Caetano Veloso #80 - 2

    Santo Amaro, samba, Maria Bethania

    Odara – Caetano Veloso #80 - 07/05/2022

  • PlayStop

    Radiosveglia di martedì 05/07/2022

    Radiosveglia di oggi condotta da Diana Santini: la rassegna stampa dei quotidiani in edicola, con le riflessioni sulla strage della…

    Radiosveglia - 07/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di martedì 05/07/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 07/05/2022

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 05/07/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 07/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 04/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/04/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di lunedì 04/07/2022

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 07/04/2022

Adesso in diretta