Approfondimenti

Si aggrava il bilancio delle vittime in Libia, il record di sbarchi a Lampedusa e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di martedì 12 settembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Decine di migliaia di persone sono disperse in Libia, dopo il devastante passaggio dell’uragano Daniel e il numero delle vittime continua a crescere. A Lampedusa, nella sola giornata di oggi sono sbarcati oltre 2.500 migranti. Oggi il re Muhammad VI ha fatto visita ai feriti ricoverati in un ospedale di Marrakech. Si aggrava la posizione della Ministra del turismo Daniela Santanchè. L’Assemblea nazionale di Fratelli d’Italia. Il presidente nord coreano sta viaggiando verso Vladivostok a bordo di un lussuoso treno.

Uragano Daniel, si rischiano 10mila vittime solo a Derna

Decine di migliaia di persone sono disperse in Libia, dopo il devastante passaggio dell’uragano Daniel. Il numero delle vittime continua a crescere, e stabilire una cifra precisa è estremamente difficile. Il bilancio ufficiale, per il momento, parla di 5mila morti, ma secondo i media locali si temono 10mila vittime solo a Derna, dove il crollo di due dighe ha completamente sommerso la città.
Le immagini che arrivano dal paese nord africano sono impressionanti e in queste ore iniziano ad emergere anche le prime testimonianze dei sopravvissuti.
Il servizio di Chiara Vitali

 

L’uragano Daniel è arrivato in Libia dopo aver colpito Grecia e Turchia. Abbiamo chiesto al climatologo del Cnr Antonello Pasini, perché è stato così devastante.

 

A Lampedusa sono sbarcate quasi 2500 persone in poche ore

A Lampedusa, nella sola giornata di oggi sono sbarcati oltre 2.500 migranti. Si tratta di una cifra record per l’isola, il cui hotspot è al collasso, ben oltre i limiti della propria capienza. “Non reggiamo l’onda d’urto”, ha detto il sindaco Filippo Mannino. Di fronte alle coste oggi c’era la fila di barchini, tutti provenienti dalla Tunisia. Nelle acque al largo dell’isola c’è stato anche un naufragio. Quaranta persone sono disperse in mare, hanno raccontato alcuni sopravvissuti arrivati da Sfax. Sull’isola intanto gli sbarchi proseguono, altri sono previsti nelle prossime ore.
Come ci ha raccontato l’ex sindaco di Lampedusa Totò Martello.

 

La prima apparizione pubblica di Muhammad VI dopo il terremoto in Marocco

In Marocco, a 4 giorni dal violento terremoto che ha colpito il paese, sono oltre 2900 le vittime accertate. Il dato non è ancora definitivo, perché in molti villaggi delle zone rurali si continua a scavare sotto le macerie degli edifici crollati, anche se le speranze di trovare sopravvissuti cala di ora in ora.
Oggi il re Muhammad VI ha fatto visita ai feriti ricoverati in un ospedale di Marrakech. Dalla notte del sisma questa è la sua prima apparizione pubblica; la sua assenza è motivo di malcontento tra i cittadini, che lamentano anche il rifiuto del paese agli aiuti offerti dalla comunità internazionale: sono state accettate squadre di soccorso solo da Madrid, Londra, Ryadh e Doha.

I nuovi sviluppi sul caso Visibilia

Si aggrava ancora la posizione della Ministra del turismo Daniela Santanchè dopo che la procura di Milano ha depositato nuovi atti in cui si parla di un secondo dipendente che era stato messo in cassa integrazione a zero ore per il Covid senza esserne a conoscenza e continuando quindi a lavorare. Negli atti le trascrizioni di alcune conversazioni dalle quali emerge che il compagno di Santanchè Dimitri Kunz sapeva della situazione. I magistrati contestano inoltre le garanzie date dalla Ministra per ripagare alcuni debiti e chiedono un’azione di responsabilità anche per gli attuali amministratori di Visibilia. La posizione di Santanchè è sempre più in bilico, dopo che già a giugno aveva vagamente smentito le accuse a suo carico in Senato. Ne abbiamo parlato con Nicola Borzi, giornalista del Fatto Quotidiano.

 

Giorgia Meloni all’assemblea nazionale di Fdi

(di Anna Bredice)
“Gli attacchi e le trappole si moltiplicheranno”. Così dice Giorgia Meloni dalla sala a pochi metri da piazza di Spagna, controllata da body guard e carabinieri. E sarà per questi presunti attacchi e trappole che anche semi sconosciuti componenti dell’assemblea negano all’uscita qualsiasi dichiarazione, anche il loro nome. Quasi fossero dentro ad un fortino, assediati da nemici. Perché questa è l’immagine, e non è nuova, che Giorgia Meloni ha dato della situazione politica del governo e del partito. Circondati da nemici, che sia l’Europa con Gentiloni, che siano i giornalisti tenuti fuori al sole ad aspettare. Fa gioco confermare questa idea, perché così aggancia ancora di più intorno al suo potere un partito che è sempre più suo e della famiglia, addirittura il cugino di Fazzolari all’Istituto superiore di Sanità e poi è facile dare la colpa dei ritardi agli altri. Perché comunque le cose non fatte alla fine sono lì sul palco dell’assemblea, quando la presidente del Consiglio rimanda all’anno che verrà tutte le riforme importanti, da quella istituzionale, a quella fiscale, alla giustizia. Un anno è passato e alla prima assemblea di fratelli di Italia dalla vittoria elettorale il bottino di risultati è molto scarso. Ma comunque sia, la leader è lei, non c’è altro che “Giorgia” e lei stessa lo rivendica, difendendo la sorella e nello stesso tempo togliendole un ruolo vero di segretaria politica, perché esiste solo, dice Meloni, la Presidente. Anche Fabio Rampelli, uno dei fondatori del partito, ora cerca di uscire dall’ombra in cui è stato messo in questi mesi, tessendo le lodi della presidente del Consiglio, di Arianna Meloni e infine negando di aver mai chiesto un congresso. Quello, se ci sarà dice Giorgia Meloni, sarà dopo le Europee, ora quindi tutti a testa bassa in vista dell’appuntamento elettorale, elezioni da vincere, agli alleati dice “non siate egoisti”, ma il problema è che alle Europee ognuno va per sé, e Fratelli d’Italia rischia di fare il partito piglia tutto, a scapito di Salvini e Tajani.

Il lussuoso treno blindato di Kim Jong-Un

Il presidente russo Vladimir Putin è intervenuto al Forum economico orientale di Vladivostok. Nelle sue dichiarazioni ha presentato una Russia perfettamente indipendente e non toccata dalle sanzioni occidentali. Ha parlato di nuovi volontari che si sarebbero arruolati all’esercito nelle ultime settimane e di nuove armi a cui la russia starebbe lavorando “basate su nuovi principi della fisica”.
Proprio nei pressi di Vladivostock, nelle prossime ore, Putin dovrebbe incontrare il leader nord coreano Kim Jong Un. Dove, di preciso, ancora non si sa, secondo alcuni media il luogo dell’incontro potrebbe essere il cosmodromo di Vostochny, un migliaio di chilometri a nord di Vladivostok. Il presidente nord coreano sta viaggiando ormai da diverse ore a bordo di un lussuoso treno.

(di Martina Stefanoni)
Da Pyongyang a Vladivostock sarebbe bastata un’ora di aereo, ma ill leader nord coreano Kim Jong Un preferisce un altro mezzo di trasporto: il treno. E non un treno qualunque, ma un lunghissimo treno verde bosco, con il tetto dipinto di bianco, moquette e poltrone in pelle rosa. Lo stesso che nelle scorse ore ha attraversato la corea del nord verso la Russia ad una velocità massima di 50km/h. La scelta di Kim, però, a differenza di quanto si creda, non è dovuta alla paura di volare, che invece caratterizzava il padre, ma – secondo un ex ufficiale di Pyongyang – è legata alla possibilità che il treno dà al leader di controllare tutto anche mentre è in viaggio, e di sembrare misterioso ma importante. Gli interni lussuosi, la carrozza ristorante che serve aragosta e champagne, e il vagone Karaoke, però, non sono l’unico motivo per cui Kim Jong Un ama così tanto questo treno. Il convoglio è completamente blindato, dai finestrini alle pareti fino al pavimento, dispone di armi d’assalto e di un elicottero, e la paranoia del leader ringrazia. Quando il treno di Kim si muove, ne partono insieme altri due: uno davanti che gestisce i controlli di sicurezza, e un altro dietro per le guardie del corpo. Con Kim Jong Un viaggiavano figure chiave della politica nord coreana: dal ministro degli esteri, al capo dell’industria della difesa, fino al presidente del comitato per lo spazio.
Il treno verde è molto importante per la famiglia Kim: al punto che una sua riproduzione si trova dentro il mausoleo dove sono seppelliti nonno e papà Kim.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 25/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/05/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 25-05-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 25/05/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 25-05-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/05/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 25-05-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/05/2024

    Il Festival del Ciclo Mestruale; Bicipace compie quaranta anni continuando a promuovere la pace e il disarmo; Lella Costa sulla nostra Poltrona, il suo consiglio di lettura e Le Parole del Pane Festival; il festival Prog and Frogs all’insegna del grande rock progressivo; Barbara Sorrentini da Cannes, e poi l’arte e il teatro, e la nostra rubrica GialloCrovi.

    Good Times - 25-05-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 25/05/2024

    1- l'Irlanda e LA Palestina. Intervista a Carlos o’ connel chitarrista dei Fontaines DC sulla situazione a Gaza. ( Matteo Villaci) 2- Intervista di Luisa Nannipieri all’artista franco-tunisina Nawel Ben Kraiem che canta Jawaz al safar, Passaporto, del poeta palestinese Mahmoud Darwish. 3-Brasile. Joao Pedro Stedile, il fondatore del movimento dei “sem terra”, parla della riforma agraria, della maggior tutela dell’ambiente e dei giovani dei campus americani per Gaza. ( Sara Milanese) 4- La demolizione l’anno prossimo del Goodison Park , lo stadio dell’Everton costruito nel 1892 , segnerà la fine de luoghi mitici e sacri del calcio. Ne abbiamo parlato con Luca Manes giornalista e saggista , autore di numerosi libri dedicati al calcio inglese e ai tifosi della working class.

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 25/05/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 25-05-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/05/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25-05-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 25/05/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 25-05-2024

Adesso in diretta