Approfondimenti

Meloni ottiene più gas dall’Algeria, l’attesa per la decisione tedesca sui carri armati in Ucraina e le altre notizie della giornata

Meloni Nordio ANSA

Il racconto della giornata di lunedì 23 gennaio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Le pressioni sul governo tedesco per l’invio di carri armati in Ucraina si fanno sempre più forti, mentre il neo-ministro della difesa conferma che una decisione verrà presa a breve. Altri tre miliardi di forniture di gas l’anno in aggiunta a quanto già pattuito: è la promessa che Giorgia Meloni porta a casa dopo due giorni di visita ufficiale ad Algeri, promettendo che l’Italia riuscirà a staccarsi completamente dal gas russo entro la fine del 2024. Due persone di 32 anni, Ibrahim Sowe e Queen Rock, sono morte la notte scorsa nel ghetto di Borgo Mezzanone, in provincia di Foggia, dove vivono circa 2mila braccianti agricoli.

Tutti attendono la decisione della Germania sui carri armati per Kyiv

(di Emanuele Valenti)

Quella dei carri armati è ancora la questione centrale per gli sviluppi della guerra in Ucraina. A fare pressione sul governo tedesco, in queste ultime ore, sono soprattutto paesi baltici e Polonia. Varsavia ha detto che potrebbe esportare i suoi mezzi di fabbricazione tedesca anche senza il permesso di Berlino e non ha escluso la formazione di una coalizione di paesi pronti a farlo.
Il neo-ministro della difesa tedesco, Pistorius, ha ripetuto che una decisione verrà presa a breve. Ma non è chiaro cosa stia succedendo in Germania. Prima della riunione con i suoi omologhi europei, la ministra degli esteri Baerbock non ha voluto commentare, mentre ieri aveva detto che Berlino non avrebbe impedito decisioni autonome da parte di altri paesi europei. Forse ci sono anche divisioni interne al governo Scholz.
In Ucraina stanno arrivando diverse armi occidentali, ma per gli ucraini i carri armati Leopard 2, o comunque carri armati pesanti, sono indispensabili per riprendere i territori occupati. E questo vuol dire – hanno precisato oggi a Kyiv – tutti i territori, compresa la Crimea. Gli ucraini chiedono centinaia di mezzi.
Anche gli Stati Uniti auspicano una mossa tedesca, sostenendo che l’invio dei loro carri armati Abrams sia troppo complicata. Il responsabile della politica estera UE, Borrell, ha spiegato che la Germania non sta bloccando l’invio dei Leopard 2 da parte di altri paesi.
I ministri degli esteri europei hanno approvato altri aiuti militari per oltre 500 milioni di euro e stanno discutendo di nuove sanzioni. Ma anche gli stessi russi parlano delle divisioni occidentali: “la questione dei carri armati – ha commentato il Cremlino – mostra tutto il loro nervosismo”.

L’Italia potrà rinunciare completamente al gas russo entro la fine del 2024

Altri tre miliardi di forniture di gas l’anno in aggiunta a quanto già pattuito. È la promessa che Giorgia Meloni porta a casa dopo due giorni di visita ufficiale ad Algeri, una visita che aveva al primo punto in discussione le questioni energetiche. L’amministratore delegato di Eni Descalzi, che ha accompagnato la presidente del consiglio nella due giorni, ha annunciato che grazie a questo accordo l’Italia potrà rinunciare completamente al gas russo entro la fine del 2024: dai 21 miliardi di metri cubi di fornitura del 2021, Algeri è già passata a 24 miliardi quest’anno e arriverà a 28 miliardi (sempre di metri cubi) l’anno prossimo. L’ambizione sarebbe quella di fare dell’Italia un hub europeo del gas che viene dalla sponda sud del Mediterraneo. Nel corso della due giorni sono stati firmati anche accordi e memorandum per investimenti nell’idrogeno verde, in nuovi gasdotti, nella ricerca spaziale. A Davide Tabarelli, esperto di energia e fondatore di Nomisma, abbiamo chiesto se l’indipendenza energetica dalla Russia entro il 2024 è un obiettivo realistico:


 

L’equilibrismo di Meloni sul caso Nordio

(di Anna Bredice)

L’equilibrismo di Giorgia Meloni, per evitare che i cento giorni del suo governo siano segnati anche dallo scontro con i magistrati. In poche righe oggi ha cercato di dare un colpo al cerchio e uno alla botte, “bisogna intervenire contro un certo uso delle intercettazioni”, ha detto, confermando l’idea che qualcosa vada cambiato, invitando però il suo ministro ad evitare polemiche e scontri. Chissà se Nordio ha ricevuto il messaggio. Sicuramente non lo ha fatto Berlusconi, a cui non sembra vero che il ministro scelto da Giorgia Meloni si stia rivelando migliore di quanto lui pensasse e nello stesso tempo, con una certa perfidia, mette in difficoltà la presidente del Consiglio. In un video Berlusconi ha difeso il ministro della Giustizia, accompagnando il messaggio con la solita accusa ai pm politicizzati, in qualche modo ciò che Nordio pochi giorni fa aveva detto in Aula alla Camera dei deputati, accusando i parlamentari di essere supini ai pm. Salvini sceglie in questo contesto di non andare alla guerra contro i magistrati, consiglia moderazione, forse anche perché tra i vicepresidenti in corsa per il Csm c’è anche un esponente della Lega. Diverse posizioni che Giorgia Meloni spera di riportare ad una unità in un prossimo incontro con Nordio per redigere una sorta di cronoprogramma, forse un tentativo di tenerlo più a freno. In questo contesto, le opposizioni scelgono che armi usare. Conte aveva utilizzato toni duri nei confronti del guardasigilli qualche giorno fa. Oggi ha ammesso che tra le varie ipotesi potrebbe esserci anche quella della mozione di sfiducia individuale, ma come spesso capita, oltre che essere respinta potrebbe ricompattare la maggioranza, magari portando qualche voto in più, quelli dei renziani, che sulla giustizia sono più vicini a Berlusconi che a Meloni.

Ancora una tragedia nel ghetto di Borgo Mezzanone

Sono state identificate coi nomi di Ibrahim Sowe e Queen Rock le due persone morte la scorsa notte nel ghetto di Borgo Mezzanone, in provincia di Foggia. Lui era del Gambia, lei della Nigeria e avevano la stessa età, 32 anni. Avevano acceso un braciere per scaldarsi e mentre dormivano hanno respirato il monossido che ha causato la tragedia. Nel 2019 nella stessa area altre due persone erano morte in questo modo. Negli anni le istituzioni hanno annunciato interventi, ci sono stati anche diversi sgomberi, ma la baraccopoli è sempre lì e in questo momento ci vivono circa 2mila braccianti. Alessandro Zenti è un fotografo e giornalista freelance che si occupa da anni di strutture come queste, e in particolare proprio di Borgo Mezzanone:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 26/02 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 26/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 26/02/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 26-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 26/02/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 26-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 26/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26-02-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 26/02/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 26-02-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 26/02/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 26-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 26/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 26-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 26/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 26-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 26/02/2024

    (104 - 486) Dove ringraziamo i "ragazzi" del rugby per la grande prestazione nel 6 Nazioni in Francia. Peccato per il palo. Poi andiamo in Sardegna per un aggiornamento sui risultati delle elezioni regionali e capire come mai i risultati arrivano così lentamente. Ci colleghiamo con Francesca Ghirra, Deputata di Sinistra Italiana Verdi, ma in questa occasione in veste di rappresentante di lista. Nella terza parte parliamo del festival del giornalismo di Verona con Ernesto Kieffer uno degli organizzatori.

    Muoviti muoviti - 26-02-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 26/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 26-02-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 26/02/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 26-02-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 26/02/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 26-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 26/02/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 26-02-2024

  • PlayStop

    Storie di Giusti - S3 E5: Jurij Dmitriev

    Jurij Dmitriev è uno storico dell’associazione Memorial, premio Nobel per la Pace 2022. Dobbiamo soprattutto a lui la scoperta di Sandormoch, una delle più grandi fosse comuni di tutti i tempi, in cui vennero abbandonati i corpi di migliaia di vittime delle purghe staliniane. Oggi è in una colonia penale, in quello che è di fatto un ergastolo, a pagare per le peggiori accuse che un padre possa ricevere. Nonostante non ci siano prove contro di lui. Perché uno storico che si occupa di vicende di quasi un secolo fa è così scomodo al potere di oggi? Ospiti: Andrea Gullotta, Zoja Svetova e Anna Zafesova

    Clip - 26-02-2024

  • PlayStop

    Guarda, quella è Sirmione...

    quando lanciamo il nuovo mirabolante progetto social di poveri ma belli, il canale twitch, poi stiliamo la top10 dei manganelli più cool del momento, commentiamo le interviste di Gianstage sul lavoro dei giovani prima di un excursus sulle notti nei villaggi turistici e infine ascoltiamo la prima parte di una nuova puntata di Voeia de Laurà con Andrea, il Liutaio di Villapizzone

    Poveri ma belli - 26-02-2024

Adesso in diretta